Gradita eventuale traduzione in italiano.

    P.J. O’Rourke’s column:  “Dear Mr. President, Zero-Sum Doesn’t Add Up” claims that the following metaphor explains President Obama’s world view and policy choices: “life [is] like a pizza, where if some people have too many slices, other people have to eat the pizza box.”

    http://online.wsj.com/article/SB10001424127887324660404578199363527441002.html?mod=WSJ_hp_mostpop_read

    A zero-sum interaction occurs when one party’s gain must exactly match the other party’s loss.

    O’Rourke’s straw man attacks on Obama

    O’Rourke creates two, related straw man positions that he falsely ascribes to Obama.

    “But the worst thing that you’ve done internationally is what you’ve done domestically. You sent a message to America in your re-election campaign. Therefore you sent a message to the world. The message is that we live in a zero-sum universe.

    There is a fixed amount of good things. Life is a pizza. If some people have too many slices, other people have to eat the pizza box. You had no answer to Mitt Romney‘s argument for more pizza parlors baking more pizzas. The solution to our problems, you said, is redistribution of the pizzas we’ve got—with low-cost, government-subsidized pepperoni somehow materializing as the result of higher taxes on pizza-parlor owners.”

    O’Rourke is a deficit hawk even in response to the Great Recession

    Obama’s central economic policy was actually to spur economic growth – a positive-sum policy.  To spur growth, Obama proposed a program of moderate stimulus, which House Republicans and conservative (“Blue Dog”) Democrats reduced to modest levels that did not come close to replacing the enormous drop in public sector demand caused by the Great Recession’s severe rise in unemployment.  Obama’s policy positive-sum growth policy, even though it was weakened by his conservative opposition’s negative-sum policies, produced what UMKC macro-economists (and other progressive economists) predicted – modest growth.  The eurozone’s negative-sum austerity policy, as our macro-economists predicted, threw the eurozone back into a gratuitous recession.

    The Great Recession caused a massive redistribution of income and the gratuitous second eurozone recession is continuing to do so.  The recessions largely redistribute income towards the wealthy.  O’Rourke calls redistribution “evil,” but seems not to understand that his recommended policy of austerity is a leading driver of redistribution towards the wealthy.  O’Rourke expresses no opposition to the eurozone continuing policies that redistribute income towards the wealthy.  His complaint is that we are not following the eurozone’s negative-sum policies that (under O’Rourke’s metaphor) reduce pizza production and increasingly segment the surviving production between premium pizzas that only the wealthy can eat regularly and round things whose taste resembles the taste of the pizza box.

    O’Rourke has gotten his pizza metaphor reversed.  Obama’s positive-sum policies produced economic growth while the eurozone’s negative-sum austerity programs caused a recession.  Under O’Rourke’s metaphor, it was Obama who made more and bigger pizzas.  Had the members of Congress who, like O’Rourke, favor the negative-sum policy of austerity not diminished and warped Obama’s proposed stimulus Obama would have created even more and larger pizzas with better toppings available to a broader group of diners.

    I have explained many times why austerity is a terrible response to a Great Recession that decreases already inadequate public and private sector demand, decreases growth (often to the point of producing a new recession or depression), increases unemployment, increases human misery due to cuts in valuable programs, and often increases the budget deficit.  I have not expressly made the point that such a lose-lose-lose-lose proposition is a negative-sum strategy.  O’Rourke’s austerity policies are far worse than zero-sum.  Using his metaphor, the policies O’Rourke favors shrink the number and size of pizza pies and deny them entirely to millions of people.  The loss of pizzas in the periphery of the eurozone is so severe that Italy, Greece, and Ireland are losing their best and brightest university graduates to emigration.  Negative-sum strategies like austerity are weapons of mass economic destruction.

    A stimulus program in response to a Great Recession is a positive-sum strategy.  It produces a win-win-win-win result by increasing growth, decreasing unemployment, decreasing human misery, and reducing the budget deficit.

    O’Rourke’s criticism of Obama’s economic policies invents and reverses the facts.  “The evil lies in denying people the right, the means, and, indeed, the duty to make more things.”  U.S. businesses are sitting on immense, unprecedented levels of funds.  They have the “right” and the “means” “to make more things.”  They do not do so because consumer demand to purchase “more things” has been greatly reduced by the unemployment caused by the Great Recession.

