Soltanto una tragedia vera potrà salvare, al punto in cui siamo, l’Europa e il mondo. Il livello di perversione raggiunto da questo nuovo ordine mondiale è massimo e, per parafrasare Cicerone, come ogni ingiustizia in grado di essere somma, anche questa appare giusta. Più della difficoltà dell’esistente, sgomenta l’impossibilità di razionalizzare risposte efficaci nella direzione di un salvifico cambiamento. In teoria, in un sistema di democrazia liberale, il rischio dittatoriale oligarchico che sta imprigionando l’Italia e l’Europa potrebbe essere spazzato via dalle elezioni. Nessuna tornata elettorale, invece, vista la scientificità ed efficacia del piano reazionario ed elitario attualmente in atto, potrà incidere effettivamente sulle dinamiche di potere reale. Né in Italia, né in Francia. Spiegava in maniera arguta Bertold Brecht: “La democrazia non è scegliere tra il bianco e il nero ma sottrarsi a questa scelta precostituita”. Se in Italia l’alternativa è tra Bersani, tra i più convinti sostenitori di un governo classista come quello Monti, e Berlusconi che baratta il suo appoggio parlamentare per averne un ritorno di tipo personale, a cosa serve votare? Così come se in Francia il candidato socialista Hollande mette il paraggio di bilancio tra i primi punti del suo programma ultraliberistico tanto vale tenersi Sarkozy. La presa d’atto, a livello epidermico, da parte dei popoli europei di trovarsi oramai rinchiusi dentro una strettissima camicia di forza potrebbe liberale forze violentissime e impreviste capaci di rimettere al centro della scena la barbara ferocia che macchiò di rosso l’intero novecento. Le forze estreme avanzano quasi dappertutto. In Ungheria si vedono bruciare bandiere dell’Europa e in Francia prende quota il movimento fascista di Marine Le Pen. Non c’è uomo saggio sulla faccia della terra che può coscientemente augurarsi che il mondo conosca di nuovo guerre sanguinose e nuovi nazismi. Ma non si può non notare come le strategie politiche delle élite dominanti attualmente in atto non potranno non risvegliare un mostro che credevamo assopito per sempre. Un risveglio duro e terribile ma forse oramai necessario.

    Francesco Maria Toscano

    27/01/2012

    Categorie: Editoriale

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA SECONDA REPUBBLICA, NATA...

    Scritto il 23 - nov - 2017

    1 Commento

    LA DESOLANTE INUTILITA’ DELLE...

    Scritto il 22 - nov - 2017

    0 Commenti

    DE BORTOLI E TAINO,...

    Scritto il 21 - nov - 2017

    0 Commenti

    VENDESI REGIONE SICILIA

    Scritto il 10 - nov - 2017

    0 Commenti

    IL “TRILEMMA” DI RODRIK

    Scritto il 5 - apr - 2013

    3 Comment1

    LO STRANO CASO DEL...

    Scritto il 24 - lug - 2012

    2 Comment1

    IL PREMIER RENZI DALLE...

    Scritto il 8 - mar - 2014

    2 Comment1

    SE CADESSE IL GOVERNO...

    Scritto il 18 - lug - 2013

    6 Comment1

    RENZI, DRAGHI E L’ITALIA...

    Scritto il 25 - giu - 2014

    3 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.