imagesTLAEV8JANel Marzo del 2014 pubblicai un pezzo per il lettori de “Il Moralista” titolato “Le quattro fasi del neonazismo tecnocratico” (clicca per leggere). Di fronte all’imperversare delle solite mistificazioni a beneficio dei gonzi, tentavo allora di offrire uno schema semplice per consentire a chiunque di cogliere i dati salienti della svolta autoritaria in atto, occultati da una informazione schizofrenica che parla di continuo di ciò che è futile per distogliere l’attenzione da ciò che è importante. Chi fosse interessato può rileggere per intero l’articolo indicato in apertura. A me preme adesso porre l’attenzione solo su un singolo aspetto dell’analisi fatta allora, quello riguardante la cosiddetta “fase D”, la fase finale. “Quando i nazisti tecnocratici non riusciranno più a manipolare le masse in maniera incruenta grazie al sapiente utilizzo dei mass media”- sostenevo già anni orsono- “passeranno alla violenza fisica”. Quel momento è arrivato. Valls in Francia, per tacitare un popolo dignitoso che non si piega di fronte alla reintroduzione dello schiavismo, pensa addirittura di vietare il diritto di manifestare. In Inghilterra, invece, a pochi giorni dal  referendum sulla “Brexit”, ritenuta altamente probabile nonostante le indicazioni in senso contrario di Cameron e Corbyn, un fanatico ammazza la parlamentare laburista ed europeista Joe Cox  al grido di “Britain first”. Naturalmente, sulla base dell’emozione e dello sdegno causato dall’omicidio, la posizione di quelli che vogliono ancorare la Gran Bretagna all’Europa si rafforza automaticamente (“non vorrete mica fare il gioco dei nazionalisti assassini”?). Il progetto mondialista in atto, ben spiegato da Brzeziski nel suo “La Grande Scacchiera”, non prevede passi indietro. Bisogna continuare a lavorare per imporre il modello unico neoliberista in ogni parte del mondo, attraverso soprattutto la stipula di trattati transatlantici (TTIP) e transpacifici (TTP) che sanciscono di fatto il definitivo trasferimento dei poteri dal pubblico (gli Stati) al privato (multinazionali e banche d’affari). Se, nel mezzo di questo processo epocale, un Paese importante come l’Inghilterra scegliesse invece di valorizzare e riattualizzare il ruolo dello Stato nazione, quali rischi potrebbe correre in prospettiva il progetto massonico e globalista fin qui costruito con tanta cura e pazienza dai soliti aguzzini in doppio petto? Rischi gravissimi e potenzialmente fatali dico io, perché un’ eventuale vittoria del “no” alla Ue  costituirebbe il classico detonatore di un malcontento diffuso che può far crollare l’intero infame edificio. I nazisti tecnocratici non possono assolutamente perdere il referendum del 23 giugno. Il 16 giugno, ad una settimana precisa dal voto, un fanatico uccide l’europeista Cox. A questo punto le possibilità sul tappeto rimangono essenzialmente due: o si è trattato di una fatalità oppure no. Nel primo caso c’è poco da aggiungere, cosa si può dire di fronte al gesto di uno squilibrato di orientamento nazista che, influenzato dalla durezza del dibattito politico, ha compiuto un atto scellerato? Nulla, al massimo è possibile invitare banalmente tutti ad “abbassare i toni”. Volendo approfondire la seconda ipotesi, invece, è lecito chiedersi preliminarmente “cui prodest” il barbaro omicidio di Joe Cox? E’ davvero possibile escludere con matematica certezza che qualche cervello lucido non abbia inteso volutamente armare la mano di un patetico folle? E’ legittimo o no porsi un interrogativo di questo tipo? O  è  forse impedito dalla dittatura del ”politicamente corretto” che obbliga tutti ad accettare versioni ufficiali che non spiegano mai nulla per non correre il rischio di finire nel girone dei “visionari” e dei “complottisti”? Ancora oggi ci si interroga sulle reali dinamiche che portarono agli omicidi di J. F. Kennedy e Martin Luther King; ancora oggi non è chiaro il vero movente del tentato omicidio di Reagan; ancora oggi è avvolto dal mistero “l’incidente” che costò la vita a Mattei, e ogni giorno spuntano versioni diverse sul sequestro e l’assassinio di Aldo Moro.  Per non parlare dell’11 settembre e della fantomatica presenza di inesistenti armi di distruzione di massa che indussero Blair a fiancheggiare la sporca e ipocrita guerra americana in Iraq. Tutti interrogativi che affascinano perlopiù i soliti incalliti complottardi? Ne dubito. Solo i lobotomizzati non si fanno mai domande. Poco tempo fa Donald Trump disse che il padre del suo ex sfidante Ted Cruz era stato visto in compagnia di Lee Harvey Oswald poco prima dell’assassinio di Kennedy, mandando in tal modo un preciso segnale che chi doveva capire magari ha capito. Non solo nell’Italia dei “creduloni grilleggianti” circolano evidentemente alcune chiavi di lettura “non convenzionali”, bollate come “fantasiose” e “incredibili” da giornali di proprietà di quelli che guidano e difendono una globalizzazione antiumana e affamante. Costi quel costi.  

