DRAGHI NAZISTALa narrazione è tutto, la realtà è nulla. Nel mondo di Orwell che oggi viviamo, il concetto di “realtà” è totalmente assente. Difendiamo la civiltà europea perché siamo “democratici” e ci facciamo dettare le regole da un manipolo di tecnocrati al servizio del capitale finanziario internazionale; siamo fieri di avere archiviato per sempre la stagione delle “guerre” e andiamo in giro per il mondo a bombardare popoli che non vogliono riconoscere la supremazia del nostro modello di vita. Insomma, siamo giunti all’apoteosi del controsenso e alla sublimazione della menzogna. Pochi giorni fa è stato pubblicato uno studio della Ong Transparency International (clicca per leggere http) tacitato da tutta la grande stampa italiana. Perché tacitato? Perché i fautori ipocriti della libera circolazione delle idee e delle notizie, quelli che inorridiscono di fronte alla presunte pressioni sui media esercitate dagli “autocrati” Trump e Putin, mettono con nonchalance la testa sotto la sabbia quando c’è da rilanciare notizie scomode per il “sistema” tecno-nazista dominante. In Italia i fedeli esecutori delle distopie orwelliane hanno costruito  a pagamento un racconto totalmente falso. Questi servi infingardi che scrivono per le principali testate giornalistiche veicolano quotidianamente l’immagine di un “eroico” Mario Draghi, ultimo e strenuo baluardo posto a difesa della fortezza europea assediata dai “populisti”, indefesso difensore degli interessi italiani di fronte alle bramosie ottuse dei tedeschi che pretendono di commissariarci. Ma quando mai? Mario Draghi è solo un lacchè, un fedele e affidabile esecutore dei progetti neofeudali che una oligarchia sanguinaria e globale ha predisposto nel tempo, un barbaro che è riuscito a colpire al cuore la civiltà europea dopo decenni di conquiste e di progresso. Lo studio di Trasparency International, seppur con qualche comprensibile timidezza, mette il dito nella piaga, denunciando in particolare il ruolo abnorme esercitato dal “nostro” banchiere centrale nel luglio del 2015, quando la Grecia venne strozzata e costretta a capitolare proprio  a causa delle manovre assassine architettate da Mario Draghi. Un burocrate, eletto da nessuno, che è riuscito e tenere in scacco l’intero Vecchio Continente, annullando di fatto in beata solitudine il risultato di un responso referendario che aveva visto prevalere i greci che non intendevano più accettare le condizioni imposte dai “creditori”. Con l’ausilio di Tsipras, vile traditore che meriterebbe di fare la fine del suo antesignano golpista Georgios Papadopoulos, Draghi ha imposto la rioccupazione “militare” della Grecia, rimasta sofferente e schiava sotto il tallone infame della “Troika”. Risultati? Bambini denutriti, povertà alle stelle, sistema sanitario al collasso e ripresa economica inesistente. La Grecia è di fatto una nazione fantasma, spolpata fino all’osso, cavia di un esperimento neonazista che può ben essere paragonato ad un moderno Olocausto in guanti bianchi. Il ruolo che fu di Himmler è oggi ricoperto da Mario Draghi. Avete letto una sola riga dello studio di Transparency International sul Corriere della Sera, La Repubblica, La Stampa, ed altri simili manganelli esperti in manipolazione di notizie? Io no. E come mai questi “illuminati campioni” dei diritti civili censurano oggi i lavori di una Ong solitamente osannata? Viviamo tempi difficili, dove i dittatori governano nel nome della libertà e i sudditi li difendono credendosi cittadini. Demistificare i raggiri del sistema è indispensabile per riconquistare una libertà perduta. 

