Un grazie di cuore  a Marco Balestra che ha tradotto il pezzo a beneficio del pubblico italiano.

    traduzione ITA

    A little bit of economics can be a truly terrible thing, for the introductory classes in micro and macro-economics are the most dogmatic and myth-filled part of the neo-liberal curriculum.  Dogmas that have been falsified for 75 years (such as austerity) are taught as revealed truth.  The poor indoctrinated student is then launched into the world “knowing” that austerity is the answer and that mass unemployment and prolonged recessions are small prices to be paid (by others) to achieve the holy grail of a balanced budget.  Students are taught that national budgets are really just like household budgets.  These dogmas are not simply false, they are self-destructive and cruel.  Neo-liberal economics is so bad and has gone downhill at such a rapid rate that it now worships the economic analog to bleeding patients – austerity – as a response to a Great Recession.  Millions of people are indoctrinated annually into believing this long-falsified nonsense, and that includes people who consider themselves progressives.

    The remarkable aspect of neo-liberal economics is that the power of its myth has survived for many progressives even after its failed dogmas caused massive economic destruction, massive elite fraud with impunity, and crony capitalism so corrupt that it cripples democracy.  Indeed, the brainwashing they received is so effective that even after the eurozone ran a massive experiment with austerity that proved (again) to be a catastrophic failure they remain neo-liberal acolytes.  This column discusses three examples that exemplify the problem.

    The Guardian (U.K.)

    The Guardian is the U.K.’s most famous paper of the left, but its finance editor’s embrace of the neo-liberal austerity myth is passionate and inane.  Consider this remarkably incoherent discussion of the “fiscal cliff” by the paper’s finance editor.

    “The fiscal cliff explained: what to know about the biggest story in Washington

    Is America really heading off a cliff? Why can’t Congress and the president strike a deal? Get the lowdown with our handy primer.”

    http://www.guardian.co.uk/world/2012/nov/27/fiscal-cliff-explained-spending-cuts-tax-hikes

    I chose the Guardian’s coverage as the first example because it begins with the most basic and common neo-liberal myth supporting austerity – a nation with a sovereign currency is really just like a household.

    “So let’s start at the beginning: what is the fiscal cliff?

    It’s not one cliff, but two things: a group of spending cuts and tax hikes that will come into effect on January 2.

    Why now?

    The US has about $2.3tn of money coming in, and it spends about $3.6tn. So imagine you were making $23,000 a year and spending $36,000. What would happen? You’d be in debt, and you’d have to cut your spending. The US is in the same pickle. Except, instead of a few thousand, it has to cut $1.3tn.”

    The U.K. did not adopt the euro, so it retains a sovereign currency.  The U.K. allows the value of the Pound to float freely and it borrows overwhelmingly in its own currency.  The Guardian, therefore, has no excuse for failing to understand a national economy like the U.S. that also has a sovereign currency.  A nation that borrows in its own freely-floating sovereign currency is not a target for bond vigilantes.  It can and should spend considerably more than it brings in through tax revenues in response to a recession.  That is what “automatic stabilizers” do.  Automatic stabilizers greatly reduce the severity and length of recessions.  Austerity does the opposite.  Nations with sovereign currencies can create money directly through key strokes on the central bank’s computer or by borrowing at exceptionally low interest rates during a recession.  The U.S., the U.K., and Japan all borrow long-term (10 years) at interest rates below two percent because they have sovereign currencies.  Nations with sovereign currencies typically run budget deficits in most years.  The U.S. has run a budget deficit over the great bulk of its history. 

    If a household reduces its spending because its income falls during a recession there is a negligible effect on the Nation’s economy.  If a national government cuts spending because a recession reduces its income it directly reduces public sector demand and indirectly reduces private sector demand.  A recession occurs when demand is seriously inadequate.  Governmental austerity inflicts a far more severe recession on the nation by further reducing demand.  A household and a Nation should follow the opposite strategy when their incomes fall sharply.  The Guardian’s claim that they should follow the same strategy shows their indoctrination into one of neo-liberalism’s most destructive myths.  The fact that the Guardian is making this claim in December 2012, after seeing the recession that austerity inflicted on the eurozone, proves that the problem is dogma, for only dogma is impervious to facts that repeatedly falsify its predictions.         

    The Guardian, of course, knows that the eurozone has been forced back into recession by the “troika’s” policies, but it reverses the causality.  Here is a related piece by the same finance editor about the world’s reaction to the failure to reach a deal on the “fiscal cliff.”

    “Q: What does the rest of the world think of this?

    They think we’re ridiculous, and that we’re playing fast and loose with not just our own economy, but that of the world. IMF chief Christine Lagarde said the US is becoming its own worst enemy by delaying a decision. Still, this is a case of pots and kettles. It’s not like Europe can really look down on us: they’ve been delaying the same hard decisions on spending cuts for over three years and have been on the brink of a meltdown many times since. Should we be smart enough to look at their example and avoid the same troubles? Yes, technically. But this is the nature of negotiations: they go down to the wire.”

    http://www.guardian.co.uk/world/fiscal-cliff-blog/2012/dec/18/fiscal-cliff-quiz-explainer

    The Guardian’s remarkable explanation of why the Eurozone has been forced back into recession is:  insufficient and delayed austerity!  If only the Eurozone had made promptly made deeper “spending cuts” things would have been much better.  That “logic” comes from assuming that nations are just like households.  The Guardian’s answer to the fact that bleeding the patient makes the patient weaker is to bleed them more, and faster.

    Note that the Guardian’s finance editor also seems to believe that sovereign monetary systems like the U.S. and the U.K. suffer the same risk of “meltdown” that nations that abandoned their sovereign currencies because they adopted the euro experienced “many times.”  The “meltdowns” that the eurozone nations have suffered “many times” because of the deadly vulnerability of nations that lack a sovereign currency to the toxic mix of recession, austerity, and the debt vigilantes.  The Guardian’s finance expert’s failure to understand such fundamental and critically important features of the financial system is a testament to the danger of dogma. 