    Francesco Maria Toscano

    18/06/2016

    Categorie: Editoriale, Esteri, Politica

    30 Commenti

    1. raffaella c. scrive:

      Personalmente mi auguro che la Gran Bretagna esca dall’UE.
      L’onda emotiva non fermerà di certo la volontà di quella parte di Inglesi a favore dell’uscita… (a meno che non arrivino a truccarne il risultato numerico)
      Sono convinta invece che si sia entrati nella fase di risorgimento.
      Forse sarà lenta, la rivoluzione, ma è indiscutibile che sia già in atto.
      Il “popolino”, come ci definiscono, ha smesso di ubbidire ciecamente nonostante il costante terrorismo mediatico, delle multinazionali e dell’alta finanza.
      La Grecia ci aveva provato ma è stata tradita, con la GB invece la voce grossa non la possono fare. (stanno scodinzolando inutilmente)
      L’effetto domino sarà inevitabile, sono finiti.

      • Massone Venduto alla Finanza scrive:

        http://m.cdt.ch/commenti%20CdT/commento/157707/brexit-ha-gi%C3%A0-perso-nel-peggiore-dei-modi

        Come Tarantelli, Biagi, ed altri sacrificati dai loro stessi criminali danti causa.

        L’unione europea è stato un progetto violento, anti-lavorista anti-democratico da ben prima del manifesto di ventotene.

      • Ivan Stronzoski scrive:

        Ma mo che centra er “risorgimento”…poi ce sbomballa pure “a revoluzione”…ma quanno ho letto che è “lenta e inesorabile” me so pisciato de risate quasi come o “yoga da risata”,si si quello de quelli che cantano ar tramonto ahahahahahahah
        ma poi con “l’effetto domino” se superamo ahahahahahah
        Te vojo bene come me fai ride tu nun me fa ride nessuno…o forse si?

        • lola mezzolitro scrive:

          a bellicapé, quanno che scrivi vedi da rispettà un po’ a concinnitas de noantri.
          ce lo dovressi da sapé che forze se scrive co la zeta

        • raffaella c. scrive:

          Sono contenta che ti sia pisciato addosso, perché è l’unica cosa che puoi
          fare..

        • il Moralista scrive:

          Ivan cerca di essere gentile e rispettoso con Raffaella, che è una persona garbata ed educata…

          • Ivan Stronzoski scrive:

            Ah Francè nun t’ha devi prenne o stile romanaccio è romanaccio…se se mostramo sensibili co ste bazzecole che penseranno poi li tecnoeuropidi…gia’ me li vedo dì: “an vediii come sa pijano pe’ du risate manco javesserro rifilato quattro pappine ner derby(2 magari pure en fuorigioco)” :D ahahahhahaha

    2. Iacopo Biondi scrive:

      A mio modo di vedere le domande sono lecite. Però, dal punto di vista dell’azione e della proposta, abbastanza inessenziali. Non cambia molto se la mano sia stata armata o se semplicemente si è colta al balzo, a posteriori, la classica palla. E dico questo perché né nel primo né nel secondo caso, saremmo di fronte a una novità nella storia dei conflitti, tra nazioni, classi o gruppi di potere. Resta, come dato di base, che in questi giorni abbiamo di nuovo avuto la conferma di come il mercato, dotato di proverbiale razionalità, goda sia dei valori della “stabilita” (da tradurre come allontanamento e riparo dalla dinamica democratica), sia di omicidi, sangue e sacrifici umani. Una gran bella persona, il mercato.

