untitledLa drammaticità recitata con la quale il sistema informativo mainstream sta raccontando la questione greca non aiuta la comprensione dei fatti. Andiamo al nocciolo della questione. In Grecia si è consumato negli ultimi anni un macabro rituale che non c’entra nulla con la crisi economica. Alcuni Venerabili Maestri, a capo delle più importanti Ur-Lodges ora dominanti in Europa, hanno semplicemente pianificato, condotto e realizzato un piano di sterminio su larga scala che non prevede l’utilizzo di armi convenzionali. Si tratta di un evento eccezionale per la storia dell’umanità, un’altissima opera di manipolazione in grado di nascondere le vere finalità perseguite con luciferino ingegno da esoteristi contro-iniziati del calibro di Wolfang Schaeuble. Il ministro delle Finanze teutonico, braccio destro della Cancelliera Angela Merkel, è il maestro Venerabile di una superloggia, chiamata “Der Ring”, che annovera fra i suoi più illustri membri anche Mario Draghi e Jens Weidmann. All’interno di questa officina, collegata ad altri circuiti perversi come la Hathor Pentalpha, gli iniziati assorbono e metabolizzano suggestioni e teorie che ripugnano la coscienza collettiva. Secondo alcune credenze rimaste appannaggio di consessi minoritari e sotterranei, ad esempio, il sacrificio umano conferisce forza e vigore ai sacrificatori. In passato tali macabri rituali venivano perfezionati in maniera violenta e manifesta. Oggi, fortunatamente, nessuno potrebbe impunemente uccidere un uomo nella speranza di ammansire in tal modo divinità crudeli e capricciose. Come possono quindi i moderni epigoni di siffatte filosofie occulte dare libero sfogo alle ricorrenti pulsioni omicidiarie che li dominano e li agitano? Fondamentalmente in due modi: o organizzando olocausti violenti sul modello dell’11 settembre; o, in alternativa, imponendo ovunque l’applicazione di politiche macroeconomiche insensate e illogiche, indispensabili per raggiungere alla lunga lo stesso identico sanguinario obiettivo. Il primo metodo è stato già applicato con successo negli Stati Uniti sotto la presidenza di George W. Bush, autorevole membro di quella superloggia del sangue e della vendetta che ancora oggi sovraintende le gesta del califfo Abu Bakr Al -Baghdadi, recentemente ingaggiato per sostituire sulla scena globale  l’oramai logoro Osama Bin Laden. Il secondo metodo invece, certamente più raffinato e meno riconoscibile, è tipico di officine latomistiche come la Der Ring, specializzate nella decimazione soft di una larga fetta di umanità intimamente ritenuta indegna e inferiore. Ma così come la guerra contro l’Afganistan e l’Iraq non rispondeva allora a nessuna necessità di tipo geopolitico, allo stesso modo l’odierna somministrazione di dosi massicce di austerità non è ricollegabile a nessuna presunta emergenza di tipo macroeconomico. Per comprendere in profondità la ratio di simili scellerate condotte bisogna invece scavare negli abissi dell’Uomo. In fin dei conti, a pensarci bene, il “rivoluzionarioTsipras quali dogmi sta per davvero infrangendo? Il capo della Grecia ha già detto che rispetterà il pareggio di bilancio, impegnandosi a realizzare pure un consistente avanzo primario (cioè prenderà dalle tasche dei suoi cittadini più soldi di quanti non dovesse restituirne sotto forma di stipendi e servizi). Anziché straziare la sua gente con il surplus di entrate pari al 4% annuo, il povero Alexis sta solo chiedendo ai padroni di potersi accontentare di un più modesto 1%. Vi pare una richiesta “irresponsabile”? A me pare semmai pavida e minimalista. Sarebbe come chiedere ai nazisti, già protagonisti dell’eccidio di Sant’Anna di Stazzema, di abbassare il numero degli italiani da uccidere per rappresaglia: non più 10 per ogni tedesco ma soltanto 3. Insomma siamo alla follia. L’Italia del ducetto Renzi spalleggia naturalmente la Germania, lasciando al titubante Barack Obama il compito di offrire una timida sponda al leader greco. Sembra di assistere ad una nuova conferenza di Monaco, quando gli imbelli leader del mondo libero si auto-convinsero di avere preservato l’armonia riportando per giunta i tedeschi a più miti consigli. Ma  tedeschi non capirono allora e non capiranno oggi. Nell’attesa che spunti sulla scena mondiale un nuovo F. D. Roosevelt, i discendenti di Arminio farebbero bene a ripassare la storia per non correre il serio rischio di fare la fine dell’altra volta.

