untitledCari amici, ho riflettuto e meditato negli ultimi giorni sulle scelte da intraprendere, evitando di rispondere istintivamente al fine di sedimentare un quadro d’insieme il più pacato e oggettivo possibile. Ho quindi deciso di presentare, con animo sereno e senza alcun intento polemico, le mie irrevocabili dimissioni dalla carica di Segretario Generale del MR, conservando la qualità di semplice iscritto. Un movimento politico, per quanto meta-partitico, può crescere solo se sorretto da un clima di armonia e condivisione. Sono certo che la scelta di un nuovo Segretario, portatore di una  weltanschauung  più aderente rispetto alla aspettative del Presidente Gioele Magaldi, consentirà al Movimento di ritrovare nuovo slancio in vista dei prossimi importanti traguardi. Non mi dimetto in conseguenza degli ultimi articoli postati, per molti aspetti a dir poco ingenerosi, ma perché convinto di non poter più perseguire con costrutto la ricerca di una sintesi politica all’interno dell’attuale architettura che contraddistingue la nostra associazione. Non condivido affatto, inoltre, la scelta di tacitare ed impedire un utile confronto nel merito al fine di migliorare uno Statuto reputato da più parti lacunoso ed irricevibile, ciononostante il pubblico e solenne impegno preso in senso contrario, alla presenza  di tutti i soci fondatori, nel corso della prima assemblea svoltasi a Perugia il 21 marzo scorso. Sono legato a Gioele Magaldi da profondi e non retorici sentimenti di amicizia che non possono essere cancellati da qualche articolo stonato. In questi ultimi anni, trascorsi confrontandomi pressoché quotidianamente con Gioele, ho interiorizzato una precisa e forte narrazione delle dinamiche del potere. Penso che Gioele Magaldi sia un formidabile ideologo ed uno straordinario interprete delle regole che dominano il mondo attuale e contemporaneo; allo stesso modo non sono però convinto che tali inestimabili talenti possano trasformarsi in automatico nella capacità di esercitare una leadership politica in senso stretto. La gestione pratica delle prime e scontate conflittualità interne al Movimento non ha fatto altro che rafforzare  il mio già solido convincimento. La criminalizzazione di un dissenso pacato, peraltro enfatizzata in maniera alquanto singolare, non aiuta la crescita del Movimento stesso. Questo tipo di approccio comunicativo, per essere accolto, presuppone l’accettazione di canoni, regole, metodi e schemi tipici a mio avviso di società più “spirituali” che “politiche”. In questa ottica, anche i recenti aspri articoli contenenti “diffide” e  “pubblici ammonimenti”, rivolti sia all’indirizzo del Segretario Generale che di altri soci (specie di quelli facenti parte della ex Commissione Statutaria, ai quali desidero rivolgere il mio pubblico apprezzamento per il lavoro svolto con autonomia e competenza) trovano una ratio che effettivamente non può essere colta da tutti con facilità. Sono certo ad esempio del fatto che i ripetuti improperi riservatimi da Gioele Magaldi non siano frutto di una intenzionalità malefica, espressione cioè di  un desiderio sadico e malsano fine a se stesso. Al contrario, penso che l’elemento intimo che muove gli articoli vergati da Magaldi sia in realtà il risultato di un processo psicologico interno finalizzato alla ricerca di un obiettivo avvertito sinceramente come “nobile” e “giusto”. Ritengo che Magaldi  tenda cioè inerzialmente a calarsi nei panni del Maestro che, alle volte, per  “meglio lavorare la pietra dell’interlocutore”, si trova suo malgrado costretto a colpirlo al fine di “scuoterlo per farlo rinascere migliore e purificato”. Lo studio – da profano- di questo tipo di approccio mi ha certamente arricchito. E di questo non posso che ringraziare Gioele. Penso però che tale forma mentis, calata all’interno di un contesto prettamente politico, non solo non funzioni affatto, ma faciliti il progressivo cristallizzarsi di un modello organizzativo che difficilmente potrà mai dare vita ad un “fenomeno di massa”. Non pretendendo che Gioele cambi impostazione in pochi mesi, ritengo sia giusto che faccia io ora un passo indietro. Non reputo poi sano neppure il tipo di interrelazione che si pretende di instaurare tra un Ufficio di Presidenza vissuto di fatto come centro di elaborazione suprema, ideale e concettuale, e una Segreteria Generale chiamata a svolgere prontamente il ruolo di braccio operativo al servizio delle idee partorite dall’Ufficio principale. E’ normale, ad esempio, invitare con piglio decisionista la Segreteria Generale ad attivarsi al fine di realizzare in automatico un evento pensato da un non socio che, per prima cosa, si premura di chiamare i vertici del Movimento stesso per chiedere con forza che non venga associato il suo nome al nostro? Non sarebbe stato più giusto e politicamente prudente accertarsi prima dell’effettivo stato dell’arte, e solo poi semmai veicolare un pubblico appello al riguardo? Io credo di sì. Queste criticità rappresentano l’ovvio e scontato risultato derivante dall’aver immaginato e costruito il Movimento secondo un modello piramidale non funzionale alle esigenze di un meta-partito. Anche rispetto alla strategia politica le nostre idee divergono alquanto. Io ritengo prioritario rafforzare l’azione amministrativa laddove si è già vinto (per questo ho accettato l’invito rivoltomi da Pedà per governare insieme Gioia Tauro), per poi presentare lo stesso schema nei Paesi adiacenti in prossimità del voto. Questo non vuol dire trascurare la strutturazione del Movimento nel resto d’Italia, significa solo stabilire una scala di priorità in grado di permettere a realtà diverse di procedere a velocità conformi rispetto all’effettiva forza del Movimento nel singolo territorio di pertinenza. L’Ufficio di Presidenza sembra invece prediligere un indirizzo politico decisamente differente. In conclusione preciso di dimettermi da solo, non avendo invitato nessuno a fare altrettanto. Ricadono naturalmente solo su di me, e non sugli ottimi componenti della mia Segreteria Generale, tutti i possibili errori commessi in questi primi tre mesi di vita del Movimento. Saluto e ringrazio tutti i soci, con molti dei quali ho instaurato un rapporto umano che travalica il perimetro della politica, con stima, amicizia e affetto sincero.

