imagesGW4B0TAFJeb Bush si ritira dalla corsa per la Casa Bianca. A prima vista sembrerebbe una buona notizia, in realtà c’è poco da stare allegri. Il popolino, sempre abilmente raggirato da organi di informazione controllati da manine in guanti bianchi, ritiene che la sfida riguardi “democratici” e “conservatori”, partiti storici che esprimono una diversa visione del mondo e delle cose. Concretamente invece la distinzione fra destra e sinistra ammalia solo le fantasie degli ingenui, richiedendo l’esercizio del potere un livello di complessità ai più sconosciuto. Se proprio dovessimo ragionare in termini dualistici, bisognerebbe semmai riconoscere l’esistenza di due polarità principali pronte a fronteggiarsi: la prima composta dai membri dell’establishment (ovvero il gotha massonico sovranazionale, ndm), la seconda formata dai cosiddetti outsider (uomini carismatici liberi o, in ogni caso, non meri portavoce dei voleri delle logge principali). Una volta sposata una simile visuale apparirà chiaro che Hillary Clinton e Jeb Bush, pur apparentemente divisi da appartenenze partitiche poco più che formali, sono espressione degli stessi centri occulti di potere; mentre Donald Trump e Bernie Sanders, a prima vista agli antipodi, rappresentano entrambi- in modo differente-  un tentativo finalizzato alla realizzazione di una discontinuità autentica. La storia del mondo cambia in senso tragico l’11 settembre del 2001, allorquando il clan Bush con la complicità della dinastia regnante saudita mise in scena quella farsa macabra denominata “attacco alle Torri Gemelli”. Da allora in avanti l’establishment americano, tanto di sedicente destra quanto di sedicente sinistra, sguazza nella menzogna e nella meschinità, ossessionato dall’idea di trasformare una bugia in verità per il sol fatto di ripeterla all’infinito, prassi naturalmente mutuata dagli insegnamenti del famigerato e noto nazista Goebbles. Il candidato unico e trasversale del malefico blocco di potere che ha trasformato negli ultimi trenta anni il mondo intero in una valle di lacrime è ora Hillary Clinton. Il clan Bush proverà senza entusiasmo a dare manforte a quel damerino di Marco Rubio, pappagallo ammaestrato destinato a soccombere nello scontro con il più brillante Donald Trump. In campo democratico, invece, nonostante l’ascesa di Bernie Sanders, la moglie di Bill dovrebbe infine spuntare la nomination. A quel punto cadranno le maschere e tutte le donne e gli uomini, democratici o repubblicani, interessati a tenere occultate dinamiche di un passato infame e miserabile si schiereranno con forza a sostegno di Hillary Clinton. Nello sventurato caso in cui la Clinton dovesse davvero succedere ad Obama le disuguaglianze economiche continuerebbero a crescere a dismisura, la finanza irresponsabile continuerebbe a dettare legge e le grandi multinazionali continuerebbero a schiavizzare i lavoratori, grazie al consenso complice di una politica sempre pronta a denunciare ipocritamente i mali del “debito pubblico”. Naturalmente sentiremmo tessere per ancora molto tempo le lodi della “competitività”, termine orwellianemente usato in sostituzione del più crudo “compressione salariale e aumento doloso della disoccupazione”. L’Europa, con la Clinton al comando, continuerebbe a vivere schiacciata sotto il tallone dei nazisti tecnocratici tedeschi, Merkel e Schaeuble in testa, pronti a bastonare le plebi continentali con il tacito assenso dello zio Sam, nel nome delle meraviglie di una integrazione che non si può arrestare. Con la Clinton al potere, infine, per la gioia di burattinai occulti come Kissinger, troverebbero nuovo slancio le guerre in Medio Oriente, finalizzate all’esportazione della democrazia e dei crauti, da combattere magari in compagnia di tipini delicati e a modo come Al Baghdadi e Osama Bin Laden. Questo è quello che accadrebbe nel caso in cui Hillary, come deciso dai Maestri Venerabili delle logge più importanti, diventasse il primo presidente donna degli Stati Uniti d’America. Nulla è più pericoloso di un simile scenario, per cui non ha alcun senso farsi troppe domande sul profilo governativo di  Trump o Sanders. Lo slogan che dovrebbe accomunare quelli che desiderano un cambiamento vero è perciò “tutti tranne Hillary”. Coloro i quali vengono gratificati dal circuito mainstream della patente di  “moderati” e “responsabili” hanno insanguinato inutilmente il globo, organizzato attentati sadici e assurdi e distrutto ovunque la classe media. E’ ora di aprire gli occhi e di diffondere una nuova consapevolezza in grado di smascherare i soliti vecchi trucchi usati da un regime trasversale e decadente, malamente guidato da un manipolo di nazisti tecnocratici finalmente incamminatisi sul viale del tramonto.

    Francesco Maria Toscano

    23/02/2016

    Categorie: Esteri

    5 Commenti

    1. […] il Moralista Jeb Bush si ritira dalla corsa per la Casa Bianca. A prima vista sembrerebbe una buona notizia, in […]

    2. Eireann O'Siobhain scrive:

      I finanziatori di sanders sono gli stessi della clinton…ma dove viviamo nel mondo delle favole?

      • Giorgio scrive:

        E’ lei che vive in un mondo di favole. Se Hillary va al comando degli US è un disastro per il Mondo intero, tutti meglio che lei.

    3. […] titolato “Jeb Bush e Hillary Clinton sono espressione degli stessi centri occulti di potere” (clicca per leggere). Venerdi 11 marzo, in occasione dei funerali di Nancy Reagan, Hillary e George W., in versione […]

    4. […] espressione degli stessi centri occulti di potere e si abbeverano alla stessa velenosa sorgente (clicca per leggere). I cittadini, debitamente storditi da un circuito mediatico predisposto all’occorrenza, vengono […]

    Commenta a Eireann O'Siobhain


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    THE WASHINGTON POST’S TRIES...

    Scritto il 5 - gen - 2013

    6 Comment1

    I VERI NAZISTI STANNO...

    Scritto il 23 - apr - 2017

    0 Commenti

    LA NOSTRA COSTITUZIONE E’...

    Scritto il 9 - nov - 2018

    1 Commento

    E’ ORA CHE I...

    Scritto il 16 - giu - 2017

    1 Commento

    L’ALTRA COREA

    Scritto il 12 - apr - 2013

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.