imagesMFJ6JNAUNon è vero che le soluzioni per uscire dalla “crisi” siano difficili, sono in realtà semplicissime e scontate. Esiste una minoranza di multimilionari che gestisce patrimoni pari alla ricchezza complessiva del restante 50% più povero? Bene, si confischino i beni dei primi e si ridistribuiscano in favore dei secondi. Fine della crisi, fine della disuguaglianza. A questo punto i servi del sistema alzano il sopracciglio e dicono con faccia da ebete: “e con quale giustificazione giuridica potremmo mai avviare un simile procedimento”? Tali esseri immondi, venduti e tenuti al laccio come cani da cortile dai padroni che li pagano e li sfamano, fanno finta di non sapere che la “giustizia” non è un mondo a sé stante, separato da tutto il resto che vive di luce propria. La giustizia umana è, in ogni tempo e in ogni luogo, la codificazione di norme di comportamento che vengono avvertite prima come “moralmente” giuste, sulla base di un sentimento diffuso già impostosi cioè per via “consuetudinaria”. Non è forse vero che oggi i tanti deboli, poveri, umiliati e schiavizzati da norme volute da una sparuta oligarchia composta da nazisti tecnocratici globalizzati sente come non più rinviabile il bisogno di “fare giustizia”? Non è forse vero che nessun reale cambio di paradigma rispetto al passato è possibile in mancanza di un segno, un simbolo destinato ad imprimere nella memoria collettiva di generazioni intere il marchio del cambiamento? La stagione nazista si è chiusa non a caso con le impiccagioni di Norimberga. E prima ancora la seconda guerra mondiale finì sulle note terribili delle bombe atomiche sganciate sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki. Gli episodi testé ricordati, valutati in un’ottica atomistica e statica, potrebbero indurre un senso di repulsione e di postuma condanna. Chi potrebbe mai giudicare nobile la scelta di trucidare a freddo il nemico battuto in guerra? Chi potrebbe mai avallare la scelta di usare un ordigno nucleare per piegare definitivamente l’accanita resistenza di un popolo orgoglioso e coraggioso? Ebbene, amici, non è questo il modo gusto di leggere gli eventi. Comprimendo la visuale si perde la visione d’insieme, e perdendo la visione d’insieme diventa impossibile muoversi secondo verità e giustizia. Senza Norimberga l’Europa non avrebbe mai conosciuto i trent’anni gloriosi dipinti da Hobsbawm; senza Hiroshima il Giappone non sarebbe probabilmente diventato sul finire degli anni ’80 la principale potenza economica del pianeta. Questo per dire che ciò che è oggettivamente un male valutato nella sua specificità, può diventare motore di un processo benevolo mille volte più incisivo. Quale insegnamento dal passato possiamo allora trarre per capire i tempi moderni? La paura più grande che avverto non riguarda affatto il pericolo che “la situazione possa sfuggire di mano ingenerando una spirale non più governabile delle élite ora al comando”. Magari si realizzasse una ipotesi di questo tipo. La paura vera è quella del “congelamento”, dell’infinito protrarsi di un equilibrio infame che si trascina sorretto da una coltre di buonismo peloso che serve solo a nascondere la ferocia dei manovratori. I nazisti tecnocratici non sono migliori dei nazisti classici e le loro condotte non hanno provocato meno morti di quelle dei loro predecessori. Ma i nazisti tecnocratici non usciranno di scena da soli. Solo l’evocazione di una forza spirituale e collettiva mossa dal desiderio irrefrenabile di rispondere al grido di dolore che si alza dal ventre di una Terra deturpata da uomini/demoni potrà aprire una stagione per davvero nuova. La gravità dello scempio compiuto sarà patrimonio condiviso allorquando i colpevoli riceveranno il giusto castigo per il male compiuto. Fino ad allora nessuno di noi potrà dirsi libero. Non bisogna lottare per strappare qualcosa in favore di chi non ha nulla, ma per togliere tutto a quelli che fino ad oggi hanno avuto troppo.

    Francesco Maria Toscano

    3/06/2016

    Categorie: Editoriale

    22 Commenti

    1. Max scrive:

      Beh, il sasso è lanciato e il messaggio è forte.
      Non figurato.
      Qui si parla di vera lotta, di sangue e di morte.
      Da parte di un avvocato, iscritto al suo albo professionale e pienamente consapevole del peso delle sue parole sottoscritte, evocare QUESTA reazione è più che coraggioso.
      E’ un vero esempio da seguire.
      Se anche altri lettori, che vedo numerosi nelle votazioni dei sondaggi, segnassero la propria approvazione con opportune parole, credo sarebbe importante per Francesco Maria Toscano e per noi tutti.
      Non dimentichiamoci degli ufficiali della corazzata Potemkin, che stendevano sul ponte dei teli per non far vedere ai marinai in rivolta quanto fossero numerosi.
      Sappiamo come è andata a finire. Lo sanno anche LORO.

