Francesco Maria Toscano per “Gazzetta del sud”

    Vi è mai capitato di leggere una mail che, subdolamente, vi invita a controllare con urgenza, tramite l’inserimento dei dati personali, il vostro conto bancario o postale al fine di evitare possibili errori o per incassare fantomatici quanto improbabili premi? Se sì, non credeteci. Come oramai sanno benissimo gli internauti più avveduti, trattasi di tentativi di truffa applicati e condotti secondo le regole che la tecnologia del nuovo millennio mette a disposizione degli imbroglioni contemporanei. Ma siccome non tutti sono tenuti a cogliere fino in fondo le insidie che l’attualità propone, ecco che una crescente moltitudine di ignari cittadini in buona fede rimane tutt’ora vittima di un fenomeno, quello appunto delle truffe on-line, che ha oramai assunto contorni preoccupanti. Il tema ha suscitato l’interesse dell’associazione Fidapa che, capeggiata dalla sua presidente Antonella Stirparo, ha pensato di organizzare un apposito convegno volto all’approfondimento di una materia per molti aspetti non ancora conosciuta. L’incontro, moderato dall’avvocato Bruno Fiammella e svoltosi nella sala conferenze del palazzo della Provincia, ha analizzato a fondo la natura del problema, affrontandolo sotto diversi aspetti. Dopo l’introduzione della Presidente Stirparo, coadiuvata da Antonella Naim, Irene Tripodi e Tiziana Cannatà, tutte in forza all’associazione, nonché i saluti dell’avv. Danilo Sarra in rappresentanza del consiglio dell’ordine dei legali, è toccato al sostituto procuratore della Dda Federico Perrone Capano chiarire in profondità e con dovizia di particolari il fenomeno in oggetto.” Il Phishing (termine anglofono che indica tale problema, ndc)” spiega Perrone Capano, “è un’emergenza relativamente giovane. Phishing significa pescare, proprio perché si rivolge ad una moltitudine indiscriminata di possibili vittime, puntando prevalentemente su un dato aritmetico. Si calcola che circa il 10% del totale delle mail inoltrate raggiunge l’effetto desiderato”. L’obiettivo principale dei truffatori moderni è infatti quello di carpire con l’inganno dati personali dell’utente colpito, potendo così avere libero accesso al conto corrente del malcapitato. “Una volta acquisite le passward”, continua il magistrato, “i phishers hanno due strade: o li utilizzano direttamente o li vendono. Questo modello di raggiro è molto diffuso nell’est Europa e non di rado si avvale di complici nei diversi Paesi oggetto dell’inganno, Italia compresa. Da noi purtroppo”, conclude Perrone Capano, “a differenza che negli Stati Uniti, non esiste una normativa ad hoc capace di fronteggiare con precisione questo nuovo tipo di reato”. Sul finire l’ing. Saverio Spinelli, amministratore unico infoitalia servizi srl, ha dispensato consigli utili e pratici per tutelarsi dai raggiri in rete. In confronto a questi moderni Lupin, capaci di violentare il progresso per i loro biechi obiettivi, i furbetti vecchio stampo, stile Totò truffa ’62, finiscono col suscitare quasi un sentimento di tenerezza. Ebbene sì, neppure gli imbrogli sono più quelli di una volta…

    Categorie: Attualità, Italia

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA GLOBALIZZAZIONE E’ UN...

    Scritto il 6 - set - 2016

    5 Comment1

    NELLE MANI DI NENNILLO

    Scritto il 7 - feb - 2012

    0 Commenti

    JACOB LEW: ANOTHER BRICK...

    Scritto il 10 - gen - 2013

    1 Commento

    TEUTOBURGO IN CHIAVE MODERNA

    Scritto il 23 - nov - 2011

    1 Commento

    CAOS CALMO

    Scritto il 11 - apr - 2011

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.