Quarta Teoria PoliticaDa dieci giorni l’attenzione dei media italiani è rivolta al caso “Savoini”, amico di Salvini finito al centro di una storia che riguarda una presunta compravendita di petrolio dalla Russia che, allo stato, tutti dicono non essersi concretizzata. Alcuni hanno avanzato delle similitudini con il caso “Strache”, importante politico austriaco “populista” costretto a dimettersi dal governo dopo la pubblicazione di un audio imbarazzante. Nel merito i due casi non sembrano paragonabili visto che, mentre l’austriaco ha partecipato direttamente all’incontro dello scandalo, Salvini è finito al centro delle polemiche solo a causa di Savoini, presidente dell’associazione culturale Lombardia-Russia. Come mai una storia che vede protagonisti personaggi di secondo piano, con riferimento tra l’altro ad una compravendita che tutti negano essere poi realmente avvenuta, ha catalizzato in maniera così ossessiva e pervicace l’attenzione di tutto il nostro “circo mediatico”? Io credo che il “mainstream”- voce autentica del potere reale- cavalchi questo “caso” per mandare “erga omnes” un messaggio che esula in realtà dal merito di una vicenda altrimenti trascurabile. Il messaggio in estrema sintesi è questo: “tutti quelli che intendano sposare e proporre un progetto geopolitico che teorizzi il superamento dell’unipolarismo occidentale e la creazione di un nuovo ordine mondiale multipolare sappiano di essere- per l’oggi e per il domani- nel nostro mirino”. Il potere profondo che governa l’Italia- quello consolidatosi all’indomani del biennio stragista ’92-’93- vuole impedire cioè che nasca un dibattito franco e libero intorno a temi ed argomenti che devono rimanere “tabù”. Nessuno può e deve dubitare circa il definitivo trionfo della globalizzazione e, conseguentemente, mettere in discussione l’euro e la Ue, “pietre d’angolo” di un così “brillante” processo storico destinato ora ad accelerare per merito della tedesca “europeista” e “federalista” Ursula Von Der Leyen, nuova “stella” del firmamento continentale che ha già indicato nella Russia il pericolo principale dei nostri tempi (clicca per leggere), seguita a ruota da un figuro come Mario Monti che apre bocca per definire “gravissimi” i rapporti tenuti da Salvini con i russi, noti “avversari” (il pavido professore vorrebbe dire “nemici” ma non ci riesce) dell’Europa (clicca per leggere). Come tutti i fanatici anche i “mondialisti” negano la realtà, continuando a schiumare rabbia e fare la faccia feroce nella speranza- vana- di ottenere con la minaccia ciò che non possono più avere con il consenso. Questi esaltati dovrebbero serenamente prendere atto che la “globalizzazione” è un processo fallito perché respinto dai popoli, come tra l’altro già ampiamente previsto e scritto da pensatori cinici e realisti come Samuel Huntington (“Lo Scontro delle Civiltà”) e Henry Kissinger (“Nuovo Ordine Mondiale”). E’ in atto quindi una melliflua e dissimulata criminalizzazione del pensiero che vede in prima linea il quotidiano La Repubblica, organo di stampa ossessionato dai russi, che tende a gettare di continuo “ombre” e “sospetti” su tutti quelli che hanno osato, osano e oseranno intrattenere rapporti di scambio culturale o semplicemente amicale con il filosofo Dugin, autore di libri decisivi come “La Quarta Teoria Politica”, impropriamente dipinto dal “mainstream” come il “Rasputin di Putin” (clicca per leggere). Questo vergognoso e reiterato tentativo di trasformare il pensiero e l’idea in crimine va respinto con forza al mittente.

    Francesco Maria Toscano

    19/07/2019

    Categorie: Politica

    2 Commenti

    1. Pincus scrive:

      Quello dell’Italian Russiagate è stato solo un false flag per facilitare l’allontanamento di Salvini dal governo e facilitare il reisediamento del Conte La Pochette.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    4 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    6 Commenti

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    E’ NATO IL RENZI...

    Scritto il 22 - feb - 2014

    20 Comment1

    NESSUNO IN EUROPA VEDE...

    Scritto il 12 - apr - 2013

    1 Commento

    CARNEADE HA PERSO IL...

    Scritto il 27 - ago - 2013

    9 Comment1

    OGNUNO SI GUARDI LA...

    Scritto il 1 - apr - 2013

    2 Comment1

    ORSI IN GABBIA

    Scritto il 12 - feb - 2013

    2 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.