      Massimo Tosi

      • il Moralista scrive:

        Caro Massimo, non bisogna neppure guardare molto lontano. In Francia il popolo sta concretamente resistendo contro i tecnonazisti Valls e Hollande. La polizia francese reprime sul modello di Petain rendendo evidenti e finalmente percepibili le logiche di sterminio contro i più deboli che sottendono alcune scelte politiche fintamente “neutre”. Lo dico da tempo. Quando il potere non riuscirà più a convincere i subalterni con la manipolazione mediatica passerà al piano B. E il piano B è sempre lo stesso: quello già rodato in passato da Videla e Pinochet…

    2. Spartaco scrive:

      Grande Toscano! però se si parla di distribuire la ricchezza bisogna parlare di cosa è la moneta (Mammona); e non intendo delle ca__ate tipo signoraggio o sovranità monetaria. Intendo parlare della moneta come strumento di manipolazione di massa. Visto che l’uomo è programmato per cacciare e raccogliere frutti dentro la foresta, alla borghesia organizzata è stato sufficiente far credere alle masse (astrazione, estrazione, ostruzione, istruzione, distruzione) che la foresta ormai si era trasformata nel mercato e la selvaggina e i frutti erano diventati la moneta. Così l’uomo del popolo ancora oggi esce di casa per cacciare il denaro senza sapere realmente cosa sia. La Borghesia invece sa bene cosa è la moneta, e soprattutto sa bene come accumularla dato che ogni gruppo di potere organizzato possiede le sue idrovore (Banche, Multinazionali, miniere, giacimenti etc. etc.); il cittadino ignaro, invece, anche riuscisse ad accumulare un tesoretto, nell’arco di una o due generazione lo vedrebbe dissolversi nel mare del mercato e riassorbito dalle idrovore di cui sopra. Fino a quando continueremo ad accettare questa moneta occultabile sarà impossibile distribuirla. I cittadini devono diventare padroni della moneta nel senso che devono conoscere quanta moneta c’è in circolazione e come è distribuita; e per questo serve una moneta tracciabile. Così si può impedire che si formino gruppi di potere che finanziano politica e informazione e con una fiscalità monetaria si possono distribuire i capitali che non vengono impiegati per creare occupazione e sviluppo sostenibile. Se aspettiamo che le regole le cambino i partiti, che da sempre sono pagati dalla finanza, siamo freschi!!

      • Rospo scrive:

        un economista perfetto !!!! ahahhaha…..oi oi oi….si restiamo freschi ( con una visione del genere…) by

        dimenticavo: il vero potere…ama le persone con visioni del genere….le visioni (o allucinazioni ) sconclusionate a “loro” piacciono…ci fanno il brodo di giuggiole…e ridono da matti.

        posso ? ecco….quello che hai scritto non ha ne capo ne coda.Il Vero Potere…ha bisogno di gente che insegue farfalle….ciao.

        d’accordo invece sul Signoraggio = cazzata….

        • Rospo scrive:

          .Il Vero Potere…ha bisogno di gente che insegue farfalle….ciao.
          (Cit. Rospo precedente )
          —-
          —-

          deve esser per questo che quel simpaticone di Soros…promuove e sponsorizza Movimenti Antisistema (vacui…. ovviamente, mica scemo il ragazzo…. ) con idee farfallotiche molto simili alle prime da te espresse. Sembra paradossale ma ci va a nozze: le finanzia ovunque (assieme ad opere filantropiche …è un bravuomo il ragazzo…ahahah) . E’ un caso ? non è un po strano ?….

      • gio scrive:

        azzo… per una volta concordo col rospo

    3. Spartaco scrive:

      Allora rospetto ti pongo questo problema:

      “Esiste una minoranza di multimilionari che gestisce patrimoni pari alla ricchezza complessiva del restante 50% più povero”. Come dividere la ricchezza e impedire che la finanza organizzata gestisca il potere?

      Svolgimento:……………………

      Hai tutta la notte………Ahahahahah!

    4. OpSoR scrive:

      ma guarda che se ci fosse una forte “volontà politica” e una presa di coscienza della gente ..la soluzione non è mica tanto difficile…ed è tecnicamente “fattibile” senza fare grandi rivoluzioni o pensare a nuovi “sistemi economici”…bastano delle semplici leggine da applicare nel nostro sistema …cosi come è..il fenomeno (in “crescendo” da 25 anni in qua ) dei ricchi che diventano sempre più ricchi e dei poveri che diventano sempre più poveri, visibilissimo nella patria del capitalismo iperliberista criminale come gli Stati Uniti (un americano su tre è ormai povero ..) si sgonfia notevolmente..e si inverte anche il trend (bastano poche leggi ma incisive )

      il resto domani (ma non c’è molto da dire : lo sanno tutti…non ci vuole mica un supermaster in economia per sapere “cosa bisogna fare” senza sradicare il sistema esistente o fare grandi rivoluzioni ..ma agendo sistematicamente sull’esistente modificandone il trend per “FORZA DI LEGGE ” ).

