rivoluzioneIeri, venerdi 23 dicembre 2016, nove consiglieri comunali hanno sfiduciato il sindaco di Gioia Tauro Giuseppe Pedà decretando la fine anticipata della consiliatura. Triste epilogo di una lunga agonia tra il surreale e il grottesco. La crisi si era apparentemente aperta nel settembre scorso, quando ebbi l’ardire di veicolare per mezzo della stampa una analisi politica in parte autocritica. Per reazione alcuni consiglieri di maggioranza, evidentemente allergici al libero pensiero, emisero fin da subito una specie di “fatwa” laica, chiedendo al sindaco l’immediata rimozione di un assessore ritenuto “eretico” e “nemico della fede” perché temerario fino al punto da avanzare pubbliche quanto garbate riserve. Questi oramai ex consiglieri comunali, di fronte all’atteggiamento responsabile tenuto dal sindaco Pedà- chiaramente indisponibile nell’assecondare le sciamannate richieste provenienti da un improvvisato Tribunale della “Santa Inquisizione”- pensarono bene di alzare il tiro, chiedendo addirittura la convocazione di un apposito consiglio comunale giornalisticamente ribattezzato “processo a Toscano” (clicca per leggere). Chi di voi ne avesse il tempo e la voglia può ascoltare il tenore degli interventi di allora cliccando sul link indicato in chiusura dell’articolo, ora riproposto per cristallizzare a futura e imperitura memoria la qualità delle critiche mossemi da tanti improvvisati “cardinal Bellarmino”. In ogni caso non abiurai tenendo la barra dritta. Fallito “l’assalto alla diligenza”, presuntivamente scagliato con l’intento di colpire me per difendere il sindaco Pedà (quest’ultimo unico bersaglio delle mie bonarie critiche), ha inizio quindi la farsa vera e propria. Eh si, perché buona parte degli ex consiglieri comunali in questione- in virtù di una singolare interpretazione della proprietà transitiva- dopo avermi insolentito per mesi con la scusa di dover “ripristinare l’onore di Pedà proditoriamente violato”, per “coerenza” decisero allora di predisporre e presentare una mozione di sfiducia contro il primo cittadino contenente una serie infinita di critiche tanto feroci quanto strumentali. Ripercorrere a grandi tappe la storia cittadina degli ultimi tre mesi dimostra che non è rinvenibile alcun nesso logico in grado di collegare fra di loro gli eventi. Perché quelli che il giorno prima chiedevano la mia rimozione a difesa (non richiesta) di Pedà, il giorno dopo concertavano insieme all’opposizione la stesura di un durissimo documento di sfiducia? Documento tra l’altro smontato punto per punto e carte alla mano dallo stesso sindaco nel corso dell’ultimo consiglio comunale? (clicca per guardare). Misteri. E perché mai i firmatari della mozione di sfiducia non hanno proferito verbo in aula, limitandosi a consumare il rito della sfiducia in religioso quanto imbarazzato silenzio? Domande sospese. Come che sia, nell’attesa di capire magari in futuro genesi e ratio di alcune “convergenze parallele” che hanno unificato per l’occasione personaggi politici molto diversi fra di loro, è bene valorizzare fin da subito i tanti aspetti positivi di una vicenda che può rappresentare il punto di partenza di una svolta epocale. Quasi duemila cittadini gioiesi, su iniziativa del comitato “Gioia Libera”, hanno infatti firmato un documento di solidarietà nei confronti dell’amministrazione Pedà, testimoniando in concreto il desiderio di difendere il processo di cambiamento faticosamente messo in piedi in poco più di un anno di governo. La nostra “rivoluzione culturale” non si ferma, trovando semmai maggiore slancio presso una pubblica opinione che è molto più avanti rispetto a vecchi pezzi di nomenklatura fuori dal tempo e dalla storia. Adesso, dopo avere “forgiato” sul campo le avanguardie finalmente pronte a risollevare le sorti della nostra martoriata terra, dopo avere perduto per strada quelli che per indole e miopia tendono ad ostacolare sempre e comunque l’avanzare della democrazia e del progresso, siamo certamente più forti e  più consapevoli, pronti per affrontare con determinazione le future sfide che ci attendono. Grazie al calore e al sostegno generoso e sincero di un popolo non più passivo e remissivo, ma finalmente partecipe e protagonista, apriremo una stagione che restituirà speranza e dignità a uomini e donne di un sud profondo in cerca del definitivo riscatto. Avanti!

    Francesco Maria Toscano

    24/12/2016

    Categorie: Politica

    14 Commenti

    1. ugo scrive:

      Beghe di paese.

    2. federico scrive:

      Un buon motivo per partire dal profondo nord e tornare nella bella Gioa Tauro a sostenere ancora Giuseppe Pedà e l’amico Toscano!!!
      Francesco : barra a dritta , come pochi.. E il tempo sarà galantuomo.
      Un abbraccio.
      Federico

    3. raffaella scrive:

      Caro Francesco,
      sei persona eticamente e moralmente corretta.
      Lascia che questi poveri di spirito soccombano nella loro nullità morale..
      Vai avanti così..con tutta la passione e con tutta la pulizia d’animo che ti ha sempre contraddistinto.
      Un abbraccio.

