La Spagna è in condizioni pietose. La disoccupazione giovanile è alle stelle, lo stato sociale falcidiato, le casse pubbliche vuote mentre si allunga minacciosa l’ombra lunga degli usurai della Troika. I Paesi dell’Europa mediterranea verranno tutti rapidamente messi in ginocchio. La Grecia, come era prevedibile, ha fatto soltanto da apripista. “Le grandi risposte dell’Europa per affrontare la crisi”, decise durante il vertice di fine giugno e spacciate dalla stampa di regime come “importantissime e brillanti”, frutto naturalmente dell’indefessa opera di convincimento del nostro prestigioso Mario Monti, si stanno rivelando per quello che era chiaro fin dall’inizio a tutti coloro i quali non erano completamente stupidi o in malafede: un gigantesco bluff. Il “muro antispread”, tanto decantano dai nostri giornalisti d’accatto che sprecano quotidianamente fiumi di inchiostro, non serve assolutamente a nulla e, tra l’altro, è attualmente congelato in freezer in attesa che si pronunci nel merito la Corte Costituzionale tedesca che, su invito della Linke, deve valutare la compatibilità di tale strumento con la legge fondamentale germanica. La Corte Costituzionale italiana, invece, anziché occuparsi del continuo svuotamento della nostra democrazia a beneficio di una tecnocrazia europea oligarchica e non eletta, è chiamata a dirimere la fondamentale questione riguardante la presunta illiceità delle telefonate “aumm aumm” intercettate tra Nicola Mancino, indagato (in cerca di rassicurazioni) dalla procura di Palermo nell’ambito dell’inchiesta sulla trattativa Stato-mafia, e Giorgio Napolitano. L’eventuale  pubblicazione dei dialoghi captati tra i sopracitati padri della patria, metterebbe probabilmente in eccessivo imbarazzo Re Giorgio che, pur di scongiurare l’infausto ipotetico evento, ha deciso di interpellare sul punto la Corte Costituzionale, riservandosi probabilmente il futuro diritto di investire successivamente della questione pure l’Alto commissariato per i rifugiati politici, la Fao, l’Onu e l’Accademia dei Lincei. Non lo fa per lui naturalmente, ma per salvaguardare le prerogative dell’istituzione che rappresenta, a beneficio esclusivo dei posteri che, una volta saliti sul Colle, potranno quindi continuare tranquillamente a trasformare il Quirinale in un ufficio reclami urgenti  a disposizione di ex potenti che si sentono ingiustamente braccati da magistrati sospettosi. E mentre i soliti noti, quelli che usurpano impunemente il trono d’Europa, pianificano gelidamente nuove operazioni di sterminio sociale su scala continentale, il nostro dibattito interno è tutto eccitato dalle riflessioni della Bindi e dal ritorno del Caimano in versione Chicago Boys da strapazzo (clicca per leggere). Solo una categoria è certamente peggiore dell’euroburocrazia che avvelena l’Europa: quella dei giornalisti.

    Francesco Maria Toscano

    19/07/2012

    Categorie: Esteri, Italia

    Un commento

    1. alessandro scrive:

      oggi Martino assieme a Crosetto del Pdl, in dissenso dal proprio gruppo parlamentare, hanno votato contro l’approvazione del fiscal compact e il PdL ha fatto mancare parecchi voti, sarà una coincidenza rispetto alla riunione di cui parla Dagospia? Assenti alla votazione Berlusconi, Alfano, Casini, Bersani, DiPietro ovvero i principali leader si imboscano!!http://www.agi.it/politica/notizie/201207191434-pol-rt10158-via_libera_alla_camera_con_368_si_al_fiscal_compact

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    L’ALTERNATIVA E’ POSSIBILE

    Scritto il 19 - mar - 2012

    1 Commento

    IL PROBLEMA DELL’EUROPA NON...

    Scritto il 7 - giu - 2014

    12 Comment1

    ANTONIO PADELLARO, IL FATTO...

    Scritto il 6 - feb - 2013

    8 Comment1

    I TEDESCHI VIOLENTANO LA...

    Scritto il 19 - feb - 2015

    7 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.