untitledIeri è andata in scena la fine della democrazia per come l’abbiamo conosciuta in Italia dal dopoguerra fino ad oggi. A dire il vero nella giornata di ieri si è consumato più precisamente l’omicidio formale del nostro sistema democratico, oramai svuotato alla luce del sole di senso e contenuto, mentre l’omicidio sostanziale fu perfezionato già nel lontano 1992, allorquando con la scusa di “fare pulizia” furono abbattuti i partiti, unica possibile cinghia di trasmissione fra i cittadini e le istituzioni. L’incrocio diabolico fra l’abolizione del Senato e l’approvazione di una legge elettorale come l’Italicum ribalta completamente i fragili equilibri che reggono il nostro declinante sistema, per la gioia di colossi bancari e finanziari come Jp Morgan, tanto sfacciati da chiedere apertis verbis l’omicidio rituale della nostra Carta Costituzionale. D’altronde, molti impuniti miserabili hanno oramai l’impudenza di sostenere pubblicamente come la democrazia statuale che abbiamo conosciuto vada archiviata in quanto non più funzionale rispetto al modello economico e sociale che i nazisti tecnocratici hanno imposto su un piano globale. Siamo alla post-democrazia, ovvero una finzione di democrazia costruita a beneficio esclusivo di plutocrati milionari e detentori di un capitale finanziario che si moltiplica fluttuando per il mondo e disintegrando le garanzie e i diritti sociali di un numero imprecisato di cittadini riscopertisi improvvisamente fragili, confusi e senza punti di riferimento. Questo è il quadro nella sua cruda essenza. Se la fotografia di ciò che “realmente è” non comporta eccessive difficoltà- quale idiota potrebbe infatti negare il progressivo annichilimento dei diritti sociali, politici ed economici sanciti nella nostra Costituzione-, ben più complicata è la chiara messa a fuoco dei responsabili in carne ed ossa di una tanto indegna operazione. Ieri, con pieno diritto e con buone ragioni, i gruppi parlamentari di Lega, Forza Italia e del Movimento 5 Stelle hanno lodevolmente abbandonato l’Aula per segnalare un sacrosanto disgusto nei confronti del Presidente della Repubblica emerito Giorgio Napolitano, lampante esecutore materiale nonché primo responsabile della morte della democrazia in Italia. Solo il Pd continua a tributare onori nei confronti di una figura così inquietante, le cui manovre spericolate (golpiste?) al tempo dell’insediamento di Monti al potere furono poi smascherate persino dall’ex ministro del Tesoro americano Timothy Geithner (clicca per leggere) e dall’ex premier socialista spagnolo Luis Zapatero (clicca per leggere). Napolitano, però, avendo come sola bussola la conservazione del potere per il potere, non è immaginabile nei panni nello stratega che disegna scenari politici. Napolitano era infatti fascista sotto il fascismo, comunista sotto il comunismo, per trasformarsi coerentemente in globalista iperliberista ora che sul trono del mondo siedono diversi padroni. Già, ma chi sono questi padroni? E soprattutto: quale mastice tiene insieme una riconoscibile élite di potere che al fine di  perpetuare la conservazione della specie deve necessariamente operare secondo criteri logici e razionali? Questa è già una domanda un tantino più complicata. Ieri il capogruppo del M5S ha offerto una possibile chiave di lettura dichiarando: “Questa legge è frutto di indicibili accordi massonici“. Ritengo tuttavia che l’onorevole pentastellato intendesse perlopiù fare riferimento al soccorso parlamentare di Denis Verdini, poliedrico personaggio di provincia da sempre associato ad ambienti latomistici. Le braccia che impastano sono certamente in Italia, ma dov’è la mente che pensa e ordina? Esiste per davvero un  livello di potere occulto e sopraelevato che annulla e assorbe al proprio interno le differenze “profane”, ovvero in primo luogo quelle partitiche e territoriali? E’ ragionevole pensarlo, soluzioni globali presuppongono giocoforza l’esistenza di consessi globali. Come aveva già brillantemente intuito l’inventore della pubblicità “cinghiale” per dipingere una parete grande ci vuole un grande pennello. E fin qui nulla questio. Meno scontata è però la vera natura e  il reale funzionamento di alcune cabine di regia. L’intervento di Putin in Siria, per esempio, demistifica la portata della presenza americana in Medio Oriente, interamente impegnata da destra a sinistra nel rendere supporto militare e logistico ai tagliagole dell’Isis in funzione anti Assad. La politica estera del “progressista” Obama è nel caso di specie molto simile a quella del suo predecessore “reazionario” Bush, da più parti indicato invece quale speciale espressione di un particolare e “incontrollabile” gruppo di potere oramai impazzito e  dedito alle peggiori nefandezze. Nel mondo reale non è possibile invece riscontrare alcuna netta discontinuità di indirizzo fra gli ultimi due inquilini della Casa Bianca, palesandosi al contrario una riconoscibile e simmetrica continuità nelle scelte. Prima di perdere tempo nel tentare di compenetrare “ciò che non si vede” quindi,  aderendo perciò per fede alle cure di qualche “medium per l’occasione”, sarebbe il caso di leggere nel giusto verso ciò che è già sotto gli occhi di tutti. Buttando a mare gli occhiali del Grande Fratello si intravedono infatti le responsabilità degli Stati Uniti nel fomentare ovunque focolai terroristici, e si colgono pure le manovre di alcuni plutocrati esperti in terrorismo economico. Tante volte le lenti sbagliate non migliorano la vista. La annebbiano.

