La Grecia è stremata. Gli euroburocrati sono riusciti a realizzare il primo dei loro dissimulati obiettivi: strozzare il bersaglio più comodo. Rincorrendo un’emergenza cronica, costruita in laboratorio, gli euro tiranni hanno ridotto in polvere 11 milioni di cittadini ellenici. Un risultato non disprezzabile per chi desidera creare nuova disperazione da utilizzare come manodopera sottopagata per le industrie dei negrieri del 2000. In maniera cadenzata vengono chiesti ai diversi governi fantoccio di Atene nuove misure disumane, dal taglio dei già bassissimi salari al licenziamento di milioni di lavoratori e padri di famiglia. Nonostante questa spirale non accenni a fermarsi, nessuno mette in discussione la bontà della cura al capezzale del malato morente. Perché in realtà, aldilà delle frasi retoriche e di facciata dei vari Merkel, Monti e Sarkozy buone per riempire giornalacci asserviti, queste ricette stanno ottenendo esattamente i risultati per i quali sono state pensate. La Grecia deve morire per fare da apripista alla lenta agonia dei Paesi che, a breve, ne seguiranno l’infelice destino. Per comprendere l’elemento psicologico di chi si prodiga per seminare tragedie e povertà, non occorre avere letto manuali di economia. Questi personaggi senza scrupoli che occupano indegnamente, e inseguendo privatissimi interessi, i vertici delle istituzioni comunitarie, ricordano il Nennillo di “Natale in casa Cupiello” che, durante la grave malattia dello zio Pasqualino, pensò bene di racimolare qualche spicciolo vendendosi le scarpe del congiunto sofferente. “Il medico aveva parlato chiaro”, provò a giustificarsi il nipote di fronte alle rimostranze dello zio scalzo ormai ristabilitosi, “tu dovevi morire”. Non si può non notare come l’unico Paese insieme alla Grecia sostanzialmente commissariato da questa élite europea attraverso l’imposizione dall’alto di un ragioniere non legittimato democraticamente sia proprio l’Italia. Papademos e Monti sono due tecnici imposti con gli stessi metodi e sulla base delle identiche menzogne. Due lupi con il compito di mettere in sicurezza le pecorelle greche e italiane che belano poco prima di venire mortalmente azzannate. Attenti però all’ira dei giusti.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LE TURBOIDIOZIE DI ALDO...

    Scritto il 7 - apr - 2019

    5 Commenti

    FUSARO SINDACO NEL NOME...

    Scritto il 3 - apr - 2019

    2 Commenti

    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    4 Commenti

    CHI SONO E COSA...

    Scritto il 4 - apr - 2014

    43 Comment1

    RISPOSTE FALSE A PROBLEMI...

    Scritto il 1 - apr - 2014

    5 Comment1

    IL “GARANTISTA” NON GARANTISCE

    Scritto il 25 - set - 2015

    28 Comment1

    PERCHE’ HO DECISO DI...

    Scritto il 6 - ago - 2014

    10 Comment1

    MA IL MORALISTA E’...

    Scritto il 7 - lug - 2012

    3 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.