STATO E PLUTOCRAZIA

    Vi siete mai chiesti a cosa serve la politica? Pensate mai cosa ne sarebbe della nostra società in assenza dei pubblici poteri? Se riuscissimo ad eliminare in un sol colpo sprechi, partiti e Palazzi le disuguaglianze sostanziali aumenterebbero o finirebbero col ridursi? Sappiate che il sogno di ogni plutocrate è quello di ridicolizzare, parcellizzare e infine paralizzare la rappresentanza democratica. Perché? Perché più lo Stato è debole più la forza   Leggi tutto ...

    RENZI SPERIAMO CHE SE LA CAVA

    Nel leggere il surreale intervento di Matteo Renzi in Senato ho riso di gusto (clicca per ridere).  Non mi capitava di sfogliare un testo così pregno di (involontario) umorismo dai tempi del liceo, allorquando lessi con soddisfazione una esilarante raccolta di pensierini strampalati, scritti da una scolaresca napoletana e pubblicati dal maestro elementare Marcello D’Orta all’interno di una raccolta significativamente titolata “Io Speriamo che me la cavo”. Non è possibile   Leggi tutto ...

    COSA PUO’ FARE IL SINGOLO CITTADINO PER RESISTERE ALLA VIOLENZA DI STATO?

    Qualche giorno fa, analizzando il contesto generale, ci chiedevamo se l’Italia di oggi potesse ancora fregiarsi della patente di “democrazia liberale” (clicca per leggere), addivenendo infine a conclusioni tutt’altro che ottimistiche (clicca per leggere). Superato dalla cronaca rimaneva sospeso l’interrogativo più importante: “cosa può fare il singolo cittadino per resistere alla barbarie istituzionale e alla violenza di Stato?”. E’ arrivato il momento di abbozzare una risposta. Preliminarmente ritengo che non   Leggi tutto ...

    SHOAH

    Da dieci giorni i due ragazzi, fratello e sorella, erano nascosti nell’angusto sottotetto della loro casa. Il quartiere, nel frattempo, era stato sfollato e i soldati avevano perquisito casa per casa, deportando tutti, uomini, donne e bambini. I loro genitori avevano appena fatto in tempo a nasconderli nel sottotetto con le provviste di cui disponevano, riempiendoli di raccomandazioni per affrontare la difficile prova che li attendeva.  Il papà, prima di   Leggi tutto ...

    E’ NATO IL RENZI UNO, QUINDI IL LETTA BIS, ERGO IL MONTI TER

    E’ nato il governo Renzi. E non poteva essere peggiore. Un vero e proprio concentrato di mezze calzette, emissari della Troika e ragazze coccodè. Renzi si conferma un guscio vuoto, un piccolo guascone tanto assettato di potere quanto sprovvisto di idee e cultura politica. Il Renzi uno è nei fatti un Letta bis, quindi un Monti ter. L’operazione politica appena conclusa è chiarissima e può così sintetizzarsi: il massimo della   Leggi tutto ...

    IL MERCATO DEL LAVORO NON ESISTE

    “In un’economia monetaria positiva, non può esistere una curva di offerta del lavoro, perché guadagnare un salario è un vincolo e non una scelta.” (Alan Parguez) Ci siamo sempre sentiti dire che il mercato del lavoro necessita di persone preparate, disposte anche ad accettare paghe da fame ed orari impensabili pur di rendere appetibile il proprio curriculum agli occhi dei datori di lavoro. Abbiamo una buona notizia per voi: il   Leggi tutto ...

    CONTRORDINE COMPAGNI! L’UTILE IDIOTA NON E’ ALFANO. E’ GRILLO

    Ieri è andato in scena lo spettacolo del confronto in streaming tra Matteo Renzi e Beppe Grillo (clicca per ascoltare). Una pantomima inutile buona solo per permettere alla nostra grande stampa di mostrarsi ancora una volta per quello che effettivamente è: incapace, inetta e ignorante. Il solito circo composto da giornalisti inopinatamente strappati all’agricoltura, anziché mettere in risalto le tante (troppe) proposte bislacche avanzate da Grillo a margine dell’incontro con   Leggi tutto ...

