In pochi mesi il quadro politico italiano e internazionale è profondamente mutato. In Francia non c’è più quel nano malefico di Sarkozy sostituito da un promettente  Hollande, Obama è finalmente uscito dal colpevole torpore puntando finalmente con forza l’indice contro l’attuale oligarchia di usurpatori che guida l’Europa, in Grecia e in Italia infine, Paesi deboli e subalterni, trattati dalla Troika alla stregua di cavie da laboratorio, si diffonde una consapevolezza capillare circa l’indispensabilità di organizzare con scrupolo e puntiglio una eroica resistenza contro questa nuova forma di oppressione, il cosiddetto fascismo finanziario, ben rinvenibile nello sguardo anaffettivo e senza luce del nostro premier Mario Monti. Napolitano, regista dell’operazione Monti, non può più oramai mettere il naso fuori dal Quirinale senza essere subissato dai fischi, nonostante i continui e patetici tentativi di tanti scribacchini  impegnati nell’occultare una realtà chiara e limpida. C’è poi un altro aspetto che fa riflettere e induce all’ottimismo. Questa nuova e imponente ondata di indignazione cresce, nonostante il ferreo controllo che il potere esercita sui principali e tradizionali mezzi di informazione. I nostri media, non si limitano infatti ad occultare le vere ragioni che muovono l’operato del governo in carica, ma si preoccupano pure di spargere notizie false e strumentali, utili per giustificare operazioni di macelleria sociale agli occhi di una disorientata pubblica opinione. Hollande, appena eletto alla guida della Francia, ha abbassato l’età minima pensionabile per i francesi da 62 a 60 anni. In Italia,  però, continuano ad avere voce solo opinionisti da strapazzo che, mentendo, intravedono nell’innalzamento dell’età pensionabile uno dei pilastri indispensabili per “fare uscire l’Europa dalla crisi”. E’ bene ripetere all’infinito che l’impoverimento di massa non viene vissuto agli occhi dell’establishment come strumento indispensabile per raggiungere in futuro chissà quali fantastici risultati. No. L’ampliamento di sacche di disperazione e miseria è il preciso ma nascosto obiettivo politico finale affidato ad uomini come Monti da alcuni consessi elitari sovranazionali che non hanno mai digerito parole come libertà e uguaglianza. La crisi non c’entra proprio nulla. L’economia viene surrettiziamente usata per combattere una  battaglia che è tutta politica e sociale. Da un lato c’è chi come Monti, Draghi, Merkel, Barroso e Von Rompuy vuole re-imporre un modello sociale simile a quello in voga ai tempi  della prima rivoluzione industriale; dall’altro cominciano a formarsi sacche di resistenza intorno a figure politiche importanti come Barack Obama e Francois Hollande. Monti ieri ha gettato definitivamente la maschera, con buona pace dei tanti mentitori di professione che continuano quotidianamente a dipingerlo sulla stampa come elemento in grado di convincere la cancelliera Merkel a sposare, a parole,  la causa della crescita. Parlando di fronte all’assemblea dell’Acri (l’associazione delle fondazioni bancarie, ndm), il sobrio bocconiano, dopo avere dispensato qualche battuta degna del nostro Coyote (“abbiamo contro i poteri forti”), ha indossato le vesti del difensore d’ufficio dell’alleato germanico (“dobbiamo ringraziare la Germania. La linea del rigore non è in discussione”). Un salutare momento di chiarezza utile a capire fino in fondo il colore della maglietta indossato dai protagonisti in campo.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Esteri

    4 Commenti

    1. MAURI scrive:

      “L’ampliamento di sacche di disperazione e miseria è il preciso ma nascosto obiettivo politico finale affidato ad uomini come Monti”: PERFETTO, Francesco! In tal senso, a chi oggi mestamente esprime la propria delusione per il bocconiano e critica le scelte POLITICHE operate in questi mesi definendole “un fallimento”, rispondo che i cravattari padroni di rigor Mortis -al contrario- staranno invece esultando e gongolando di soddisfazione per i risultati ottenuti fino ad oggi dal loro pupillo… La “mission” procede bene, almeno fino ad oggi….
      Mauri.

    2. Paolo scrive:

      Sinceramente non condivido questa fiducia in Hollande e Obama. Obama fa così perché teme di perdere le elezioni a novembre. Hollande è presto per giudicarlo. Anche le timide aperture della Merkel sull’Europa politica per me sono controproducenti (oltre che tardive e ipocrite). L’eurozona è irriformabile, il MES, il fiscal compact, il trattato di Lisbona sono prodotti (non casuali) che spazzano via la sovranità degli Stati per trasferirla a organi sovranazionali formati da tecnocrati che nessuno ha eletto, che non rispondono a nessuno ma decidono per tutti. Inoltre c’è la questione dell’area valutaria non ottimale con tutto il portato di squilibri commerciali che si porta dietro. Ora ditemi voi se questo disastro può essere riformato da qualche palliativo come gli eurobond o qualche miliardino che la Germania concederà di sganciare per la crescita. No, l’eurozona è un disastro irriformabile ed è bene che salti per aria il prima possibile, per permettere agli stati nazionali di ricominciare su basi un po’ più democratiche e sociali. Se adesso Obama e Hollande riescono a strappare qualcosa alla Germania, sarà solo un compromesso al ribasso che prolungherà la nostra agonia e non risolverà una mazza. A questi due io direi di starsene zitti e lasciare che tutto vada a ramengo. Ma ho paura che non staranno zitti.

    3. ampul scrive:

      Sono d’accordo con te Paolo… Finchè c’è eurozona, (NON) c’è speranza!

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    FRANCO FRATTINI, PORTAVOCE OCCULTO

    Scritto il 14 - ago - 2012

    2 Comment1

    CRONACHE DAL FRONTE

    Scritto il 25 - feb - 2012

    1 Commento

    IL CALO DEL PETROLIO...

    Scritto il 30 - gen - 2015

    5 Comment1

    SE IL PIU’ SERIO...

    Scritto il 29 - apr - 2012

    2 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.