    P.S. Leggi anche la Carta dei Valori e degli Obiettivi del Movimento Federale Keynesiano http://www.ilmoralista.it/wp-content/uploads/carta_valori_obiettivi.pdf

    Francesco Maria Toscano

    14/10/2015

    Categorie: Politica

    29 Commenti

    1. Rosario scrive:

      Quindi Obama e Bush avrebbero adottato la stessa politica estera, secondo te. In tali argomentazioni viene rifiutata la tesi, secondo cui il gruppo “Hathor Pentalpha” sarebbe una mina vagante impazzita, anche tra i cenacoli più elitari.
      Non mi sembra che Obama abbia scatenato guerre sullo stile di GW Bush. Non sto dicendo che Obama sia un grande presidente, ma la politica estera di Bush era esplicitamente aggressiva, mentre Obama, di fronte a questa situazione sembra non saper che pesci prendere.
      In tutto ciò, non è che per caso stai ritrattando alcune tue opinioni o convinzioni, soltanto sulla base di un dissidio personale con Gioele Magaldi? Spero di no. Ho sempre ammirato le tue analisi lucide e ho avuto il grande piacere di conoscerti a cena, post prima presentazione di Massoni a Roma un anno fa.

      • Rosario scrive:

        A mio parere, Obama ha dei contro-poteri interni, che lo mettono in difficoltà. Non credo che il governo americano finanzi i terroristi dell’ISIS.

        • Santo scrive:

          Eh caro amico ma come stai seguendo la questione siriana a testa in giu’?
          Obama non ha scatenato guerre solo perche’ non se lo puo’ permettere e comunque hai una visione molto limitata del concetto di guerra…esistono anche quelle a “bassa intensità”, quelle per interposta persona(qualcuno le chiama triangolazioni) e quelle asimmetriche propriamente dette.
          Chi non ritratta le proprie opinioni è un dogmatico caro amico…

          • Rosario scrive:

            Ciao Santo.
            No.
            E’ lecito cambiare opinioni, è sintomo di intelligenza. Ma non lo si fa per dissidi personali di un certo tipo.
            A parte ciò, ho chiara la differenza delle guerre che dici tu, non dare per limitato chi non conosci. Leggi bene. Ho solo detto che Obama non è stato plateale e sanguinario come Bush. E, in più, a mio parere, non c’è lui dietro l’ISIS. Con questo, non sto dicendo che Obama è un grande presidente. E non ci vedo nemmeno tutto questo grande progressismo.
            Riguardo a Putin, è un altro che in molti stanno glorificando in funzione anti-USA: in realtà si sta facendo i cazzi suoi personali.

            • Rosario scrive:

              E aggiungo che Obama e Bush sono, come tanti altri, portatori di interessi diversi.