    The U.S. has “avoid[ed] the same troubles” as the eurozone following the Great Recession.  It has not suffered financial “meltdowns” “many times.”  It has not been thrown back into recession and it does not suffer Great Depression levels of unemployment.  The U.S. budgetary deficit has been reduced at a record rate over the last three years.  The U.S. has been able to “avoid the same troubles” as the eurozone because it has not embraced the austerity dogma and it has not given up its sovereign currency.  The U.S. did not provide remotely adequate stimulus of the kind recommended by competent economists, but the modest stimulus has been sufficient to produce a modest, sustained recovery.  The Guardian, however, implies that we have failed to avoid the eurozone’s troubles after the onset of the Great Recession.

    Governor Howard Dean

    Governor Dean served as Chairman of the Democratic National Committee from 2005-2009.  He was an early opponent of the invasion of Iraq.  His self-description is “progressive Democrat.”  He is a physician.  Dean is a frequent guest on MSNBC’s evening programs.  Dean takes the position that the U.S. should go off the “fiscal cliff” because austerity is desirable.  He claims that a “balanced budget” is essential and that “everybody” should pay higher taxes to balance the budget.  He thinks, contrary to the history of the U.S., that no nation can continue to run deficits.

    http://www.realclearpolitics.com/video/2012/12/06/howard_dean_the_truth_is_everybody_needs_to_pay_more_taxes_not_just_the_rich.html   

    On CNBC, Dean cheered for the austerity that the “fiscal cliff” would inflict on the nation.  He did so even though he believed it would cause a recession for at least six months.  He predicted that the recession would be short and mild and a small cost to reduce the deficit.  He assumed that austerity would reduce the deficit even though he conceded it would cause a recession.

    http://www.msnbc.msn.com/id/21134540/vp/#50299569

    Dean, a self-described progressive, and one of the nation’s most prominent Democrats, is more dogmatic than Speaker Boehner on austerity. 

    Andrew Stern (former head of SEIU)

    Andrew Stern headed one of the largest unions in America.  He made it a growing union and a political force devoted to progressive causes.  He was a member of the Bowles-Simpson (BS) deficit reduction commission appointed by President Obama.  Obama appointed co-chairs he knew were zealous supporters of austerity and unraveling and privatizing the safety net.  Erskine Bowles is a leader of the Wall Street wing of the Democratic Party and Alan Simpson is a very conservative Republican.  Stern declined to vote in favor of the BS austerity recommendations, but his vote was not based on any rejection of austerity.

    Why I Voted No On Simpson-Bowles

    On December 3, 2010, I voted “no” on the Simpson-Bowles report presented to the National Commission on Fiscal Responsibility and Reform. Here is what I had to say about it at the time:

    This Commission report also challenges our President to offer his plan for economic growth, and fiscal responsibility no later than his State of the Union, and challenges Congress to adopt a plan no later than Election Day 2012.

    I voted no, despite my admiration for the effort, because any plan, I feel strongly, must tackle both our fiscal and investment deficit needed to create jobs and a dynamic economy. No family would willfully balance its budget by not sending their child to college. No business can successfully compete with outdated equipment. And no nation can simply cut its way into prosperity. I felt the plan should better balance revenues and spending cuts, could balance Social Security while preserving more benefits, made too many short term cuts in health care before full reform was implemented in 2018, and did not have shared corporate responsibility.”

     http://andrewlstern.com/2011/04/13/why-i-voted-no-on-simpson-bowles/

    Stern now says that he regrets voting against the BS recommendations.

    http://finance.fortune.cnn.com/2012/02/13/simpson-bowles-the-hangover/

    He pushed for the “Super Committee” to “go big” and adopt massive austerity before it statutory deadline in November 2011.

    http://crfb.org/urging-super-committee-go-big

    Stern’s co-panelists at the conference, organized by one of Pete Peterson’s groups, whose participants unanimously urged the “go big” super-austerity plan included the former CEO of the AARP, Bill Novelli.  Novelli’s support for austerity is particularly noteworthy given the BS plan’s proposals to cut and begin to privatize Social Security – Wall Street’s unholy Grail. 

    Conclusion

    Neo-liberal economics has devastated the global economy and produced all of the predictive failures and evil consequences that progressives have long attributed to its micro-economic myths.  Far too many progressives, however, continue to believe the similarly mythical and self-destructive macro-economic myths about deficits, debt, and austerity.  It is hard enough countering Pete Peterson’s billion dollar campaign to inflict austerity and unravel and privatize the safety net.  Peterson funds myriad front groups.  We also have to counter the Wall Street wing of the Democratic Party, which dominates Treasury, OMB, the Justice Department, and the office of the Chief of Staff and favors austerity and unraveling the safety net.  We should not have to deprogram progressives indoctrinated into repeating neo-liberal economic dogmas. 

    Progressives should be able to observe that the neo-liberal macro-economic predictions have been consistently falsified by reality.  They should have seen documentaries like Inside Job and Capitalism: A Love Story about the catastrophic failure of neo-liberal economics and economists.  They should read sites like New Economic Perspectives and Paul Krugman’s columns that explain why austerity is self-destructive and why the safety net need not, and should not, be attacked.  Progressives need to say “no” to anyone who wants to “bleed” the economy through austerity or cutting the safety net.    

