Di MaioIn passato ho spesso e volentieri espresso pubblicamente giudizi poco lusinghieri nei confronti di Luigi Di Maio, a mio avviso interprete di una linea politica troppo morbida e non aderente con i propositi palingenetici di un Movimento nato con l’obiettivo preciso di dare voce alla “santa rabbia” di troppi cittadini umiliati, traditi e impoveriti da un sistema violento, infame e bugiardo. Di Maio, quando nella scorsa legislatura incarnava il ruolo di vicepresidente della Camera, somigliava spesso più ad un “doroteo” di forlaniana memoria che ad un intrepido giacobino della Francia rivoluzionaria, sempre a suo agio nel ruolo di “pompiere saggio” che limita gli eccessi di una base pentastellata presuntivamente troppo rumorosa e imprevedibile. Per questo suo profilo apparentemente “moderato” (aggettivo che tradotto dalla neolingua significa “servo dei padroni”) si era guadagnato le attenzioni di consessi tenebrosi come la “Trilatelar Commission”, guidata dai soliti becchini e usurai che invitavano Di Maio a colazione con l’evidente intento di “impressionarlo per controllarlo”. Bisogna infine sottolineare come la presa che Casaleggio padre esercitava sul vecchio Movimento- e quindi anche sullo stesso Di Maio- non era sempre benefica, essendo note le antistoriche e sbagliate posizioni di Gianroberto sui temi macroeconomici. Rimane infatti indimenticabile una vecchia intervista di Casaleggio al Fatto nella quale il Fondatore proponeva risibilmente il taglio di “200 miliardi di spesa pubblica per rilanciare l’economia italiana(clicca per leggere). Una proposta semplicemente folle e politicamente  criminale che neppure i vertici dell’ attuale macelleria sociale europea, da Moscovici a Juncker, avrebbero avuto mai il coraggio di avanzare in termini così brutali. Insomma, tutto lasciava supporre che Di Maio, una volta arrivato al potere, avrebbe pedissequamente seguito le orme del miserabile “Quisling greco” Alexis Tsipras, oramai pacificamente diventato agli occhi della pubblica opinione mondiale la personificazione stessa dei concetti di “viltà” e “tradimento”. E invece, con mio discreto stupore e somma soddisfazione, devo riconoscere che Di Maio non solo non somiglia affatto all’ipocrita ateniese, ma sta dimostrando di possedere grande coraggio e fiuto politico. Mentre Salvini eccelle nella capacità di cavalcare problemi veri che generano una legittima inquietudine sociale- come l’immigrazione incontrollata o l’insicurezza che attanaglia le periferie delle nostre grandi città- senza mai “innervosire” però i “poteri forti”, Di Maio ha avuto invece persino il coraggio di denunciare pubblicamente le doppiezze irresponsabili di Mario Draghi, vero dominus da tempo immemore della politica italiana, nonché garante agli occhi dei potentati stranieri della progressiva e inarrestabile distruzione dell’apparato produttivo italiano. Non a caso da allora tutta la grande stampa italiana, dal Giornale  a La Repubblica, compreso Il Fatto che recita meglio di altri endemiche pulsioni “anti-establishment”, ha messo violentemente nel mirino il ministro del Lavoro che ha avuto l’ardire di violare il santuario del sacerdote Draghi, messia laico venerato da tutti i “fedeli”, da Berlusconi a Marco Travaglio. Per queste ragioni tutti i cittadini italiani che hanno a cuore la difesa della democrazia e vogliono vedere crollare dalle fondamenta l’attuale indegna Dittatura Finanziaria che paralizza e umilia il Vecchio Continente devono oggi stringersi intorno a Luigi Di Maio, cavallo di razza cresciuto bene e in fretta.

    Francesco Maria Toscano

    28/10/2018

    Categorie: Politica

    3 Commenti

    1. Stefano scrive:

      Ottimo articolo.A corredo vi linko il seguente sullo stesso tenore: https://leorugens.wordpress.com/2018/10/28/mi-scusi-di-maio-mario-draghi-non-e-italiano/

    2. Bufo scrive:

      Vero. Stavolta il nostro plauso va a Luigi Di Maio.

    3. Stefano scrive:

      Altro interessante link,meditate meditate: https://www.youtube.com/watch?v=JF25J7jHOi0

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA NOSTRA COSTITUZIONE E’...

    Scritto il 9 - nov - 2018

    1 Commento

    LA PARABOLA DI TRUMP,...

    Scritto il 7 - nov - 2018

    1 Commento

    NEL 2019 SCATTERA’ IL...

    Scritto il 2 - nov - 2018

    3 Commenti

    IL GOVERNO IGNORI IL...

    Scritto il 1 - nov - 2018

    1 Commento

    L’EURO DEI NAZI E...

    Scritto il 29 - mar - 2014

    22 Comment1

    PERFINO JEREMY CORBYN TRADISCE...

    Scritto il 19 - apr - 2016

    2 Comment1

    LA LENTA AGONIA DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2013

    5 Comment1

    LE VERE “FAKE NEWS”...

    Scritto il 2 - mar - 2017

    1 Commento

    NELLA MENTE DEL MOSTRO

    Scritto il 24 - set - 2012

    2 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.