C’ è un aspetto del caso Morelli-Giglio che nessun commentatore ha deciso di segnalare. Ed quello riguardante gli sfortunati imputati che sono incappati nel giudice Giglio oggetto dell’indagine “Infinito”. Va bene l’indignazione generale, va bene la retorica della politica connivente che si riconosce dalle frasi di rito tipo “fiducia nella magistratura nella certezza che gli odierni indagati sapranno chiarire le loro posizioni”; va bene tutto, ma, di grazia, chi glielo spiega ad un povero cristo che magari si è beccato l’ergastolo da un giudice oggetto di inchieste come quella in oggetto che deve accettare la sua pena come legittima perché emessa in nome e per conto dello Stato di diritto? Fatti così gravi, che coinvolgono figure apicali della magistratura, finiscono con il minare le fondamenta stesse della democrazia, perché feriscono a morte una precondizione indispensabile che rende legittimo e possibile l’uso della forza esclusivamente in capo allo Stato. Escludendo il principio di legittimità in base al quale lo Stato si auto conferisce il monopolio dell’uso della forza, non resta che l’arbitrio che, come tale, non può mai essere elemento costitutivo di una democrazia liberale. Chi ha il potere di giudicare i suoi simili deve possedere non soltanto i requisiti formali e procedurali, ma deve certamente essere riconosciuto come persona di specchiata moralità e al dì sopra di ogni sospetto. Anche il peggiore dei criminali ha diritto di essere giudicato da chi, in nome della legge inesorabile, ha i requisiti personali per onorare il ruolo che ricopre nell’interesse della collettività. Il rimprovero sanzionatorio, per essere credibile, deve vivere e trovare compimento nelle parole e nelle decisioni di uomini degni. Altrimenti il diritto si confonde con la forza ammantata di insalubre ipocrisia. E finisce con il far sembrare lo Stato troppo simile ai fenomeni degenerativi che dovrebbe combattere. C’è un solo modo valido per ripristinare la sacralità della giustizia violata e umiliata: agire con il massimo rigore e in ogni direzione.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Attualità

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LE TURBOIDIOZIE DI ALDO...

    Scritto il 7 - apr - 2019

    4 Commenti

    FUSARO SINDACO NEL NOME...

    Scritto il 3 - apr - 2019

    2 Commenti

    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    4 Commenti

    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    3 Commenti

    I CANTORI DEL REGIME

    Scritto il 7 - mar - 2015

    4 Comment1

    ANCHE SE IL LIVELLO...

    Scritto il 28 - set - 2018

    0 Commenti

    UNIRE I PUNTI PER...

    Scritto il 29 - set - 2013

    23 Comment1

    VENDESI REGIONE SICILIA

    Scritto il 10 - nov - 2017

    1 Commento

    MADE IN CHINA

    Scritto il 20 - nov - 2014

    3 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.