    William K. Black

    28/12/2012

     

    Categorie: Economia, Esteri

    8 Commenti

    1. Twin Astir scrive:

      Un po ‘di economia può essere una cosa veramente terribile, nello studio iniziale della micro e macroeconomia secondo l’approccio neo liberista contraddistinto da dogmi e miti. I I dogmi che sono stati falsificati per 75 anni (come l’austerità) sono insegnati come verità rivelata. Lo studente inesperto ed indottrinato viene quindi lanciato nel mondo “sapere” con la convinzione che l’austerità sia la risposta e che la disoccupazione di massa e le recessioni prolungate siano piccoli prezzi da pagare (da altri) per ottenere il Santo Graal del pareggio di bilancio. Agli studenti viene insegnato che i bilanci nazionali sono in realtà solo come bilancio familiare. Questi dogmi non sono semplicemente falsi, ma pericolosi e crudeli. I neo liberisti adorano l’analogia del paziente che sanguina, per spiegare che l’austerità è la risposta ad una forte recessione. Milioni di persone ogni anno vengono indottrinate per credere queste sciocchezze a lungo falsificate, condivise anche dalle persone che si ritengono progressisti.
      L’aspetto notevole dell’economia neoliberale è che il potere del suo mito è sopravvissuto per molti progressisti, anche dopo il fallimento dei suoi dogmi, che ha causato la massiccia distruzione economica, la diffusa ed impunita corruzione d’elite ed capitalismo clientelare così corrotto da storpiare la democrazia. In effetti, il lavaggio del cervello che hanno ricevuto è così efficace che nonostante che nella eurozona sia stato eseguito l’esperimento di massa con l’austerità che si è rivelata un nuovo fallimento catastrofico, esistano ancora gli accoliti del pensiero ecnomico neo-liberale. Questo articolo illustra tre esempi che esemplificano il problema.
      The Guardian (U.K.)
      The Guardian è il quotidiano di sinistra più famoso nel Regno Unito della sinistra, ma il suo direttore finanziario è appassionato dal mito dell’austerità del pensiero neo-liberale. Considerate questa discussione notevolmente incoerente della “scogliera fiscale” dal redattore finanziario del giornale.
      “La scogliera fiscale ha spiegato: cosa sapere sulla più grande storia di Washington
      È l’America davvero sul bordo di una rupe? Perché non è possibile trovare un accordo tra il Congresso e il presidente? Prendi il minimo del nostro fondo a portata di mano. ”
      http://www.guardian.co.uk/world/2012/nov/27/fiscal-cliff-explained-spending-cuts-tax-hikes
      Ho scelto la copertura del Guardian come il primo esempio, perché inizia con il più semplice e comune mito di supporto dell’austerità neoliberale una nazione con una moneta sovrana è davvero come una famiglia.
      “Quindi partiamo dall’inizio: che cosa è la scogliera fiscale?
      Non è una roccia, ma due cose: un gruppo di tagli alla spesa e aumenti fiscali che entreranno in vigore il 2 gennaio.
      Perché proprio adesso?
      Gli Stati Uniti hanno circa $ 2.3tn di denaro in arrivo, e spendono circa $ 3.6tn. Quindi immaginate come si possa affrontare una spesa di 36 mila dollari, con 23 mila. Che cosa accadrebbe? Saresti in debito e quindi dovresti tagliare la spesa. Gli Stati Uniti sono nella stessa condizione e, con qualche eccezione, bisogna tagliare 1,3 trilioni di dollari.
      Il Regno Unito non ha adottato l’euro, in modo da mantenere una moneta sovrana. Il Regno Unito permette al valore della sterlina di galleggiare liberamente e si serve di prestiti ingenti nella propria valuta. The Guardian, quindi, non ha scuse per non capire una economia nazionale come quella degli Stati Uniti, che hanno anche una moneta sovrana. Una nazione che prende in prestito capitali nella propria valuta liberamente fluttuante e sovrana, non è un obiettivo per gli speculatori obbligazionari. Si può e si deve spendere molto più di quanto non lo porta attraverso il gettito fiscale in risposta a una recessione. Questo è ciò che gli “stabilizzatori automatici” possono fare, ossia ridurre notevolmente la gravità e la durata della recessione. L’austerità fa il contrario. Nazioni con le valute sovrani possono creare denaro direttamente tramite combinazioni di tasti sul computer della banca centrale o prendendo in prestito soldi a tassi di interesse eccezionalmente bassi, nel corso di una recessione. Gli Stati Uniti, il Regno Unito ed il Giappone possono indebitarsi a lungo termine (10 anni) a tassi inferiori al due per cento, perché hanno monete sovrane. Nazioni con le valute sovrane in genere registrano deficit di bilancio nella maggior parte degli anni. Gli Stati Uniti hanno eseguito un deficit di bilancio oltre i limiti, nella loro storia.
      Se un nucleo familiare riduce la spesa perché il suo reddito crolla, durante una recessione, è un effetto trascurabile sull’economia della nazione. Se un governo nazionale taglia la spesa, perché una recessione riduce il suo reddito, si riduce direttamente la domanda del settore pubblico e si riduce indirettamente la domanda del settore privato. Una recessione si verifica quando la domanda è gravemente insufficiente. L’austerità governativa infligge una recessione molto più grave sulla nazione, riducendo ulteriormente la domanda. Una famiglia e una nazione dovrebbero seguire la strategia opposta, quando vedono i loro redditi ridursi drasticamente. Il Guardian afferma che dovrebbero seguire la stessa strategia e con ciò mostra il suo indottrinamento in uno dei miti più distruttivi del neo-liberismo. Il fatto che il Guardian stia facendo questa affermazione nel dicembre 2012, dopo aver visto la recessione che l’austerità ha causato nella eurozona, dimostra che il problema è il dogma, che è impermeabile ai fatti che più volte falsificano le sue predizioni.
      The Guardian, naturalmente, sa che la zona euro è stata gettata nella recessione a causa delle politiche della “troika” Politiche, ma inverte la causalità. Ecco un pezzo correlato dal redattore finanziario sul mancato raggiungimento di un accordo sulla “scogliera fiscale”.
      “D: Cosa significa il resto del mondo pensa di questo?
      Pensano che siamo ridicoli, e che stiamo giocando a tira e molla con non solo la nostra economia, ma quella del mondo. FMI capo Christine Lagarde ha detto gli Stati Uniti stanno diventando il suo peggior nemico, ritardando una decisione. Eppure, questo è un caso di pentole e di bollitori. Non è come l’Europa che può davvero guardare in giù su di noi, perché hanno ritardato le stesse decisioni difficili sui tagli alla spesa per oltre tre anni e sono stati sul punto di un collasso molte volte. Dovremmo essere abbastanza intelligenti per guardare il loro esempio ed evitare gli stessi problemi? Sì, tecnicamente. Ma questa è la natura dei negoziati: scendono al filo “.
      http://www.guardian.co.uk/world/fiscal-cliff-blog/2012/dec/18/fiscal-cliff-quiz-explainer
