Francesco Maria Toscano per Gazzetta del sud

    Ripartire dal sapere e dall’integrazione culturale. E’ questa probabilmente l’unica via possibile per dare nuova linfa ad un processo di integrazione europea che, sulla scia della strisciante crisi economica mondiale, comincia a mostrare la corda. Magari, se anziché armonizzare soltanto i mercati e la moneta, le diverse classi dirigenti europee susseguitesi negli anni avessero provveduto a costruire un nuovo sentire comune, partendo proprio dalla valorizzazione dello scambio interculturale, oggi le fondamenta comunitarie risulterebbero probabilmente più solide e meno vulnerabili sul piano della speculazione finanziaria. In ogni caso, è bene rafforzare le occasioni di coesione, che anche gli strumenti attuali consentono, affinché si radichi nelle nuove generazioni un comune senso di appartenenza. Uno dei progetti che certamente negli ultimi due decenni ha contribuito maggiormente nella direzione dell’abbattimento di quelle frontiere culturali che ancora penalizzano il vecchio continente è certamente il progetto “Erasmus”. Un progetto capace negli anni di fare muovere con finalità di apprendimento comparato tantissimi studenti europei desiderosi di vivere concretamente un’idea, altrimenti astratta, di Europa unita. Ma nonostante gli sforzi e gli indiscutibili successi, anche l’interscambio culturale denota alcune criticità che devono essere conosciute e quindi superate. A tal proposito, l’associazione Esn Rhegium ha inteso presentare presso la facoltà di Architettura uno studio, denominato “Prime”, finalizzato proprio all’approfondimento su scala europea delle principali problematiche che penalizzano gli studenti all’estero. Dopo l’introduzione del moderatore Santo Cambareri che ha indicato le priorità strategiche nella “cultura comunitaria e nella mobilità su scala europea”, il prof. Alberto De Capua delegato per l’orientamento della facoltà di Architettura, rivolgendosi ai tanti studenti stranieri presenti in sala , specie spagnoli e polacchi, ha posto l’accento sulla capacità “di accoglienza dei nostri territori”. Sulla stessa lunghezza d’onda l’intervento del prorettore Giampiero Tonin che ha sottolineato la vocazione internazionale dell’ateneo: “Noi”, ha detto Tonin, “vogliamo essere di supporto per un importante sviluppo delle relazioni internazionali”. A Marco Cuzzocrea, dell’associazione Esn Rhegium, il compito di spiegare nel dettaglio e a colpi di numeri i risultati dello studio condotto: “Il progetto Prime”, chiarisce preliminarmente Cuzzocrea, “è finanziato dalla comunità europea e intende evidenziare i principali problemi che gli studenti all’estero incontrano. Uno di questi è sicuramente rappresentato dalla difficoltà che spesso gli studenti incontrano nel vedersi riconosciuti i crediti all’estero. I numeri ci dicono che le situazioni variano molto a seconda dei diversi Paesi. Sarà molto più agevole studiare all’estero senza subire interruzioni nel cammino universitario per un giovane belga di quanto non lo sia, per esempio, per un suo omologo ungherese. L’Italia risulta in una posizione intermedia”. Hanno inoltre impreziosito il dibattito il prof. Giuseppe Barbaro, delegato per la facoltà di Ingegneria, Daniele Fonti, dirigente dell’ufficio relazioni internazionali e il prof. Paolo Porto, delegato per la facoltà di Agraria. Probabilmente soltanto una nuova generazione potrà portare a compimento quell’idea di Europa politica unita e solidale che immaginava già Alcide De Gasperi nel 1954, quando in occasione della Conferenza parlamentare europea svoltasi a Parigi pronunciò un discorso dal titolo “La nostra patria Europa”. Per ora gli europei hanno unito soltanto le tasche. Ma per unire cuori e sentimenti non è rimasto in vero ancora troppo tempo.

    Categorie: Cultura

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    PERCHE’ L’INCONTRO DEL 20...

    Scritto il 15 - feb - 2019

    0 Commenti

    IL GRAND GUIGNOL DI...

    Scritto il 12 - feb - 2019

    0 Commenti

    LO STRANO CASO DEL...

    Scritto il 8 - feb - 2019

    3 Commenti

    SECONDO MERKEL, MACRON E...

    Scritto il 6 - feb - 2019

    1 Commento

    DARFUR, TRAGEDIA DIMENTICATA

    Scritto il 1 - giu - 2012

    0 Commenti

    MARIO MONTI, IL FINTO...

    Scritto il 2 - lug - 2012

    2 Comment1

    IL RUOLO DELLA MONETA:...

    Scritto il 10 - feb - 2014

    8 Comment1

    CHI INGRASSA I MAIALI...

    Scritto il 21 - set - 2012

    8 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.