            • Santo scrive:

              Non ti ho stigmatizzato come limitato mi sono semplicemente “limitato” a trarre conclusioni logiche sul tipo di ragionamento da te fatto…che cosi come impostato includeva la ragionevole certezza che non considerassi affato le varie tipologie di warfare.
              A volte caro Rosario un dissidio permette la rottura di un incantesimo.
              Parlo in generale:
              e’ possibile maturare opinioni sotto l’influsso di incantesimi retorici…ecco solo un dissidio ci permette di recuperare la ragion-critica messa in stand by.
              Che vuol dire non essere plateale…forse che la forma cambia il contenuto?Il vino in bottiglia cambia sapore se messo in bicchiere?
              Putin non fa i cazzi suoi…Putin fa i cazzi del suo popolo e segue le teorie dell’equilibrio di Nash.

              • Rosario scrive:

                Sì, come no, i cazzi del suo popolo. Non quelli suoi e di Gazprom. Credici, mi raccomando. Tra l’altro, un leader autoritario, finisce per non fare mai i cazzi del suo popolo, in ogni caso.

                Per tornare alla questione di Obama, io penso che gli americani non siano “cretini” in quanto “americani”. Ogni Presidente eletto rappresenta una cordata di interessi. E quella di Obama non è la stessa di quella di Bush, semplice.
                Io penso che la lettura degli eventi sia un po’ più complessa e aspetto l’attualità per capire meglio. A mio parere, non bisogna essere anti o pro americani ad ogni costo. Per me gli americani non sono tutti uguali, perché non metto sullo stesso piatto Roosevelt, Reagan, Kennedy, Bush e Obama.

                Per quanto riguarda i dissidi, no…continuo a rimanere della mia idea.

              • Santo scrive:

                La lettura degli eventi tu stesso affermi che sia un po’ piu’ complessa e poi “semplifichi” affermando che Putin fa gli interessi di Gazprom…complimenti per la coerenza guarda che non stai al baretto sotto casa.
                I leader esprimono tutti un’autorita’ e che non fanno mai i cazzi del proprio popolo è una tua invenzione…pensa se il popolo russo si dovesse mettere nelle mani invece delle cordate estere come starebbero…baretto2.0
                La cordata dietro a Obama scrivi che non è la stessa dietro a quella di Bush ma non è detto che non persegua lo stesso disegno.
                I mandanti del khaos attuale non sono potentati segreti o urlogge di khazzari ma una triplice alleanza(che si sta incrinando) tra tre correnti geopolitiche ben specifiche: gli “eccezionalisti statunitensi” il “wahabismo saudita” e il “sionismo messianico”.
                Obama rappresenta invece l’infiltrazione nell’eccezionalismo americano di una corrente dissidente del sionismo messianico e cioè il “sionismo senza sion” che sarebbero in fin dei conti i veri ideologi di quello che in maniera criptata viene chiamata ala progressista-radicale della massoneria.
                stammi bene ciccio e salutami il baretto :)

    2. Santo scrive:

      Qualcuno si è giocato la carta del presidente afroamericano al tavolo del progressismo di facciata.
      Il bluff non è riuscito e Putin ha fatto l’all in avendo in mano la “triade atomica” (nucleare terra-aria-acqua) e un grandissimo servizio segreto che si è saputo rivoluzionare “concettualmente”…

      P.S.
      Toscano ha fatto un buon articolo.
      Adesso attendiamo che arrivi qualche troll fessoterico,qualche esaltato pseudo economista e qualche cul-tore di latinismi psicopatologici.

      • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

        Adesso attendiamo che arrivi qualche troll fessoterico,qualche esaltato pseudo economista e qualche cul-tore di latinismi psicopatologici

        ————-
        ————

        non abbiamo ricevuto ordini per scrivere in questa pagina del forum (siamo prezzolati…non facciamo nulla gratis )

        se ci dicono di farlo lo faremo..sta tranquillo.

        buon proseguimento della discussione ;-)))

      • Gianluca scrive:

        Condivido… Obama è un bluff, ormai troppo evidente.
        Basterebbe guardare all’Ucraina… ormai è tutto abbastanza palese.

    3. Care/i, però il passaggio inerente a Giorgio Napolitano, è azzeccato in lodevole modo.
      Lunga Vita.

      • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

        un sacrosanto disgusto nei confronti del Presidente della Repubblica emerito Giorgio Napolitano, lampante esecutore materiale nonché primo responsabile della morte della democrazia in Italia.