      La risposta la conosci già (perché è semplicissima )

    5. lorenzo scrive:

      Il problema è che le elites le leggi o le ignorano, o le modificano a proprio piacimento. Non voglio paventare l’ascesa di un nuovo Lenin, ma è evidente che porgere l’altra guancia dà diritto al regno nei cieli e all’inferno in terra. Senza offesa per Don Rospo…

      • OpSoR scrive:

        non mi offendo (ma figurati…) . Ed è pure verissimo cio che dici…

        Ma se c’è una forte presa di coscienza a livello di massa in una democrazia quantunque deficitaria e imperfetta…certe cose non le possono fare. In sintesi in una vera Democrazia..al potere “indirettamente ” ci deve stare anche la “gente”..se la gente si fa sviare sistematicamente ..ovvio che loro fanno quel che vogliono (se non ricordo male Francesco Cossiga nel suo libro “Fotti il potere” lo spiega bene: se si vuole si riescono a bypassare o scardinare tutti i principi costituzionali fondamentali…il tutto è possibile grazie alla “distrazione di massa “..) .

        Faccio un esempio: la Glass-Steagall act ..

        era una legge introdotta negli anni trenta per frenare la speculazione finanziaria attraverso il sistema bancario..che (come oggi ) fu una delle cause (non la sola ) che portarono alla crisi del 29. Quella legge era efficace: funzionò .

        Agli inizi degli anni 90 si modificò il sistema bancario (passando ad un sistema di cosiddetta “Banca Universale” …) e poi nel 99 il Clinton firmò l’abolizione della Glass-Steagall act.. e si è ripetuta all’ennesima potenza il disastro del 29 (questa crisi attuale è peggiore .perché persiste da sette anni e non è ancora esplosa nella sua drammaticità —>> sintesi: i sorci verdi non li abbiamo ancora visti..).

        Le forze sociali che si vantano di avere “coscienza politica ” (le sinistre rosso cupo e rosso sbiadite ) lo hanno impedito ? NO…non solo: la hanno sdoganata e promossa loro …gli economisti a “impostazione marxista ” dove stavano ? sonnecchiavano ?

        Il “popolo de sinistra” ndo stava ?

        L’abolizione di quella legge ha permesso un incremento della ipersuperfinanziarizzazione del sistema economico e fortune immense per i già supericchi…ed ha distrutto e sta distruggendo l’economia reale.
        Se ad esempio si reintroduce il Gall Steaglass act..perché la gente lo chiede con forza (spazi ancora ce ne sono: pochi …ma ce ne sono ) …si eliminano di botto i presupposti per nuove Lehman…

        ma questo è solo un frangente di quello che “andrebbe fatto ” (poche cose ma incisive) per invertire il trend.

        la rivoluzione ?

        Hai citato Lenin: che diceva che il paradiso lo lasciava agli angeli e hai fessi cristiani. Infatti si è visto che “paradiso in terra ” ha costruito: un orrore senza fine replicato sistematicamente in ogni dove: Unione Sovietica, Cina,Cambogia, Cuba…e comunismo andando..più l’osceno e sistematico “tradimento” di quella frangia ideologica radicale e moderata …nei paesi occidentali: UN FALLIMENTO IDEOLOGICO TOTALE.

        Le rivoluzioni violente vanno evitate sino a che è possibile: solitamente vengono cavalcate ,pilotate e la risultante è un incognita ….si rischia quasi sempre di passare dalla padella alle brace.

        Oggi non c’è reazione incisiva democratica perché la “gente” non ha preso pienamente coscienza…significativa una frase di Brezinski di qualche anno fa: “…bisogna fare in fretta perché una parte della popolazione sta prendendo coscienza ..” (sempre troppo minoritaria …a mio avviso )

        Il Vero Potere non ha paura di chi ha un “modus pensandi” tipo quello dei “Centri Sociali”(quelle merducchie che ancora portano il viso di Che Guevara nelle magliette come se fosse un santino ….anzi…a loro in certi frangenti ste “merducchie” ideologiche ..servono…fungono…(le finanziano pure )

        ha paura di chi “capisce bene la situazione” , prende coscienza ed opera incisivamente nel sistema per modificarla ….da qui la studiata “distrazione di massa”continua e perseverante frutto di un sistema di ingegneria sociale ben studiato e oliato (es. Istituto Tavistock docet ) ..: questo bisogna scardinare.. ..perché gli strumenti per farlo ci sono.

