La figura di Hollande suscita molte speranze. I popoli europei, stanchi di vivere una condizione di cronica sofferenza, vogliono affidarsi ad un uomo capace di cambiare radicalmente le parole d’ordine che guidano la governance europea. Non più spread, mercati, bund, rigore e fiscal compact ma lavoro, crescita, salari, pensioni, sanità ed opportunità. Oggi il nuovo presidente francese incontrerà la Merkel a Berlino con l’intento, rivelano le cronache, di rendere i tedeschi più malleabili sul fronte dell’austerità. Credo sia un approccio non del tutto convincente. I tedeschi perseguono una linea che ha permesso al loro Paese di difendere le loro esportazioni soffocando la concorrenza dei Paesi dell’Europa meridionale. E’ plausibile pensare che la Merkel non arretrerà di un millimetro sul punto. L’obiettivo di Hollande non deve essere quello di persuadere la Merkel circa la bontà delle sue proposte. Hollande deve limitarsi ad assumere in piena autonomia decisioni che marchino una netta discontinuità con le politiche rigoriste del passato. La Francia può oggi mettersi alla guida di un processo storico di proporzioni molto rilevanti, conducendo l’Europa verso nuovi lidi, diversi e insperati, rispetto al deserto di ideali, speranze e prospettive preparato dall’attuale tecnocrazia al potere. Ma per farlo, Hollande deve trovare il coraggio di abbandonare i vecchi riti, di non inseguire il compromesso ad ogni costo, di difendere alcuni principi di giustizia sociale in un’ottica totalizzante e quindi non negoziabile. Più che alla Merkel, il successore del pessimo Sarkozy deve parlare al popolo tedesco, composto da tanti uomini e tante donne sicuramente molto migliori della classe dirigente miope e ottusa che li rappresenta. Il voto con il quale i tedeschi della popolosa regione del Nord Reno Westfalia hanno bocciato il partito del Cancelliere in carica, rende evidente lo spirito solidale che permea la parte più avanzata della società teutonica. I tedeschi hanno probabilmente imparato molto dai tragici errori del loro passato, e non si faranno perciò trascinare facilmente in un vortice di tensione con il resto d’Europa solo per assecondare il capriccio della Merkel. Hollande deve dimostrare di non essere quella figura scialba e opaca dipinta dai suoi detrattori. Deve cogliere fino in fondo l’importanza del suo ruolo e proiettarlo con generosità e lungimiranza all’interno di un percorso politico di valenza storica. Deve tendere una mano alla Grecia ferita e umiliata, mitigando le sofferenze di un popolo provato che non può essere più sottoposto a macabre e sadiche liturgie pagane fatte di sangue e sacrifici. Deve infine ignorare i tanti figuri scaltri e provinciali che, specie in Italia, sperano di ritagliarsi il ruolo di infidi mediatori. Deve in una parola dimostrare di essere uno statista.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Esteri

    2 Commenti

    1. alessandro scrive:

      Quelli che oggi definiscono Hollande scialbo, tiepido, uomo comune, magari erano gli stessi che condannavano il personalismo della politica, ossia il culto della personalità e l’imbonimento comunicativo molto utilizzato da Berlusconi e dallo stesso Sarkozy in Francia. Ora che è arrivato un politico il cui successo è dipeso dalla forza delle sue proposte e non nel fare il fighetto con Carla Bruni, l’uomo è scialbo! i veri insipienti sono quelli che continuano con queste menate del culto della personalità, finito con i due non-amici Sarkò-Berlusconi.
      Comunque vediamo oggi come va il duo ormai ribattezzato “Merkhollande”, che a me suona un pò male..pare un pò stonato

    2. [...] Vai alla fonte Condividi questo post: [...]

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LE TURBOIDIOZIE DI ALDO...

    Scritto il 7 - apr - 2019

    2 Commenti

    FUSARO SINDACO NEL NOME...

    Scritto il 3 - apr - 2019

    2 Commenti

    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    3 Commenti

    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    3 Commenti

    L’EUROPA, I TECNICI E...

    Scritto il 29 - ago - 2014

    161 Comment1

    L’IDIOSINCRASIA TRA IL ...

    Scritto il 5 - giu - 2013

    1 Commento

    ABOLIAMO IL VOTO

    Scritto il 13 - nov - 2011

    0 Commenti

    C’E’ DEL MARCIO ANCHE...

    Scritto il 6 - mar - 2012

    15 Comment1

    LA GRANDE MISTIFICAZIONE DEL...

    Scritto il 28 - feb - 2012

    6 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.