        Citazione Articolo

        —–
        —–

        e caspita se è azzeccato !!!

        il Napolitano…non è mica un caso che da “sempre” sia amico di Kissinger..(uno dei più grandi macellai di questi ultimi cinquanta anni ).

        Di fatto il seme del “feeling ” tra Stati Uniti e una parte del vecchio PCI..è stato seminato alla fine degli anni sessanta inizio anni settanta…guando una parte della dirigenza PCI..si incontrava segretamente nei pressi del Lago di Como..con esponenti dell’elite statunitense. La CIA teneva d’occhio il PCI..ritenendolo un partito ben strutturato e ben organizzato…ritenendolo utile in futuro (dopo il crollo del Muro di Berlino e cambiato lo scenario geopolitico..il PCI è stato destrutturato e reso funzionale ai loro disegni: non per caso oggi il PD in Italia è il fedele esecutore materiale dei progetti mondialisti, globalisti .è una perfetta macchina funzionale al peggior neoliberismo elitario..oscenamente colorata di rosso sbiadito: di sinistra per come la si intende storicamente … non ha assolutamente nulla (svuotata totalmente della sua sostanza..e riempita di una “fuffa” ideologica chiamata ecologismo,politically correct (terribile dittatura culturale..suona in questo modo : “”siamo di sinistra e libertari..siete liberi di pensarla come volete ma guai a voi se non la pensate come noi…”"…insomma un sofisticato fascismo impregnato di apparenti buone ma fasulle argomentazioni ) omosessualismo ideologico,etc etc..per darsi il piglio di una sinistra moderna socialademocratica liberal. e progressista …di fatto è la formazione politica che sta suicidando deliberatamente l’Italia ). Gramsci si starà rivoltando nella tomba dal dolore a veder cosa stanno facendo i suoi nipotini….credo che la cosiddetta impropriamente “sinistra” in questi ultimi 25 anni abbia fatto molto ma molto e ancora molto più male all’Italia di quanto non ne abbia fatto il “solito” Berlusconi…

        La sinistra si è lamentata per 60 anni perché non c’èra alternanza…una volta che sono andati al potere che hanno fatto ? ci hanno venduto e rovinato…(son sempre stati dei gran cornuti, cialtroni ..parla bene e razzola male ..senza nulla togliere alla cialtroneria destroide …ma questi quasi quasi son di gran lunga peggiori ) MA LA GENTE CHE “ANCORA” VOTA PD-SEL…DOVE CAZZO HA LA TESTA ? mah…boh….

        • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

          al vero potere ..di destra e sinistra non glie ne puo fregar de meno. Si serve ora dell’uno ora dell’altro a seconda della contingenza del momento. Ieri in uno scenario geopolitico di guerra fredda USA-URSS era funzionale la destra e la Democrazia Cristiana..cambiato lo scenario hanno ritenuto più funzionale la sinistra ——>>>ma era già previsto da molto tempo prima…quel bluff chiamato “Mani Pulite ” di cui il PCI (corrotto come gli altri ) è uscito indenne…non è un “caso”.Il bluff “Mani pulite” serviva solo a scompigliare le carte (la corruzione è rimasta tale e quale …salta fuori eventualmente in contingenze particolari …quando è funzionale farla saltar fuori…con una differente prassi succede la stessa cosa all’estero…)

          e il popolino rincoglionito dai mass media (cioè noi…) abbocca che è una meraviglia…

          • alessandro scrive:

            @Rospo tu dici:
            “Ieri in uno scenario geopolitico di guerra fredda USA-URSS era funzionale la destra e la Democrazia Cristiana..”
            Per la precisione nel dopoguerra fu adottata una conventio ad excludendum ovvero si scelse la democrazia cristiana (e basta) quale partito dei “moderati”, funzionale agli interessi del Vaticano+USA+Mafia in funzione anti-comunista, con esclusione dell’estrema destra ed estrema sinistra. Il conflitto fra la destra e la sinistra fu usata per alzare la tensione che raggiunse il culmine nel periodo del terrorismo e delle stragi.

            • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

              si più o meno son d’accordo. (Sul ruolo del Vaticano ci sarebbe tutto un discorso da fare..io faccio una distinzione tra “Chiesa ” intesa come “corpo spirituale ” cioè tra credenti e Vaticano /Stato…e qui si innesta tutto un discorso che non ho voglia di fare (sarebbe troppo lungo )..