    P.s. Chi volesse leggere anche la “raffinata”, “epocale”, “sobria”, “lucida”, “sintetica” “solenne” e “magistrale” risposta del Presidente del MR può farlo a questo indirizzo http://www.movimentoroosevelt.com/movimento-roosevelt/234-lettera-aperta-n-2-3-luglio-2015-del-presidente-mr-gioele-magaldi-al-segretario-generale-mr-dimissionario-francesco-maria-toscano.html

    Un caro abbraccio,

    Francesco Maria Toscano

    3/07/2015

     

    Categorie: Politica

    34 Commenti

    1. Ottima idea, libero da balzelli vari è in grado di essere pungente per il bene del MR. Hai ragione quando asserisci che Magaldi, possiede lacune politiche, che noi uniti dobbiamo fargli notare, comprendere e assimilare anche per il bene di ciò che ha creato. Detto ciò, siccome sono avvezzo al Meta non occupo cariche importanti, perché mi permette di essere libero di interagire in modo politico. Nella precedente riunione del MR Lombardo, è emerso ciò, ” Il problema non è andare oltre la destra e la sinistra. il problema è andare oltre il massone e il profano”. Auspico di leggerti ancora a riguardo del MR, sia in modo costruttivo sia in modo critico! Lunga vita e ad maiora.

    2. Vela Vevo Detto scrive:

      Questo spiacevole dissidio interno è opera senz’altro della Ur Lodge “Discordia e Inimicizia” che opera in grandissimo segreto nell’ambito degli incontri bilaterali fra la “Compass Star Rose” e la “Hathor Pentalpha”.
      Come avrebbe detto il rimpianto Fra’ Cazzo da Velletri (pace all’anima sua ma pippava davvero troppo per sperare di vivere a lungo): “Qui c’è un quadrupede che l’ha fatta fuori dal vaso”.

      E come al solito sono in disaccordo con lui. I quadrupedi sono più di uno e sono quei sarchiaponi che hanno abboccato con tutte le scarpe.

      Ma non è finita qui, non crediate! Non è che il MR si fa mettere i piedi in testa così dalla prima Ur Lodge che trama nell’ombra ai suoi danni.
      Aiutati dal fraterno latomistico soccorso della Ur Lodge italiana “Pizza e Fichi” i fratelloni del divino Magaldi risaliranno la china dello scorno e si riprenderanno più belli e più forti che pria.

