untitledCome volevasi dimostrare. Hillary Clinton è oramai il candidato semi-ufficiale per la poltrona di Presidente degli Stati Uniti d’America della famiglia Bush. Il 23 febbraio del 2016, sulle pagine de Il Moralista, pubblicavo un articolo titolato “Jeb Bush e Hillary Clinton sono espressione degli stessi centri occulti di potere(clicca per leggere). Venerdi 11 marzo, in occasione dei funerali di Nancy Reagan, Hillary e George W., in versione amanti clandestini finalmente usciti allo scoperto, si sono fatti fotografare avvinghiati in un caloroso e complice abbraccio (clicca per leggere). In politica nulla si fa per caso, e la scelta di veicolare questo tipo di immagine non può essere casuale. D’altronde non c’è molto da stupirsi, dal momento che, al punto in cui siamo, la saldatura di un establishment tanto debole quanto intrinsecamente assassino era pressoché scontata. La dicotomia destra/sinistra, come ripetiamo da tempo, è buona solo per ingannare i tonti, masse di ingenui facilmente impressionabili da una sigla di partito o da un simbolo carico di storia. Dietro i simboli di partito però ci sono sempre gli uomini in carne ed ossa, con cordate al seguito e rispettivi interessi privati da soddisfare. I “mondi” dei Clinton e dei Bush sono chiaramente comunicanti. Entrambe le dinastie politiche prima citate portano responsabilità gravissime per quanto concerne la distruzione del Medio Oriente, insanguinato da guerre infami e farlocche, avviate dai Bush e poi proseguite dal segretario di Stato Hillary Clinton, notoriamente ossessionata dall’idea di uccidere Gheddafi e Assad per destabilizzare l’intera regione e favorire l’ascesa dei “finti nemici” dell’Isis. Perfino Obama, non certo un cuor di leone, ha avuto modo di denunciare la furia distruttrice di Hillary Clinton, protagonista insieme a Cameron, Sarkozy, Napolitano e altra bella gente dell’insensata e folle guerra alla Libia del 2011, indegna macelleria ammantata di nobili e ipocriti ideali (clicca per leggere). Bush e Clinton, poi, a differenza di Trump, sono filo-israeliani e fautori della prosecuzione delle sanzioni alla Russia di Putin, colpevole ai loro occhi di avere smontato il giochino del terrorismo islamico globale, costruito con tanta cura e pazienza dai principali e sanguinari network esoterici  in voga negli Stati Uniti d’America e non solo. Al Bagdhadi, sedicente califfo del terrore, è stato appositamente liberato da un campo di prigionia per farne una specie di redivivo Bin Laden, mostro mediatico utilissimo per legittimare e consentire una nuova stagione di “guerre per la libertà” (Orwell, ci sei?) per la gioia di petrolieri alla Dick Cheney e dei signori del famigerato complesso militare e industriale a stelle e strisce. Oltre alle affinità sul tema “terrorismo politico”, le somiglianze tra i Bush e i Clinton non mancano neppure con riferimento al “terrorismo finanziario ed economico”. Fu proprio durante la presidenza di Bill Clinton che venne abolito lo “Steagall Act” di rooseveltiana memoria, linea Maginot che per anni impedì il dilagare dei nazisti tecnocratici di Wall Street ora impuniti e imperanti. Mentre i Bush sono da sempre fautori della teoria dello “sgocciolamento”, tesi bislacca che tutela i soli interessi dei milionari sull’assunto che, ingrossando le tasche dei pochi “Paperoni”, qualche briciola  finirà infine per forza anche sulla tavola dei tanti straccioni. Nel merito delle scelte di indirizzo politico effettivamente intraprese, al netto cioè di ricostruzioni suggestive e non dimostrabili, Bush e Clinton somigliano a due gemelli che fino ad oggi hanno “marciato divisi per colpire uniti” (l’utilizzo di simile immagine è da ritenersi per nulla casuale, ndm). A partire da Venerdi 11 marzo a quanto pare- oltre a colpire- uniti ci “marciano” (in tutti i sensi) pure. Due considerazioni finali. I Clinton e i Bush traducono in concreto visioni e idee maturate all’interno di consessi gnostici, pan-teistici e di fatto di ispirazione satanica. La politica, per elementi simili che puzzano di zolfo lontano un miglio, è poco più che un paravento. Per dimostrare quanto sia amata fuori dai confini americani Hillary Clinton ha pensato bene di vantarsi del sostegno del premier/cazzaro Matteo Renzi. Giusto come nota di cronaca è bene ricordare che uno dei “consulenti strategici” del premier italiano è Micheal Ledeen, uomo dal raffinato ingegno organico al primo cerchio di potere riconducibile alla famiglia Bush (di recente Ledeen ha partecipato ad incontri molto interessanti nel sud d’Italia). Un tassello in più che dimostra quale tipo di “triangolazione” si celi dietro “l’innocente abbraccio” tra l’ex first lady e l’ex inquilino della Casa Bianca al tempo degli attentati alle Torri Gemelle.

