StaffettaLa “staffetta” a Palazzo Chigi fra Di Maio e Salvini rappresenta l’unica vera e concreta possibilità di far partire un governo “gialloverde” in grado di provare ad organizzare un nuovo “Risorgimento” che liberi l’Italia dagli occupanti nazifascisti al soldo dei tedeschi eufemisticamente chiamati “commissari europei”. La battaglia sarà lunga, pericolosa e difficile, ma nessuno mai può vincere una guerra se prima non sedimenta per davvero il desiderio di volerla combattere. Per questo fa bene Salvini a chiedere chiarezza a Di Maio nel rapporto con l’Europa, non volendo legittimamente correre il rischio di trovarsi nel prossimo futuro costretto a resistere da solo contro le prevedibili ritorsioni che la Ue pianificherà per bastonare i “contestatori”. Diceva Sun Tzu: Se conosci il nemico e conosci te stesso non hai bisogno di temere il risultato di cento battaglie. Se conosci te stesso, ma non il nemico, per ogni vittoria ottenuta soffrirai anche una sconfitta. Se non conosci te stesso né il nemico, soccomberai in ogni battaglia”. Conoscere se stessi e conoscere il nemico è quindi, secondo il grande analista militare cinese dell’antichità autore de “L’Arte della Guerra”, garanzia di successo. Lega e Movimento 5 Stelle conoscono “socraticamente” se stessi? A guardarli dall’esterno entrambi i partiti sembrano avere dei punti di debolezza da affrontare, in particolare il Movimento 5 Stelle, il quale, non essendo ancorato ad una ideologia, è strutturalmente più esposto al “fluttuare dei venti”. La Lega sconta invece due criticità principali: il rapporto ambiguo con un personaggio nefasto come Silvio Berlusconi e la presenza al suo interno in posizione apicale di una figura come Giancarlo Giorgetti, chiara emanazione di quei “poteri forti” per definizione ostili a qualsiasi ipotesi di reale e radicale cambiamento. Il “problema Berlusconi” potrà essere risolto dall’inesorabile trascorrere del tempo, considerata la parabola ampiamente e irreversibilmente discendente dell’uomo che più di ogni altro ha incarnato il fallimento totale di una stagione politica denominata “seconda Repubblica”. Credo che Berlusconi non abbia inoltre nessun interesse a “moderare” l’impianto anti-europeista del futuro governo Salvini-Di Maio. Sarebbe proprio il fondatore di Forza Italia a pagare infatti il prezzo più pesante di un’ eventuale “normalizzazione” dei rapporti fra l’Europa e il nuovo governo italiano. Perché? Perché una volta tornati con la coda fra le gambe da Bruxelles, per non correre il rischio di finire “sbranati” da una pubblica opinione ormai surriscaldata, il duo Salvini-Di Maio si troverebbe costretto a placare la furia della folla indicando un apposito capro espiatorio. E chi meglio di un indebolito Silvio Berlusconi potrebbe finire con l’essere furbescamente dato in pasto ad un cittadinanza impoverita e furente al fine di mitigarne l’ira funesta che segue sempre di un passo la delusione? Il problema Giorgetti invece deve risolverlo Salvini, magari relegando il commercialista di Cazzago Brabbia a svolgere funzioni di pura rappresentanza senza alcun effettivo potere decisionale. Il Movimento 5 Stelle costituirebbe certamente il ventre molle di questa eventuale alleanza, e solo una rapida e incisiva maturazione di Di Maio, magari agevolata dalla possibile promozione a Presidente del Consiglio, potrebbe rafforzarne un profilo ad oggi  complessivamente debolissimo. Per vincere con certezza la guerra, ci ricordava però il prima richiamato Sun Tzu, non basta conoscere se stessi ma bisogna conoscere anche il nemico. Un nemico subdolo, ipocrita e potente che all’occorrenza sa sfoderare il suo lato più feroce ben occultato dietro un ghigno di ghiaccio. Un nemico che proveremo a “denudare” nel pezzo di domani.

    Francesco Maria Toscano

    16/05/2018

    Categorie: Editoriale

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    L’OPPOSIZIONE AL GOVERNO LA...

    Scritto il 21 - set - 2018

    0 Commenti

    UNISEX: LA VIA PER...

    Scritto il 18 - set - 2018

    2 Commenti

    QUESTA EUROPA NON E’...

    Scritto il 14 - set - 2018

    0 Commenti

    LE TROPPE CAPRIOLE DI...

    Scritto il 5 - set - 2018

    1 Commento

    A MIRIAM. PREGHIERA IN...

    Scritto il 29 - mar - 2012

    0 Commenti

    IL CAZZARO DEL GIORNO:...

    Scritto il 15 - apr - 2014

    63 Comment1

    PERCHE’ NON ESISTONO LE...

    Scritto il 27 - apr - 2013

    0 Commenti

    I TONI USATI DAL...

    Scritto il 28 - giu - 2016

    3 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.