    The pizza magnates of the far right and their equally tasty boxes

    One of the CEOs who went out of his way to make his customers know how much he hates Obama runs a giant chain called Papa John.

    http://www.forbes.com/sites/rickungar/2012/12/04/papa-johns-applebees-and-others-pay-huge-price-for-anti-obamacare-politicking/

    Papa John can make all the “things” it wishes.  Obama has not removed either its “right” or the “means” for it “to make more things.”  I’m married to an Italian-American and we ate part of what Papa John calls a pizza – once.  We have never repeated that mistake, but we do defend the right of Papa John “to make more [round, tasteless, unhealthy, and greasy] things.”

    I can see why O’Rourke used cardboard pizza boxes and pizza as his metaphors.  “If some people have too many slices, other people have to eat the pizza box.”  The hard right specializes in selling “things” it calls “pizza” that are hard to distinguish in taste or texture from the cardboard of a pizza box.  Papa John’s pizza peers included Godfather’s Pizza (Herman Cain) and Tom Monaghan (founder of Domino’s Pizza and an ultra-right wing law school).  Tom is my favorite given his effort to buy a town in Florida and forbid the sale of contraceptives in the town.  That would have been an epic negative-sum event.  In an earlier version of his zero-sum riff, O’Rourke used Domino’s as his example.

    “If I have too many slices of pizza, you have to eat the Domino’s box.”

    http://www.marketplace.org/topics/wealth-poverty/commentary/orourke-if-1-had-less-would-99-be-better

    It gets even better.  Tom sold Domino’s to – Bain Capital – in 1998.  Yes, Mitt Romney bought Domino’s from Tom.  Bain took what had been mediocre round “things” and was able to “make more things” by lowering quality.  Bain’s managers let the quality of the “things” it made fall to dreadful levels for over a decade.  Domino’s round things became notorious.

    “In a 2009 survey of consumer taste preferences among national chains by Brand Keys, Domino’s was last — tied with Chuck E. Cheese’s. In December that year, Domino’s announced plans to entirely reinvent its pizza. It began a self-flogging ad campaign in which consumers were filmed criticizing the pizza’s quality….”

    http://en.wikipedia.org/wiki/Domino’s_Pizza

    We have three children, so I have endured a number of birthday parties for their friends at Chuck E. Cheese’s at which their round things were served.  To be tied with Chuck E. Cheese’s for last place in quality means that Domino’s round things could not be differentiated by taste from the Domino’s box.  The Domino’s box was made with fresher and tastier ingredients than the round thing within.  Domino’s quality improved only as Bain was on the way out.  Romney cites Domino’s as one of his greatest successes.  Cardboard round things: the taste of success in Mitt’s America.  It is impossible to compete with Romney’s unintentional self-parody.

    http://www.bostonglobe.com/business/2012/01/29/domino-delivered-for-bain-capital/kyMA0fIwPYvg2pa0UK1UfI/story.html

    O’Rourke’s column reveals that he does not understand one of the most basic concepts of capitalism.  Firms have no “duty to make more things.”  Honest firms make things because they believe they can sell them for a profit.  If demand is inadequate, firms recognize that making more things will cause them losses because they will be unable to sell the “things” at a profit.  O’Rourke’s failure to understand this point is telling because he emphasized it in criticizing another author.

    “Roberts is no kid. What his Ph.D. is in, I don’t know; but if it’s economics, he skipped some required reading: The Wealth of Nations, Book IV, Chapter 8, ‘Consumption is the sole end and purpose of all production.’”

    http://www.weeklystandard.com/articles/mighty-dollar_610922.html

    There is nothing a firm can do to restore inadequate demand caused by the high unemployment produced by a recession.  The result is enormous waste.  Firms have enormous unused productive capacity.  Workers want to work but cannot find jobs (or find only part-time jobs).  They cannot find jobs because firms won’t sufficient workers to end underemployment for the same reason that they will not produce at capacity.  When they produce fewer goods they need fewer workers.