        in sintesi voglio dire: la reazione violenta ..puo essere cavalcata da loro a sua volta…(è prevista ed è previsto cosa bisogna fare…) in altre parole: il sangue bisogna evitare il più possibile che scorra…tranne non ci sia proprio alternativa.Voler evitare il sangue che scorra…non significa “porgere l’altra guancia “…: ci sono forme di reazione non violente che possoo essere decisive,incisive e determinanti—>>> ma ci vuole coraggio , convinzione e intelligenza: SI VEDE SOLO PECORUME (in particolare nei “giusti per eccellenza ” = I SINISTRI )(PS: questo non vuol dire che io sia di “destra” per quello che si intende per destra: perché non lo sono )

        Il fatto che negli Stati Uniti…si voti in massa per Trump e per Sanders..vuol dire che qualcosa sta succedendo nella gente…(Sanders..è un classico e vecchio socialista (non marxista ) —>> sino a poco tempo fa uno con le sue idee negli Stati Uniti avrebbe avuto la strada sbarrata sin dall’inizio …

        che stia succedendo qualcosa lo dimostrano certi sondaggi: uno fatto recentemente dall’Università di Harvard..conferma ad esempio…che il 50% dei giovani sino ai 35 anni ha un opinione negativa della tipica “visione capitalista ” americana considerata da sempre un “valore”..oggi non più. Sempre negli Stati Uniti…una buona franga della popolazione esprime una certa simpatia o non ostilità per Putin (anche questo è un segnale di una presa di coscienza di cosa è veramente il “sistema americano” visto da alcuni statunitensi stessi come oppressivo e opaco..e non come l’espressione della “libertà” e dell’opportunità per tutti.

        • OpSoRlasinistradiieriedioggimifavenirladiarreaeilvomito scrive:

          oggi..ammesso che sia necessario ribadirlo (è cosi evidente ) ..il peggior fascio/ipercapitalismo neoliberista/reazionario…ha indossato gli abiti “de sinistra”.

          anzi : non oggi…ma da 25 anni.

          sinistra : bugiarda e criminale ieri—>> bugiarda e criminale oggi.

          da buttare nel cesso e tirare lo sciacquone. Il non lo si cambia in meglio con i topi rossi. (non meritano odio : ma totale disprezzo ). Citare “la sinistra” come paradigma di riferimento per un eventuale “riscossa di giustizia sociale ” è vacuo e irritante….il fallimento ed il tradimento va cestinato senza appello.OGGI E’ TRAMITE LORO CHE CI STANNO OPRIMENDO .

          • Spartaco scrive:

            Caro rospetto guarda che la moneta viene usata come strumento di manipolazione da più di 25 anni. Ne parlano anche i vangeli di Mammona, e fidati che di economia ne sapevano più di te e Soros messi insieme. Non guardare che hanno messo in bocca al Nazzareno la famosa frase : Date a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio. Mi sembra ovvio che un rivoluzionario non può invitare gli oppressi a pagare le tasse agli oppressori.
            Se poi vai avanti nel tempo ti accorgerai che Federico II si sbrigava a scendere in Italia ogni qualvolta un Comune provava a battere moneta.
            Vedi rospetto, devi partire dal presupposto che le leggi attuali che regolano la proprietà privata e la moneta sono figlie di continui accordi, spalmati nel tempo, tra la Borghesia, la Chiesa, e l’Aristocrazia, che hanno usato la manipolazione per far accettare il sistema al popolino. Quindi ti consiglio di spingerti un po’ più indietro nel tempo e non fermarti ad esaminare solo l’ultimo quarto di secolo.

      • gio scrive:

        Anche si vi fosse una riforma complessiva del sistema normativo in favore del “popolo” e contro certe ideologie economiche, in assenza di un potere “centrale” che ne imponga l’osservanza, tali norme, leggi, regolamenti etc. etc. non saranno MAI IMPERATIVI. Tale funzione coercitiva è stata tradizionalmente svolta dagli Stati nazionali.

        Tuttavia bisognerebbe riflettere sul fatto che noi pur essendo uno stato-nazione con tutti i crismi e a costituzione formalmente invariata portatrice di sani valori sociali osserviamo e viviamo sulla nostra pelle questo cambiamento radicale di ideologia. Come è possibile?

        Piaccia o meno l’autore del blog lo dice chiaro. Si tratta di uno scontro ideologico. Le elites hanno sovvertito i rapporti di forze tra classi in proprio favore e solo dopo aver riaffermato ed inoculato nella mente dei più un nuovo paradigma (quello attualmente imperante) si sono servite degli strumenti giuridici ed economici atti ad implementarlo e consolidarlo.

        Lo scontro è ideologico, dunque culturale.

