TRUMPLa dura presa di posizione del presidente americano Donald Trump nel corso del G7 siciliano lascia ben sperare. Negli ultimi tempi la massoneria mondialista, che controlla l’alta finanza e i servizi segreti, aveva messo a segno colpi formidabili per ridurre Trump al ruolo di burattino taglia-nastri che esegue senza discutere gli ordini impartiti nel buio dai soliti “maestri venerabili”. Le massonerie luciferine controllano il vertice del cosiddetto “stato profondo”, che esercita un potere delegato proprio in virtù  dell’appartenenza e dell’obbedienza riconosciuta nei confronti di un “sistema occulto” che rimane immutabile e insensibile rispetto ai riti della democrazia. Non è uno scherzo combattere un simile mostro che può colpire chiunque, in qualunque momento e con le modalità più diverse. Controllando gli apparati giudiziari e la forze dell’ordine lo “stato profondo” può fare finire sotto inchiesta i “non allienati” usando i pretesti più ridicoli (tipo il “Russiagate”); controllando la grande stampa (dal il New York Times in giù) i “soliti noti” possono diffamare scientificamente per giorni e giorni i bersagli individuati come “pericolosi”. Controllando “last but non least” anche i servizi segreti, all’occorrenza- nel caso in cui gli strumenti più “ortodossi” dovessero rivelarsi insufficienti- il gotha del potere nascosto può sempre creare le condizioni oggettive per riproporre nuovi “casi Kennedy”, nuovi attentati stile “11 settembre” e nuovi strani quanto provvidenziali “incidenti” che tolgono dalla scena le figure più ingombranti e indigeste. Insomma ci vuole fegato per prendere di petto “quelli là”, a partire dal sempreverde Henri Kissinger con relativo codazzo. Trump queste cose le sa, e sa pure che coraggio non è sinonimo di incoscienza. Il cambiamento radicale e immediato- che genera reazioni violente- deve lasciare perciò spazio ad una tattica più efficace, in grado di togliere spazi di influenza alle “conventicole del male” poco per volta, per addivenire ad una totale liberazione nell’arco di almeno un decennio. In questo senso Trump fa bene a mettere nel mirino prima Angela Merkel, nemico più debole, che non  il complesso militare-industriale del suo Paese che fa il bello e il cattivo tempo  fin dai tempi di Eisenhower. Angela Merkel coltiva velleità egemoniche, pensando di poter fare dell’Europa un polo autonomo di potenza immune dalle influenze interessate di Russia e Stati Uniti. Merkel cioè vuole fare della Germania il perno di un nuovo ordine mondiale multipolare che veda la Ue teutonica protagonista e non rimorchio nella scena globale. L’idea di per sé non sarebbe neppure malvagia, se non fosse che i tedeschi, more solito, pretendono di comandare per mezzo della menzogna e della paura, succhiando il sangue di vicini ridotti volutamente in condizioni larvali (pensate alla Grecia). Come possa mai un abitante del sud-Europa, schiavizzato e umiliato dai nazisti tecnocratici, riconoscersi nella leadership dei suoi sfacciati torturatori rimane un mistero. Quindi, nell’impossibilità di fare dell’Europa (per colpa della ricorrente indole criminale tedesca) la guida illuminata di un mondo rifondato intorno ai valori di libertà, prosperità e giustizia, non resta che appoggiare il tentativo disgregativo ma lucido portato avanti dall’attuale presidente americano, furbo nel tendere una mano ai popoli stremati del mediterraneo per isolare il neonazismo germanico. Alla fine della fiera i tedeschi, stretti tra russi e americani all’esterno, e odiati all’interno dai popoli trascinati in miseria (a partire dagli italiani), faranno le stessa atroce fine che fecero i loro nonni a Norimberga. Per poi passare il secolo successivo a scusarsi per avere la Germania insanguinato inutilmente il mondo nel nome di un “feticcio” chiamato “purezza del bilancio” in luogo della oramai obsoleta “purezza della razza”. Vichiani corsi e ricorsi della storia che l’umanità intera continua a pagare sulla propria pelle.

    Francesco Maria Toscano

    27/05/2017

    Categorie: Editoriale

    Un commento

    1. Vittoriano scrive:

      Altra domanda

      Il Presidente degli Stati Uniti d’America

      Donald Trump

      ha forse ‘ripudiato’ :

      L’alleanza tedesco-americana per il XXI secolo
      ( firmata a Washington il 27 febbraio 2004
      dal Cancelliere G. Schroeder e G. W. Bush )

      L’alliance Allemagne – USA, par Pierre Hillard – Réseau Voltaire
      http://www.voltairenet.org/article13021.html
      Traduci questa pagina
      26 mar 2004 – L’alliance Allemagne – USA. par Pierre Hillard. La diplomatie allemande est aussi hésitante face aux États-Unis
      que son homologue française.

      L’Allemagne et les USA unis pour la conquête du monde; jusqu’à la …
      http://www.medias-presse.info/lallemagne-et-les-usa…/20408/
      Traduci questa pagina
      - Le point de vue d’un sociologue universitaire américain sur la stratégie conquérante de l’alliance « Allemagne / USA », depuis la chute de …

      . . .

      nel 2004, G. W. Bush lancia un progetto di riforme
      denominato Grande Medio Oriente.
      Con tale termine si identificava quella macroregione
      formata da :
      “i paesi del mondo arabo, più Pakistan, Afghanistan,
      IRAN, Turchia e Israele”

      “ … gli obiettivi della politica del “Grande Medio Oriente” lanciata dall’amministrazione Bush,
      e poi ribattezzata
      “Nuovo Medio Oriente” (New Middle East)
      dal presidente del CFR (Council on Foreign Relations)
      Richard Haass
      nella rivista Foreign Affairs
      si riassumono in un impegno che così suona:
      «Dobbiamo costruire un vero e proprio partenariato
      che leghi Europa e America
      ai paesi del Vicino e Medio Oriente
      per lavorare insieme con i paesi e i popoli di tali regioni
      in un’ottica che permetta di raggiungere obiettivi comuni».

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    ELOGIO DELLA RADICALITA’

    Scritto il 23 - giu - 2017

    0 Commenti

    IN DIFESA DI DIEGO...

    Scritto il 22 - giu - 2017

    2 Commenti

    IL PROBLEMA E’ LA...

    Scritto il 21 - giu - 2017

    3 Commenti

    IL PARLAMENTO E’ UN...

    Scritto il 20 - giu - 2017

    0 Commenti

    QUANTO E’ DIFFICILE OGGI...

    Scritto il 18 - giu - 2017

    7 Commenti

    SPORT E SOCIETA’

    Scritto il 21 - mag - 2011

    0 Commenti

    ELOGIO DELLA RADICALITA’

    Scritto il 23 - giu - 2017

    0 Commenti

    UNO SPETTRO NEONAZISTA SI...

    Scritto il 13 - set - 2013

    6 Comment1

    Il Sermone della Domenica...

    Scritto il 3 - feb - 2014

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.