    4. Francesco Fazio scrive:

      Caro Francesco,spero che questo inconveniente non intacchi minimamente le tue motivazioni per una società più giusta che permetta che l’individuo possa esprimere le sue potenzialità in libertà.Viviamo in un’epoca degenerata dall’egocentrismo e l’unico antitodo è L’altruismo che può salvarci dall’autodistruzione.Inoltre approffitto per invitarti a visitare il PARCO ASTRONOMICO LILIO a SAVELLI,un investimento nel posto giusto con le persone giuste può determinare lo sviluppo culturale ed economico del territorio,anche da noi.

    5. &&& (il movimento 5 stAlle è pericolosissimo ) scrive:

      Of Topic

      In una pagina precedente del forum…pieno di miei post prolissi e numerosi da incubo (non riesco a rileggerli manco io ) ad un certo punto avevo scritto peste e corna del “Movimento Cinque StAlle”, della sua ambiguità, inaffidabilità, del suo essere un movimento cosidetto gatekeeper pensato e strutturato oltreoceano come contenitore del consenso funzionale alle èlite, delle sue ambigue continue giravolte,etc etc

      cioè qua:
      http://www.ilmoralista.it/2016/11/24/larresto-dellex-ministro-del-commercio-russo-uljukajev-insegna-che-per-i-mondialisti-al-soldo-dei-soliti-usurai-il-tempo-dellimpunita-e-finito/#comments

    6. . scrive:

      Ora bisogna sperare SOLO in Fratelli d’Italia, Lega…e poi bisogna vedere cosa fa Berlusconi …senza ombra di dubbio ci sarà una fuga da parte della parte “sana” del M5s..e sarà una volata per i prima menzionati.

      Ovvio che il M5s va senza ombra di dubbio depennato definitivamente

      Quanto ci volete scommettere che questi cialtroni M5s (cioè sostanzialmente dei piddini ) dinanzi ad un ipotesi del genere da me prima menzionata ..si magari alleano elettoralmente con il PD ???

    7. Su De Rica non si può scrive:

      Non sono dei gatekeeper, sono dei comuni coglionazzi da strada.
      Non ho mai visto in tutta la mia vita una forza politica fare una cretinata simile.
      Che gli costerà carissima.

      • . scrive:

        e come se , che so…il PCI di Berlinguer avesse concordato un alleanza con il MSI di Almirante (o viceversa ) .

        Io non so cosa è successo : perché è incomprensibile una giravolta subitanea di questa portata.

        E se ad hoc punzecchiati dalla magistratura (vedasi Roma ) …poi sia arrivato un ordine di un potere estero di cambiare decisamente indirizzo altrimenti………???

        E’ un pensiero che viene a me…senza nessun fondamento..ma sta virata per decisione “spontanea” non la capisco, non ne capisco ne la strategia ne “il costrutto politico ” -

        Io non so con assoluta certezza se son eterodiretti o no.

        Nel primo caso sono da scartare per ovvie ragioni…nel secondo son da scartare per conclamata , irrecuperabile imbecillità congenita .

        —>>Di essere eterodiretti da sempre ..lo fa sospettare certi loro comportamenti ambigui che hanno sempre avuto (al vertice ) ma non è possibile dirlo con assoluta certezza ….

        —->> di essere degli imbecilli lo hanno dimostrato in vari frangenti…ora clamorosamente evidenti

        e se fosse anche peggio ??? cioè eterodiretti & imbecilli…in contemporanea ???

        una cosa è certa: tutto l’web fa sarcasmo e ride.

        E’ un danno di credibilità forse irrecuperabile, per certi verti salutare: ora gli italiani sanno cosa possono combinare sti pirlazzi al top del potere con in mano : politica economica, ministero dell’interno , servizi segreti, politica estera con le delicatissime relazioni internazionali (mi vengono i brividi al pensarle in mano a loro: se li mangerebbero vivi ) …etc etc

        il problema è che l’alternativa per chi è antieuro son Fratelli d’Italia e Lega…e non mi sembrano cime .

        Povera Italia.

      • .Anita scrive:

        @Su De Rica non si può
        @Rospo
        @.
        @Alì Babà
        @Cappuccetto Rotto

        Leggere questo vecchio articolo di Federico Dezzani

        http://federicodezzani.altervista.org/m5s-la-stampella-del-potere/

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    POPULISTI DI TUTTO IL...

    Scritto il 21 - ott - 2017

    0 Commenti

    IL GOLPE DI MANI...

    Scritto il 20 - ott - 2017

    0 Commenti

    ANCHE L’UOMO CONTEMPORANEO, AL...

    Scritto il 19 - ott - 2017

    0 Commenti

    IL VERO BERSAGLIO DELL’ATTACCO...

    Scritto il 18 - ott - 2017

    1 Commento

    IL PD E’ IL...

    Scritto il 17 - ott - 2017

    2 Commenti

    CHI ATTENTA ALLA DEMOCRAZIA...

    Scritto il 11 - dic - 2014

    17 Comment1

    IL GOVERNO DEGLI IGNAVI

    Scritto il 8 - ago - 2013

    8 Comment1

    CON CECILE KYENGE PER...

    Scritto il 20 - lug - 2013

    6 Comment1

    GOLDMAN SACHS: DOING “GOD’S...

    Scritto il 26 - gen - 2013

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.