    Only a government with a sovereign currency, because it is not profit-driven and is not subject to bond vigilantes, has the “right, means, and, indeed the duty” to act in a recession to provide the otherwise inadequate demand that can make it possible for firms to profitably “make more things” (because the demand will exist for consumers to purchase them) and hire more workers.  That is what a properly designed stimulus program does and why it is a positive-sum strategy.  Obama, the proponent of stimulus in 2009, helped firms make more things.  It was legislators who shared O’Rourke’s love of negative-sum austerity who reduced the vital stimulus.  O’Rourke’s preferred policy has kept firms from making as many things and hiring as many workers as they would have if Obama’s proposed stimulus program had not been weakened by Congress.

    http://prospect.org/article/tap-talks-pj-orourke-0

    Conclusion

    The policies that O’Rourke promotes are the problem.  He has shown a remarkable ability to support a wide range of the world’s most destructive negative-sum policies.  The more he witnesses such policies inflict terrible losses, the more passionately he embraces his dogmas and the more breezily he dismisses the “stupidity” of those whose policies have succeeded and proved positive-sum.  There are excellent grounds for criticizing many of Obama’s policies.  O’Rourke’s column is remarkable for not presenting any of those grounds and relying instead on falsely ascribing policies to Obama where he actually supported the opposite (successful) policy.

    William K. Black

     

     

    Categorie: Esteri

    6 Commenti

    1. Balbillus scrive:

      Moralista te lo traduco io domani ma prima fammi sapere se è ok o se lo fa qualcun altro. No problem in ogni caso, ovviamente.

    2. Balbillus scrive:

      Moralista mi sa che c’è un lapsus di Black. Sotto ti metto la traduzione e dove trovi delle note mie precedute da tre asterischi *** spiego il problema.

    3. Balbillus scrive:

      TRADUZIONE

      Articolo di P.J. O’Rourke intitolato “Caro Presidente [Obama], il gioco a somma zero non ha senso” sostiene che la seguente metafora spiega la visione del mondo e le scelte di governo del presidente Obama: “la vita [è] come una pizza e se alcuni si prendono troppe fette agli altri non resta che mangiarsi la scatola”.

      http://online.wsj.com/article/SB10001424127887324660404578199363527441002.html?mod=WSJ_hp_mostpop_read

      Un gioco a somma zero comporta che ai guadagni di una parte corrispondano perdite esattamente uguali dall’altra [spiegazione del traduttore: se ad esempio due paesi hanno fruttuosi interscambi commerciali di beni diversi entrambi ne ricavano un vantaggio e quindi il "gioco" non è a somma zero].

      I CAPZIOSI ATTACCHI DI O’ROURKE NEI CONFRONTI DI OBAMA

      O’Rourke si avvale di due argomenti capziosi basati sulla mendace attribuzione a Obama di posizioni che in realtà il presidente non sostiene.

      [O'Rourke]

      “La peggiore cosa che lei ha fatto sul piano internazionale è proprio quello che ha fatto in politica interna. Lei ha mandato un messaggio all’America nella sua campagna per la rielezione. E quindi ha anche mandato un messaggio al mondo. Il messaggio è che viviamo in un universo a somma zero.

      Esiste una quantità limitata di beni. La vita è una pizza. Se alcuni si prendono troppe fette agli altri non resta che mangiarsi la scatola.
      Lei non ha risposto all’argomento di Mitt Romney che più pizzerie sforneranno più pizze.
      La soluzione dei nostri problemi – lei ha detto – è ridistribuire meglio le pizze che abbiamo con peperoni a basso costo, finanziati dallo stato che saranno creati grazie alle maggiori tasse imposte ai proprietari di pizzerie”

      O’Rourke è un falco del deficit [ossia un sostenitore dell'obbligo di ridurre il deficit a tutti i costi] anche in periodo di Grande Recessione

      Il punto centrale della politica economica di Obama al contrario è stato proprio quello di dare un incentivo alla crescita – una politica economica a somma positiva, non a somma zero.
      Per incentivare la crescita Obama ha proposto un programma di moderato stimolo che al congresso i Repubblicani e i conservatori Democratici (Blue Dog) sono riusciti a far ridurre a un livello così modesto che non riusciva a coprire l’enorme calo della domanda nel …settore pubblico… causata dal gravissimo incremento dei livelli di disoccupazione della Grande Recessione

      ***MORALISTA verifica che potrebbe esserci un lapsus di Black; il professore dice “caduta della domanda del settore pubblico dovuta a disoccupazione” ma nella mia ignoranza avrei pensato piuttosto “caduta della domanda del settore privato”, cioè i consumatori visto che parla di disoccupazione (vedi dopo). Non sono un economista e mi è venuto questo dubbio***.
      .
      La politica economica di Obama a somma positiva, anche se indebolita dalle politiche a somma negativa dei suoi oppositori conservatori, ha prodotto quello che avevano predetto i macro economisti dell’ UMKC (e altri economisti progressisti) e cioè una crescita anche se moderata.