    6. Voglio andare oltre la modestia: tra qualche anno ci studieranno e finalmentre comprenderanno il vero senso dello Stato- del POPOLO- del rapporto tra Stato- economia e finanza. Grande Francesco!

      Lunga vita!

    7. Rospo-->>>icomunistisondeicoglionicongeniti:irrecuperabili scrive:

      potere organizzato possiede le sue idrovore (Banche, Multinazionali, miniere, giacimenti etc. etc.); il cittadino ignaro, invece, anche riuscisse ad accumulare un tesoretto, nell’arco di una o due generazione lo vedrebbe dissolversi nel mare del mercato e riassorbito dalle idrovore di cui sopra.(potere organizzato possiede le sue idrovore (Banche, Multinazionali, miniere, giacimenti etc. etc.); il cittadino ignaro, invece, anche riuscisse ad accumulare un tesoretto, nell’arco di una o due generazione lo vedrebbe dissolversi nel mare del mercato e riassorbito dalle idrovore di cui sopra.(Cit. Spartaco )
      ——
      ——

      Questa cosa qui è più o meno vera: la iperfinanziarizzazione sviluppatasi in questi ultimi 25 anni..su un terreno di base neoliberista (l’unico sistema che rende possibile la finanziarizzazione estrema del sistema economico ) è stato costruito ad arte proprio per “prosciugare” l’economia “reale” (profitti da lavoro ) con un meccanismo oserei dire quasi diabolico che rende l’economia reale perennemente “debitoria”… di un debito tecnicamente insolvibile che porta il sistema finanziario ad essere una sanguisuga insaziabile…
      in sintesi: il sistema finanziario serve per e in funzione dell’economia reale …son stati invertiti i ruoli: l’economia reale in funzione della finanza e questa strutturata funzionalmente solo ed esclusivamente per produrre enormi profitti ai cosiddetti “grandi renties ” ed una certa “èlite” aristocratica reazionaria (la solita di cui si parla da anni..), quest’ultima è stata messa un po da parte dopo la Rivoluzione Francese..ma è sempre stata viva,vegeta e operante..e in questi ultime 30 anni è riuscita o sta riuscendo a riprendersi il controllo di tutto: una sorta di “restaurazione” di un ancient regime di tipo feudale post moderno (peggiore di quello precedente ). Sintesi: vogliono spazzar via tutto cio che si è conquistato in questi ultimi 300 anni..in particolare in questi ultimi decenni post seconda guerra mondiale: diritti , welfare, libertà, benessere di massa, democrazia etc etc.—->> hanno in mano tutTo: moneta. enormi capitale, servizi segreti,banche , le strutture dell’economia reale, i mass media, la gestione e il controllo militare, la tecnologia più sofisticata , ottimi cervelli al loro servizio etc etc—>>> EPPURE DICO CHE NON SONO INVINCIBILI SE LA GENTE PRENDE COSCENZA…

      Su questo sono d’accordo. E sul resto che tendo a non condividere o che è ambiguo e lascia intravedere delle “soluzioni” che io reputo prive di costrutto ed efficacia.(dico “intravedere” perché ne fai un accenno…)

      riposto una famosa frase di chi di “denaro” da sempre se ne intende (frase molto diffusa nell’web …citata a proposito e soprattutto in un certa area di natura paranoico /complottista ..a—->> sproposito.

      “datemi il controllo della moneta di una nazione e non mi importa di chi farà le sue leggi”

      Mayer Amschel Rothschild (attualmente la sua discendenza controlla la FED)

      The Jewish Encyclopedia Volume X, 1905 (P. 494)
      ——-
      ——-

      Questa frase al contrario di quel che tu affermi (tu ed altri …in questo e altri blog ) ti dovrebbe far riflettere sull’importanza della

      —>> sovranità monetaria (f-o-n-d-a-m-e-n-t-a-l-e e lo SOTTOLINEO..per gestire l’economia di un Paese , sovranità incastonata solidamente in un contesto democratico quindi controllata e gestita da Istituzioni elette dal popolo …sovranità che abbiamo perso totalmente (Rothscild docet …e non a “caso ” )

      —–>> e sull’importanza della “moneta” in generale (una moneta sbagliata o gestita male ti distrugge un economia sana …e te la distrugge in breve tempo ..)

      cosa bisogna fare ?

      —>> riprendersi la sovranità monetaria ( chi dice il contrario o è un falsario in mala fede o è un cogl….o peggio ancora tutte e due le cose messe insieme )

      —->> ritornare al sistema pre anni ottanta (migliorandolo ulteriormente ) cioè abolire la separazione tra Banca Centrale e Tesoro (possibilmente ..fosse possibile eliminare l’approvvigionamento del denaro tramite sto sistema assurdo dell’emissione dei Titoli ..ma iniettare direttamente nel sistema bancario la moneta ..creando un apposito Organismo di Controllo dell’Emissione rigorosamente gestito democraticamente e in modo non opaco.

