Sbagliare è umano, perseverare è diabolico, sintetizza un abusato brocardo latino. Mi scuso per la mancanza di originalità ma alle volte anche le banalità servono a decifrare meglio i percorsi. Ho solo (si fa per dire) 32 anni, e fin da piccolo tutti i mass media del mio Paese mi hanno bombardato con concetti come “privatizzazioni”,” flessibilità” e “tagli alla spesa”. I migliori pensatori in campo economico che affollano inutilmente gli stucchevoli studi televisivi dei principali talk shaw italici litigano su tutto ma convergono quasi sempre sulla bontà di queste parole d’ordine. Dopo un ventennio di disastri, sull’onda lunga di una impostazione sbagliata e foriera di sventure, anziché ripensare coraggiosamente e criticamente sugli errori commessi perseguendo una strada sbagliata, i soliti noti rilanciano. E allora, alle solite proposte pocanzi accennate, gli iperliberisti in mala fede aggiungono nuovi contenuti. La Bce detta direttamente al nostro governo un piano di intervento sbagliato e si fa strada l’ipotesi deleteria di imporre per legge il pareggio di bilancio. Intanto la Grecia brucia e le giovani generazioni di tutto il mondo protestano contro una situazione non più tollerabile. A nessuno però viene il dubbio che, forse, anziché intestardirsi nell’applicazione forzosa di un modello che non ha prodotto alcun risultato, bisognerebbe ripartire con parole d’ordine diverse, rese credibili dalla nascita di una nuova classe dirigente. Un nuovo umanesimo che rimetta al centro il lavoro e la giustizia sociale, che limiti le disuguaglianze e colpisca le rendite parassitarie. Una decisa accelerazione nella direzione dell’unità politica di un Europa finalmente libera dai ceppi infernali di una finanza ingorda e malevola mista ad una rinnovata etica della responsabilità. L’Italia cresce poco, è vero. Ma quando anche crescesse a ritmi sostenuti a cosa servirebbe senza una adeguata redistribuzione delle ricchezze? A nulla, solo ad aggiungere nuove ingiustizie. In conclusione, il mercato da solo non basta. E’ ora che la politica torni ad esercitare il suo primato. Ad ogni livello.

    Categorie: Economia, Editoriale

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA NOSTRA COSTITUZIONE E’...

    Scritto il 9 - nov - 2018

    1 Commento

    LA PARABOLA DI TRUMP,...

    Scritto il 7 - nov - 2018

    1 Commento

    NEL 2019 SCATTERA’ IL...

    Scritto il 2 - nov - 2018

    3 Commenti

    IL GOVERNO IGNORI IL...

    Scritto il 1 - nov - 2018

    1 Commento

    IL CASO GRECO FA...

    Scritto il 23 - feb - 2015

    31 Comment1

    SPECIALE FRANCIA. SE FALLISCE...

    Scritto il 22 - apr - 2012

    3 Comment1

    BARBARA SPINELLI: “CON TSIPRAS...

    Scritto il 26 - dic - 2013

    3 Comment1

    IL MERAVIGLIOSO MONDO DI...

    Scritto il 29 - mar - 2012

    0 Commenti

    LE SINGOLARI ASSONANZE TRA...

    Scritto il 31 - lug - 2013

    3 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.