      La politica a somma negativa dell’eurozona , come i nostri economisti avevano predetto, ha scaraventato l’Europa in una recessione evitabilissima.

      La Grande Recessione ha provocato una forte redistribuzione del reddito [si intende dal lavoro al capitale ossia in parole povere dai meno abbienti a i ricchi] e questa seconda evitabile recessione in Europa continua a causare questa redistribuzione squilibrata.

      Queste recessioni contribuiscono a redistribuire il reddito verso i più ricchi. O’Rourke chiama questa redistribuzione “un male” ma sembra non rendersi conto che proprio le politiche di austerità che lui stesso sostiene costituiscono la spinta maggiore per la redistribuzione in favore dei ricchi. O’Rourke non esprime nessuna opposizione verso quelle politiche dell’Eurozona che continuano a far affluire i soldi verso i più abbienti. La sua critica [paradossalmente] è che noi negli USA non stiamo mettendo in atto quelle politiche a somma negativa che (nella metafora di O’Rourke) riducono la produzione di pizza e a mano a mano segmentano sempre di più il mercato di pizze suddividendolo in “pizze premium” che solo i ricchi si possono mangiare e “pizze economiche” che sono solo degli affari rotondi immangiabili che sanno più di scatola di pizze che di pizza.

      [Qui ci vuole una nota perché il bravissimo professor Black scrive in un inglese tutto suo. Ovviamente uno che legge si chiederà "Ma O'Rourke non aveva detto che bisognava fare come diceva Romney e cioè aprire più pizzerie (prevedibilmente tramite lo stimolo di una grande diminuzione di tasse)? Allora cosa ci viene a dire che la metafora di O'Rourke implica che si producono meno pizze e si segmenta il mercato?" Qui il prof Black intendeva dire: "O'Rourke senza rendersene conto ci propone una politica a somma negativa che lui ritiene "buona" e a somma positiva ma che IN REALTA' porta a delle conseguenze che - rimanendo nei termini della sua metafora sulla pizza - sono di "somma negativa" come possiamo verificare per il caso dell'Europa. Metto una nota perché sono sicuro che almeno qualche lettore potrebbe porsi il dubbio]

      E O’Rourke si è ritrovato con la metafora sulla pizza che gli si rivolta contro. Infatti le politiche a somma positiva di Obama hanno prodotto crescita mentre quelle a somma negative europee hanno causato recessione. Sempre rimandendo nella metafora è Obama che ha fatto più pizze e più grandi.Se i membri del congresso che come O’Rourke spingono per politiche a somma negativa non avessero diminuito e depotenziato la politica di stimoli fiscali di Obama, il Presidente sarebbe riuscito a far produrre ancora più pizza, ancora più grandi e con migliori condimenti a prezzi accessibili a un più largo settore di consumatori.

      Ho spiegato varie volte perché l’austerità è una politica sbagliatissima che provoca una ulteriore diminuzione di una domanda pubblica e privata già debole di per sé a causa della Grande Recessione, che mina la crescita (e spesso crea nuove recessioni o depressioni), provoca un aumento della disoccupazione e della povertà a causa di tagli a importanti programmi di sostegno sociale e spesso incrementa il deficit di bilancio. Non ho sottolineato intenzionalmente che questo tipo di politica economica in tutti finiscono per perdere è una strategia a somma negativa. Le politiche proposte da O’Rourke sono molto peggio di un gioco a somma zero. Nella metafora delle pizze i piani di O’Rourke diminuscono il numero e le dimensioni delle pizze e ne rendono impossibile l’acquisto per milioni di persone.
      La perdita di pizze nella periferia dell’eurozona è così drammatica che Italia, Grecia e Irlanda stanno perdendo i migliori e più brillanti laureati delle loro università che si trovano obbligati a emigrare. Queste politiche a somma negativa sono armi di distruzione economica di massa.

