Europa CarolingiaConsiderato che oramai la Ue ha le ore contate, gli “illuminati” protagonisti dei nostri bui tempi hanno deciso di passare con decisione al “piano B”, quello che prevede e pianifica l’assestamento del definitivo “colpo di grazia” in morte del concetto stesso di “Stato-nazione”, da fucilare nel nome di un anacronistico “localismo” di ritorno divampato prima in Catalogna e ora nel Lombardo-Veneto sulla falsariga di quanto già avvenuto in Scozia, dove gli “indipendentisti europeisti” vengono di continuo usati con cinismo dall’èlite mondialista al fine di tenere sotto ricatto un Regno Unito che, con la “brexit”, ha dato al mondo intero una lezione di democrazia e libertà.  Il 13 marzo di quest’anno Carles Puigdemont, presidente della “Generalitat de Catalunya”, approfittando dell’invito ad una “cena di gala” organizzata dalla Gran Loggia spagnola si è incontrato in privato con i rappresentanti di trentuno delegazioni massoniche straniere. In quella occasione il prode Puigdemont- come riporta l’agenzia Europe Press- spese parole chiare e altamente “simboliche”: “La Catalogna condivide i principi di tolleranza, dialogo costruttivo e rispetto del pensiero libero propri della massoneria che impregnano anche la storia della Catalogna, terra di liberi pensatori, propensi all’accoglienza e alla tolleranza nonché aperti alle influenze esterne, uomini che amano il dialogo costruttivo e rispettano tutte le opinioni” (clicca per leggere). D’altronde anche la “simpatia” manifestata da un pescecane del calibro di  George Soros per la “causa catalana” non poteva essere del tutto casuale e disinteressata (clicca per leggere). I padroni del vapore hanno quindi deciso che l’inevitabile frantumazione di quel che resta dell’Unione Europea, ovunque delegittimata dalla crescita impetuosa di movimenti fortemente identitari (Austria e Repubblica Ceca si aggiungono ora ad una lista infinita), non dovrà comportare il ritorno sulla scena dello “Stato-nazione”, spauracchio odiato dalle oligarchie cosmopolite del denaro in quanto unico e riconosciuto soggetto storico potenzialmente in grado di tagliare le unghie agli usurai globalizzati. Il regionalismo a gettone concluderà dal “basso” il lavoro di annichilimento di molte nazioni del Vecchio Continente che l’europeismo ipocrita ha iniziato dall’ “alto”. L’obiettivo è quello di dare vita ad una nuova sovrastruttura che ricalchi su per giù i confini che furono dell’Europa carolingia, sganciando i territori bagnati dal mare mediterraneo solo dopo averne depredato fino in fondo le ricchezze con la scusa del debito pubblico e dello spread. Rischiamo di risvegliarci presto dentro un nuovo e peggiore feudalesimo, dominato da una presunta élite del denaro e dello spirito che, dopo avere esautorato le vecchie dinastie fondate sul “sangue”, regnerà su masse straccione per il tramite di nuovi capetti locali pronti a rinverdire- più o meno consciamente- le gesta degli antichi vassalli, valvassini e valvassori. Dentro questa subdola e occulta cornice si comprendono le inconfessabili ragioni che hanno indotto il “sovranista per un giornoMatteo Salvini a ricalibrare per l’ennesima volta strategia, ora destinata a nascondere la sacrosanta battaglia contro l’euro sotto il peso della suggestiva riscoperta dei sempreverdi temi dell’ “autonomia” e del “federalismo” cari ai “padani” della prima ora. Allo stesso modo, solo in questa ottica si spiega l’opportunistico e vomitevole riavvicinamento consumatosi tra lo stesso Salvini e la mummia Berlusconi, pronti a correre insieme in tutti i collegi dopo avere imposto una legge elettorale che avrebbe probabilmente avuto remore ad approvare perfino lo Zimbabwe del mitologico Mobutu Sese Seko Kuku Ngbendu wa za Banga (che in lingua locale significa “il gallo che non si lascia scappare nessuna gallinella”). Attenti ai tranelli e occhio alle fregature: il regionalismo è l’altra faccia del mondialismo.

    N.B. A Marzo del 2018, pubblicato dal “gruppo editoriale Uno”, uscirà il mio prossimo libro

    Francesco Maria Toscano

    23/10/2017

    Categorie: Editoriale, Politica

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    VENDESI REGIONE SICILIA

    Scritto il 10 - nov - 2017

    0 Commenti

    LA RUSSIA E ...

    Scritto il 10 - nov - 2017

    0 Commenti

    LA GRANDE TRUFFA DEL...

    Scritto il 26 - ott - 2017

    0 Commenti

    SIAMO TUTTI ANNA FRANK,...

    Scritto il 25 - ott - 2017

    1 Commento

    CHI HA UCCISO IL...

    Scritto il 22 - ott - 2017

    4 Comment1

    BERLUSCONI DI FRONTE AL...

    Scritto il 14 - giu - 2013

    7 Comment1

    TEUTOBURGO IN CHIAVE MODERNA

    Scritto il 23 - nov - 2011

    1 Commento

    L’AGONIA DEL PARLAMENTARISMO

    Scritto il 5 - gen - 2016

    10 Comment1

    POPULISTI DI TUTTO IL...

    Scritto il 21 - ott - 2017

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.