      Spiegazione notevole per The Guardian, del motivo per cui la zona euro è stata costretta a tornare in recessione: austerità insufficiente e ritardata! Se solo la zona euro avesse fatto più rapidamente i “tagli alla spesa”, le cose sarebbero andate molto meglio. Quella “logica” deriva dal presupposto che le nazioni sono come famiglie. Risposta del Guardian al fatto che il sanguinamento del paziente rende il paziente più debole.
      Si noti che leditore di finanza del Guardian sembra anche credere che i sistemi di sovranità monetaria, come gli Stati Uniti e il Regno Unito soffrano lo stesso rischio di “meltdown” come quelle nazioni che hanno abbandonato le loro valute sovrane per adottare l’euro vissuto “molte volte.” Crolli che le nazioni della zona euro hanno sofferto “molte volte” a causa della vulnerabilità mortale delle nazioni che non hanno una moneta sovrana per il mix tossico di recessione, l’austerità, i vigilantes e del debito. L’esperto di finanza del Guardian fallisce nel comprendere tali caratteristiche fondamentali e di importanza critica del sistema finanziario, come un testamento al pericolo del dogma.
      Gli Stati Uniti hanno tentano di evitare gli stessi problemi, simili a quelli della zona euro dopo la Grande Recessione. Non hanno subito crolli finanziari molte volte. Non sono caduti nella recessione e non soffrono i livelli della disoccupazione, tipici della Grande Depressione. Il deficit di bilancio degli Stati Uniti è stato ridotto a un tasso record negli ultimi tre anni. Gli Stati Uniti sono in grado di “evitare gli stessi problemi”, come quelli della la zona euro, perché non hanno abbracciato il dogma dell’austerità e non hanno rinunciato alla loro moneta sovrana. Gli Stati Uniti non hanno fornito stimolo a distanza adeguata del tipo raccomandato da economisti competenti, ma lo stimolo modesto è stato sufficiente a produrre una modesta ripresa sostenuta. The Guardian, tuttavia, implica che non siamo riusciti a evitare problemi della zona euro dopo l’inizio della Grande Recessione.
      Governatore Howard Dean
      Il Governatore Dean è stato Presidente del Comitato Nazionale Democratico 2005-2009. E ‘stato un avversario prima dell’invasione dell’Iraq. La sua auto-descrizione è di “progressista democratico.” E ‘un medico. Dean è spesso ospite in programmi serali di MSNBC. Dean prende la posizione che gli Stati Uniti dovrebbero andare fuori “scogliera fiscale”, perché l’austerità è auspicabile. Egli sostiene che un “pareggio di bilancio” è essenziale e che “tutti” dovrebbero pagare più tasse per pareggiare il bilancio. Pensa che, in contrasto con la storia degli Stati Uniti, che nessuna nazione può continuare a funzionare deficit.
      Su CNBC, Dean il tifo per l’austerità che la “scogliera fiscale” avrebbe inflitto alla nazione. Lo ha fatto anche se lui credeva che avrebbe causato una recessione per almeno sei mesi. Egli predisse che la recessione sarebbe stata breve e mite e un piccolo costo per ridurre il deficit. Egli assunse che l’austerità ridurrebbe il deficit, anche se ha ammesso che avrebbe causato una recessione.
      http://www.msnbc.msn.com/id/21134540/vp/ # 50299569
      Dean, un auto-descritto progressista, e uno dei democratici più importanti della nazione, è più dogmatico di Boehner Speaker sull’austerità.
      Andrew Stern (ex capo della SEIU)
      Andrew Stern guidato uno dei maggiori sindacati in America. Ne ha fatto una crescente unione e una forza politica dedicata a cause progressiste. E ‘stato membro del Bowles-Simpson (BS) commissione di riduzione del deficit nominato dal Presidente Obama. Obama ha nominato co-presidenti che sapeva zelanti sostenitori di austerità e dipanando e privatizzare la rete di sicurezza. Erskine Bowles è un leader dell’ala Wall Street del Partito Democratico e Alan Simpson è molto conservatore repubblicano. Stern ha rifiutato di votare a favore delle raccomandazioni di austerità BS, ma il suo voto non è basata su alcun rifiuto di austerità.
      “Perché ho votato no su Simpson-Bowles
      Il 3 dicembre 2010, ho votato “no” alla Simpson-Bowles relazione presentata alla Commissione nazionale sulla responsabilità e la riforma fiscale. Ecco quello che avevo da dire in proposito, al momento:
      La relazione della Commissione contesta anche il nostro Presidente di offrire il suo piano per la crescita economica, e la responsabilità fiscale non oltre il suo Stato dell’Unione, e sfida il Congresso ad adottare un piano entro il giorno delle elezioni 2012.
      Ho votato no, nonostante la mia ammirazione per lo sforzo, perché ogni piano, mi sento forte, devono affrontare sia il nostro deficit di bilancio che gli investimenti necessari per creare posti di lavoro e un’economia dinamica. Nessuna famiglia potrebbe volontariamente pareggiare il bilancio inviando loro figli al college. Nessuna azienda può competere con successo con attrezzature obsolete. E nessuna nazione può semplicemente tagliare la sua strada verso la prosperità. Ho sentito he il piano dovrebbe meglio bilanciare entrate e tagli alla spesa, che potrebbe bilanciare la sicurezza sociale, preservando più benefici, con troppe scorciatoie nel termine dell’assistenza sanitaria, con la prima grande riforma che sarà attuata nel 2018, e non hanno condiviso la responsabilità delle imprese. ”
      http://andrewlstern.com/2011/04/13/why-i-voted-no-on-simpson-bowles/
      Stern ora dice che si rammarica votare contro le raccomandazioni BS.
      http://finance.fortune.cnn.com/2012/02/13/simpson-bowles-the-hangover/
      Spinse per il “Comitato Super” di “andare grande” e adottare austerità massiccia prima che termini di legge nel mese di novembre 2011.
      http://crfb.org/urging-super-committee-go-big
      Stern co-relatori al convegno, organizzato da uno dei gruppi di Pete Peterson, i cui partecipanti all’unanimità ha esortato il “go big” super-austerità piano prevedeva l’ex amministratore delegato della AARP, Bill Novelli. Il sostegno di Novelli per l’austerità è particolarmente degno di nota dato le proposte del piano di BS per tagliare e cominciare a privatizzare la sicurezza sociale – Graal profano di Wall Street.
      Conclusione
      L’economia neoliberale ha devastato l’economia mondiale ed ha prodotto tutti i fallimenti previsti, con le conseguenze negative dei miti economii inseguiti dai progresisti. Troppi progressisti, tuttavia, continuano a credere alle altrettanto mitiche e autodistruttive teorie macroeconomiche sul deficit, sul debito e sulla austerità. E ‘già abbastanza difficile contrastare Pete Petersone i miliardi di dollari per la campagna di propaganda sulla austerità, privatizzando la rete di sicurezza.Dobbiamo anche contrastare l’ala di Wall Street del Partito Democratico, che domina Tesoro, OMB, il Dipartimento di Giustizia, e l’ufficio del capo di stato maggiore e che favorisce l’austerità e svelare la rete di sicurezza. Non si dovrebbe deprogrammare progressisti indottrinati in ripetendo dogmi economiche neo-liberiste.