      Una politica di stimoli fiscali in periodo di Grande Recessione è una strategia a somma positiva. Produce una situazione in cui tutti ci guadagnano promuovendo la crescita, diminuendo la disoccupazione, la povertà e riducendo il deficit di bilancio.

      Le critiche di O’Rourke a Obama inventano i fatti o li distorcono.

      O’Rourke dice:

      “Il male consiste nel negare alla gente il diritto, i messi e anche il dovere di produrre più beni”

      In realtà gli USA sono “seduti” su una quantità di fondi per investimenti mai vista prima. Hanno non solo il diritto ma anche i mezzi per produrre di più. Non lo fanno perché i crescenti livelli di disoccupazione casuati dalla Grande Recessione hanno drasticamente ridotto le possibilità di acquisto e quindi la domanda dei consumatori che dovrebbero comprare i beni prodotti.

      ***MORALISTA: e come vedi è quasi certo che prima ci fosse un lapsus del professore***

      I MAGNATI DELLA PIZZA CHE SOSTENGONO CHE LA SCATOLA E’ BUONA DA MANGIARE COME LA PIZZA

      Uno dei grandi imprenditori che ha voluto far sapere ai suoi clienti quanto odi Obama, possiede una grandissima catena che si chiama Papa John

      http://www.forbes.com/sites/rickungar/2012/12/04/papa-johns-applebees-and-others-pay-huge-price-for-anti-obamacare-politicking/

      Papa John può produrre tutto quello che vuole. Obama non gli ha tolto né il diritto né i mezzi di produrre. Sono sposato con un’italo americana e una volta ci siamo magiati un pezzo di quella che Papa John chiama “pizza”. Non abbiamo mai più ripetuto l’errore ma difendiamo ugualmente il diritto di Papa John di produrre le sue [rotonde, insipide, dannose alla salute e unte] cose che lui chiama pizze.

      Ho capito perché O’Rourke usa le pizze e le scatole di cartone per le sue metafore. “Se qualcuno si prende troppe fette altri potranno mangiarsi solo la scatola”.
      L’estrema destra è specializzata in produrre “cose” che poi chiama “pizze” che in realtà sono indistinguibili dal cartone delle scatole che le contengono.
      I degni compari di Papa John sono Pizza del Padrino (Godfather’s Pizza (Herman Cain)) e Tom Monaghan (fondatore di Domino’s Pizza e di una scuola di diritto di ultra destra). Tom mi è particolarmente simpatico perché voleva comprarsi una città in Florida per impedirvi la vendita di contraccettivi. Quello sarebbe stato un colossale momento a somma negativa. In una precedente versione della sua metafora sulle pizze O’Rourke ha usato Domino’s Pizza per il suo esempio.

      “Se io mi mangio troppe fette di pizze a voi non resta che mangiare la scatola di Domino’s Pizza”

      http://www.marketplace.org/topics/wealth-poverty/commentary/orourke-if-1-had-less-would-99-be-better

      E’ ancora meglio come metafora.
      Tom poi ha venduto Domino’s a Bain Capital (di Romney) nel 1998.
      Sì, Romney si è comprato la Domino’s da Tom. Bain Capital ha comprato la ditta che produceva delle mediocri “cose rotonde” ed è stata capce di aumentare la produzione diminuendo la qualità.
      I manager della Bain hanno fatto decadere la qualità delle loro cose rotonde a livelli ignobili per oltre un decennio. Donio’s Pizza sono diventate famose per quanto erano cattive.

      “In un sondaggio del 2009 fatto da Brand Keys Domino’s era ultima insieme a Chuck E. Cheese’s. A dicembre di quell’anno Domino’s annunciò dei piani di rinnovo totale delle sue pizze. Iniziò una campagna di auto flagellazione in cui i consumatori erano ripresi mentre criticavano la pizza…”

      http://en.wikipedia.org/wiki/Domino’s_Pizza

      Abbiamo tre bambini e quindi mi sono fatto un bel po’ di feste di compleanno dai loro amichetti proprio a Chuck E. Cheese’s dove si servivano delle “robe rotonde” che avrebbero dovuto essere delle pizze. Essere messi all’utlimo posto con Chuck E. Cheese’s significa per Domino’s che veramente le sue pizze non erano distinguibili dal cartone delle scatole. Anzi per la verità le scatole della Domino’s erano fatte con ingredienti migliori delle cose rotonde che stavano dentro.
      La qualità di Domino’s è cominciata a migliorare solo quando la Bain Capital era sul punto di lasciare. Romney’s ha il coraggio di citare Domino’s come un suo successo. Pizze di cartone: il sapore del successo dell’America di Romney. Non si può competere con Mitt in quanto a auto ironia involontaria.

