La parabola di Berlusconi è finita con uno spettacolino degno del personaggio. Ben lontano dalla tragica ma intensa fine di personaggi discussi ma di spessore come Bettino Craxi, Berlusconi esce di scena così come ci era entrato: mercanteggiando. Della sua stagione politica non resterà assolutamente nulla se non lo sbalordito e sbiadito ricordo di chi dimenticherà in fretta questi anni. A meno di un quarto d’ora dalle dimissioni del Premier, già non esiste più né il Pdl né la coalizione di centrodestra. L’innaturale consenso accordato da Berlusconi al fine di favorire la formazione di un governo Monti etero diretto dai tedeschi si spiega soltanto con il desiderio di quest’ultimo di conservare “la robba”, alla stregua del Mastro Don Gesualdo raccontato da Giovanni Verga. In queste ore convulse, nelle quali si appalesa con sempre maggiore chiarezza la subalternità politica e intellettuale delle nostre pseudo classi dirigenti ai potentati stranieri, i ruoli si invertono e i personaggi trasmutano. Mentre elementi riveriti e interessatamente vezzeggiati come il Presidente Napolitano si macchiano della grave colpa storica di aver barattato la democrazia italiana sull’altare di interessi economici internazionali non del tutto confessabili, personaggi giustamente derisi perché grotteschi e improbabili si riscattano in un minuto di lucido coraggio. Mi riferisco a Mimmo Scilipoti, transfuga sui generis del famoso 14 dicembre scorso, che ha trovato il coraggio di prendere parola in Parlamento per esprimere, a parole sue, un pensiero di verità nel mezzo di un Parlamento ostaggio dell’ipocrisia. Scilipoti ha detto: “In quest’aula tutti sanno che la scelta di Monti è funzionale soltanto agli interessi di lobby bancarie. Bande di criminali….”, al che Fini, cognato del più noto Giancarlo Tulliani, ha inteso levargli la parola con fare di inutile superiorità. Un enorme vuoto politico attanaglia l’Italia e l’Europa nel mezzo di una dolosa crisi economica volta a schiavizzare i ceti medi e proletari. Sono oramai evidenti tutti gli ingredienti che rischiano di riproporre nel mondo di oggi le peggiori tragedie del novecento.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale, Politica

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    4 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    6 Commenti

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    GIOELE MAGALDI E LA...

    Scritto il 1 - ott - 2014

    16 Comment1

    L’UOMO SAGGIO E GIUSTO...

    Scritto il 23 - dic - 2013

    2 Comment1

    MARIO DRAGHI E’ MOLTO...

    Scritto il 21 - apr - 2016

    3 Comment1

    SE LA PIAZZA IN...

    Scritto il 5 - ago - 2013

    10 Comment1

    IL GIORNO DELLA CIVATI

    Scritto il 30 - apr - 2013

    3 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.