    3. mi faccio di zenzero scrive:

      Complimenti

    4. learco scrive:

      Nel 2003 in Svezia era stata assassinata una donna, Anna Lindh, portavoce del fronte favorevole all’introduzione dell’euro in Svezia.
      L’omicidio era avvenuto 4 giorni prima del referendum in cui si sarebbero dovuti pronunciare gli svedesi, sempre ad opera di un folle, e anche in quel caso la donna aveva curiosamente 42 anni.

    5. Rospo scrive:

      A me la casa reale inglese fa schifo..(non sono certamente estranei a tutte le merdate che succedono nel mondo )…

      eppure stavolta…..quasi quasi mi è simpatica (si fa per dire )

      ecco …..

      http://www.maurizioblondet.it/elisabetta-datemi-tre-ragioni-perche-dobbiamo-restare-nella-ue/

      gli inglesi saranno antipatici …ma non son fessi..e sono tosti (non per nulla negli ultimi secoli non hanno perso una guerra ).

      Spero che l’Inghilterra esca da sto lager UE…e che segua a ruota la Francia…per poi far trovare un po di coraggio ai restanti vigliacchi (Italia in testa —>> che supera tutti in codardia ) e sta tragica stronzata chiamata UE/Euro si disintegri una volta per tutte.

      dopodiché non guasterebbe un bel processo a chi in Italia si è dato da fare per ridurre l’Italia in questo stato (da Prodi in poi)…

      Se dopo la (spero ) uscita della Gran Bretagna dall’UE…a novembre vincesse le elezioni il “mostro”,razzista, fascista,borderline,omofobo, islamofobo etc etc(e paraculate sinistrose andando) Trump ..sarebbe l’ideale: UE disintegrata!!!

      Forza Brexit , forza Trump….!!

      • Rospo scrive:

        ps.
        comunque vada noi non dobbiamo preoccuparci: c’è Magaldi e il MR…ahahhahahaha !!!!!

        • Rospo scrive:

          se l’UE/euro dovesse crollare (spero, spero e ancora spero…)…in un battibaleno non si vedrà uno pro euro/UE…tipico dei vigliacchi italiani..esattamente come il dopoguerra: tutti fascisti prima e tutti antifascisti dopo.

      • opsoR(gliEUristimefannoschifo)Rospo scrive:

        dopodiché non guasterebbe un bel processo a chi in Italia si è dato da fare per ridurre l’Italia in questo stato (da Prodi in poi)…(Rospo )
        —-ù—
        ——-

        Abbondanti ragioni c’è ne sono: TUTTO cio che è stato fatto da Mastrich in poi è anticostituzionale…ed è stato fatto in piena consapevolezza.

        E’ stato commesso un crimine..e i crimini vanno (andrebbero ) puniti.

        “Se” si disintegra tutto…purtroppo processi penali non se ne faranno—–>>> ma almeno un processo morale pubblico ..e che vengano spazzati via definitivamente..che non si possano riciclare.

        Ad un Prodi o un Monti&affini …tolta la nazionalità: esiliati e confiscati tutti i loro beni : perché no ?

        -distrutta una parte dell’assetto industriale italiano (privatizzazione selvaggia e sfascio dell’IRI ..ottimo asset perfettamente funzionante con realtà produttive che erano dei gioielli riconosciuti tale come player internazionali —>> la seconda privatizzazione/svendita mondiale…un danno enorme )
        – ceduta incostituzionalmente la sovranità nazionale monetaria e non …ceduta ad un entità che tra l’altro non è neanche una realtà statuale

        — distrutto il 30 % della nostra economia (un danno equivalente ad una guerra di medie dimensioni: un danno enorme—->> ci vorranno anni e anni per riprendersi )

        — etc etc (l’elenco e lungo )

        NON DEVONO FARLA FRANCA…(ma noi italiani siamo costituzionalmente coglioni…e quindi…purtroppo…ecco….)

    6. Rospo scrive:

      gli exit poll dicono che i favorevoli all’UE sono il 52%..e i contrari al 48%—->> se cosi è..me rimangio tutto: pure gli inglesi son coglioni(mai quanto gli italiani )

    7. raffaella c. scrive:

      EVVAIIIII!!!!!! FUORIIII!!!!!
      ADESSO SI PARTEEE!!!!

