untitledCome era ampiamente prevedibile il politburo che governa questo mostro di Europa è ora costretto a mostrare al mondo il suo vero volto illiberale e antidemocratico. Fino a quando le classi dirigenti-asservite e complici- dei diversi Paesi membri si limitavano ad ubbidire ai diktat di Bruxelles e Francoforte senza battere ciglio tutto andava per il meglio. Adesso però, caduta finalmente la maschera che veicolava l’immagine fasulla del “sogno europeo”, le cose si sono complicate alquanto. Tutti sanno come i vari Draghi, Merkel e Schaueble abbiano costretto con la violenza Tsipras ad annullare gli effetti di un regolare referendum popolare che rigettava in Grecia le politiche di austerità. Un comportamento indegno e impunito che non deve mai essere né dimenticato né sminuito da chi ancora si sforza di difendere il rispetto della legittimità democratica in Europa. D’altronde certi tipi di “reati”, commessi in violazione dei diritti fondamentali dell’Uomo, non cadono mai in prescrizione. Quando perciò cambieranno gli equilibri politici, e i “buoni” avranno finalmente la forza di processare i “cattivi”, la giustizia di certo trionferà implacabile. Fino ad allora la parola d’ordine è “resistere”. Nel frattempo, dopo il caso Grecia, nel silenzio generale, i soliti “neonazisti finanziari” hanno colpito ancora. In Portogallo si è recentemente votato per il rinnovo del Parlamento. Al netto di una comprensibile astensione record- il Portogallo è infatti anch’esso da tempo cavia della Troika- il risultato elettorale ha disegnato un nuovo Parlamento all’interno del quale la maggioranza numerica è ora appannaggio di tre partiti di ispirazione progressista: i Socialisti, i Comunisti e il Blocco.  In genere, per consentire alle forze della reazione di continuare ad applicare tranquillamente politiche di macelleria sociale, i padroni del vapore hanno sempre trovato utile corrompere le classi dirigenti “pseudo-socialiste”-la cosiddetta “sinistra responsabile” di orwelliana memoria- intruppandola dentro governi consociativi e miserabili giustificati dalla sempiterna “sindrome dell’emergenza indotta”. Si tratta, in breve, della famosa “dottrina Napolitano”, già alla base della formazione dei governi Monti, Letta e Renzi, tutti legittimati ed eterodiretti da forze private e straniere che poco si curano della raccolta del consenso vissuto alla stregua di “trascurabile impiccio”. Lo stesso discorso vale per la Germania merkeliana, landa amena dove  i socialdemocratici del “kapò” Schulz recitano da una vita e senza eccessivo sforzo la parte degli “utili idioti”. Cosa succede però quando gli “utili idioti” decidono di non stare più al gioco? Succede quello che abbiamo appena visto in Portogallo, dove un Presidente della Repubblica golpista di nome Anibal Cavaco Silva, al cui confronto persino Napolitano appare rispettoso della Costituzione, decide soavemente di affidare la formazione del governo- non ad un esponente indicato dalle forze progressiste maggioritarie in Parlamento- quanto al premier uscente sconfitto nelle urne, ovvero il noto “figlio di Troika” Pedro Passos Coelho. La morale della favola è la seguente. Se vincono i partiti favorevoli all’euro e alle politiche di voluto impoverimento di massa nulla questio; se vincono invece le forze che si oppongono ad una linea di indirizzo non negoziabile e già stabilita prima del voto allora si fa finta che queste ultime abbiano perso. In ogni caso, qualunque “carta” dovesse uscire dal mazzo, il banco vince sempre. Una bella idea di democrazia e di progresso, non c’e che dire. Strano che il popolo non apprezzi, evidentemente sobillato dai soliti “demagoghi  populisti”. La vera libertà si respira in Europa.  Così come la guerra è pace e la ricchezza è povertà.

    Francesco Maria Toscano

    28/10/2015

    Categorie: Editoriale, Esteri, Politica

    14 Commenti

    1. Gianluca scrive:

      Ormai non suscita più scandalo, l’importante è il progetto europeo, la democrazia la mettiamo in soffitta.

      Del resto “La metodologia politica democratica sarà un peso morto nella crisi rivoluzionaria”… Altiero Spinelli.

    2. Maurizio scrive:

      Mancavo dalle pagine de Il Moralista da un bel po’.
      Bellissima sorpresa ritrovarlo più lucido e combattivo che mai.
      Sarà merito del “divorzio” dal Grande Oriente Democratico?

      • Panormitanus scrive:

        Maurizio, quando arriva un coglione che ti dice “prendimi come guida che un coglione in più ti può fare comodo” bisogna buttarlo nel cesso senza pietà.
        Qualcuno si è liberato di questo coglione in più e ha fatto un salto di qualità.

      • FRANCIPPAMARIOTOSCAZZO scrive:

        eh si e lucido a imparato a fare il governante cera bisognio di uno che a insegniato la guttura a tutti noi

    3. FRANCIPPAMARIOTOSCAZZO scrive:

      ao ch ebel sito

    4. FRANCIPPAMARIOTOSCAZZO scrive:

      il libro di toscanio lo anno letto tutti bisognia salva l’itaGlia

    5. Nerone scrive:

      A Francè….se qui non metti le regole di comportamento e non moderi, finisce che non ci scrive più nessuno;-) Non è necessario bannare, basta cancellare sistematicamente i post inopportuni.

