Questa Europa è un mostro. Lentamente divora le democrazie nazionali, svuota i diritti, colpisce il lavoro, affama, genera ampie sacche di miseria a beneficio di nuove ristrette aristocrazie fondate sul denaro. Credere che l’unione monetaria avrebbe giocoforza anticipato e favorito la nascita dell’Europa politica è stato un errore madornale, oltre che una evidente ingenuità. E’ successo esattamente il contrario. La moneta unica ha passo dopo passo commissariato i singoli governi nazionali democraticamente eletti, oramai ridotti al ruolo di fantoccio agli ordini di organismi tecnocratici non eletti come la Bce. Non fatevi ingannare. Quando la Merkel chiede di proseguire sulla strada dell’unificazione politica dell’Europa, non pensa affatto al sogno che animava pensatori illustri come Spinelli. L’Unione politica alla quale si riferisce questa specie di residuato bellico della DDR comunista, si traduce essenzialmente nella definitiva costruzione di una superburocrazia continentale, che opera fuori da qualsiasi controllo di legittimità politica o giudiziaria, capace cioè di imporre dal centro ordini violenti che producono effetti immediati e nefasti fino all’estrema periferia dell’Unione. Questo processo è già in atto. Grazie all’approvazione del fiscal compact, i Paesi che in futuro non faranno per bene “i compiti a casa” verranno  puniti dal maestro severo. I cani da caccia che si nascondono dietro le insegne del Fmi, della Bce e dell’Ue continueranno ad essere periodicamente scandagliati per azzannare e ridurre a brandelli quei Paesi straccioni che, oggi la Grecia, domani la Spagna, dopodomani l’Italia e poi chissà chi altro,  si comportano come i bimbi monelli. Con buona pace dei tanti commentatori da strapazzo che descrivono inopinatamente il vertice appena conclusosi come decisivo per risollevare l’Europa, i prossimi eventi si prenderanno presto  il compito di certificare la clamorosa mistificazione posta dolosamente in essere ai danni del popolo italiano ed europeo. Anche il Financial Times ha denunciato la spregevole pantomima in atto riportando il dibattito su un piano minimo di veridicità (clicca per leggere). Draghi, Von Rompuy, Barroso e compagnia continuano impunemente ad umiliare l’intelligenza di popoli interi attraverso mistificazioni oramai scoperte e puerili. Sappiate che non sarà così semplice riportare indietro le lancette della storia ai tempi della tratta degli schiavi. Gli europei hanno sedimentato in profondità valori irrinunciabili, ad ogni costo, come democrazia, uguaglianza e dignità. Quando l’ultima maschera manipolatoria sarà caduta, il popolo finalmente consapevole farà sentire altissima la sua voce. Quello sarà l’unico vertice veramente risolutivo.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Esteri

    Un commento

    1. [...] Vai alla fonte Condividi questo post: [...]

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    PERCHE’ L’INCONTRO DEL 20...

    Scritto il 15 - feb - 2019

    0 Commenti

    IL GRAND GUIGNOL DI...

    Scritto il 12 - feb - 2019

    0 Commenti

    LO STRANO CASO DEL...

    Scritto il 8 - feb - 2019

    3 Commenti

    SECONDO MERKEL, MACRON E...

    Scritto il 6 - feb - 2019

    1 Commento

    PER CASINI CI VUOLE...

    Scritto il 12 - ago - 2013

    5 Comment1

    LA MIA STORIA DELL’ERA...

    Scritto il 13 - apr - 2013

    1 Commento

    FRANCO FRATTINI, PORTAVOCE OCCULTO

    Scritto il 14 - ago - 2012

    2 Comment1

    SIAMO TUTTI ANNA FRANK,...

    Scritto il 25 - ott - 2017

    3 Comment1

    ALLE SPALLE DEL PRETESTO...

    Scritto il 30 - mag - 2017

    17 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.