    8. Rospo-->>glieuropeistinemicidellaVeraEuropamifannoribrezzo scrive:

      ahahahahh….la prossima tappa è DONALD TRUMP (nazionalista, fascista, retrogrado, razzista, omofobo, islamofobo,populista,amico di Putin,etc etc )—>> con lui presidente degli Stati Uniti…mancherà il supporto degli USA al progetto UE…e DOVREBBE SALTAR TUTTO…..(ho detto “dovrebbe” …che non si sa mai come vanno a finir le facende….)

      oggi è uno dei giorni più belli di questi ultimi anni…

      fanculo agli —->>> euristi, europeisti, antisovranisti,e scemi andando….fancul fancul fancul ahahhahahh

      detto questo: una tragedia futura io ce la vedo comunque…ma lasciamo stà…meglio godersi sto bellissimo giorno …

    9. learco scrive:

      “Rule Britannia”

      When Britain first, at heaven’s command,

      Arose from out the azure main,

      Arose, arose, arose from out the a-azure main,

      This was the charter, the charter of the land,

      And guardian angels sang this strain:

      Rule Britania!

      Britannia rule the waves.

      Britons never, never, never shall be slaves.

      Rule Britannia!

      Britannia rule the waves.

      Britons never, never, never shall be slaves.

      The nations, not so blest as thee,

      Must in their turn, to tyrants fall,

      Must in ,must in, must in their turn, to tyrants fall,

      While thou shalt flourish, shalt flourish great and free,

      The dread and envy of them all.

      Rule Britannia!

      Britannia rule the waves.

      Britons never, never, never shall be slaves.

      Rule Britannia!

      Britannia rule the waves.

      Brittons never, never, never shall be slaves.

      • Rospo-->>glieuropeistinemicidellaVeraEuropamifannoribrezzo scrive:

        Brittons never, never, never shall be slaves.
        —–
        —-

        esatto: —->>> non come noi…sempre in ginocchio e con la lingua in fuori.

        Ho vissuto anni in Inghilterra nella mia prima giovinezza …e devo dir la sincera verità non mi son mai stati molto simpatici: OGGI LI AMO DA MORIRE.

        UN POPOLO CHE HA LE PALLE.

        I love England (non lo avrei MAI detto sino ad ieri )

    10. learco scrive:

      Al di là del risultato, che può piacere o meno, c’è un fatto incontrovertibile: nel Regno Unito hanno aperto le urne. E questo in Italia non succederà mai.

      Napolitano, appena letto il risultato del Brexit, si è affrettato a dire che “è incauto proporre questo tipo di referendum”. Come a dire che far votare i cittadini è sbagliato quando c’è il rischio che la propria idea ne esca sconfitta. Per carità, gli italiani sono abituati a non recarsi alle urne, dopo tanti governi nominati senza passare dal voto. Ma c’è un motivo (costituzonale) se l’Italia non sarà mai chiamata a votare sull’uscita dall’Ue.

      Il referendum vietato dalla Costituzione
      Tutto ruota attorno ad un cavillo giuridico che viene dal passato. L’articolo 75 della Costituzione, infatti, vieta espressamente di svolgere un referendum che abbia come oggetto i trattati internazionali. E visto che l’ingresso nell’Europa è stato decretato proprio con un accordo tra gli Stati, la legge italiana rende vano ogni appello al voto su un ipotetico “Ital-exit”. ”

      http://www.ilgiornale.it/news/politica/brexit-ecco-perch-litalia-non-voter-mai-referendum-1275571.html

      • Rospo-->>glieuropeistinemicidellaVeraEuropamifannoribrezzo scrive:

        con un piccolo particolare: l’Italia non poteva cedere la sovranità monetaria e non…perché lo vietano una serie di articoli costituzionali (tra cui l’art 1 e l’art11 per citarne alcuni ) —>> se dovessimo andare a fondo..tutta la costruzione dell UE /euro dal trattato di Mastrich al trattato di Lisbona..al Fiscal Compact etc etc sono INCOSTITUZIONALI…(dovrebbero decadere immediatamente )

        è stata ceduta gran parte della nostra Sovranità , oltretutto ad organismi che non hanno una realtà statuale dietro …e le decisioni sostanzialmente vengono prese da organismi non eletti che non rappresentano la sovranità popolare.(es . Sia la BCE che la Commissione Europea )

        quindi la sovranità popolare prevista dalla nostra Costituzione di fatto è stata estromessa.Questo basta e avanza per avanzare qualsiasi richiesta di uscita (a mio parere )…

        Napolitano è quello che è…ma si può citare un articolo della costituzione che vietano un referendum sui trattati internazionali…quando l’iter che hanno portato a quei trattati è incostituzionale ?