              D’accordissimo su USA+Mafia…(della mafia si son serviti sia I Sabaudi nel “Favoloso Risorgimento Massonico ” di fatto una tragedia e un immenso sopruso ai danni del sud: 300 mila morti e passa…distrutta un economia tutto sommato buona (i conti e il debito pubblico dei Borboni era in ordine..quello dei Sabaudi era sgangheratissimo..si son rifatti destrutturando e distruggendo il sud…)…là è iniziata la sempre irrisolta “questione meridionale “…anche qui ci sarebbe tutto un discorso da fare (al nord a questo orecchio non ci sentono..anche se a mio parere..il Salvini lo ha capito..)..una cosa è certa: l’Italia è stata fatta con un bagno di sangue al sud..più la beffa del silenzio storico.(Tutta opera dei Massoni progressisti con buona pace del “divino Magaldi”…)

              Idem nel secondo conflitto mondiale..gli Usa in Sicilia si son serviti della collaborazione della Mafia…dal momento in poi la Mafia ha fatto un salto di qualità strutturandosi ancor meglio. Sconfiggere la Mafia (+ camorra e ndrangheta ) è un gioco da ragazzi (non più di due anni )..se non fosse sorretta da quello “strato oscuro” del potere..quello a cui si riferiva Borsellino e Falcone quando parlava di un entità/cupola..formata di “cervelli finissimi” la Mafia esiste perché il Potere la vuole..evidentemente le è funzionale.Ecco perché non la sconfiggono..(se volessero..oggi come ieri la spazzerebbero via in pochissimo tempo )

              Sono d’accordo per la “strategia della tensione ” gli estremismi servivano ai loro scopi (la prima ondata delle Brigate Rosse..quelle di Renato Curcio..”forse” erano spontanee dico forse con il dubbio…la seconda ondata quella di Moretti&Co..era infiltrata e pervasa dalla CIA e dai servizi segreti israeliani…a loro uso e consumo (Moro …politico onesto…fu ucciso perché ostinato nel dialogo con il PCI..in quel frangente non “funzionale” allo stato canaglia per eccellenza: gli USA.

              buona giornata

              Rospo

              ps- in seguito (dopo il Muro di Berlino )il PCI formazione politica disciplinata e ben organizzata fu scelta come ottimo veicolo per i loro scopi (infatti oggi il PD è quel che è ). A dimostrazione che il “Vero Potere”..si serve di tutto destra o sinistra..di volta in volta a seconda delle sue esigenze del momento.(in Italia come all’estero ). Negli USA..dopo gli anni sessanta..l’FBI combatteva la droga (o faceva finta ) e la CIA si adoperava per portarne quintali dal sud america.Come mai in Afghanistan con la presenza dei militari USA..la produzione della droga è aumentata invece di diminuire ?

              ri ciao

              ..”naggia ohhh…quanti post ho fatto …sono un rospo chiacchierone..;-))

            • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

              …(della mafia si son serviti sia I Sabaudi nel “Favoloso Risorgimento Massonico ” di fatto una tragedia e un immenso sopruso ai danni del sud

              —-
              —-

              non ho finito la frase: sia i Sabaudi nel risorgimento sia gli USA nel secondo conflitto mondiale.

              in entrambi i casi la Mafia si rafforzò ulteriormente.

              Nel risorgimento..la MAFIA non fu autrice delle stragi (ad opera in un primo momento di quel criminale chiamato Garibaldi..passato per eroe..e poi dall’esercito sabaudo negli anni successivi). La Mafia fu utile in Sicilia ai Sabaudi per posizionarsi nel territorio.

              Il tutto rimosso dai “Fratelli Massoni Progressisti “—->>> quelli di “fratellanza,uguaglianza, libertà ” ..e sostituito con la “favoletta” idilliaca risorgimentale che tutti studiamo nei libri di testo a scuola.

