GiornaliC’è un aspetto riguardante la natura dell’evoluzione politica nel nostro Paese che nessuno sta considerando come merita. E’ un aspetto che quelli che si sentono intelligenti definirebbero “strutturale”, proprio perché capace di incidere e modificare le dinamiche portanti del nostro sistema in maniera organica e non occasionale. Questo aspetto mostra la plastica rappresentazione delle forze attualmente in lotta in Italia per la conquista del potere, lotta delegata solitamente nelle “democrazie liberali” alle diverse formazioni partitiche che, all’interno  di un Parlamento “specchio della sovranità popolare”, sono in genere chiamate a “fare sintesi”. Nulla di tutto questo è ravvisabile al giorno d’oggi. Di fronte all’avanzata in Italia di forze non del tutto gradite al vertice della piramide mondialista, non è l’opposizione cadaverica piddina o forzista a fare “muro”, quanto la contestuale discesa in campo di tutti quei poteri- apparentemente “neutri” ma che “neutri” non sono mai stati- che hanno interesse a mantenere uno status quo fondato sull’abuso, sul privilegio, sull’avidità e sulla menzogna. Avrete notato come tutti i principali media denuncino all’unisono i pericoli derivanti dall’arrivo nella stanza dei bottoni dei cosiddetti “populisti”, ovvero di uomini e donne non ancora pienamente “ricattabili” e manovrabili dall’esterno. Questa circostanza ci costringe ad analizzare in profondità cosa significhi ai nostri giorni “libertà di stampa”, immagine quasi sempre evocata a sproposito proprio da chi, avendo una concezione tribale e banditesca del giornalismo, quella libertà non ha mai saputo cosa fosse. Il Corriere della Sera, la Repubblica, La Stampa e altri minori giornali cartacei non sono veicolo di idee e proposte in grado di stimolare il pensiero critico delle masse per aumentarne il livello di consapevolezza; sono invece randelli usati in maniera spregiudicata dall’oligarchia finanziaria parassitaria per mentire, ricattare, influenzare e suggestionare. Sono strumenti non di libertà ma di oppressione, pallottole di carta sparate di continuo per impedire che i servi e gli sfruttati trovino mai il coraggio di alzare la testa per chiedere giustizia e verità. Il giornalismo italiano è oramai chiaramente del tutto simile ad una “associazione a delinquere”, dove avanzano non i più bravi e colti ma i più cinici e spregiudicati, quelli che continuano impunemente e con rara faccia di bronzo ad agitare lo spauracchio del “debito pubblico” per giustificare la prosecuzione delle politiche di austerità, politiche che hanno indiscutibilmente contribuito a far esplodere proprio quel debito pubblico che apparentemente sembra assillare tanto i nostri pensosi “editorialisti a gettone” (in Italia, ad esempio, il debito pubblico è aumentato di molto durante il governo del “responsabileMario Monti). Per cogliere infine le scientifiche modalità di disinformazione che il sistema attua per cristallizzare un modello sociale che garantisca vita natural durante la supremazia dell’ establishment, consiglio la lettura del libro di Giovanni FasanellaColonia Italia”, lavoro rigoroso che ricostruisce in termini perentori i legami che nel recente passato hanno “unito in matrimonio” (spesso d’interessi, raramente d’amore) le migliori “penne italiche” alla barbe finte d’oltremanica. Arrivano ancora le veline del Mi6 (servizio segreto inglese) sul tavolo dei direttori dei nostri principali quotidiani? Speriamo che il prossimo governo sciolga l’arcano subito, senza dover aspettare cioè che tra venti anni dalle parti di Kew Gardens tolgano il segreto di Stato.

    Francesco Maria Toscano

    21/05/2018

    Categorie: Editoriale

    3 Commenti

    1. Parole sacrosante e condivisibilissime.

    2. Mario Masala scrive:

      Chapeau, Chapeau ed ancora CHAPEAU, Francesco M. Toscano !
      Lei (o Tu!) è uno dei pochissimi estensori di testi pubblici che abbia il coraggio, unita alla lucidità d’analisi, di denunciare con fermezza i veri nervi scoperti della società italiana (ed internazionale!).
      Anche questo articolo è totalmente condivisibile ed è come aria ossigenante in un ambiente tossico !

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    COLPIRE ORA AL CUORE...

    Scritto il 11 - dic - 2018

    1 Commento

    LA RESA DI THERESA,...

    Scritto il 10 - dic - 2018

    1 Commento

    LA NOSTRA COSTITUZIONE E’...

    Scritto il 9 - nov - 2018

    1 Commento

    LA PARABOLA DI TRUMP,...

    Scritto il 7 - nov - 2018

    1 Commento

    LA VERGINE CUCCIA

    Scritto il 6 - dic - 2011

    0 Commenti

    LE SINGOLARI ASSONANZE TRA...

    Scritto il 31 - lug - 2013

    3 Comment1

    EUROFOLLIA

    Scritto il 28 - ott - 2011

    0 Commenti

    SARAS QUEL CHE SARAS

    Scritto il 12 - apr - 2011

    0 Commenti

    NESSUNO PUO’ VANTARSI DEL...

    Scritto il 14 - set - 2012

    4 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.