Da qualche tempo mi capita di incontrare persone che conosco in maniera più o meno superficiale che mi interrogano circa il mio rapporto con la massoneria. Siccome sono stanco di rispondere singolarmente ai tanti che, avendo certamente più esperienza in materia, provano lodevolmente ad aumentare il mio insufficiente livello di consapevolezza, ho deciso di scrivere un pezzo sull’argomento in grado, magari, di  alimentare un sano dibattito pubblico su una materia di sicuro interesse. Non sono massone, non sono stato mai iniziato da nessuno e non appartengo a nessuna obbedienza. Sfido perciò chi sostiene il contrario a cercare il mio nome presso gli uffici delle Prefetture che conservano gli elenchi degli iscritti. A dirla tutta, in tempi non molto remoti, nutrivo persino dei  fortissimi pregiudizi nei confronti della massoneria nel suo insieme. Sarà per l’educazione clericale ricevuta, sarà perché il gellismo in Italia ha lasciato un’ ombra ancora presente presso la pubblica opinione, sta di fatto che la sola evocazione della massoneria mi ha spesso incusso da ragazzo sentimenti fortemente ambivalenti e a tratti respingenti. Da un lato provavo ammirazione per le tante figure storiche del passato che con il loro impegno e coraggio hanno dato lustro all’umanità e alla massoneria; dall’altro immaginavo la realtà massonica contemporanea come molto distante dagli entusiasmi eroici dei tempi che furono, forse adesso più concentrata nella gestione spiccia e affaristica del potere, piuttosto che  protesa verso grandi e nobili ideali. Le inchieste catanzaresi di de Magistris, quella denominata Why Not in particolare, che secondo il Pm procedente lasciavano supporre l’esistenza di una nuova P2 capace ancora oggi di alterare il normale andamento democratico delle nostre istituzioni, mi avevano molto impressionato. “Solo un potere così coeso, ramificato e solidale”, mi dicevo forse ingenuamente, “sarebbe stato in grado, non solo di neutralizzare un’inchiesta scomoda, ma persino di fare finire gli accusatori sul banco degli imputati”. La lettura del libro “Il Caso Genchi”, scritto da Edoardo Montolli, aveva poi rafforzato alcuni miei convincimenti, specie nella parte riguardante il Prof. Giancarlo Elia Valori, la cui figura emergeva prepotentemente nelle pagine dell’autore. Questo lungo preambolo è utile come punto di partenza. Non nasco quindi dentro un contesto massonico, né respiro mai atmosfere esoteriche durante gli anni della mia formazione giovanile. I miei interessi, al contrario, si concentrano esclusivamente sulla politica e sul giornalismo, separatamente, o sul giornalismo politico come fenomeno d’insieme. Mentre studiavo per scrivere il mio libro, “Capolinea” (Luigi Pellegrini editore), intuivo come il semplice soffermarsi sul “visibile”, impedisse assolutamente una profonda comprensione delle vere dinamiche di potere che regolano a cascata i destini di tutti noi. L’alternanza destra-sinistra non spiega nulla, e la intrinseca continuità di indirizzo politico tra governi formalmente di colore diverso presuppone necessariamente la presenza di camere di compensazione che operano giocoforza all’infuori del palcoscenico. La lettura delle analisi di Gioele Magaldi, fondatore del movimento politico d’opinione Democrazia radical popolare, mi ha offerto delle pregevoli chiavi di lettura per tentare di cogliere la complessità degli eventi. In particolare, sotto il profilo macroeconomico, l’ossessione della tecnocrazia europea per le politiche di austerità e rigore, oramai universalmente riconosciute come recessive e controproducenti, è infatti spiegabile solo allargando la visuale. Dietro la facciata sudicia del “risanamento”, si nasconde evidentemente un lucido piano di involuzione sociale e democratica su scala planetaria. Ora, questa analisi si può condividere, si può contestare e si può pure ignorare. Ma non si può ridurre sul piano della simpatia personale, perché viaggia su un binario storico e ideale che sorvola abbondantemente qualunque illustre biografia personale. Né la forza intrinseca di questa nuova galoppante consapevolezza trova compimento solo nella misura in cui si legge con lenti massoniche. Le argomentazioni socio-politiche di Magaldi sono forti di per sé, e non perché Magaldi è  il fondatore di un movimento massonico d’opinione conosciuto come G.O.D. Se anziché del G.O.D, Magaldi facesse parte dell’Unicef, della Fifa, dei Quaccheri, del Mossad o degli Amici del Gabbiano, l’efficacia del messaggio rimarrebbe intatta. Gli uomini liberi e di buoni costumi servono le idee, non il capo. La fedeltà all’uomo, acritica e tribale, è propria delle strutture elementari e primitive. L’uomo libero non ha padroni, e il suo padrone è semmai la propria libera coscienza. Il Moralista è questo. Uno spazio libero di riflessione che offre uno spaccato sul mondo, che si rivolge a tutti gli uomini che non vivono di verità precostituite o, peggio, non violentano la realtà per renderla compatibile con i propri aprioristici convincimenti. Se condividete il messaggio del Moralista, chiunque voi siate, diffondetelo; se siete contrari combattetelo argomentando. Ma non tentate di intrappolare una linea di pensiero nello spazio angusto del ragionamento familistico e opportunistico. E’ sbagliato, oltre che profondamente scorretto. Per questo dispenso tutti coloro che, amorevolmente, mi danno consigli su come affrontare meglio le difficoltà che la vita può presentare dal continuare. Non ho altro da difendere se non la mia libertà e la mia dignità. E, vi assicuro, a pensarci bene non è poi così poco.

    Francesco Maria Toscano

    Categorie: Editoriale

    3 Commenti

    1. Twin Astir scrive:

      I nuovi tiranni conoscono benissimo il valore della libertà e della dignità delle persone, che non possono essere facilmente piegate ai loro progetti. E’ facile rapinare un popolo, usando il potere per ridurlo alla miseria, ma se questo popolo riesce a conservare i valori della libertà e della dignità, allora il loro progetto di dominio diventa molto più problematico, se non destinato al fallimento.

    2. Marco Giannini scrive:

      Bel pezzo, pienamente d’accordo anche nelle “tappe”. http://www.marcogiannini1975.ilcannocchiale.it

    3. Marco Giannini scrive:

      Bel pezzo. Condivido le “tappe”.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    PERCHE’ L’INCONTRO DEL 20...

    Scritto il 15 - feb - 2019

    0 Commenti

    IL GRAND GUIGNOL DI...

    Scritto il 12 - feb - 2019

    0 Commenti

    LO STRANO CASO DEL...

    Scritto il 8 - feb - 2019

    3 Commenti

    SECONDO MERKEL, MACRON E...

    Scritto il 6 - feb - 2019

    1 Commento

    UN GRIDO NEL SILENZIO

    Scritto il 7 - apr - 2011

    0 Commenti

    LA MISERIA NON E’...

    Scritto il 24 - apr - 2014

    37 Comment1

    LA SUPPOSTINA DI MARIO...

    Scritto il 27 - lug - 2012

    1 Commento

    NUOVA LEGA, STESSA SOLFA...

    Scritto il 30 - giu - 2012

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.