      Nel frattempo godiamoci lo scambio dialettico fra Toscano e Magaldi, di cui Francesco ha postato il link in calce all’articolo.
      Il sublime “politologo” Magalsi ricopre il Toscano di amorose espressioni dalla lettura molto godibile MA LA GRANDE E CREDIBILE NOTIZIA , annunciataci proprio dal venerabile Gioele, E’ CHE MAGALDI

      “sta ricevendo notevoli pressioni e insistenze da parte di diversi ambienti (politici e non) romani, nazionali e internazionali, affinché voglia accettare di candidarsi in prima persona come nuovo Sindaco di Roma.”

      Eheheh…

      Ma la cosa spassosissima è che subito dopo aggiunge:

      “Rifletterò attentamente prima di assumere una decisione cosi impegnativa e cosi rilevante anche per le sorti politico-mediatiche del Movimento Roosevelt, sia a livello nazionale che internazionale”

      E levate a cammesella…a cammesella gnornò gnornò…

      • A prescindere della figura di Magaldi, ormai il solco è evidente. Non c’entra nulla la persona c’entra il capovolgimento della storia. Voi, pensate di bighellonare il POPOLO? Dilettanti.. il POPOLO vi sta bighellonando! Lunga Vita… dilettanti.

        • Vela Vevo Detto scrive:

          Renato per l’amor di Dio cerca di scrivere in italiano in maniera almeno decorosa.
          “Bighellonare” significa andare in giro senza meta e non “prendere in giro” come credi tu.

          -Quel mascalzone ha bighellonato la povera Concettina e poi la ha abbandonata

          -Ma no, era lei che era una gran Miracca e la dava a tutti…faceva certi Protti…

          • vela vevo detto; andare in giro a zonzo come fai te e altresì esternare idiozie di vario genere. Hai ragione il concetto era incompleto mancava la tua conferma da idiota che è apparsa. Palla al centro, dilettante.

            • Vela Vevo Detto scrive:

              Omino buffo

              • Dai ti invito alla prossima riunione del MR Lombardo. Ci stai, trovi i miei dati in facebook. Siccome mentalmente sei acuto ( benché per via delle lotterie naturali pure rompicoioni)porgo a tua conoscenza il gruppo pubblico avente dicitura STATO MINIMO; sempre in facebook. Non ho ancora compreso se farti fare il trattamento sanitario obbligatorio oppure rendermi tuo amico e difenderti in toto. iscriviti al gruppo Stato minimo e dammi una mano a implementare il concetto. Lunga vita, dilettante!

    3. Ovidio G scrive:

      L’intervento di Magaldi termina con la parola magica….non credo sia un caso.

    4. Vela Vevo Detto scrive:

      Leggete questo passo divertentissimo della lettera di Magaldi a Toscano

      “Se tu Francesco e tu Peppe saprete comportarvi con lealtà e impegno sia nel rispetto dell’articolo 2 dello Statuto che nella partecipazione alla manifestazione del 18 luglio, il patrocinio del MR al Comune di Gioia Tauro non verrà meno e per te, Francesco, nella speranza di una futura maturazione politica e umana sul campo, sarà disponibile persino un nuovo inserimento ai vertici del Movimento, magari come Consigliere di Presidenza, in un ruolo da jolly politico a tutto campo che valorizzi al meglio le tue notevolissime capacità.”

      SE TI COMPORTERAI BENE NON VERRA’ A MANCARE IL PATROCINIO DEL MR SU TE E GIOIA TAURO!!!!!!
      E ti promuoveremo a presidente della minchia di mio nonno!!!!
      Così potrai fare….IL JOLLY!!!

      http://images.delcampe.com/img_large/auction/000/105/935/083_001.jpg?v=5

      lol…sapevo che avrebbero sbracato…ma fino a questo punto non osavo sperarlo…

      E domani cari ragazzi casca il mondo davvero…se votano no ma secondo me anche se votano sì…allacciamoci le cinture che sta per cominciare la rumba quella vera

      https://youtu.be/SLGDTOnBmMk?t=25

      • Compagno di sbronze scrive:

        Prima di tutto, caro compagno di scazzottate con frati tossicomani, un simpatico saluto.

        Dal primo giorno che abbiamo letto il lavoro di Francesco, credo che entrambi si aspettava con curiosità il redde rationem: la parabola del Toscano attratta a terra, se non sotto, dal centro gravitazionale magaldiano era evidente, con distorsioni a livello di “dinamiche di gruppo” assolutamente patologiche oltre ogni limite.

        Ma:

        1 – non è ancora finita;

        2 – anche se fosse, è inutile infierire.

