“Il programma del governo Monti non è quello del Pd: se voteremo qualcosa di diverso è perché in una situazione di emergenza ci siamo assunti la responsabilità di sostenere questo esecutivo». Avrei beatamente ignorato una banalità del genere in bocca a personaggi ambigui e senza orizzonte politico come Veltroni, Fioroni, Gentiloni e similari furbacchioni. Siccome invece il nefasto presagio politico di cui sopra è opera del responsabile economico del Pd Stefano Fassina, ho il dovere di approfondire la questione. Mi sono infatti già occupato di Fassina dalle pagine di questo blog (http://www.ilmoralista.it/piu-fassina-e-meno-fassino),individuandolo come possibile polo di attrazione positivo di un centrosinistra rifondato su basi completamente nuove. Qualche giorno fa, invece, nel pezzo titolato “La guerra di Piero” (http://www.ilmoralista.it/la-guerra-di-piero), esprimevo perplessità circa l’effettiva volontà del segretario del Pd Bersani di sposare in concreto una linea politica veramente progressista, illuminata e tendente a ridisegnare la nostra società partendo dalla giustizia sociale. Temevo, e le parole di Fassina sopra riportate danno corpo ai cattivi pensieri, che alcune lungimiranti quanto estemporanee analisi di Bersani sulla crisi del liberismo cavalcante, fossero prevalentemente strumentali alla copertura di uno spazio politico insidiato da Vendola e Di Pietro. Non vorrei avere lodato Fassina troppo presto che, ad una lettura più attenta, potrebbe essersi dolosamente ritagliato il poco nobile ruolo di “utile idiota” non sospettando, come ricordò brillantemente Enrico Mentana al vicedirettore del Giornale Porro durante una puntata di Annozero, di non essere utile. Cosa significa, caro Fassina, “votare provvedimenti diversi da quelli che avanzerebbe il Pd vista l’emergenza?” Significa forse legittimare misure che, dai tagli alla sanità all’aumento dell’Irpef per non parlare delle pensioni, avrebbero effetti ulteriormente recessivi per la nostra, già agonizzante, economia? Mi auguro di essere presto smentito nei fatti. Altrimenti saremmo di fronte ad un colossale depistaggio le cui dinamiche, riferendosi però ad altri contesti, sintetizzò in passato bene Sciascia. “Prima li chiacchierano”, spiegava l’arguto saggista, e poi li accusano di essere chiacchierati”. Non vorremmo, amici del Pd, che applicaste alla politica lo stesso paradigma. Prima votate misure recessive, e poi continuate prendendo a pretesto l’avvenuta recessione.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale, Politica

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA QUARTA TEORIA POLITICA....

    Scritto il 23 - giu - 2019

    1 Commento

    LE FORZE DELLA TERRA...

    Scritto il 22 - giu - 2019

    0 Commenti

    SENZA ANCORARSI AD UNA...

    Scritto il 21 - giu - 2019

    0 Commenti

    BRUXELLES DELENDA EST

    Scritto il 20 - giu - 2019

    1 Commento

    IL PRIMO CONGRESSO DEL...

    Scritto il 18 - giu - 2019

    0 Commenti

    LA STRANEZZA AMERICANA DI...

    Scritto il 19 - feb - 2013

    2 Comment1

    L’OMBRA LUNGA DI MCKINSEY,...

    Scritto il 9 - dic - 2013

    19 Comment1

    LA NOSTRA PROSPETTIVA E’...

    Scritto il 10 - giu - 2017

    1 Commento

    IL MORALISTA CHIAMA A...

    Scritto il 11 - lug - 2014

    10 Comment1

    AL COYOTE QUEL CHE...

    Scritto il 9 - lug - 2012

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.