    L’ATTUALE GOVERNANCE EUROPEA NON E’ NEOLIBERISTA. E’ NAZISTA

    Ieri, dopo avere stabilito che l’Italia di oggi non può a ragion veduta essere definita una “democrazia liberale” (clicca per leggere), ci siamo lasciati chiedendoci cosa possa (e debba) fare il singolo cittadino per opporsi alla violenza di Stato e alla barbarie istituzionale. Prima di rispondere sul punto voglio brevemente approfondire i tratti criminali, sanguinari e dittatoriali che pongono il nostro Paese in una posizione di chiara incompatibilità sia con   Leggi tutto ...

    L’ITALIA DI OGGI PUO’ ANCORA DEFINIRSI “DEMOCRAZIA LIBERALE”?

    Perché ognuno di noi è chiamato a rispettare le prescrizioni che lo Stato civile e democratico ci impone? In virtù di quale principio lo Stato rivendica per sé l’uso esclusivo della forza? L’accettazione dell’ordine costituito è sempre e in ogni caso precondizione indispensabile che legittima qualsiasi battaglia politica? Cosa è la violenza legalizzata? Quali strumenti può opporre il singolo cittadino per resistere contro la barbarie (Enrico Letta direbbe la “barbaria”)   Leggi tutto ...

    LA SCOMPARSA DEI PARTITI

    Non è che i Partiti politici siano proprio scomparsi, anzi, mai come oggi se ne avverte la presenza anche nel più piccolo scranno di potere del più sperduto paesello dello stivale; a scomparire sono state le ideologie, i valori e le passioni che caratterizzavano le diverse  formazioni politiche. I partiti delle origini si distinguevano per una visione del mondo sostanzialmente antitetica, condividendo a volte solo il rispetto dei principi basilari   Leggi tutto ...

    FRIEDMAN E DE BORTOLI RICORDANO A RENZI CHI E PERCHE’ LO HA VOLUTO AL POTERE

    Ci sono due modi per affrontare l’oggettivo fallimento delle politiche eugenetiche e ordo-liberiste perpetrate sadicamente da oltre un ventennio in Europa grazie all’infaticabile opera di un manipolo di massoni contro-iniziati (oggi capitanati dal Venerabile Mario Draghi) di ispirazione reazionaria, oligarchica e in buona sostanza nazista. Il primo, appannaggio degli uomini onesti, imporrebbe l’immediata abiura nei fatti dell’austerità (a chiacchiere è bravo persino Napolitano), il ripristino di una vera Banca centrale   Leggi tutto ...

    2084: LA PACE E’ GUERRA, LA SCHIAVITU’ E’ LIBERTA’, LA FORZA E’ L’IGNORANZA

    (Carissimo Carletto, quando mai lo Spirito dell’Uomo si è posto il problema di limiti alla propria crescita?)         Perché si esclude che l’Europa possa evolvere in senso democratico sulla base di un processo finalisticamente identico a quello che ha portato alla unità d’Italia     Globalizzazione ed internazionalismo: possono ideologie contrapposte percorrere la medesima strada e condurre ad antitetiche mete? Misteri del controintuitivo. D’altronde, pare che la   Leggi tutto ...

    GLASS STEAGALL ACT E VOLCKER RULE, STABILIZZARE IL CAPITALISMO

    Nel panorama di proposte che in questo periodo storico vengono messe sul tavolo dei policymaker per risolvere la crisi economica che stiamo vivendo, si sente spesso parlare di un possibile ritorno al Glass-Steagall act, la legge sulla regolamentazione del sistema finanziario, voluta dal governo americano di Franklin Delano Roosevelt, con la quale si cercò difinitivamente di mettere un freno alle speculazioni finanziare delle banche d’investimento. La legge, in breve, imponeva   Leggi tutto ...

    RENZI: IPOCRISIA COSTITUZIONALE

    Fatto: la Corte Costituzionale boccia la legge Fini-Giovanardi che equiparava le droghe leggere a quelle pesanti. Effetto: verranno ricalcolate le pene detentive fino ad oggi inflitte per questo tipo di reati in base alla rimodulazione della legge operata dalla Corte Costituzionale. Fatto: la Corte Costituzionale boccia alcuni punti della legge elettorale ove prevedeva un premio di maggioranza abnorme, collegi bloccati senza preferenze e così via. Effetto: Si voterà immediatamente per   Leggi tutto ...