        La legge karmica fa il suo lavoro… e come la sgrossa lei la pietra!

        Una cosa è certa: il nostro simpatico blogger sta imparando più ora sulle dinamiche del potere che in anni di *inutili* cialtronate sussurrate da chi, con tutta evidenza, è funzionale alla vittoria di chi afferma di combattere.

        Tutto il resto è noia.

        Ci risentiamo tra un paio di mesi… hasta la victoria, siempre!

        • Vela Vevo Detto scrive:

          Quoto Compagno di sbronze.

          “la parabola del Toscano attratta a terra, se non sotto”

          Be’, mo’ proprio sotto terra…speriamo che non arrivino a tanto…

      • aleale scrive:

        Te lo dico io, la Germania non cederà di un passo e la Grecia uscirà dall’euro. A quel punto gli americani si incazzano e gli scenari si inaspriranno un tantino.

    5. Poltronia scrive:

      A volte i Movimenti servono alla collocazione di parti apparentemente distali del corpo umano ma alla fin dei conti mediali. In embriologia inizialmente le due aperture non si distinguono. Sebbene la chiacchiera possa essere utile mi sa che ha ragione il Maestro. Purtroppo anche Modigliani Sergio di Cori non è esempio di quella virtù chiamata coerenza e quindi propongo lui per la sostituzione dell’autorimosso a furor di popolo di queso sito http://www.ilmarmista.it

    6. stefano scrive:

      contro-contrordine compagni, l’utile idiota non è alfano ma neanche grillo…
      Il mr è morto in culla

    7. aleale scrive:

      Emerge in tutto ciò quello che era pressoché scontato, ovvero la sostanziale pochezza di fondo, i localismi, i miseri obbiettivi personali presso amministrazioni provinciali e non. I grandi temi universalistici e planetari si confrontano con “Pizza e Fichi” come è stato efficacemente sintetizzato. Il magniloquente linguaggio da operetta, alla redivivo Edmondo De Amicis, che caratterizza questo blog e altri, del resto, oltre a commentarsi da se, rappresenta una vera e propria dichiarazione di infimi intenti.

      • Poltronia scrive:

        non e vero!!!!! io o imparato molto da Franciesco.
        Lui e uno che salva il paese,devo tuttoa lui e tutto quello che a fatto è scrivere scrivere sui massimi sistemi e eleonora rusvelt perche alla fine era importante e fondamentale che diventava vicesindaco per poi prendere il caffe al bar con il saluto rispettoso del proprietario e decidere che si deve mettere uno specchio all’incrocio di via Mazini con via Garibbaldi

    8. Dubbioso scrive:

      Caro Toscano, la preghiamo di continuare a scrivere per il moralista. Magaldi è un truffaldino che conosce bene gli ambienti masso-mafio-terroristici ed è per questo che non vuole persone oneste e pure nel suo movimento. Lei ha fatto bene: meglio la rinuncia che il cerotto all bocca o laccio alle gambe! Poi anche lo stile di sto Magaldi nell’articolo.. come se fosse il Cesare di tutto… lui ha scritto Massoni non per mettere in luce il marcio ma per far cadere il marcio attuale e sostiturilo con la sua visione marcia e vecchia della politica/società!
      Vada sereno e ci continui ad aggiornare sul marcio attuale magari senza un filtro magaldiano… usi i canali fuori dal Bel Paese che ne hanno di belle notizie da portare alla luce.
      sempre come capisaldi della sua visione politica l’onestà e l’amore per il proprio popolo!

      • Poltronia scrive:

        Toscano e bravo. W Toscano vicesindaco!

        • Dubbioso scrive:

          @Poltronia: sei un magaldiano?non puoi ridurre la persona di Toscano a tutto questo nulla!! Io non sono un amico di Toscano ma un semplice lettore del Morlaista. E se non fosse stato per il Moralista non sarei mai venuto a conoscenza dei movimenti Ur-lodges, extra massonici etc… bisogna anche essere obbiettivi! Forse è stato l’unico giornalista che ne ha parlato in tutta questa MERDA mediatica italiana! Bisogna da Cesare ciò che è di Cesare.. e se oggi sappiamo e anche merito suo… Se non sarà MR, potrà essere qualcos’altro ma bisogna avere il coraggio d’informare correttamente. Poi se vuoi discutere bene… se vuoi prendere per il culo chi ha avuto più coraggio di te.. beh leggiti la repubblica o il foglio.. anzi di pure al marmista del sito che citavi di preparati un nuovo cesso così ci ficchi la faccia dentro. Bello insultare senza avere le palle… anyway se l’Italia è in rovina è sicuramente merito dei codardi come Poltronia… chicchere and nothing to realize!