      I progressisti dovrebbero essere in grado di osservare che le previsioni dei neo-liberali macro-economici sono state sempre falsificate dalla realtà. Dovrebbero aver visto documentari come Inside Job e Capitalism: A Love Story sul fallimento catastrofico di economia neoliberale ed economisti. Dovrebbero leggere siti come nuove prospettive economiche e Paul Krugman, articoli che spiegano perché l’austerità è auto-distruttiva e perché la rete di sicurezza sia necessaria e non debba essere attaccata. I progressisti hanno bisogno di dire “no” a chi vuol vedere “sanguinare” l’economia attraverso l’austerità o tagliare la rete di sicurezza.
      William K. Black
      28/12/2012

    2. Balbillus scrive:

      La traduzione di Twin Astir è decisamente troppo letterale e in alcuni punti incomprensibile. Se avete pazienza entro domani scriverò una traduzione più corretta dato che ritengo importante la divulgazione di quest’articolo.

    3. Marco Balestra scrive:

      Ops… ho letto i commenti in ritardo :-/
      Ho già inviato a Francesco una traduzione del pezzo…

    4. Balbillus scrive:

      Scusate ma così servirà a poco. Non si può tradurre in un modo così elementare come

      “Eppure, questo è un caso di pentole e bollitori”

      Questa frase significa “Ma è come il bue che dà del cornuto all’asino”, cosa si capisce se uno scrive di bollitori?

      Poi “safety net” viene tradotto “rete di sicurezza”; abbiate pazienza ma il “safety net” è il welfare ossia, più precisamente, tutti gli investimenti dello Stato rivolti al sociale. Rete di sicurezza non lo capisce nessuno.

      L’editor finanziario è il redattore capo della pagina economica.

      Per di più la traduzione delle motivazioni al voto negativo di Stern (la parte che comincia con “Ho votato no, nonostante la mia ammirazione”) è del tutto sballata e la gente non capirebbe quel passaggio che è molto sottile (Stern vota no non perché è contro l’austerità ma perché gli sembra che i sacrifici non siano equi).
      Insomma io vi mando la mia traduzione poi fate come vi pare.
      Faccio presente che non ho dato il mio nome quindi non mi interessano riconoscimenti o nomi “in ditta”.

    5. Balbillus scrive:

      TRADUZIONE

      Premessa: il professor Black scrive in un modo alquanto concettoso e anche un pochino singolare quindi per rendere il senso in maniera comprensibile e discorsiva spesso bisogna usare delle perifrasi. L’articolo comunque è molto interessante e si attaglia alla perfezione alla situazione italiana.

      ———————–

      Anche una piccola dose di scienza dell’economia può diventare qualcosa di terribile se si considera che le lezioni introduttive di micro e macro economia, infarcite di dogmi e di pseudo concetti mitologici, costituiscono le fondamenta del curriculum del neo-liberista. Dogmi che sono stati costantemente smentiti negli ultimi 75 anni (come ad esempio l’ “austerità”) vengono insegnati come se fossero indiscutibili verità rivelate.
      Il povero studente così indottrinato viene catapultato nel mondo “sapendo” [sarebbe meglio "CONVINTO"] che l’ “austerità” è la soluzione, che la disoccupazione di massa e una prolungata recessione sono dei modesti prezzi da pagare (da altri) per raggiungere il Santo Graal del Pareggio di Bilancio.

      Si insegna agli studenti che il bilancio dello Stato va gestito alla stessa maniera di un bilancio familiare. Questi dogmi non sono solamente falsi ma auto distruttivi e crudeli.
      L’economia neo-liberista è così scadente ed è così decaduta negli anni che è arrivata a esaltare l’analogo economico dell’antica tecnica del salasso -l’austerità- come rimedio per la Grande Recessione.
      Milioni di persone ogni anno vengono indottrinate nella credenza di assurdità ampiamente smentite dalla storia e fra loro si contano anche coloro i quali si auto definisono “progressisti”.

