PorcelliniLa letterina con il richiamo all’Italia scritta dai cerberi della Ue è puntualmente arrivata.  I vari Juncker, Moscovici e Dombrovskis, in versione tre porcellini, si aspettano che entro oggi il governo italiano “spieghi” il senso di una manovra che secondo i pinocchietti di Bruxelles rappresenta una “gravissima deviazione rispetto alle regole concordate”. Tutto questo ipocrita casino sarebbe giustificato dalla scelta del governo di fissare in finanziaria il rapporto deficit/pil al 2,4%, un dato perfettamente in linea con quelli del recente passato e molto più basso rispetto al 3% applicato in Francia adesso dal “responsabile” Macron. Ma il 3% di Macron, nonostante le apparenze, rispetta le regole europee più del 2,4% dei “gialloverdi” perché- parafrasando l’ Orwell della “Fattoria degli Animali”- anche dentro la Ue “tutte le nazioni sono uguali ma alcune sono più uguali delle altre”. Al di là dei “numerini”, i nazisti tecnocratici che guidano (ancora per poco) il Vecchio Continente non sopportano due cose: 1) soffrono nel vedere all’opera un governo che prova ad immettere liquidità nell’economia reale; 2) sanno che immettere liquidità nell’economia reale significa rilanciare i consumi interni, far ripartire l’economia e quindi guadagnare consenso politico. L’anno prossimo si vota per le europee e i gerarchi guidati da quell’ubriacone di Juncker saranno spazzati via con ignominia nel caso in cui le ricette dei “populisti” applicate in Italia dovessero funzionare. Come faranno questi farabutti a giustificarsi di fronte all’opinione pubblica mondiale quando anche i ciechi capiranno- dati alla mano- che il rifiuto dell’austerity e le politiche “espansive” non solo fanno aumentare il Pil ma abbattono perfino il tanto strombazzato “debito pubblico”? Quel giorno i soliti parrucconi dovranno andare a nascondersi dalla vergogna, definitivamente smascherati quali luridi ascari al servizio di inconfessabili e opachi poteri privati e usurai. Queste motivazioni spiegano l’isteria di politici falliti come Moscovici, mandato in Europa per punizione dai socialisti francesi per avere combinato disastri in Patria come recentemente ricordato in un lungo e preciso ritratto pubblicato su “La Verita’” da Perna (clicca per leggere). Considerato che i pupazzi della Ue sono così squalificati e ridicoli da non riuscire ad impressionare più nessuno tranne quel deficiente traditore greco che risponde al nome di Tsipras, ecco che entrano ora in campo i “pesi massimi” evocati dai “santoni” che quotidianamente inneggiano al “dio mercato” e compiono sacrifici per placare l’ira di “Spread”, dio del vento e della volatilità dei titoli di Stato. In attesa che diano manforte i “fratelli” Fitch e Standard e Poor’s, agenzie di rating già note alle procure di mezzo mondo, è nel frattempo uscito allo scoperto il temibile colosso Moody’s, pronto a declassare il debito italiano perché i mercati temono le “mani bucate” di Salvini e Di Maio. Per chi non lo sapesse l’azionista di maggioranza di Moody’s è Warren Buffet, un tipino alla mano che, in pieno delirio di onnipotenza, ebbe il coraggio di rilasciare una simile dichiarazione: “Non è in corso nessuna crisi finanziaria ma semmai una lotta di classe, e la mia classe- quella dei miliardari- la sta ampiamente vincendo”. Anche a Warren, evidentemente, piace(va) vincere facile…

    Francesco Maria Toscano

    22/10/2018

     

    Categorie: Politica

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    COLPIRE ORA AL CUORE...

    Scritto il 11 - dic - 2018

    11 Commenti

    LA RESA DI THERESA,...

    Scritto il 10 - dic - 2018

    1 Commento

    LA NOSTRA COSTITUZIONE E’...

    Scritto il 9 - nov - 2018

    1 Commento

    LA PARABOLA DI TRUMP,...

    Scritto il 7 - nov - 2018

    1 Commento

    CAMERON CON VISTA

    Scritto il 11 - dic - 2011

    4 Comment1

    LA SCOMPARSA DEI PARTITI

    Scritto il 18 - feb - 2014

    1 Commento

    VIENI AVANTI FASSINA!

    Scritto il 20 - dic - 2013

    9 Comment1

    OGNI CITTADINO CONSERVA IL...

    Scritto il 6 - feb - 2014

    23 Comment1

    CON LA SCONFITTA REFEDENDARIA...

    Scritto il 5 - dic - 2016

    29 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.