Di Travaglio apprezzo la capacità di archivio, la straordinaria memoria e ,a volte, la sagace ironia. Credo che la sua presenza arricchisca in generale il panorama giornalistico italiano e sia utile nella misura in cui non si pretenda di trasformare Travaglio in quello che non è. Travaglio non è un politologo, non è un analista e non possiede visone d’insieme né capacità strategiche. E’, al contrario, un eccellente cronista di giudiziaria che possiede un salutare senso di responsabilità misto ad un evidente rispetto per la politica che, proprio per la sua altissima funzione, non dovrebbe essere riservata in via quasi esclusiva a collusi, troiette e maneggioni. Chi, come lo sceneggiatore Piccolo, accusa Travaglio di “fomentare l’antipolitica spianando la strada a d un nuovo Berlusconi”, sbaglia completamente la diagnosi. Piccolo scambia i sintomi con le cause, dando così inconsapevolmente forza ai tanti manigoldi trincerati indegnamente dentro le massime istituzioni. L’antipolitica, caro Piccolo, è proprio quella che il vicedirettore del “Fatto” denuncia. I politici che dopo venti anni si ricordano della “trattativa con la mafia” che, secondo una ipotesi investigativa decretò la morte di Borsellino, sono l’antipolitica. Le maitresse che allietano le serate del satrapo ricompensate con un posto di pubblica responsabilità sono l’antipolitica. Il governo dei tecnici, avallato dal Quirinale, che umilia, scavalca e sminuisce il concetto stesso di democrazia rappresentativa è l’antipolitica. I parenti di Fini in Rai o accasati in immobili ereditati dal partito sono l’antipolitica. Il balbettante e incolto Lorenzo Cesa, già reo confesso nonché prescritto nel processo per le tangenti Anas del 1993, è l’antipolitica. I diessini impegnati nella scalata Unipol sono l’antipolitica. Renzo Bossi, Cristiano Di Pietro e il familismo amorale sono l’antipolitica. Non basta, Piccolo, non guardare per far sparire la malattia. E fin qui ha ragione Travaglio. Dal quale però non si può pretendere altro se non una valida e argomentata invettiva. Quando poi infatti è il momento di affrontare questioni economiche e geopolitiche complesse, come quelle che hanno imposto i governi illegittimi di Monti in Italia e Papademos in Grecia, Travaglio palesa tutti i suoi limiti. Come si evince chiaramente dalle parole del Travaglio convinto, ad esempio che l’avvento dei tecnici è “il frutto dell’imminente fallimento finanziario nel quale questa politica ci ha trascinato”. Analisi evidentemente parziale e tutto sommato fuorviante.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    ARCHIVIARE LA DEMOCRAZIA E’...

    Scritto il 22 - mag - 2018

    1 Commento

    IL GIORNALISMO ITALIANO E’...

    Scritto il 21 - mag - 2018

    1 Commento

    IL NUOVO PARLAMENTO VARI...

    Scritto il 17 - mag - 2018

    0 Commenti

    LA STAFFETTA FRA DI...

    Scritto il 16 - mag - 2018

    0 Commenti

    IL MOVIMENTO 5 STELLE...

    Scritto il 15 - mag - 2018

    2 Commenti

    LA RUSSIA NON E’...

    Scritto il 27 - mar - 2017

    2 Comment1

    LA NAVE DEI VELENI

    Scritto il 14 - dic - 2011

    0 Commenti

    DAVVERO IN PORTOGALLO HA...

    Scritto il 9 - ott - 2015

    32 Comment1

    UNA RICETTA SBAGLIATA

    Scritto il 22 - ott - 2011

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.