      Come si faceva un tempo con i bambini dell’asilo: si bacchettavano le manine per correggerli.

      Se tu cancelli sistematicamente i post degli scimuniti, alla fine o intervengono correttamente o lasciano il forum.
      Diversamente sto forum diventa una stronzata ….se a te va bene così, allora chiedo venia. Ma non ci scriverà più nessuno….;-)

    6. Citro Nello scrive:

      Esatto Nerone ha ragione..l’importante è che l’inopportunita’ dei commenti non sia invocata dai commentanti stessi che potrebbero mal digerire certi suggerimenti volti a sviluppare il nuovo e interessante corso d’indagine psicogeopolitica di Toscano.

      E’ chiaro che commenti alla francippamario ecc.ecc. o immensi pipponi prolissi di pseudoeconomia vadano cancellati per manifesta inutilita’ e lampante contiguita’ con certo trollismo d’accatto.

      Pare pero’ paradossalmente che negli ultimi tempi il blog si sia rivitalizzato non solo per numero di commenti ma addirittura per numero di visitanti…alcuni di questi vengono qui a leggere e meravigliarsi di quanto profetici siano stati certi commenti in tema di sionismo senza sion ed entomologia che ormai furoreggiano da pochi giorni a questa parte sulle pagine dei giornali.

      • Nerone scrive:

        comunque tutti i forum che non vengono moderati vanno a finire in malora, alla fine trascinano pure gli interlocutori normali in discussioni futili e con parole poche eleganti. Basta che uno scriva sistematicamente cazzatine sotto ogni comento, l’interlocutore ha due possibilità:

        1) rispondere e ne nasce un alterco magari sgradevole vedasi le ultime pagine del forum…

        2) ignorare …e si ritrovano i post con sotto le puntuali cazzatine idiote non so se sia sempre la stessa persona o diverse persone..

        Per i post esageratamente prolissi: imporre la sintesi o perlomeno che non siano lenzuolate : il contenuto non ha importanza l’importante è che sia educato e che sia “dentro” l’argomento trattato; se l’articolo di riferimento parla di geopolitica, economia o non so che..i commenti devono essere attinenti all’articolo di riferimento.Se si entra dentro la “sostanza” del contenuto allora si fa censura sulle idee e non va bene..l’importante che il contenuto sia espresso entro certi standard richiesti da un preciso regolamento esposto nel forum.

        Se invece continua cosi come è adesso: poco ma sicuro il forum muore perché finisce per non scriverci più nessuno.

        Non capisco perché il Francesco non lo moderi almeno un po,non dico in modo eccessivamente rigoroso,con un rigore bacchettone, magari si può tollerare un moderato divagamento dal tema , ma quando è evidente che alcuni interlocutori intervengono sistematicamente in modo volutamente inopportuno ,bisogna intervenire almeno il tanto per non permettere a chi “sbraga” l’interlocuzione altrui di non farlo.

        Nei forum dove si applica un po di moderazione i disturbatori si stufano e spariscono oppure si adeguano alla normale interlocuzione.

        Chi disturba per qualsiasi ragione fa bene a farlo,evidentemente un motivo ci sarà —-voluto trollismo o altro — , fa male chi glie lo lascia fare.

        • Giggino Ciurmaglia scrive:

          Comunque Nero’ na curiosita cia’ devi toje…nun è che per caso ta dato che fastidio ave’ letto er nome de scientology en un contesto do se parla de politica?
          No perche’ sai nun vorrremmo che dovessero rimane’ solo alcuni a “imperà” sopra li blog ;)

          • Nerone scrive:

            un forum..è come una casa dove vengono invitati gli ospiti. Se tra questi,alcuni “”sistematicamente”" fanno un rutto, altri la pipì in un angolo invece che nel bagno,altri si mandano a quel paese, altri si fumano una canna nel divano, e chi più ne ha più ne metta..e l’ospitante li lascia fare, sta tranquillo che quelli “normali” a modo non ci torneranno più.
            Lasciandoli fare si manda via il meglio privilegiando il peggio: e la casa diventa un cesso.

            Se il Francesco (che fa un discorso serio ) lascia fare, il forum diventa un cesso e diventa sgradevole parteciparvi —–>>>dimostrazione: vedasi la precedente pagina del forum. Tutto qua, ne più ne meno.

            aggiungo: un po di sbrago puo anche andar bene per non essere noiosamente bacchettoni del rigore,ma non dovrebbe essere una costante e soprattutto non deve coinvolgere magari l’interlocutore che non ne ha voglia di partecipare in questo modo.

    Commenta a Nerone


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    0 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    1 Commento

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    GRECIA, UN POPOLO EUROPEO...

    Scritto il 28 - feb - 2013

    1 Commento

    GIOELE MAGALDI E LA...

    Scritto il 1 - ott - 2014

    16 Comment1

    IL CUORE DELLA CARTA

    Scritto il 12 - ott - 2013

    0 Commenti

    IL GIORNALISMO ITALIANO E’...

    Scritto il 21 - mag - 2018

    3 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.