L’ex governatore della banca d’Italia Antonio Fazio è stato condannato a 4 anni di reclusione per aggiotaggio con riferimento alla scalata della banca Antonveneta. I più ricorderanno la vicenda che, nell’estate del 2005, quella dei “furbetti del quartierino”, tenne “banco”. Senza inseguire le singole e tristi vicende personali che hanno contraddistinto all’epoca l’operato dei tanti eccellenti protagonisti della vita pubblica italiana, tra i quali spicca la figura dell’ex governatore ciociaro oggi condannato, il dato complessivo che merita di essere analizzato e approfondito riguarda una serie di aspetti. In primo luogo, la condanna di un potente come Fazio, emessa da un tribunale italiano in nome del popolo italiano, restituisce un minimo di speranza circa la tenuta dell’impianto democratico della nostra declinante democrazia. Gli italiani sono infatti abituati a pensare che il cosiddetto “garantismo” riguardi soltanto i vertici della società, mentre le pulsioni giustizialiste, mai sopite, possano tranquillamente essere soddisfatte colpendo gli ultimi anelli di un una società divisa in caste dal sapore antico. Sia chiaro, dal punto di vista soggettivo sulla condanna di un uomo, chiunque esso sia e qualunque cosa abbia fatto non è mai cosa nobile gioire, ma la consapevolezza che la legge non riguarda soltanto immigrati e disoccupati rinforza la fiducia nelle istituzioni e garantisce coesione sociale. In secondo luogo, questa sentenza deve costituire un monito per le nostre classe dirigenti circa l’indispensabilità di non mischiare dolosamente affari e politica. Nell’estate del 2005, anche grazie alle denunce coraggiose e solitarie del deputato Bruno Tabacci, venne fuori uno spaccato inquietante. Una specie di “bicamerale degli affari” teneva in scacco il Paese. Nessuna forza politica pareva immune dal sistema e le diverse scalate, da Antonveneta a Unipol, davano l’impressione di essere intrecciate. La Lega in un primo momento attaccava Fazio e il suo modo di interpretare il ruolo, fino a quando, in seguito allo scandalo della banca leghista “Credieuronord”, non decise improvvisamente di cambiare linea politica. Il giudice Clementina Forleo, che intendeva tentare di accertare tutte le responsabilità, anche quelle della politica di destra e di sinistra, finì pesantemente delegittimata ed isolata per aver definito big della politica come D’Alema e Latorre “consapevoli complici di un disegno criminale”. Una cosa è certa, il cammino per ristabilire le fondamenta di un sistema che non si regga soltanto sul concetto di forza, alienato cioè da ogni parvenza di agibilità democratica, è ancora lungo. Ma un passo nella direzione giusta è già di per sè una buona notizia.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Economia, Editoriale

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    IN MEMORIA DI ERIC...

    Scritto il 5 - dic - 2014

    12 Comment1

    ASCOLTANDO IL FIGLIO DEL...

    Scritto il 16 - feb - 2016

    46 Comment1

    RITORNO AL SURREALE. GLI...

    Scritto il 16 - apr - 2013

    0 Commenti

    2084: LA PACE E’...

    Scritto il 17 - feb - 2014

    7 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.