In Italia i più feroci sacerdoti della teologia neoliberista provengono quasi tutti, per uno  strano scherzo del destino, dal vecchio Partito Comunista. L’offensiva in atto volta a gettare in miseria milioni di europei è infatti capitanata nel Belpaese da uomini come Napolitano, Bersani, D’Alema e Finocchiaro. Il governo Monti, massima espressione della furia devastatrice insita nell’offensiva turbocapitalista, è fieramente spalleggiato dalla succitata oligarchia già filosovietica, ora annidata nel corpo informe del Pd,  per ragioni solo apparentemente contraddittorie. In realtà, mutatis mutandis, questi vecchi componenti del politburo comunista sono rimasti fedeli a se stessi. Crollato il muro di Berlino si sono quindi prontamente riciclati, limitandosi a servire un nuovo padrone illiberale con la stessa ottusa strumentalità di prima. In tutti i Paesi che hanno conosciuto e conoscono forme di socialismo reale, dall’Urss alla Cina, si creano delle superburocrazie potentissime, spesso diretta emanazione del Partito Unico al potere, poco inclini al perseguimento effettivo del bene pubblico. Questi organi burocratici risultano quasi sempre irresponsabili sotto qualsiasi profilo. In nome di un’ideale astratto tradito nei fatti, le tecnocrazie partitiche al potere rivendicano inoltre  il privilegio di non essere mai messe in discussione, per nessun motivo, specie da chi, il popolino, non possiede certamente gli strumenti per cogliere, analizzare e valutare la profondità degli eventi. Tutte le dottrine totalitarie, di qualsiasi matrice, lasciano trasparire una profonda sfiducia nell’uomo; trasformano cioè  l’umanità in un grande gregge, sempre bisognoso di una guida sicura e infallibile. Adesso pensate agli elementi costitutivi della cosiddetta Troika e ditemi se non vi pare somigliante, per struttura e metodo, alle vecchie superburocrazie di matrice sovietica. Un gruppo di tecnocrati elitari, oggi come ieri, ad Occidente piuttosto che in Oriente, rivendica per se stesso il ruolo di guida illuminata di popoli interi, stolti e ignoranti, all’infuori di qualsiasi controllo dal basso di legittimità democratica. Napolitano, D’Alema e Bersani si trovano così bene insieme a Monti e ai suoi amiconi di Bruxelles proprio perché hanno finalmente ritrovato le stesse malsane e lugubri atmosfere che tanto li facevano sognare da ragazzini. Il totalitarismo burocratico è infatti irrimediabilmente nel Dna di chi è nato e cresciuto in contesti antidemocratici. Solo l’orizzonte strategico di lorsignori si è un tantino più ristretto. Prima promettevano il sol dell’avvenire, ora dicono di impegnarsi per abbassare lo spread.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Politica

    Un commento

    1. ParteNoneParteNo scrive:

      Lo stesso Berlusconismo, non avrebbe potuto vedere la luce senza il continuo, infaticabile contributo degli ex-comunisti. Diciamoci la verità con i socialisti o i democristiani non sarebbe stato possibile tenere un’intera nazione per quasi 20 anni in uno stato a metà tra l’ipnosi e la visione estatica del “nuovo miracolo italiano”. Solo i comunisti potevano riuscirci.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LE TURBOIDIOZIE DI ALDO...

    Scritto il 7 - apr - 2019

    2 Commenti

    FUSARO SINDACO NEL NOME...

    Scritto il 3 - apr - 2019

    2 Commenti

    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    4 Commenti

    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    3 Commenti

    IL VESCOVO GIUSEPPE FIORINI...

    Scritto il 25 - apr - 2012

    0 Commenti

    IL BARRITO DI BARROSO...

    Scritto il 20 - mar - 2014

    7 Comment1

    IL “TRILEMMA” DI RODRIK

    Scritto il 5 - apr - 2013

    3 Comment1

    GERMANIA E AUSTERITA’, FINITA...

    Scritto il 27 - lug - 2013

    3 Comment1

    I SEGRETI DI PULCINELLA

    Scritto il 17 - giu - 2011

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.