    Francesco Maria Toscano

    1/04/2017

    Categorie: Editoriale

    19 Commenti

    1. Ivan Stronzoski scrive:

      Ma ti riferisci alla Ong Transparency International? Quella che sta sostenendo la pseudo-ormai alla frutta-rivoluzioncina coloratina pallidina e un po’ malaticcia di navalny? La Transparency messa fuori legge,in quanto agente straniero,dal decreto russo sulle ong? Mbe’ se ti riferisci a quella allora stiamo freschi :D …perfetto dopo le urlogge,il duginismo mo pure lo oennegismo atlanticista :D andiamo bene Francè di bene in meglio :D

    2. Manrico scrive:

      Ma quale Herman Hesse, è proprio inglese come dice Il Moralista :D … e anche sul dettaglio dell’ “una volta” e non “due”…
      Ognuno spara la prima latomistica fregnaccia che gli passa per la testa ;)

      È del 1711 in un discorso sul’opportunità di non buttare i vestiti femminili perché prima o poi tornano di moda.

      Da “The Spectator”

      “Did they keep to one constant dress, they would sometimes be in the fashion, which they never are as matters are managed at present. If instead of running after the mode, they would continue fixed in one certain habit, the mode would some time or other overtake them, AS A CLOCK THAT STANDS STILL IS SURE TO POINT RIGHT ONCE IN TWELVE HOURS: in this case therefore I would advise them, as a Gentleman did his friend who was hunting about the whole town after a rambling fellow, If you follow him you will never find him, but if you plant your self at the corner of any one street, I’ll engage it will not be long before you see him.”

      Povero Moralista, capisco che si sia un po’ sfracassato gli zebedei…

      • Ivan Stronzoski scrive:

        Ma poi si puo’ postare un commento alle 4 e 22? :D ahahahahah eri di rientro dalla discoteca? :D ahahhahahahaha

    3. Ivan Stronzoski scrive:

      La frase come formulata da Ciccio Toscano è di Hesse caro trovadore di minchiate :D che essendo preciso tedesco e naturalizzato svizzero di orologi se ne intendeva di piu’ degli inglesi,tu poi che ti metti a perdere tempo a ricercare una frase simile ma “clamorosamente” non la stessa,arrampicandoti sugli specchi insaponati,mi fa ridere ancora di piu’ :D . A proposito di zebedei fracassati…ma che ti da fastidio che spernacchio le minchiate di certi mondi fasciomagici e fessoterici?

      • Manrico scrive:

        Caro imbecille, la frase si trova per la prima volta in quella rivista che ho citato in un numero uscito nel 1711.
        Sui mondi fessoterici per carità…sono mediamente dei mentecatti ma purtroppo tu non sai (cioè tu non ne hai avuto esperienza diretta) che a certi livelli il satanismo e il culto di Lucifero esistono e sono il segno della appartenenza alla élite.

        Attenzione, diffidate di descrizione grandguignolesche con nomi roboanti e formule magiche in lingue strane.
        Satanismo al di là di una ritualità cerimoniale che non tutti seguono significa solo una cosa molto semplice: una filosofia secondo la quale è volontà della divinità che il forte imponga sofferenze al debole quindi che lo sfrutti e lo renda schiavo perché (si pensa) il debole una volta sopraffatto gode nell’ essere dominato e sottomesso.

        Essere forti significa concretamente coltivare il proprio narcisismo e il proprio sadismo.

        I simboli con le stelle e le corna servono solo da décor.

        Chi accetta e condivide questa weltanschauung è considerato un eletto.
        Il “buono” invece è o un inferiore proveniente da classi sociali basse o un predestinato a fare da “vittima” ossia da soggiogare.

        In altre paorle precisamente quello che dice Scalfari in quella nota intervista in cui dice: “I poveri hanno solo bisogni primari e non “desideri” perché i bisogni primari ce li dà la natura mentre i desideri o bisogni secondari li scegliamo – ossia li “inventiamo” – noi”.

        https://m.youtube.com/watch?v=QHHUuPHMQDE

        • . scrive:

          non è imbecille…gli piace punzecchiare per vederne le reazioni e poi magari divertirsi cazzeggiando tra battute e risposte. Ma è tutt’altro che imbecille. (cosa mi tocca fare..difendere Stronzoski ahahaha…).

          su questo:

          “…a certi livelli il satanismo e il culto di Lucifero esistono …”

          —–
          Il satanismo in diverse forme oggi è più diffuso che mai…il culto di Satana è diffuso in diverse forme tra le èlite (più di quanto non si pensi: tra loro è pervasivo )…come nel mondo musicale e cinematografico (ad Hollywood è diffusissimo )

          inutile dire che Dio e Satana esistono realmente. E chi non ci crede è come uno con un sacco di juta in testa. E tra Dio e Satana ..noi siamo in mezzo con il libero arbitrio e in ogni uomo è innestata una sorta di radice del bene e del male riflettente rispettivamente Dio e Satana. Le èlite adorano Satana e ne praticano il culto in vari modi…non per un fatto meramente filosofico …ma perché ci credono e ci si relazionano …il culto esoterico/satanista è un canale per comunicarci. In sintesi: quando si praticano certi riti esoterico/satanici…si apre un canale e “succede” qualcosa. Solo che certo pensiero di origine illuminista in particolar modo..ci ha portato a non crederci e a ragionare solo in termini umano razionalisti—->>> pensiero massonico ispirato da Satana…perché Satana vuole che non si creda a lui..gli è più confacente al fine di farci deviare. L’ateismo di massa di questi ultimi secoli è un suo capolavoro. Ovviamente è il perdente per sua condizione naturale: un giorno verrà sconfitto definitivamente…e la sua Chiesa cioè la Massoneria spazzata via.

        • Ivan Stronzoski scrive:

          Aahahahahah :D sei uno spasso,sei il mio comico telematico preferito.Quindi oltre ad essere un trovador di minchiate(che son se le fila nessuno) del 1700 ed essere un maldestro scalatore di specchi insaponati,abbiamo appurato anche che invece di riposarti il cervello(ti farebbe bene) la notte e la mattina presto stai incollato ad un computer a commentare…ma che vita miserrima fai? :D ahahahahah Senti a me la notte riposati che si nota la mente affaticata :D

          • . scrive:

            aoooo…ma stai dicendo a me o a tutti e due ??? se stai dicendo a me clicca nel rispondi sotto il mio post. Altrimenti non si capisce a chi dedichi le tue perle. Ovviamente di quello che ti pare che non me ne frega una minchiaaa ahahahahahhh (anzi mi diverte ..)

          • . scrive:

            ho letto i precedenti: suppongo che stia dicendo a Manrico…io scrivo la sera verso le tra le 10 e le 24 e anche la mattina appena alzato…la notte solitamente dormo che poi devo andà a lavurà…che se non lavoro non mi danno sghei e devo mangiare pane e cipolle e bere acqua di rubinetto.E se scrivo la notte durante il giorno mi rincoglionisco e poi licenziano e siamo punto e a capo: mangiare come prima detto. Anche se devo dire la sincera verità se continuiamo di questo passo mi sa che mangeremo pane e cipolle + acqua di rubinetto anche lavorando.

          • Manrico scrive:

            Ihihih…che coglionazzo…sembri er fijo de quella mendicante de la Maga Ilda…ma va’ a Velletri a’ sbomballato…ahahahahah

            :D

            • Ivan Stronzoski scrive:

              Certo che non ne azzecchi una..velletri,maga ilda? :D ahahahahah lo vedi c’hai il cervello in fumo…o non è che per caso hai sprecato quei pochissimi neuroni che avevi in dotazione, per cercare il sacro graal della minchia? :D ahahhahaah certo non mi meraviglierei se mi dicessero che sei uno di quei fissati di giochi di ruolo che si vestono alle saghe della salsiccia da cavalieri :D ahahhahh Smettila di fare brutte figure e stanotte vatti a coricare presto,non piu’ di due mojito mi raccomando eh :D

              • Manrico scrive:

                Ahahah…l’imbecille ha tirato fuori Hermann Hesse per darsi un tono e adesso cerca di rimediare alla toppa …. :d :D :D

                Non lo leggono più nemmeno le signorine solitarie in viaggio in India Hesse… ;)

