C’è qualcosa di profondamente irrazionale nel periodo storico e politico viviamo. Nel turbinio di dichiarazioni che quotidianamente si susseguono, tutte volte a delineare un quadro a tinte fosche che presto “trascinerà anche l’Italia nel girone oscuro destinato alla nazioni insolventi”, si fa fatica a focalizzare lucidamente gli aspetti decisivi del contendere. Gli italiani sono volutamente terrorizzati dai media, specie da quelli di proprietà delle banche, circa l’assoluta necessità di profondere, naturalmente “con responsabilità”, qualsiasi sforzo pur di evitare lo spettro del default. Questo paradigma falso e furbetto serve per far digerire agli italiani, e agli europei in generale, qualsiasi sconcezza. Se l’alternativa infatti è la morte, chiunque si riterrebbe fortunato nel ritrovarsi “soltanto ferito”, magari grave, ma tutto sommato vivo. Questa suggestione di massa, abilmente costruita, è il risultato di una mistificazione piuttosto banale. Le élite europee per archiviare il modello sociale solidale e responsabile affermatosi nel corso del novecento, svuotano le democrazie nazionali privandole della sovranità economica e monetaria, ora esclusivo appannaggio di alcuni centri di potere tecnocratici, scevri da qualsiasi controllo democratico. I singoli  Stati nazionali,  così maleficamente mutilati, sono costretti perciò a   finanziare il proprio debito rivolgendosi presso la speculazione finanziaria internazionale, i fantomatici “mercati”. La scelta di subordinare l’interesse pubblico rispetto alla speculazione privata è tutta politica e discrezionale. La crisi congiunturale non c’entra perciò un fico secco. I vertici dell’attuale oligarchia europea sono non a caso occupati da uomini che, come Monti, Draghi e Papademos, sono diretta espressione di cenacoli economici esclusivi e privati che ingrassano sulle disgrazie delle nazioni. Monti, al netto delle dissimulazioni, assolve per davvero il suo compito non se “mette l’Italia in sicurezza”, ma, al contrario, se crea alcune oggettive precondizioni che consentano agli speculatori internazionali di arricchirsi a dismisura, proprio grazie alla salutare debolezza dell’obiettivo puntato. Le istituzioni pubbliche sono abusivamente occupate da uomini che rispondono a logiche e interessi privati, aventi il precipuo scopo di ferire quegli Stati che indegnamente rappresentano, per assecondare trame oramai palesi, finalizzate a re-imporre un modello sociale classista e barbaro che pieghi le residue resistenze dei tanti nuovi miserabili che, come il Jean Valjean di Victor Hugo, finiranno con il rubare per sfamare i propri scheletrici bambini. Per risolvere definitivamente la crisi dei debiti sovrani e archiviare per sempre parolacce come spread, basterebbe rendere l’euro moneta sovrana, identica cioè a tutte le monete serie del mondo dal dollaro allo yen, trasformare la Bce in banca prestatrice di ultima istanza, uguale cioè a tutte le  banche centrali degne di questo nome ed emettere contestualmente  eurobond per favorire la ripresa economica e la successiva integrazione politica di una nuova Europa finalmente forte, solidale e federale. Questi provvedimenti non vengono presi non perché i cervelloni che ci comandano “non ci arrivano”, ma perché i vertici politici delle diverse nazioni coinvolte indossano alla luce del sole la maglietta del nemico. Usurpano cioè  ruoli pubblici non per inseguire l’interesse generale, ma per favorire lo smisurato arricchimento particolare di quegli stessi gruppi privati che ne hanno favorito l’irresistibile ascesa nel mondo dorato della classe padrona e gaudente. Per capirlo non servono grandi inchieste, basta leggere i curricula di gente come Monti e Draghi. Monti a Palazzo Chigi per difendere l’interesse generale è credibile come Dracula presidente dell’Avis. Qualunque cosa vi accada, cari cittadini italiani, non avete nessun diritto di stupirvi.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Economia

    Un commento

    1. alessandro scrive:

      Nell’intervista rilasciata da Krugman a RAINEWS 2 giorni fa, questi ha parlato di moneta sovrana, in particolare sostiene che gli USA hanno potuto stabilizzare finanziariamente le banche e raddrizzare l’economia sebbene con un troppo modesto piano d’interventi pubblici, in quanto controllano al moneta. In Europa consiglia una politica accomodante della BCE accettando un pò d’inflazione, ritenendo assolutamente sbagliato l’attuale piano di austerità, in questo periodo di recessione. Il Nobel auspica e consiglia un ampio piano d’interventi pubblici per rilanciare la crescita. La Germania ha investito molto in ricerca ed innovazione tecnologica con investimenti pubblici, gli stessi che oggi invita i paesi spendaccioni del sud a limitare… La Germania esporta così tanto perchè c’è l’euro, se avesse il marco, l’Italia le darebbe un bel filo da torcere… Io credo che gli squilibri non sarebbero comunque superati con l’introduzione dell’euro moneta sovrana, senza obiettivi di convergenza economica, ad esempio sui tassi d’inflazione e sul costo del lavoro e una forma di compattazione fiscale positiva

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    AMICI DEL GIAGUARO

    Scritto il 2 - dic - 2011

    3 Comment1

    OGNUNO SI GUARDI LA...

    Scritto il 1 - apr - 2013

    2 Comment1

    NESSUNO PUO’ VANTARSI DEL...

    Scritto il 14 - set - 2012

    4 Comment1

    EPIFANI NEI PANNI DI...

    Scritto il 11 - mag - 2013

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.