          • Poltronia scrive:

            io non o detto nulla o deto W Toscano e poi Non ce nulla di male ha accettare una poltrona bisognia saper farne buon uso eh poi bisognia essere coerenti e fare il controllo he poi è meglio lui che un’altro è poi si lavora per il bene del paese é poi si parla di rusvelt e dei massimi sistemi e un altra bella cosa. Cosa vuoi da me? e simpatico anche magaldi e di cori stromigliani.Smettil’ha di trollare

            • Poltronia scrive:

              eh se trolli almeno ammettilo e mettici il tuo vero nome come me

              • Poltronia scrive:

                sei violen toh nell’eh cose che dici. ora si vede se sara bravo ha fare il vicepedàle se fa bene il vicepedàle allora saro il primo a dirlo e io ci metto la faccia mica come te
                submit 9-6 uguale tre

          • Poltronia scrive:

            e smettila di offende RE Magaldi non si sputa nel piatto dove non si eh mangiato e devi tutto a RM prima non ti conoscieva nessuno caro il mio dubbioso , almeno Toscano sa scrivere tu sei male ducato

            • Poltronia scrive:

              Magaldi è brava persona tu scrivi truffaldino e non sai nemmeno usare l’itagliano.

              • Dubbioso scrive:

                Azzzz ha parlato u professò!! il tuo italiano è da “Accademia della crusca”…anzi del cereale!! Non hai preso un accento e le h del verbo avere le metti secondo l’estrazione dei numeri della ruota della lotteria!!

              • aleale scrive:

                Dubbioso sei davvero così sveglio?

              • Poltronia scrive:

                a ragione aleale e smettila di trollare dubbioso ai capito?Igniorante non sei degnio dei valori rusveltiani di toscano

              • Poltronia scrive:

                submit 7-1 uguale 6

    9. Poltronia scrive:

      FMT è il Moralista giusto? All’ora fa bene ha fare il sindaco in futuro io o imparato motlo da lui anche sé dubbietto è gelosetto! Eh dico di piu se fa bene il vicepedalò io lo rivoto a costo che mi hanno di nuovo a nullato la scheda.
      Spero un giorno di lavorare anche io con pedàlò
      submit 9-6 uguale 5

      • Poltronia scrive:

        errante coreggia:
        quando o scritto “mi hanno a nullato la scheda” mi sono sbagliato perche io la grammatic A la so e quindi vedo ha volo gli errori io volevo scriver e: “mi anno a nullato”
        SUB mit 123 cavallo carozza e te

    10. Piero scrive:

      Purtroppo Magaldi come tutti quelli che finiscono in qualche setta ha subito il lavaggio del cervello. Tende a fare il santone perché nella sua tribu è un massone di rango elevato e rispettato, ma questo non significa niente…c’è chi per elevarsi spiritualmente medita e uno come magaldi la dovrebbe smettere di andare in giro a pensare di avere la verità e di fare il saccente. Ma questo non l’ha appreso in massoneria a quanto pare.
      Secondo me dovrebbe farsi vedere da uno bravo e comunque ha tendenze autoritarie a mio avviso ed è estremamente logorroico. Scambia inoltre la sua ideologia massonica per il verbo, ma ci sono persone che fioriscono senza nessuna ideologia ma non l’ha ancora capito che il mondo non ha bisogno della massoneria ma ha bisogno di intelligenza.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    L’OPPOSIZIONE AL GOVERNO LA...

    Scritto il 21 - set - 2018

    0 Commenti

    UNISEX: LA VIA PER...

    Scritto il 18 - set - 2018

    2 Commenti

    QUESTA EUROPA NON E’...

    Scritto il 14 - set - 2018

    0 Commenti

    LE TROPPE CAPRIOLE DI...

    Scritto il 5 - set - 2018

    1 Commento

    POLITIKOM: IL MEGLIO E...

    Scritto il 31 - dic - 2013

    7 Comment1

    IL GOLPE SVELATO

    Scritto il 31 - dic - 2011

    4 Comment1

    LA ZAMPINO DELLO ZIO...

    Scritto il 17 - mag - 2013

    8 Comment1

    IN MORTE DELLA DEMOCRAZIA...

    Scritto il 11 - giu - 2014

    8 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.