                E il vecchietto malato come sta, cretinetti…:D

              • Ivan Stronzoski scrive:

                “Non lo leggonoooo piu’ nemmeno le segnorine solitarieeee hesse” gne gne gne :D ahahahahah cosa è per caso il down depressivo post sagra della salsiccia :D di ieri? Ci sei andato ancora una volta vestito da cavaliere alle ricerca della sacra porchetta vero :D? Il vecchietto malato? Ma cosa farnetichi,che film ti fai :D ? Dimmi la verita’ ma alle sagre che frequenti quanto vino pieno di solfiti scorre? :D Sei il mio zimbello preferito non sai quanto ci fai scompisciare dalle risate caro trovador di minchiate :D :D :D è andato a trovare le frasi del 1700 sulla moda inglese lui :D

              • Manrico scrive:

                Ahahaha…il coglionazzo accusa il colpo…:D
                Caro imbecille ti stai sbracando davanti a tutti come il tuo vecchietto mentore afflitto da incontinenza…:d

                E daje de pannolone, lui al culo e tu al cervello…:D
                Mamma v’ha fatto e il grande architetto ve accoppia…ahahahah :D :D :D
                E Hesse lascialo perdere cretinetti che se lo leggono solo i figli di ex fricchettoni mezzi rinco…come il tuo vecchietto…Ahahahahaha…. :D

              • Ivan Stronzoski scrive:

                Il tavernello scaduto fu galeotto? :D Di la verita’ :D Dato le allucinazioni che ti rincorrono,vecchietti,mentori,grandi architetti,incontinenti,califfi,porchette vestite da cavalieri del sacro grill :D, sarai sicuramente insignito in futuro della medaglia di cavaliere di qualche fantomatico sacro ordine megagalattico degli zimbelli :D…ti ci vedo bene sai…tu, l’abbacchio,la porchetta e il sacro grill…riposati che si vede che sei affaticato :D :D :D

              • Manrico scrive:

                Ahahah…Ivanuccia non fare la ritrosa…sei tu e nessun’altra che io bramo…e purtroppo si è capito che sei anche se lo neghi tutta vergognosa :D :D :D
                Buona Pasqua natalina (nome inventato) e tanti saluti al Mincu(lp)o(p) altro nome inventato di sana pianta..,
                Ihihih…stanno ancora a fare le loro riunioni nelle catacombe contro il complotto dei frati benedettini che dominano il mondo… poracci
                :D :D :D
                Dove si riuniscono? Laggiù, nelle Valli dove si trova la famosa gola di gianni (&) antonio… un colpo netto da chirurgo e via…ihihihih….

              • Ivan Stronzoski scrive:

                Gente ma a questo soggettone non è che per caso alle sagre al posto della porchetta gli hanno servito una zuppa di peyote no? Secondo me fra poco incomincia pure a parlare lingue sconosciute :D :D :D
                Senti ma è vero che l’ultimo neurone che avevi, prima di abbandonarti sbattendo la porta, ti abbia salutato cosi :D :D :D :
                https://www.youtube.com/watch?v=-T-yGGagQt0

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    MACRON E’ IL FIGLIOCCIO...

    Scritto il 24 - apr - 2017

    3 Commenti

    I VERI NAZISTI STANNO...

    Scritto il 23 - apr - 2017

    0 Commenti

    BASTONE E MANIPOLAZIONE SONO...

    Scritto il 22 - apr - 2017

    0 Commenti

    LA DEMOCRAZIA FORMALE E’...

    Scritto il 10 - apr - 2017

    2 Commenti

    MMT CALABRIA/EUROPA: IL GIORNO...

    Scritto il 5 - dic - 2012

    1 Commento

    LA MORTE DI FALCONE...

    Scritto il 23 - mag - 2011

    0 Commenti

    ANTONELLA GRIPPO E SILVIO...

    Scritto il 23 - mag - 2014

    1 Commento

    SINISTRA NEGRIERA

    Scritto il 20 - ott - 2011

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.