      La cosa notevole dell’ideologia neo-liberista [si potrebbe aggiungere "che tecnicamente è di destra", vedi subito dopo] è che la potenza dei suoi miti ha mantenuto la sua forza persuasiva addirittura negli ambienti “progressisti” [e qui si potrebbe aggiungere "di sinistra"] e questo nonostante i suoi dogmi fallimentari abbiano provocato colossali tragedie economiche, favorito vere e proprie truffe garantite da impunità da parte delle élites ai danni del popolo, permesso il diffondersi di un capitalismo clientelare talmente corrotto da minare le fondamenta stesse della democrazia.
      E il lavaggio del cervello a cui anche i progressisti “di sinistra” sono stati sottoposti è così efficace che anche dopo che l’esperimento di austerità economica condotto dall’Europa si è rivelato una volta di più un fallimento catastrofico, essi rimangono degli accoliti del neo-liberismo [sarebbe più chiaro:

      "dei sostenitori del neo-liberismo, nonostante la loro origine politica e culturale sia in teoria diametralmente opposta".

      A mio avviso più chiaro sei più diffondi il messaggio].

      In queste righe porterò tre esempi per illustrare il problema.

      THE GUARDIAN (REGNO UNITO)

      The Guardian è il più noto giornale di sinistra della Gran Bretagna eppurea l’adesione all’austerità neo-liberista [di destra] da parte del redattore della pagina di economia e finanza è addirittura follemente appassionata [secondo me c'è un errore di stampa con "inane" -inutile- mentre sicuramente è "insane", folle].
      Considerate questa sua analisi assolutamente incoerente della questione del “fiscal cliff” negli USA.

      [Articolo del Guardian]

      “Il fiscal cliff spiegato: cosa c’è da sapere sulla storia del momento a Washington.

      L’America si sta davvero lanciando nel precipizio? Perché il Congresso e il Presidente non riescono a raggiungere un accordo? Tutti i risvolti della situazione illustrati in una semplice guida.

      http://www.guardian.co.uk/world/2012/nov/27/fiscal-cliff-explained-spending-cuts-tax-hikes

      [Black che parla]

      Ho scelto il Guardian come primo esempio perché comincia con il più elementare e diffuso mito neo-liberista a sostegno dell’austerità: la gestione economica di una nazione con una moneta sovrana è esattamente come quella di una normale famiglia.

      [Articolo del Guardian]

      Cominciamo dall’inizio: cos’è il fiscal cliff [precipizio fiscale]?

      Non è un vero precipizio ma due cose: dei tagli di spesa e degli aumenti di tasse che entreranno in vigore il 2 gennaio 2013.

      E quindi?

      Gli USA hanno 2300 miliardi di dollari di entrate e 3600 miliardi di spese. Immaginatevi di guadanare $23000 l’anno e di doverne spendere 36000. Che succederebbe? Sareste in debito e dovreste tagliare le vostre spese. Gli USA sono nella stessa situazione solo che invece di qualche migliaio di dollari devono tagliare 1300 miliardi.

      [Black che parla]

      Il Regno Unito (UK) non ha adottato l’euro e quindi mantiene la sovranità sulla propria valuta. L’UK permette la libera fluttuazione della sua sterlina e riesce a finanziarsi in maniera sostanzialmente illimitata offrendo titoli di stato nella sua valuta. Quindi il Guardian non ha scuse per aver dimostrato di non capire l’economia nazionale degli USA che, come l’UK, hanno anche loro una loro moneta nazionale.
      Una nazione che si indebita nella sua valuta libera di fluttuare non può diventare un bersaglio degli attacchi degli speculatori internazionali (bond vigilantes). In caso di recessione può tranquillamente spendere molto di più di quello che riceve sotto forma di tasse; questo è quello che fanno gli “stabilizzatori automatici”.

      Gli “stabilizzatori automatici” riducono di molto la gravità e la durata delle recessioni. L’austerità fa l’opposto. Durante una recessione le nazioni con una valuta sovrana possono creare moneta direttamente premendo un tasto del computer della loro Banca Centrale o prendere in prestito del denaro a interessi bassissimi. Gli USA, l’UK il Giappone offrono titoli di stato a lungo termine (10 anni) a un tasso di interesse inferiore al 2% proprio perché dispongono di una valuta sovrana. Le nazioni con valuta sovrana si trovano molto spesso in deficit senza che questo costituisca il minimo problema: gli USA lo sono stati per la maggior parte della loro storia.

      Se una normale famiglia riduce le sue spese perché calano le sue entrate durante una recessione l’effetto sull’economia nazionale è trascurabile. Se al contrario un governo nazionale taglia le spese perché la recessione diminuisce le sue entrate, causa direttamente un calo della domanda del settore pubblico e indirettamente un calo della domanda del settore privato.

      Una recessione avviene quando la domanda è gravemente insufficiente.
      L’austerità messa in atto dal governo durante una recessione comporta un aggravamento della recessione stessa causato dall’ulteriore riduzione della domanda. Quindi una famiglia e una nazione dovrebbero seguire strategie opposte nel caso di una riduzione delle loro entrate.

      La pretesa del Guardian che famiglia e nazione dovrebbero entrambe seguire la stessa strategia dimostra l’indottrinamento di quei giornalisti nei confronti di uno dei miti più distruttivi del neo-liberismo.
      Il fatto che il Guardian scriva quelle cose nel dicembre del 2012, dopo aver constatato gli effetti recessivi dell’austerità inflitta all’ eurozona, prova che il problema è quello di un’ideologia dogmatica [accettata fideisticamente], perché solo il dogma pretende di mantenere la propria validità anche di fronte a fatti che falsificano le sue previsioni [in italiano: anche di fronte a fatti che dimostrano la fallacia delle sue capacità predittive].