      ——>> Eliminare parte del sistema finanziario …per “forza di legge” cioè quella parte non strettamente utile al sistema dell’economia reale (il lavoro )…non permettere o permettere il meno possibile che si possano fare i soldi con i soldi —>>> i profitti devono venir dal lavoro non dalla fuffa finanziaria (oggi il mondo per tale ragione è indebitato di circa 50 volte il PIL reale…un enorme bolla..che distrugge l’economia reale ) ..l’aspetto finanziario in un sistema economico non può essere eliminato del tutto: serve in funzione dell’economia reale..ma deve essere ben regolato tramite legge con dei paletti ben precisi: non deve debordare.

      —->> Separare nettamente le Banche a funzione pubblica da quelle a carattere speculativo ..e tutta la legislazione bancaria deve fondamentalmente essere indirizzata in funzione e a vantaggio dell’economia reale : di tutti noi.(il sistema bancario è fondamentale..in economie complesse non ne puoi fare a meno…ma deve essere ben regolamentato e controllato: le banche per sua natura sono “amorali” non hanno sentimenti—>> se non metti i paletti..sbranano senza pietà )

      —->>eliminare la disoccupazione involontaria ..eliminando “casse integrazioni” etc etc..il tenere milioni di persone di tutte le età in stato inattivo per anni…produce dei danni sociali in tutti sensi enorme..con un “costo” che a lunga andare di gran lunga superiore al ipotetico costo di dar un lavoro di transizione con una retribuzione minima un po inferiore a quella del settore privato (e non l’Haykiano Reddito di Cittadinanza proposto dai quelle teste di cazzo inutili e pericolose chiamato : Movimento Cinque Stelle..detto e premesso che retribuzioni gratuite senza corrispettivo di lavoro non bisogna darne MAI..sono socialmente dannose, non producono nulla, creano parassitismo, ed producono inflazione )

      Su quest’ultimo punto bisognerebbe fare un post…e non ne ho voglia. Vado a dar da mangiar al gatto….

      by by
      Rospo/ilmovimentocinquestellenonèacquabuonamancoperfarcisiilbidè

      ps: ho scritto di getto…non rileggo se ci son cazzate che azz me ne frega (tanto scrivo sempre male, sgrammaticato e a istinto..)

      SE SI FACESSE “SOLO” QUESTO (ED è TECNICAMENTE FATTIBILE ) IL TREND SI INVERTIREBBE IMMEDIATAMENTE..(Ho fatto degli accenni ..ci sarebbe da dire altro..e da esporre in tutt’altro modo in senso tecnico—>> il tutto è un pochettino più complesso…è solo per dar un idea di cio che andrebbe fatto.

      • Spartaco scrive:

        Carissimo Rospetto, nella speranza che la quantità di cibo che somministri al gatto non sia direttamente proporzionale a quanto scrivi, mi volevo felicitare per aver trovato qualche punto un in comune.
        Quello che non condivido è quando sostieni che negli ultimi 30 anni l’ aristocrazia reazionaria, che era stata messa da parte dopo la rivoluzione francese, adesso si sta prendendo il controllo di tutto. Io invece sostengo che capitalismo e comunismo sono due facce della stessa medagli e cioè la dittatura dei pochi sui molti; Ecco che, dato che il capitalismo è risultato alla lunga più efficiente per sfruttare e controllare il popolo, Cina e Russia hanno deciso di stringere accordi con l’occidente per creare un nuovo ordine mondiale all’insegna del capitalismo. Qualcosa è andato storto però, come scrive un certo Kssinger Henry nel suo Ordine Mondiale ( E grazie al ca—o gli americani volevano solare i cinesi e i russi). Se fosse andato bene l’accordo non ci sarebbero stati distinguo fra reazionari e progressisti , ma tutti insieme si sarebbero vantati per aver creato un mondo migliore (per loro). Ti sei mai chiesto perché i progressisti occidentali, che erano al corrente da trenta anni di questi piani, solo ora che stanno fallendo prendono le distanze? Prodi per l’Italia è un ottimo esempio.

