Tutti vogliono i moderati, tutti cercano i moderati, tutti inseguono i moderati, ma nessuno ha capito chi sono questi sedicenti moderati. Poiché la politica non esprime più alcuna idealità, tutti i partiti che accettano supinamente gli ordini della massoneria reazionaria che governa l’Ue vengono genericamente gratificati della patente di “moderati”. Questo imbroglio lessicale, che veicola una realtà immaginifica del tutto sconnessa con la realtà fattuale, serve per mostrificare a prescindere coloro i quali  non introiettano acriticamente i dogmi neonazisti del neoliberismo trionfante. Per cui, violentando il senso delle parole, i carnefici fautori di un modello sociale barbarico che si nutre di morti, disperazione, miseria, fallimenti e suicidi si auto assegnano la tranquillizzante patente di “moderati”, mentre, di converso, quelli che si oppongono al sobrio Olocasuto in atto vengono bollati a reti unificate come pericolosi estremisti. Non è uno schema nuovo. I regimi dittatoriali, nazisti o comunisti, hanno sempre utilizzato la mistificazione comunicativa per confondere persecutori e perseguitati. Nell’ex Unione sovietica, gli intellettuali dissidenti finivano sovente ai lavori forzati , nonché curati come fossero soggetti affetti da gravissime turbe mentali. L’Europa di oggi è pressoché identica. Chi non riconosce la bontà delle politiche di rigore e austerità è certamente un estremista, un delinquente, uno inadatto a governare e sicuramente sprovvisto di prestigio internazionale. Ancora (per poco) nessuno è stato formalmente deportato per avere osato criticare il massone reazionario Monti, ma, la violenza con la quale la polizia sta affrontando il crescente disagio sociale testimonia la volontà di utilizzare in prospettiva anche la forza bruta per zittire il dissenso e fiaccare sul nascere questo primo embrione di Resistenza su scala continentale. I presunti “moderati” di oggi sono figli e nipoti dei nazisti di ieri. Hanno invertito le priorità ma sono rimasti identici. Mentre prima giustificavano lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo teorizzando immonde differenze di natura razziale, oggi schiavizzano proletari e ceti medi colpevolizzandoli subdolamente. “Avete vissuto sopra le vostra possibilità”, vi ripetono alcuni milionari senza pudore che non conoscono il valore del denaro. “Dovete sacrificarvi per il bene dei vostri figli”, insistono gli eredi della svastica paventando mafiose vendette trasversali per i non allineati. Queste menzogne vengono ripetute da venti anni, ma i vostri figli stanno sempre peggio. Non c’è nessuna ripresa all’orizzonte. Così come Hitler aveva inteso risolvere la questione ebraica attraverso la “soluzione finale”, i tecnocrati di oggi porteranno a compimento quella che ritengono una vendetta storica e di classe contro ceti che reputano indegni e subalterni. E quindi da riportare all’interno di una dimensione semi-servile. Aprite gli occhi. Con le catene ai piedi sarà presto impossibile difendere coraggiosamente la nostra morente civiltà.

    Francesco Maria Toscano

    19/11/2012

    Categorie: Editoriale, Politica

    3 Commenti

    1. ALESSANDRO scrive:

      penso proprio che hai ragione! aggiungerei che fra alcuni di quelli che si definiscono moderati e che intendono proseguire l’esperienza Monti, ci sono anche tutti i trombati ed isolati di destra, come Casini e Fini, che per non rimanere disoccupati devono per forza trovarsi un motivo di esistere e una legittimazione a proseguire, tirando per la giacchetta l’unico che gli consentirebbe di ottenere il minimo sindacale di voti per stare in politica. Questi sanno bene che senza l’ombra di Monti sono destinati a sparire per sempre, ma credo che gli italiani abbiano già mangiato la foglia e la credibilità del Premier e di chi lo sostiene è sotto la suola delle scarpe, a dispetto di tutti i sondaggisti di Porta a Porta e Ballarò

    2. Twin Astir scrive:

      Quindi un eventuale Monti-bis sarebbe una sorta di ufficio di collocamento per “esodati” VIP?

    3. Ugo scrive:

      A me piacerebbe sapere da dove saltano fuori tutti quei fantomatici “fan” degli attuali governanti (e dei loro sostenitori in parlamento) che continuano a sbandierarci sotto al naso nei sondaggi. Che siano sondaggi farlocchi?
      Per conto mio sono politicamente MORTI tutti coloro che hanno creato (Napolitano in primis) o sostenuto la situazione attuale, il che significa praticamente l’intero arco parlamentare corrente, altro che “destra e sinistra”! Senza lasciar fuori, come è ovvio, il “governo ispiratore” vaticano ed i suoi affiliati più o meno palesi o occulti.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA QUARTA TEORIA POLITICA....

    Scritto il 23 - giu - 2019

    1 Commento

    LE FORZE DELLA TERRA...

    Scritto il 22 - giu - 2019

    0 Commenti

    SENZA ANCORARSI AD UNA...

    Scritto il 21 - giu - 2019

    0 Commenti

    BRUXELLES DELENDA EST

    Scritto il 20 - giu - 2019

    1 Commento

    IL PRIMO CONGRESSO DEL...

    Scritto il 18 - giu - 2019

    0 Commenti

    IL MORALISTA FA NOTIZIA

    Scritto il 18 - nov - 2011

    0 Commenti

    BASTA BALLETTI

    Scritto il 3 - dic - 2011

    0 Commenti

    KAZAKI AMARI

    Scritto il 16 - lug - 2013

    6 Comment1

    NAPOLITANO NON HA TENUTO...

    Scritto il 31 - ago - 2012

    2 Comment1

    PER QUANTO SI SFORZINO...

    Scritto il 17 - set - 2017

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.