      Il Guardian ovviamente sa perfettamente che l’eurozona è stata spinta nella recessione dalle politiche economiche imposte dalla troika ma capovolge la causalità [ossia dice che le politiche della troika sono la necessaria risposta alla recessione].

      Qui c’è un altro pezzo dello stesso redattore sulle reazioni mondiali al fallimento dei tentativi di raggiungere un accordo sul “fiscal cliff”.

      [Il Guardian]

      Domanda: Cosa ne pensa il resto del mondo?

      Pensano che siamo ridicoli, che stiamo occupandoci in modo del tutto superficiale non solo della nostra stessa economia ma di quella del mondo intero. Il capo del FMI Christine Lagarde ha detto che gli USA stanno diventando il peggior nemico di sé stessi ritardando la decisione. Ma è il bue che dice cornuto all’asino. Gli europei non sono nelle condizioni di darci delle lezioni: anche loro hanno ritardato le stesse difficili decisioni sul taglio della spesa per oltre tre anni e si sono trovati sull’orlo del disastro già varie volte. Dovremmo noi essere abbastanza furbi da guardare al loro esempio per evitare gli stessi problemi? Tecnicamente sì. Ma la vera natura dei negozioati politici è proprio questa, di arrivare fino al limite estremo”

      http://www.guardian.co.uk/world/fiscal-cliff-blog/2012/dec/18/fiscal-cliff-quiz-explainer

      [Black che parla]

      La “notevole” spiegazione del Guardian sul perché l’eurozona sia finita in recessione è: poca austerità e applicata in ritardo!
      “Se solo gli europei avessero fatto per tempo i “tagli di spesa” le cose sarebbero andate molto meglio”.
      Questa “logica” deriva appunto dal mito che le nazioni vanno gestite come le famiglie. La terapia suggerita dal Guardian al paziente debilitato dai continui salassi è di salassarlo ancora e in fretta.

      Osservate come il redattore del Guardian [paradossalmente] sembri credere che delle economie fondate su una valuta sovrana come quelle di USA e UK stiano correndo lo stesso rischio di “collasso sistemico” già capitato “varie volte” alle nazioni che invece hanno “abbandonato” la valuta nazionale in favore di una moneta comune (l’euro).
      “Collassi sistemici” che sarebbero capitati “varie volte” alle nazioni dell’eurozona le quali [al contrario di USA e UK] sono diventate mortalmente vulnerabili a quel mix tossico di recessione, austerità e speculazione internazionale sui titoli di stato (bond vigilantes) proprio a causa dell’abbandono della loro moneta nazionale in favore dell’euro.
      La mancanza di comprensione della situazione da parte dell’esperto di finanza del Guardian testimonia il pericolo dei “dogmi” in economia.

      In realtà gli USA sono riusciti a evitare i problemi in cui è incorsa l’eurozona in seguito all Grande Recessione. Non sono mai arrivati sull’orlo del “collasso sistemico”. Non sono stati spinti a forza in recessione e non soffrono livelli di disoccupazione da Grande Depressione. Il deficit di bilancio degli USA è stato ridotto a livelli record negli ultimi tre anni.
      Insomma gli USA hanno evitato i problemi in cui è incorsa l’Europa proprio perché NON hanno praticato il dogma dell’austerità e NON hanno abbandonato la loro moneta nazionale. Gli USA non hanno fornito uno stimolo fiscale che fosse anche lontanamente adeguato come hanno suggerito molti famosi economisti, ma il modesto stimolo che hanno comunque erogato è stato sufficiente a produrre una modesta e sostenuta ripresa.
      Le parole del Guardian invece implicano una visione secondo la quale noi [USA] non siamo riusciti a evitare gli stessi problemi in cui è incappata l’eurozona dal momento dell’esplosione della Grande Recessione [Grande Recessione:adesso. Grande Depressione: 1929.].

      Secondo esempio: il governatore Howard Dean

      Dean è stato il presidente del Comitato Nazionale Democratico dal 2005 al 2009. E’ stato uno dei primi ad opporsi all’invasione dell’Iraq. Si descrive come un “Democratico Progressista”. E’ un medico. Dean è spesso ospite dei programmi serali della MSNBC.
      Dean sostiene che gli USA farebbero bene a “cadere” nel precipizio fiscale perché l’austerità [alla quale sarebbero obbligati di conseguenza] è una politica desiderabile per la nazione.
      Afferma che occorre il pareggio di bilancio e che “tutti” dovrebbero pagare più tasse per riequilibrare il budget. Pensa, al contrario di quello che è accaduto in tutta la storia americana, che nessuna nazione dovrebbe più trovarsi in deficit.

      http://www.realclearpolitics.com/video/2012/12/06/howard_dean_the_truth_is_everybody_needs_to_pay_more_taxes_not_just_the_rich.html

      Sulla CNBC Dean si è dichiarato favorevole a quell’austerità che il “fiscal cliff” infliggerebbe alla nazione anche se secondo lui questo causerebbe una recessione di sei mesi minimo. Ha predetto che la recessione sarebbe corta e moderata e la riduzione del deficit un piccolo costo da pagare.
      Insomma ha detto che l’austerità ridurrebbe il deficit anche se ha ammesso che provocherebbe una recessione.

      http://www.msnbc.msn.com/id/21134540/vp/#50299569

      Dean , un sedicente progressista, uno dei più noti esponenti democratici, sull’austerità è più dogmatico dello speaker repubblicano Boehner.

      Terzo esempio: Andrew Stern, ex capo di SEIU

      Stern è stato il capo di uno dei più grandi sindacati d’America. Ne ha fatto una forza politica in crescita promotrice di cause progressiste. Era un membro della commissione Bowles-Simpson (BS) per la riduzione del deficit, nominato dal presidente Obama. Obama nominò anche altri membri della commissione che sapeva essere degli zelanti sostenitori dell’austerità e della necessità di smantellare e privatizzare il sistema del welfare [safety net = programmi di sostegno sociale].
      Erskine Bowles è un leader dell’ala vicina a Wall Street del Partito Democratico; Alan Simpson è un repubblicano molto conservatore.

