MACRONLa situazione economica e sociale, in Italia come altrove, non migliora affatto. E non potrebbe essere altrimenti, considerate le scellerate politiche recessive che le élite continentali, su mandato delle massoneria globalista, continuano impunemente ad imporre ai popoli. Il dato vero che emerge da una lettura serena della realtà ci impone di prendere coscienza di come il concetto stesso di “sovranità popolare” sia oramai svuotato di senso e di contenuto, paralizzato da un cordone sanitario abilmente costruito da media usati come armi nella disponibilità di un manipolo di feroci e potentissimi capitalisti finanziari. I media costruiscono in vitro burattini compiacenti, presentati al popolo quali veri difensori di istanze nobili, baluardi posti a difesa del dilagare del populismo. In Francia per esempio Emmanuel Macron, insignificante banchiere già al soldo della dinastia Rothschild nonché fallimentare ministro dell’Economia nel gabinetto (gabinetto è il termine più appropriato) Valls, viene quotidianamente dipinto come una specie di “madonna pellegrina”, formidabile e fulgido esempio di politico “illuminato e responsabile”. A ruota tutti i giornali occidentali, compreso il nostro Corriere della Sera, si prodigano in ridicole e continue serenate in lode di questo presunto “enfant prodige” destinato a dissolvere l’incubo Marine Le Pen. I media dei padroni sperano di creare un “effetto domino”, di far convergere cioè in questo modo consensi verso un candidato che, per quanto mediocre e indigesto, si pone sul palcoscenico pubblico accompagnato dall’aura del vincitore designato. Non hanno capito nulla. Queste furbizie da peracottari potevano funzionare nei tempi passati, quando la credibilità dei giornali non era ancora finita sotto i tacchi, sommersa da una miriade di “fake news” veicolate senza ritegno nel tempo (“l’austerità promuove la crescita” e “le guerre promuovono la democrazia” su tutte) da troppi “prestigiosi” pensatori con la penna. Oggi, per fortuna, le lodi dei corifei mascherati da giornalisti sortiscono quasi sempre l’effetto contrario: come dimostra il caso Hillary Clinton, i candidati sostenuti dall’establishment finiscono puntualmente per essere battuti nelle urne. Segno che i cittadini hanno oramai imparato a smascherare i trucchi e a neutralizzare le ricorrenti manipolazioni partorite da un sistema nel suo complesso luciferino. Il problema però è un altro. I candidati eletti democraticamente dal popolo in spregio delle diaboliche élite mondialiste non hanno poi quasi mai vita facile. Lo “stato profondo”, quello governato senza soluzione di continuità da massonerie potenti che infiltrano il mondo della burocrazia, degli apparati e dei servizi segreti, non si arrende tanto facilmente. Prendete il caso Trump, nuovo presidente americano desideroso di ribaltare le fallimentari politiche adottate dai suoi predecessori. La volontà di ristabilire rapporti cordiali e rispettosi con la Russia di Putin ha liberato gli “animal spirits” dei soliti incappucciati, pronti a dichiarare una guerra mortale al nuovo inquilino della Casa Bianca costretto in parte ad abbozzare e a “normalizzarsi”. In economia poi, ogni manovra volta a migliorare la condizione dei ceti meno abbienti viene subito demonizzata dal sistema, preciso nel dipingere i tentativi di redistribuire equamente la ricchezza alla stregua di “sterile propaganda elettorale che mette a rischio la tenuta dei conti”. Quando però i banchieri centrali, da Draghi a Yellen, immettono nel circuito finanziario una liquidità senza limiti per supportare le speculazioni usuraie dei grandi magnati, gli stessi giornali scrivono che “grazie alla generosità di Draghi l’Europa è salva e la crisi è superata”. E poi saremmo noi, poveri blogger presenti in rete, quelli che fabbricano “fake news”? Ma fateci il piacere…

    P.s. il 25 marzo si terrà a Gioia Tauro il primo congresso del costituendo partito “Italia Unita” (leggi la carta dei Valori e degli Obiettivi pubblicati su questo sito). Per informazioni mandare una mail a f.toscano79@libero.it.

    Francesco Maria Toscano

    2/03/2017

     

    Categorie: Editoriale

    Un commento

    1. Franco Nuovo scrive:

      E’ la cabala del deep state americano di Obama e Clinton a diffondere le fake news.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    CHI SONO I VERI...

    Scritto il 14 - mar - 2017

    0 Commenti

    LO SPIONE OBAMA, LA...

    Scritto il 7 - mar - 2017

    9 Commenti

    IL LIVELLO DI BUGIE...

    Scritto il 5 - mar - 2017

    1 Commento

    IL PINOCCHIETTO RENZI, ORA...

    Scritto il 4 - mar - 2017

    7 Commenti

    ESISTE UNA CAMERA DI...

    Scritto il 3 - mar - 2017

    0 Commenti

    DRAGHI, KRUGMAN, FRATINI E...

    Scritto il 8 - mag - 2014

    3 Comment1

    SARKOZY, ORGANICO ALLA UR-LODGE...

    Scritto il 26 - mar - 2015

    3 Comment1

    L’AMBIGUITA’ DI RENZI E...

    Scritto il 21 - lug - 2014

    3 Comment1

    RIDARE UN SENSO ALLE...

    Scritto il 24 - dic - 2012

    10 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.