        • Rospo-->>glieuropeistinemicidellaVeraEuropamifannoribrezzo scrive:

          Se dovessimo andare a “fondo” non è necessario un referendum…dovrebbe decadere il tutto…

          Basta un leader espresso da una maggioranza politica che ne porti avanti l’uscita.

          Euro e tutto il resto sono incostituzionali all’”origine” e non si deve o dovrebbe chiedere un referendum : devono decadere .

        • Rospo-->>glieuropeistinemicidellaVeraEuropamifannoribrezzo scrive:

          c’è un problema: questo

          http://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/11922791/brexit-ratifica-parlamento-verso-secondo-referendum->> con un piccolo particolare: gli inglesi non sono i greci (o gli italiani pirla ) …mi rifiuto di pensare che vanga “gabbato” l’esito referendario come è stato fatto in grecia: gli inglesi che hanno palle reagirebbero malamente .

          • Ivan Stronzoski scrive:

            Siii daiiii vaiii la gran bretagna che non ha mai avuto l’euro è uscita dal’eurooo…che belle le favoletteee :D ahahahahahah….mmh cui pro-t-est? :D
            An vedi come semo messiii…gran bretagna,che mai ha avuto l’euro,esce dall’europa e contemporaneamente in Italia,potenza economica mediterranea,inizia a stravincere un populismo prima fortemente antieuro ed ora prontamente marciaindietrista per rimanere con la moneta unica…convergenze parallele?

            • rospomaquantoècomplicatalageopolitca scrive:

              Siii daiiii vaiii la gran bretagna che non ha mai avuto l’euro è uscita dal’eurooo…che belle le favoletteee :D
              —-
              —-

              se ti riferisci ad qualche mio post…io una cosa del genere non lo ho mai scritta (ma non mi risulta neanche altri )

              …sul populismo antieuro ed ora prontamente marciandietrista per rimanere con la moneta unica…da dove prendi ste informazioni?(a me non risulta )…

              se invece ti riferisci al vertice del M5s..beh quelli si sa da chi son diretti….fanno cio che decide di volta in volta lo Zio Sam…non per nulla son sempre ambigui e oscillano in qualsiasi argomento sul “SIeNOemaanche” ….i prossimi al potere saranno loro (perché cosi ha deciso lo Zio Sam ) Zio Sam che è molto ma molto spaventato per cio che è successo in Inghilterra e per cio che sta succedendo in USA….e ovvio che cerca i correttivi (o in un modo o in un altro )—->>> in Italia è forse venuto il momento di far salire al potere il M5s con : l’onestà, le rendicontazioni, gli stipendi parlamentari abbassati, l’eliminazione dei benefit,,etc etc…insomma tutta quella roba che piace agli italiani fessi …ed è ovvio che Grillo dica che si puo cambiare stando dentro l’UE …gli hanno ordinato di dir cosi—>> solitamente in tutti gli stati del mondo la forza politica che conquista la capitale è destinata a diventare la forza politica di governo: nella scaletta di marcia di “quelli là” è previsto il M5S con Di Maio Premier ….(almeno cosi penso )

              Ma l’uscita della Gran Bretagna dall’UE …e il”fenomeno Trump” non è frutto (a mio parere )…di sofisticata “ingegneria geopolitica” alla Brezinsky&similari…c’è un qualcosa nel loro disegno di globalizzazione che non sta riuscendo e sta sfuggendo loro di mano…ovvio che tenteranno il possibile e l’impossibile visti i mezzi che hanno per girar a loro favore la situazione…(hanno sempre fatto cosi ) ..ci son pure “altre forze” che cercano di influenzare in altro senso (Putin in via indiretta ad esempio…finanzia o aiuta molti movimenti anti Ue/euro…da quel che mi è sembrato di capire…come il Trump è in periodico continuo contatto con Putin…tanto per citar alcuni esempi…)

              ..la “scacchiera”(per dirla alla Brezinsky ) è sofisticata,complessa, delicata…e gli esiti non son scontati..(potrebbero esser anche tragici )…

              • rospomaquantoècomplicatalageopolitca scrive:

                ..(potrebbero esser anche tragici

                —-
                —-

                se gira seriamente male…non son disposti a mollare…(non possono )…scatta l’ultima e unica alternativa: la violenza .