      Stern si è rifiutato di votare a favore delle raccomandazioni di austerità della BS ma non perché fosse realmente contrario all’austerità.

      Why I Voted No On Simpson-Bowles [mettere il link]

      [Stern che parla]

      Il 3 dicembre 2010 ho votato “no” al rapporto BS presentato alla National Commission on Fiscal Responsability and Reform. Questo è quanto ho dichiarato in quella occasione:

      Il rapporto di questa commissione obbliga il nostro Presidente a presentare il suo piano per la crescita economica e responsabilità fiscale non più tardi del suo resoconto sullo Stato dell’Unione; e obbliga altresì il Congresso a adottare un piano non più tardi dell’Election Day del 2012.

      Ho votato “no” al rapporto, nonostante il mio apprezzamento per lo sforzo che rappresenta, perchè qualsiasi piano – e lo dico con convinzione – deve agire su entrambi i fronti del deficit fiscale e della spesa pubblica che peraltro sono necessari alla creazione di posti di lavoro e alla promozione di una economia dinamica.
      Nessuna famiglia risparmierebbe sulle spese di istruzione dei figli. Nessuna impresa riuscirebbe a competere con dei macchinari obsoleti. E nessuna nazione si può precludere la via alla prosperità.
      Ho pensato che il piano avrebbe dovuto bilanciare meglio gli introiti fiscali e i tagli di spesa, avrebbe potuto riequilibrare la Social Security riuscendo a mantenere alcuni benefit per i cittadini, che erano stati proposti troppi tagli di breve periodo alla Sanità Pubblica che sarebbero entrati in vigore prima delle implementazioni previste per il 2018 e che non era stata promossa una condivisione sociale dei costi.

      http://andrewlstern.com/2011/04/13/why-i-voted-no-on-simpson-bowles/

      [Black che parla]

      Ora Stern si dice pentito di aver votato “no” alle proposte della BS.

      http://finance.fortune.cnn.com/2012/02/13/simpson-bowles-the-hangover/

      Ha esortato il Super Comitato a “pensare in grande” e a adottare pesanti misure di austerità prima della sua scadenza statutaria nel Novembre 2011.

      http://crfb.org/urging-super-committee-go-big

      Tra i membri che hanno partecipato alla conferenza con Stern, organizzata da uno dei gruppi di Pete Peterson [miliardario squalo liberista] e che hanno invocato l’urgenza di “pensare in grande” con il super piano per l’austerità, c’era l’ex amministratore delegato di AARP, Bill Novelli. Il sostegno di Novelli all’austerità è particolarmente significativo visto che la BS propone tagli e progressive privatizzazioni della Sanità Pubblica, che Wall Street vorrebbe diventasse il suo “Profanato Graal”.

      Conclusioni

      Il neo-liberismo ha devastato l’economia globale e ha prodotto tutti quei fallimenti che i progressisti avevano predetto attribuendoli a quei falsi miti micro-economici di cui abbiamo parlato [gestione stato = gestione famiglia].
      Ciononostante troppi progressisti continuano a credere a equivalenti miti auto distruttivi nell’economia macro a proposito di deficit, debito e austerità.
      E già abbastanza difficile contrastare le campagne di opinione milionarie di Pete Peterson volte allo smantellamento e alla privatizzazione dei programmi di sostegno sociale; Peterson finanzia moltissimi gruppi in prima linea nella discussione.
      Ma abbiamo anche da contrastare l’ala vicina a Wall Street del Partito Democratico che controlla il Tesoro, l’OMB, il Dipartimento di Giustizia, l’ufficio del Chief of Staff [dovrebbe essere un collaboratore chiave del Presidente, se non sbaglio] e sostiene lo smantellamento del welfare.
      Ci manca solo che ci mettiamo a deprogrammare i progressisti indottrinati ai dogmi neo-liberisti.

      I progressisti dovrebbero essere in grado di rendersi conto che le capacità predittive della dottrina neo-liberista sono state ambiamente falsificate dai fatti reali.
      Dovrebbero guardarsi documentari come “Inside Job” e “Capitalism: a Love Story” che parlano dei catastrofici fallimenti delle teorie e degli economisti neo-liberisti.
      Dovrebbero leggere su siti come New Economic Perspectives o le colonne di Paul Krugman che spiegano perché l’austerità sia auto distruttiva e perchè non si deve e non c’è bisogno di attaccare i programmi di sostegno sociale. I progressisti devono dire “no” a chiunque voglia ulteriormente salassare l’economia con l’austerità o voglia distruggere il welfare.

      William K. Black

      28/12/2012

    6. [...] morale. Siamo i talebani del numero. Negli Stati Uniti, spiega Bill Black, la musica cambia di poco (clicca per leggere). Qualche mese fa, ricorderete, la stampa di regime terrorizzava la pubblica opinione brandendo il [...]

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    BASTA GIOCARE IN DIFESA....

    Scritto il 3 - ott - 2018

    4 Commenti

    E’ ORA DI TIRARE...

    Scritto il 2 - ott - 2018

    2 Commenti

    MENTIRE SEMPRE, COMUNQUE E...

    Scritto il 29 - set - 2018

    1 Commento

    ANCHE SE IL LIVELLO...

    Scritto il 28 - set - 2018

    0 Commenti

    L’OPPOSIZIONE AL GOVERNO LA...

    Scritto il 21 - set - 2018

    0 Commenti

    ALLEGRI? MICA TANTO.

    Scritto il 20 - mar - 2011

    0 Commenti

    IL GIORNO DELLA CIVATI

    Scritto il 30 - apr - 2013

    3 Comment1

    UN NEW DEAL CHE...

    Scritto il 11 - ago - 2014

    47 Comment1

    LA STRADA DI HILLARY...

    Scritto il 29 - feb - 2016

    22 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.