    P.s. Invito tutti i lettori de Il Moralista ad iscriversi al “Movimento Roosevelt” in vista del primo congresso nazionale che si terrà a Perugia in data 21 marzo 2015. Il modulo per aderire lo trovate in alto a destra

    http://www.movimentoroosevelt.com/

    Francesco Maria Toscano

    16/02/2015

    Categorie: Editoriale, Politica

    19 Commenti

    1. Francesco scrive:

      Cito: “l’ormai logoro Osama Bin Laden”.
      Domando: non sarebbe il caso di dire “l’ormai morto”???

    2. A onor del vero, di sacrifici umani impuniti, quelli di Hathor-Pentalfa ne commettono ancora! Mi riferisco per esempio a quelle immagini agghiaccianti dello sgozzamento dei 21 ostaggi, sacrificati alla loro Dea Iside, “patrona della magia e del potere spirituale e materiale” (“Massoni”, p.580).

    3. Andrea Franco scrive:

      già…la perversione della figura della Iside-Maria-Sophia, la Shakti Celeste nel suo “doppio oscuro” ,il cui culto è sergno di somma perversione la dice lunga.

    4. Gio scrive:

      Cito: “la guerra contro l’Afganistan e l’Iraq non rispondeva allora a nessuna necessità di tipo geopolitico,”

      Il libero accesso delle truppe USA in queste terre ha una notevole rilevanza geopolitica.
      La prima confina con la Cina, la seconda con l’Iran.

      Tra un po’ Francesco ci piglia a calci :)

    5. Cromo scrive:

      415 anni fa, una notte come questa, a Roma
      Giordano Bruno guardava per l’ultima volta le amate stelle
      dal buio della sua cella, in attesa dell’alba funesta.

      Il ricordo del suo Martirio ci infonda
      un briciolo del suo immenso coraggio
      che basterebbe oggi a smuovere i Monti.

      Domani spero sia ricordato come merita.

    6. Gio scrive:

      L’EUROGRUPPO PRESENTA A TSIPRAS UNA BOZZA DI ACCORDO “ASSURDA E INACCETTABILE”, CHE IMPONE LA STESSA AUSTERITY DI SEMPRE: PRENDERE O LASCIARE – KRUGMAN: “I LEADER EUROPEI O SONO PAZZI O VOGLIONO SPINGERE LA GRECIA GIÙ DAL BURRONE, FACENDOLA FALLIRE E USCIRE DALL’EURO”

      http://krugman.blogs.nytimes.com/2015/02/16/athenae-delenda-est/?smid=tw-NytimesKrugman&seid=auto&_r=1

    7. Gio scrive:

      Consiglio a tutti di leggere questo articolo del sole 24ore
      per meglio capire da profani chi è Wolfang Schaeuble.

      http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-12-03/ritratto-wolfgang-schauble-uomo-155122.shtml?uuid=Aa0OPzQE

      Consiglio invece la lettura della pagina italiana di Wikipedia su Jeroen Dijsselbloem Ministro delle Finanze dell’Olanda.
      Un pezzo di rara comicità!

      http://it.wikipedia.org/wiki/Jeroen_Dijsselbloem

      viene da piangere -_-

    8. Gio scrive:

      Consiglio a tutti di leggere questo articolo del sole 24ore
      per meglio capire da profani chi è Wolfang Schaeuble.
      http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2011-12-03/ritratto-wolfgang-schauble-uomo-155122.shtml?uuid=Aa0OPzQE
      Consiglio invece la lettura della pagina italiana di Wikipedia su Jeroen Dijsselbloem Ministro delle Finanze dell’Olanda.
      Un pezzo di rara comicità!
      http://it.wikipedia.org/wiki/Jeroen_Dijsselbloem

    9. AB normal scrive:

      e il bello è che neanche 3 Greci per Tedesco sono sufficienti a placare la sete di sangue della politica tedesca.

      1 bambino su 4 di atene soffre la fame ma per Schauble ancora i greci vivono sopra le proprie possibilità.

      in pratica si chiede di MORIRE DI FAME IN SILENZIO.

    10. Gio scrive:

      Jeroen Dijsselbloem, attuale presidente dell’ Eurogruppo*

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA QUARTA TEORIA POLITICA....

    Scritto il 23 - giu - 2019

    1 Commento

    LE FORZE DELLA TERRA...

    Scritto il 22 - giu - 2019

    0 Commenti

    SENZA ANCORARSI AD UNA...

    Scritto il 21 - giu - 2019

    0 Commenti

    BRUXELLES DELENDA EST

    Scritto il 20 - giu - 2019

    1 Commento

    IL PRIMO CONGRESSO DEL...

    Scritto il 18 - giu - 2019

    0 Commenti

    FUSARO SINDACO NEL NOME...

    Scritto il 3 - apr - 2019

    2 Comment1

    E’ MESCHINO PARAGONARE GRILLO...

    Scritto il 19 - mag - 2014

    17 Comment1

    L’ULTIMO BALUARDO

    Scritto il 21 - lug - 2011

    0 Commenti

    GRECIA COME UNGHERIA. LA...

    Scritto il 24 - feb - 2015

    41 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.