La stampa italiana fa schifo e questa non è una notizia né una novità. Non serve, non spiega, non scrive e non informa. E’ una camera di compensazione dei poteri nostrani. Una delle tante giostre che serve per far divertire i moderni patrizi. A turno, le nostre classi dirigenti fanno un po’ tutto: onorevoli, opinionisti ed infine dotti editorialisti. Tutti fanno tutto, naturalmente a loro uso e consumo. Se i giornalisti italiani fanno in genere schifo, gli editori, se possibile, sono pure peggio. Si fa un una fatica immane a scovare un proprietario di grandi testate incensurato. Dagli Angelucci a Paolo Berlusconi, da Geronzi a De Benedetti, non ce n’è uno che non abbia confidenze con le aule dei tribunali. Bene, il quadro è questo. Ma non disperate, può peggiorare. Infatti il lecchinaggio spinto di tante penne d’argento, al limite della pornografia, a noi, poveri ingenui, sembrava frutto soltanto della cupidigia di servilismo di troppi camerieri in livrea. Invece, forse, non è così. Perché a dare retta a Renato Farina, già vicedirettore di Libero, meglio conosciuto con lo pseudonimo di Betulla, già al soldo dei servizi segreti italiani, i giornalisti italiani che scrivono sotto la dettatura dei servizi sarebbero molti. Alcuni dei quali insospettabili. Se lo dice Farina, che di servizi se ne intende, qualcosa di vero ci sarà. La prova provata che Farina dice il vero è riscontrabile poi dalla giornaliera lettura dei principali quotidiani. Tutti, da destra a sinistra, nascondono le notizie scomode, non parlano della riapertura delle indagini sulle stragi, non rivelano l’identità, che pur conoscono di tanti piduisti ancora in attività, e banchettano insieme ai potenti che dovrebbero controllare. I tempi del Corriere di Tassan Din non sono mai passati del tutto. Sono sicuro che se le inchieste sulla p4 che, in fondo, ricalcano quella Why Not di de Magistris, dovessero davvero andare fino in fondo, finiranno con il colpire molti giornalisti. Gli stessi che hanno affossato le inchieste di Catanzaro, non per difendere un principio di garantismo ma solo per tutelare se stessi e il loro portafoglio.

    Categorie: Editoriale

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    4 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    6 Commenti

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    POLITICA E MAGISTRATURA: UN...

    Scritto il 18 - apr - 2011

    0 Commenti

    DE MAGISTRIS SI E’...

    Scritto il 5 - nov - 2012

    12 Comment1

    SE LA LOGICA E’...

    Scritto il 27 - nov - 2011

    0 Commenti

    OPPORTUNI APPROFONDIMENTI

    Scritto il 13 - gen - 2012

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.