    11. learco scrive:

      L’elettorato britannico ha respinto il fear mongering, l’allarmismo orchestrato, le pressioni di Washington e Wall Street, lo sfruttamento propagandistico dell’assassinio della parlamentare laburista e ancor più le minacce di Junkers, cresciuto in politica come premier complice della grande elusione fiscale delle multinazionali a spese dei contribuenti e delle piccole imprese, quindi degno rappresentante del regime eurocratico, non eletto, non responsabile, e che decide in segreto a porte chiuse sulla testa della gente.

      La campagna elettorale per questo referendum ha fatto conoscere e pubblicamente dibattere alcuni grandi temi concordemente nascosti dei mezzi di informazione di massa:

      1) il processo di unificazione europea in corso è l’attuazione di un piano imperialistico dell’oligarchia statunitense, elaborato dalla C.I.A., per dominare meglio e più semplicemente l’Europa attraverso un super-stato comunitario centralistico, autocratico, burocratico, non democratico e sganciato dagli interessi della gente europea; questo piano si nasconde dietro un europeismo sentimentale e infantile inculcato da scuola, mass media, e istituzioni;

      2) la Banca Centrale Europea è in mano uomini della Goldman Sachs, la quale ha persino posto alcuni di loro a capo dei governi e dei ministeri economici di alcuni paesi;

      3) l’Europa è insomma ormai sottomessa all’oligarchia finanziaria statunitense; l’apparato dell’Unione Europea non è riformabile dal suo interno e con la sua burocrazia;

      4) infatti L’unione europea e la Banca centrale europea e della moneta europea hanno prodotto risultati fallimentari per gli europei in ambito economico e non solo, senza risolvere i loro problemi; quindi è illogico continuare a pagare per mantenerle;

      5) la libertà di movimento di persone e di merci può essere stabilita senza bisogno di un apparato costoso e inefficiente come l’Unione Europea, semplicemente mediante trattati; il Wto, nel bene e nel male, già assicura, su scala globale, l’apertura dei mercati e basse o nulle tariffe doganali; dunque non serve un apparato costoso e inefficiente come l’Unione Europea, non serve la rinuncia all’indipendenza e alla democrazia nazionali in favore di un governo europeo non eletto e irresponsabile, non serve la rinuncia al controllo della propria moneta; non servono nemmeno la bandiera e l’Inno alla Gioia-che-non-c’è; o meglio, tutte queste cose servono, ma non agli europei, bensì a chi vuole dominarli;

      6) Washington ha scelto e sta usando lo stato più forte dell’Europa occidentale, ossia la Germania, come stato vassallo per sottomettere gli altri stati al suo disegno di accentramento, concedendole come premio di prendersi vantaggi privilegi su questi altri paesi; i Tedeschi, da bravi kapò, stanno eseguendo l’incarico del padrone e incassando i loro trenta denari; la Merkel e il suo governo, ultimamente con l’invito all’immigrazione di massa, seguito dalla chiusura delle frontiere tedesche, deliberatamente causano un enorme danno agli europei, e meritano una nuova Norimberga, alla pari dei criminali di guerra;

      7) Washington, anche attraverso i suoi fiduciari nei governi europei, creando focolai di tensione come ha fatto in Ukraina, e piantando basi missilistiche sempre più vicine a Mosca, sta cercando di spingere i paesi comunitari alla conflittualità e alla non collaborazione con la Russia, al malcelato scopo di aumentare le divisioni in Europa e indebolirla.

      http://www.controinformazione.info/mother-of-the-free/

    12. […] L’infame omicidio della parlamentare Joe Cox (uscito su Il Moralista) […]

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    0 Commenti

    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    2 Commenti

    IL RISORGIMENTO MERIDIONALE E’...

    Scritto il 23 - feb - 2019

    2 Commenti

    PERCHE’ L’INCONTRO DEL 20...

    Scritto il 15 - feb - 2019

    0 Commenti

    IL PROBLEMA SONO “I...

    Scritto il 21 - ott - 2016

    22 Comment1

    NON NOMINARE IL NOME...

    Scritto il 22 - lug - 2013

    7 Comment1

    I DEMONIACI NAZISTI DEL...

    Scritto il 12 - feb - 2017

    4 Comment1

    LA LISTA DEL POPOLO...

    Scritto il 2 - feb - 2018

    3 Comment1

    STORIA DI UNA INTERVISTA...

    Scritto il 11 - ago - 2016

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.