    4. R°°°o------>>>S***p_O scrive:

      Di fatto il seme del “feeling ” tra Stati Uniti e una parte del vecchio PCI..è stato seminato alla fine degli anni sessanta inizio anni settanta…guando una parte della dirigenza PCI..si incontrava segretamente nei pressi del Lago di Como..con esponenti dell’elite statunitense

      Citazione mio post precedente

      ——
      ——

      Quei cornuti (o almeno una parte di essi ) …in quel “particolare ” periodo storico..mentre organizzavano manifestazioni, promuovevano scioperi, picchettavano i cancelli delle fabriche.. contro l’imperialismo USA etc etc …di fatto sotto sotto si strizzavano l’occhio. Napolitano viene da quel back ground…(non mi riferisco ovviamente a tutta la dirigenza del PCI ma a una parte di essi )

      ma i comunisti son sempre stati un po cornuti —–>>>hanno sempre in un modo o nell’altro tradito: sempreeeee !!!! (premetto che io non son ne di destra ne di sinistra…)

      • Angus scrive:

        Muuuuuuuuuuuuuuuuuuu e il popolo bue che mangia tutta l’erbetta dei mass media dove lo mettiamo?

        • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

          ma è a quello che mi riferivo ….ci ho messo tra parentesi il NOI…perché un po tutti chi più chi meno ne mangiamo…poi c’è chi la assimila tutta e ci si nutre..(esempio quei pirla del pd )..chi la ributta…chi capisce che non è erba buona e non ne mangia più (esempio io ..che non credo più a un cazzo di quel che scrivono i giornali…prima bevevo tutto come un pirlone ..)

          • Angus scrive:

            Ma quello che mi chiedo soprattutto è poi come si fa a votare sel?

            • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

              mah..boh ..è incomprensibile….valli a capire certi esseri umani…(ci rinuncio anche a sforzarmiii…ahhaha )

              • Angus scrive:

                E dai non ti vergognare…ammetti che il pensierino di votare sel te lo sei fatto qualche volta…

              • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

                io come back ground vengo dalla destra…e decisamente liberista…(di questo si che me ne vergogno…con il senno del poi…ma me ne vergogno molto..ho cambiato modus pensandi recentemente in questi ultimi anni..)

                Sono sostanzialmente un anti marxista (sto esprimendo un termine ormai obsoleto )..pero considero Marx un genio della filosofia e dell’economia…e la sua opera —>> Il Capitale…presa “a frangenti” è ottima perché fa delle analisi giuste …per alcuni versi ancora valide. Nella sua interezza il Marxismo è la filosofia più perniciosa , falsa e malvagia che l’uomo abbia mai potuto concepire (da notare che faccio un distinguo tra Marxismo/ comunismo …e socialismo…)..

                Come ho scritto un altra volta se non ricordo male (scrivo ovunque..e a cazzo…in modo confusionario/istintivo ..ahahha )…io sono per sostanzialmente un sistema capitalista ..ma di un “capitalismo solidale” a impronta keynesiana..se vuoi chiamalo Capitalismo Socialista..quindi un capitalismo ove ci sia la libera iniziativa ..la concorrenza..anche una sana e costruttiva competitività ..ma dove ci sia anche la presenza dello stato…il controllo rigoroso del sistema finanziario e bancario (il sistema bancario deve essere per legge in funzione del bene pubblico e non il contrario come oggi )..e dove la ricchezza prodotta possa si arricchire il singolo (il “”padrone”" direbbe Marx ..io invece ho un altra visione )…ma anche la collettività (welfare pubblico ).

                NON POTRO MAI VOTARE UN PARTITO COMUNISTA (anche se solo di nome )..perché non è nella mia natura.
                Detto e premesso che SEL..non è neanche comunista: cose è non lo ho mai capito..boh…viene da quella storia ma adesso non so cosa sia…

                conclusione: prima di votare SEL preferisco tagliarmi la zampetta ;-)))

            • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

              però come origine pur venendo dalla destra..e da una visione liberista (visione oggi decisamente rinnegata )..e nonostante sia un anticomunista (termine obsoleto ..oggi non ha più senso )…riconosco valide certe lotte della sinistra per una certa giustizia sociale..e rispetto tutti quelli che in buona fede hanno lottato in nome del comunismo contro le ingiustizie (tanti hanno dato la vita..o hanno sofferto..son stati perseguitati .questi vanno rispettati.) .

              detto questo: Nazi fascismo…Marxismo/comunismo (reale e teorico )….Capitalismo Selvaggio (neoliberismo )…come ho scritto in un recente post..sono i “mostri” di questi ultimi cento anni. Il vero volto mostruoso del Capitalismo neoliberista selvaggio..non lo abbiamo ancora visto..se ne intravede il volto (siamo all’antipasto )…l’orrore di questo sistema economico/sociale lo vedremo fra qualche anno (e sarà una tragedia..forse con conseguenze peggiori dei primi due mostri : nazifascismo e comunismo )

              io insisto: ci aspetta il dolore…

              Rospo

              perché sono cosi pessimista per il futuro ? perché..spero di sbagliarmi ..ho la sensazione che si sia innestato un processo irreversibile….che ci porterà all’orrore (a livello mondiale )

              e se ho sbagliato tutto TANTO MEGLIO. Spero di cuore di essere uno che non capisce un cazzo.

              • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

                (tanti hanno dato la vita..o hanno sofferto..son stati perseguitati .questi vanno rispettati.) .

                ——-
                ——-

                esempio: il Chile di Pinochet…dove c’è stato il primo esperimento di Fascismo&neoliberismo sotto la regia degli Stati Uniti (attualmente l’unico vero stato canaglia in assoluto..) con tanto di benedizione sia di Milton Friedman che di Hayek.
                Gli oppositori fondamentalmente di sinistra furono perseguitati , torturati, fatti sparire, segregati negli stadi trasformati in prigione, uccisi, le donne violentate sistematicamente etc etc.

                Potrò sembrare “esagerato” eppure vi dico che un qualcosa di simile e forse peggio potrebbe ripetersi su vasta scala.Non nell’immediato futuro..ma più in là . Le premesse le stanno creando.

                Salvo non avvenga il miracolo…e la gente rincoglionita “prenda coscienza ” in massa . In questo caso si affloscia il tutto. Di questo le èlite sociopatiche hanno terrore…a loro la reazione violenta non fa paura (fa il loro gioco ) la “presa di coscienza collettiva ” li spaventa (preoccupazione a più riprese manifestata da quel criminale ideologico chiamato Zibignew Brezinsky..)

                Oso dire che anche internet (ove comunque con i distinguo circola un certo libero pensiero che sfugge al loro controllo a differenza dell’informazione main stream)..cosi come è a loro da fastidio..qualche tempo fa il David Rockfeller..lo ha anche chiaramente detto: “…aver permesso internet con queste modalità è stato un grosso errore…” (testuali sue parole ). Infatti un giorno si e l’altro pure stanno pensando al modo di limitarne la libertà…ma è difficile perché ormai si è strutturata in questo modo.

                Pensate..se non ci fosse internet…non potremo sapere tante cose che si sanno perché la realtà come ce la presenta l’informazine ufficiale è falsata. Però ci possono controllare…(e tutto monitorato e sotto controllo in particolare Google , Facebook etc etc )

                by

    5. LE SUGGEZIONI DEL MARKETING DI CASALEGGIO

      QUESTO PERSONAGGIO, senza MAI nominare ed avversare i veri responsabili delle nostre afflizioni, soltanto con il sapiente utilizzo di simbologie e di parole d’ ordine che intercettano e cavalcano pregiudizi, luoghi comuni e sentimenti condivisi, inondando la rete di troll, utilizzando le piu’ spregiudicate tecniche di marketing, e’ riuscito ad intrappolare 9 milioni di voti, a creare bande di invasati che lo difendono e lo seguono acriticamente ed a controllare, con la proprietà privata del logo, gli inteventi dei parlamentari, espellendo brutalmente gli eletti che chiedono di agire in libertà
      UN VERO CAPOLAVORO DI SABOTAGGIO DELLA DEMOCRAZIA a cui la finanza privata nord americana deve tutto, poichè, solo grazie a questa sedazione di massa, i criminali della finanza tranquillamente ed incessantemente continuano a distruggere i nostri organi costituzionali di tutela, il nostro tessuto produttivo, ad azzerare le nostre conquiste sociali con tagli dannosi operati in nome del risparmio , ad espropriare con tasse esose ed impagabili i beni degli italiani.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    (S)BOCCIA UN FENOMENO

    Scritto il 21 - ago - 2013

    14 Comment1

    E SE CIVATI ARRIVASSE...

    Scritto il 8 - dic - 2013

    6 Comment1

    I COMUNI ITALIANI CHE...

    Scritto il 8 - lug - 2015

    1 Commento

    QUALE APPRODO PER LA...

    Scritto il 2 - mar - 2012

    2 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.