        • Rospo scrive:

          a Spartaco…se mi dai spago…io te riempio il forum di post che non finiscono più…e gli altri (non a torto a dire il vero ) mi mandano a quel paese…io sono il re del bla bla bla quasi patologico …non mi devi dar spago;-)

          forse risponderò (forse ) …mo mi preparo una pastasciutta(e non solo…) che ho fame.(non deve magnà solo il gatto..)

          una piccola cosa

          secondo me (che credimi sono tutt’altro che una persona colta —>> essere puntigliosamente informati non vuol dire essere colti: ho uno spessore culturale di 3 millimetri e qualcosa …)..i tre orrori di questi ultimi 100 anni sono
          –> il nazifascismo
          —>> il comunismo (non solo reale ..ma anche teorico/filosofico..su quest’ultimo ci sarebbe tutto un discorso da fare ..che ovviamente e meglio lasciar stare..ma lo ho messo in evidenza perché “ancora ” troppi fanno il distinguo tra “comunismo reale” e quello teorico/filosofico—->> invece a mio parere l’errore e il conseguente “orrore” sta proprio insito nell’aspetto teorico : e la peggior teoria economico filosofica che l’uomo abbia mai potuto partorire–> lo ripeto: quasi diabolica(la diabolicità sta nella sublime capacita di nascondere l’”errore/orrore” con argomenti condivisibili , giusti,quasi evangelici: invece quella teoria di fatto nasconde una violenza senza fine—->> non per nulla ha prodotto “sistematicamente” l’unica cosa che poteva produrre manifestando nel “concreto” il suo vero volto:alienazione di massa, abruttimento, povertà,tortura, lager , sterminio…sino all’implosione per mancanza propusliva(NON POTEVA ESSERE DIVERSAMENTE ) .Ciononostante ha incantato per un secolo milioni di persone : T-E-R-R-I-B-I-L-E.(Ci sarebbe da fare un poema che non finisce più su cosa è veramente il Marxismo )(detto questo: a frangenti contiene analisi giuste se estrapolate da tutto l’insieme ..alcune valide tutt’oggi. )

          —->>> il CAPITALISMO selvaggio

          di quest’ultimo però…non ne abbiamo visto il volto malvagio nella sua pienezza …lo vedremo fra non molto (nell’arco dei prossimi anni..non so quando ma lo vedremo ) e forse sarà più tragico dei due precedenti.

          ma sul capitalismo (che è un termine un po vago che non definisce bene ) ha possibili molteplici volti…alcuni dei quali a mio parere positivi e condivisibili : noi in parte e solo in parte siamo vissuti con un capitalismo ..che non è stato esattamente malvagio tutto sommato—>> secondo me è possibile un capitalismo “dal volto umano” se vuoi lo chiamo “capitalismo socialista”

          il “capitalismo socialista” a mio parere è una via percorribile

          l’indirizzo che stiamo prendendo in particolare in questi ultimi 3 decenni è —->> il Capitalismo Selvaggio (iperliberista, reazionario,fascista, elitario , feudale..etc etc )—>> questo ci porterà ad una tragedia prossima ventura (peggiore delle precedenti )

          so che mo mi definite un rospo spostato di cocomero…eppure la penso cosi

          bye bye

          l’ultimo post prolisso che ho fatto …si riferisce proprio a un “possibile” capitalismo socialista dal volto umano.

          • Spartaco scrive:

            A rospè non essere ingenuo però dai!. Non è che noi abbiamo vissuto un capitalismo dal volto umano per puro caso. Quelli che ci governava in occidente, prima che cadesse il muro, per evitare che i partiti comunisti occidentali crescessero troppo, hanno fatto finta di essere buoni. Dopo il 1989, convinti di aver vinto hanno mostrato invece il vero volto. Non esiste un capitalismo socialista e un capitalismo liberista, anche perché i gruppi di potere e le famiglie che ci governano sono sempre le stesse da qualche secolo. E’ come se dicessi che c’è stato un Hitler socialista e un Hitler iperliberista, capisci che è una ca__ata no!!

            • Rospo/bisognatenereipiediperterranoninseguiresorosianefarfalle scrive:

              Caro Spartaco
              la risposta è NIET….non son d’accordo. Ma dovrei per essere esaustivo …fare post lunghi per spiegare il perché e il percome…e non è il caso (purtroppo io non ci riesco ad parlare di certi argomenti in sintesi..è una dote espressiva che ..aimè…mi manca proprio ) .

              una precisazione:

              Ho scritto nel precedente post :

              “…. noi in parte e solo in parte siamo vissuti con un capitalismo ..che non è stato esattamente malvagio tutto sommato—>> secondo me è possibile un capitalismo “dal volto umano” se vuoi lo chiamo “capitalismo socialista”

              il “capitalismo socialista” a mio parere è una via percorribile….”

              sottolineo : in parte e solo in parte….

              e poi: che una forma di “capitalismo socialista dal volto umano “…è possibile…

              detto e premesso che uso il termine “capitalismo” convenzionalmente per identificare il nostro sistema occidentale..ma è un termine vago..che potrebbe racchiudere tanti significati (non mi riferisco certamente ad una sorta di “capitalismo” in senso ideologico come lo intende la critica marxiana & affini.)

              NON BISOGNA BUTTARE IL BAMBINO CON L’ACQUA SPORCA…per distorsione e fissazione preconcetta ideologica .