    Francesco Maria Toscano

    15/03/2016

    Categorie: Editoriale, Esteri

    21 Commenti

    1. Rosario scrive:

      “Non siamo più negli anni ’90 e la presidenza di Lady Clinton non sarebbe ricalcata su quella del marito Bill, il quale, peraltro, ha giù mutato prospettiva, rispetto al passato…
      Di più, anche su Donald Trump, le cose non sono esattamente come sembrano…
      Ma su ciò e su un mucchio di altre cose riguardanti la fase interessantissima che si apre proprio ora, in riferimento alla Elezioni presidenziali americane 2016, parleremo con apposito, imminente intervento, monograficamente dedicato alla Sorella moderata Hillary Clinton e al Fratello “imprevedibile, incatalogabile e istrionico” Donald Trump.
      Spesso le strategie raffinate richiedono abili giochi di specchi, colpi d teatro, dissimulazioni, false piste, specie se il “nemico”che devi confondere e sconfiggere è spregiudicato, abile e molto potente…
      Cosi, facciamo umilmente notare che, sul fronte repubblicano, la discesa in campo del massone imprevedibile e border-line Donald Trump ha oscurato e nullificato la stella della mefitica candidatura dell’ultimo rampollo del clan Bush, quel Jeb Bush apparentemente un bonaccione (come suo fratello di sangue e di loggia George W. Bush sembrava un mediocre svampito), ma in realtà appartenente alla Ur-Lodge del “sangue e del terrore”, quella Hathor-Pentalpha che sulla sua elezione alla Casa Bianca faceva grande affidamento…”.
      (http://www.grandeoriente-democratico.com/Speciale_Elezioni_…)

      • Ivan Stronzoski scrive:

        L’ilare clinton sarebbe definita, da questi del god(che umilta’),sorella moderata? Ahahahahaha :D ma cosa è una barzelletta? Ma a chi la vogliono dare a bere…lo sanno pure le pietre che dietro alla biondina guerrafondaia si cela “soros-sorso-rabelaisiano movimentatore di liquidi”…Ah rega’: “a cà nisciune è fez”…

      • opsoR-(Trump for President)-Rospo scrive:

        monograficamente dedicato alla Sorella moderata Hillary Clinton e al Fratello “imprevedibile, incatalogabile e istrionico” Donald Trump. (Rosario)

        —–
        —–

        Veramente risulta che Donald Trump..non appartenga a nessuna massoneria o società segreta..e pare che sia proprio questo il loro problema, perché in quanto non “fratello” di alcunché ..cioè un “outsider”..non è gestibile. Sintesi : se non è un bluff (ma non credo ) il Trump pare che faccia di testa sua ed è difficilmente influenzabile (la campagna elettorale se la è pagata da se senza donazioni).

        è un “fratello” ? ..mi potreste indicare qualche link in proposito ?

        • opsoR-(Trump for President)-Rospo scrive:

          L’ilare clinton sarebbe definita, da questi del god(che umilta’),sorella moderata? Ahahahahaha :D ma cosa è una barzelletta? (Ivan Stronzoski )

          —–
          —–

          mi associo alle risate: ahahahahahhahahahahahahah

          r-i-d-i-c-o-l-i

          sorella moderataaa..auauauauauaukjhahahahahahahh

        • Ivan Stronzoski scrive:

          Ancora non riesco a smettere di pisciarmi addosso di risate con sana e monografica urinlogica :D ahahahahahahah…strategie raffinate :D ahahahaha sorelle moderate :D ahahahahah…e i fratelli musulmani sanguinosi reazionari antilaici alla corte di obama e ilare clinton dove li mettiamo?

          • Ivan Stronzoski scrive:

            Che dire: “Se god non esistesse bisognerebbe inventarlo” :D ahahahahahah

            • opsoR-(Trump for President)-Rospo scrive:

              sarebbero sti del god..che definiscono quella letteralmente “criminale” Hillary una “moderata” , quelli che poi con il MR dovrebbero fare una controffensiva progressista contro i massoni reazionari.