    RENZI AL POTERE E NAPOLITANO RIDIMENSIONATO. GENESI DI UNA MANOVRA SPERICOLATA

    Dopo aver giurato per mesi che “Enrico può stare sereno”, che “non andrò mai al governo senza passare per le urne” e che “il mio Pd non farà mai governi consociativi con la destra”, Renzi ha naturalmente deciso di fare l’esatto contrario di quanto precedentemente annunciato palesando in tal modo una disinvoltura degna del suo vero mentore e padre spirituale Silvio Berlusconi. La menzogna in politica non fa scalpore. Basta   Leggi tutto ...

    CHI VUOLE SUBITO RENZI A PALAZZO CHIGI?

    La politica italiana ha subito una decisa accelerazione. Gli eventi sono precipitati trascinando la pubblica opinione in un turbinio di fatti, ipotesi e scenari che tutto raccontano ma nulla spiegano. Proviamo a farci qualche salutare domanda. Chi, e perché, ha impresso una svolta destinata ad imporre Matteo Renzi a Palazzo Chigi? Che relazione intercorre tra l’improvviso materializzarsi della “staffetta” e il presunto “scoop” di Alan Friedman pubblicato in bella evidenza   Leggi tutto ...

    NAPOLITANO HA AFFERRATO IL MESSAGGIO. PRONTO IL GOVERNO RENZI

    In men che non si dica il Comitato ha archiviato la richiesta di impeachment avanzata dai penta-stellati nei confronti del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Il Sistema, come era prevedibile, si chiude a riccio dimostrandosi per l’ennesima volta autoreferenziale e corrotto. Ma, al di là delle fredde procedure burocratiche, nessuno può oramai aggirare un dato politico nuovo e  innegabile: Napolitano è nei fatti già oggi considerato un Presidente golpista sia   Leggi tutto ...

    IL RUOLO DELLA MONETA: UN’ANALISI COMPARATA

    Per il filone di economisti appartenenti all’area definita Neoclassica la moneta, nella formazione delle dinamiche economiche, svolge un ruolo neutro: essa, ad esempio, non contribuisce di per sé all’ aumento o alla diminuzione della disoccupazione o al mutare di qualsiasi altra variabile economica. Il modo in cui studiano l’economia è il seguente: partendo da un’economia basata sul baratto ( o economia del villaggio), assumono un mezzo ( la moneta) che   Leggi tutto ...

    SILVIO BERLUSCONI, ANZICHE’ FINGERE TARDIVO STUPORE, VOTI L’IMPEACHMENT CONTRO GIORGIO NAPOLITANO

    La ripartenza dell’Italia è incompatibile con la permanenza sul Colle di un personaggio come Giorgio Napolitano. Questo anziano signore, cresciuto respirando atmosfere totalitarie, è il principale responsabile del declino del nostro Paese. Espressione di forze opache e anti-italiane, ancorato ad una idea dell’esercizio del potere autoritaria e illiberale, Napolitano continua a tenere in ostaggio la democrazia italiana in tandem col massone reazionario e contro-iniziato Mario Draghi. Il Corriere della Sera,   Leggi tutto ...

    SERMONE DELLA DOMENICA- 9/02/2014

    Segnala presso:

    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    0 Commenti

    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    2 Commenti

    IL RISORGIMENTO MERIDIONALE E’...

    Scritto il 23 - feb - 2019

    2 Commenti

    PERCHE’ L’INCONTRO DEL 20...

    Scritto il 15 - feb - 2019

    0 Commenti

    RENZI, DRAGHI E L’ITALIA...

    Scritto il 25 - giu - 2014

    3 Comment1

    CONTRO IL NEOLIBERISMO DOGMATICO

    Scritto il 8 - lug - 2013

    4 Comment1

    ABOLIAMO IL VOTO

    Scritto il 13 - nov - 2011

    0 Commenti

    LETTERA APERTA DI PIERGIOVANNI...

    Scritto il 23 - giu - 2013

    3 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.