              Parto da cio che c’è stato di buono nel nostro sistema dal dopoguerra in poi (sino agli anni ottanta: sviluppo economico e sociale..come non c’è mai stato nella storia —>> un balzo in avanti notevole..delle classi povere MAI visto precedentemente (sfido chiunque a “oggettivamente” smentirmi..è un “DATO DI FATTO ” .al netto..deli clan massonici o no, della manipolazioni, delle solite èlite etc etc operanti prima , durante e dopo..)

              Bisogna ripartire da “quel sistema economico ” con quella Costituzione : la nostra—>> una delle migliori al mondo (non rispettata,aggirata.. migliorabile in alcuni parti…ma non più di tanto.., etc etc )

              MA è DA LI CHE BISOGNA RIPARTIRE…non inseguire farfalle o peggio ancora …”cristallizzarsi” ostinatamente e ottusamente in modo cripto o esplicito su basi ideologiche tragiche e fallimentari..come soluzione alla situazione attuale.

              UN CAPITALISMO (termine ripeto usato da me convenzionalmente )SOCIALISTA E DAL VOLTO UMANO è POSSIBILE (LO è TECNICAMENTE..non è un affermazione ideologica )

              il metro di paragone nostro sistema precedente ( dal dopoguerra agli anni ottanta ) al sistema Hitleriano non ha ne capo ne coda ..è totalmente fuori luogo—->>> frutto di un forte condizionamento psicologico conscio o inconscio .. che ha origine in una certa retorichella trita e ritrita di una certa “ideologia” che ha ammorbato la nostra cultura…ideologia che paradossalmente è l’altra faccia terribile del nazismo —->>> inteso come bruttura e sopraffazione: cambia solo il colore —->>> dal nero al rosso .NONOSTANTE TUTTO anche involontariamente…di quella velenosa strisciante retorichella ne siamo pervasi…: si vede anche dai tuoi ragionamenti.

              ciao

              ciao

              PS= ripeto —->>> SOROS & AFFINI…AMA SVISCERATAMENTE CHI INSEGUE VACUE FARFALLE….

    8. paolodix scrive:

      Uei, che commentone!
      Praticamente più lungo dell’articolo stesso.
      Forse sarebbe il caso di fondare un altro blog, cerchiamone il nome. Dunque… “Il Moralista” no, c’è già. E poi dovrebbe riflettere i contenuti che trasmette… allora vediamo… trovato: “Il Casinista”.

      • Rospo scrive:

        E poi dovrebbe riflettere i contenuti che trasmette… allora vediamo… trovato: “Il Casinista”.

        ——
        ——

        Sui contenuti…beh..questi in un post fatto da me li decido (condivisibili o meno…giusti o farlocchi..: si chiama liberta di espressione )…sullo stile tendente leggermente al casinaro è un po vero (nessuno è perfetto..)

        Sui contenuti puoi sempre esprimere la tua opinione e dire che son cazzate con annesso il perché (graditissimo )

        Sul resto: stile , parole poco eleganti, tendenza al prolisso, mancanza di sintesi , sgrammaticatura espositiva, interventi molteplici,stile poco elegante non elaborato nell’espressività etc etc..il Francesco è sempre padrone di metterci dei paletti se lo ritiene opportuno..

        ma è un problema ? a leggere tutti i post miei e non..ci si impiega si e no 5 minuti ..ripeto: è veramente un problema?

        io discussioni su certi argomenti a telegrammi non riesco a farne .

        Spartaco mi ha dato l’imput e io ho risposto.

        sono un Rospo.

        Qui e altrove scrivo sempre in questo modo .e scrivere nei blog: mi piace, mi rilassa e mi diverte…se me lo lasciano fare..se no..o mi adeguo o svolazzo in un altro blog (non mi offendo e non mi metto problemi )

        è vero: tendo ad essere invasivo…;-)

        • paolodix scrive:

          Ma dai, scherzavo.
          E poi, lo ammetto, i tuoi commenti rivelano che sei una persona informata e attenta, tipico di chi svolazza tra un blog e l’altro.
          La qualità di un blog è fatta anche dai commenti dei suoi lettori e su questo, dove peraltro non c’è nemmeno moderazione, direi che è decisamente alta.
          Anche grazie ai tuoi interventi.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    O VOTI PER IL...

    Scritto il 6 - giu - 2016

    25 Comment1

    LE FORZE DELLA TERRA...

    Scritto il 22 - giu - 2019

    0 Commenti

    I COLLABORAZIONISTI DI OGGI...

    Scritto il 29 - ott - 2012

    8 Comment1

    QUESTA EUROPA E’ UN...

    Scritto il 3 - lug - 2012

    1 Commento

    NOIO VOLEVAM SAVUAR

    Scritto il 14 - mar - 2012

    3 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.