              Il buon giorno si vede dal mattino: hanno le idee molto chiare….ahahahhahahahh

              il MR mi da fiducia…ho speranza per il futuro. ahahahhaahhaha

              • Ivan Stronzoski scrive:

                Quello che penso rospazzo caro è che noi oggi sull’intero “globo merdacqueo” stiamo vivendo mefitici e raffinati “giochi di spocchia”…ma fidati e non avere paura che da questa situazione ne usciremo “monograficamente” grazie a baracko e burattino obama,all’ilare clinton,al tolkenian-filantropo george tesoross,ai moderatissimi laici progressisti fratelluzzi musulmani e gia’ che ci siamo vediamo di coinvolgere pure quel sovran-cammeliere di merdogan :D ahahahahhaah

              • Caro Rospo, in terra di Lomellina ci stanno dando fiducia ( riguardo MR), pensa che abbiamo persino un candidato Sindaco. Considerando che le amministrative si svolgono nei primi di Giugno, voglio essere cortese e invitarti a fare qualche bagnetto nelle risaie. Lunga vita!

    2. Ivan Stronzoski scrive:

      L’amministrazione obama e l’entourage della clinton sono pieni zeppi di fratelli musulmani.
      Ora sarebbe interessante capire come mai il mondo masson-radical-progressista tutto laicismo e modernita’,quello di cui farebbero parte il fratello obama e la sorella “moderata” clinton,è cosi anima e core con un movimento talmente poco laico,moderato e progressita come i fratelli musulmani.
      L’analisi storica(e non i complottismi urdislogici) ci presentano i fratelli musulmani come il primo gruppo a teorizzare il ripristino attraverso la lotta armata della “salaaf al ṣaliḥīn”, lo stile di vita fortemente reazionario, antimoderno e antiprogressista da applicare come modello politico-sociale.
      Queste forse devono essere le raffinate strategie a giochi di specchi a cui fanno riferimento i masson-progressisti?

    3. raffaella c. scrive:

      Come dice Francesco:
      ” La dicotomia destra/sinistra, come ripetiamo da tempo, è buona solo per ingannare i tonti….”

      Per me vale lo stesso per i sedicenti massoni progressisti/reazionari..
      e sempre citando Francesco:
      ” ..marciano divisi per colpire uniti..”

      A mio avviso per sta gente è solo un gioco, nient’altro.

      Grande Francesco! I tuoi articoli sono sempre illuminanti.

    4. […] il Moralista Come volevasi dimostrare. Hillary Clinton è oramai il candidato semi-ufficiale per la poltrona di […]

    5. Grigoriou Panagiotis scrive:

      Una lettera dalla Grecia per le massonerie europeiste che hanno firmato per “l’accoglienza” dei migranti:

      http://vocidallestero.it/2016/03/18/ultima-possibilita-i-colonnelli-o-leta-delleuro-in-grecia/

      Complimenti.

      • Ivan Stronzoski scrive:

        Correggetemi se sbaglio…quindi questo signore dice che i greci affermano semepre piu’ spesso di sognare una buona dittatura militare e patriottica…ma di che tipo? Per caso come quella del golpe dei colonnelli greci orchestrato dalla c.i.a. a dagli usa? I greci quindi i greci spererebbero di appaltare nuovamente la propria sovranita’ a quei galantuomini della cia? In effetti la grecia sarebbe un posto abbastanza comodo da raggiungere per gli sconfitti nazistelli operanti in ucraina in ottica di un reimpiego da guerra ibrida…ma ora che ci penso i gialloblu d’alba dorata fanno pendant con i gialloblu di maidan…saranno solo casuaòlita’? :D ahahahahahah

    6. […] mali estremi, estremi rimedi: Hillary Clinton e George W. Bush gettano la maschera”, dal blog “Il Moralista” del 15 marzo […]

    7. Antonio scrive:

      Che tristezza osservare che il gota dell’intelligenza politica americana sia rappresentato da uno scapestrato comunicatore di massa e da una una mediocre democratica attualmente in partnership nientemeno che con la famigerata famiglia Bush.Ho sempre pensato che la Storia l’hanno fatta nel bene e nel male pochi carismatici leaders,temo con ciò che dovremo in questi mortificanti periodi rinunciare a fare Storia.

    8. […] a tacere, preferendo andare in giro a farsi fotografare con l’ex presidente George W. Bush (clicca per leggere), fortemente sospettato di avere avuto un ruolo nella pianificazione dei sopramenzionati attentati. […]

    Commenta



    sette − 3 =

    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    CON LA SCONFITTA REFEDENDARIA...

    Scritto il 5 - dic - 2016

    14 Commenti

    CHI NON CREDE NEL...

    Scritto il 23 - nov - 2016

    7 Commenti

    FILLON E’ INVOTABILE PERCHE’...

    Scritto il 22 - nov - 2016

    7 Commenti

    IL 2017, COME IL...

    Scritto il 21 - nov - 2016

    4 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.