      http://www.bostonglobe.com/business/2012/01/29/domino-delivered-for-bain-capital/kyMA0fIwPYvg2pa0UK1UfI/story.html

      O’Rourke dimostra di non capire uno dei concetti base del capitalismo.
      Le aziende NON hanno il “dovere” di produrre di più. Le aziende oneste producono solo perché pensano di poter vendere una certa quantità dei loro prodotti e così fare profitto. Se la domanda è insufficiente l’azienda capisce che non è il caso di aumentare la produzione.
      Il fatto che O’Rourke non capisca questo punto spiega perché se ne avvalga per criticare un altro autore.

      [O'Rourke]
      “Roberts non è un ragazzino. In cosa abbia il dottorato di ricerca non lo so ma se è qualcosa di economia ha saltato alcune letture fondamentali: La Ricchezza delle Nazioni libro IV, capitolo 8: “Il consumo è l’unico scopo della produzione”

      In realtànon c’è nulla che un’azienda possa fare per ripristinare una domanda inadeguata causata da alta disoccupazione in fase di recessione. Il risultato è uno spreco clamoroso. Attualmente le aziende hanno un’enorme capacità produttiva. I lavoratori vorrebbero lavorare ma non trovano impiego (solo lavori part time). E non trovano lavoro perché le aziende non possono assumere fino a impiegare tutti i disoccupati per la stessa ragione per cui non possono produrre a pieno regime. Se si trovano a dover produrre di meno hanno bisogno di meno lavoratori.

      Solo un governo dotato di moneta sovrana, per il fatto di non essere motivato solo dal profitto e non soggetto alle manovre speculative sul proprio debito pubblico, ha il “diritto”, i mezzi e lui s’ anche il 2dovere” di agire in tempi di recessione per fornire quella domanda che altrimenti resterebbe insufficiente; quella domanda che renderebbe possibile alle aziende una maggiore produzione che dia realmente profitto (perché esisterebbero dei consumatori in grado di acquistare) e l’assunzione di più forza lavoro. Questo è quello che fa un programma di stimolo fiscale ed è una strategia a somma positiva.
      Obama, che ha proposto questo tipo di stimolo nel 2009, ha aiutato le aziende a produrre di più.
      Sono stati i leglislatori che la pensano come O’Rourke in favore dell’austerità che hanno diminuito questo stimolo vitale.
      La politica preferita da O’Rourke ha impedito una maggioire produzione e una maggiore occupazione rispetto a quello che sarebbe successo se il piano di Obama fosse stato approvato integralmente dal Congresso.

      http://prospect.org/article/tap-talks-pj-orourke-0

      CONCLUSIONE

      Le politiche proposte da O’Rourke “sono” il problema. Ha dimostrato una notevole abilità nel propagandare un ampio ventaglio di politiche economiche distruttive tutte a somma negativa.
      Più vede queste sue politiche causare danni terribili più le sostiene appassionatamente liquidando allegramente come “scemenze” tutte quelle altre che invece si sono dimostrate a somma positiva e hanno avuto successo.
      Ci sono ottimi argomenti per criticare le scelte economiche di Obama.
      Gli articoli di O’Rourke si distinguono per non parlare di uno solo di quegli argomenti preferendo invece attribuire falsamente ad Obama delle decisioni di politica economica mentre la realtà è che il Presidente ha scelto politiche diverse e di successo.

      William K. BLACK

    4. Balbillus scrive:

      La primissima frase all’inizio avrebbe un -L’- davanti…

      “L’ Articolo di P.J. O’Rourke…” etc etc

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    L’ENNESIMO CASO DI ISTERIA...

    Scritto il 10 - lug - 2019

    1 Commento

    IORIO, IL MOLISE E...

    Scritto il 19 - ott - 2011

    0 Commenti

    VENDOLA E DI PIETRO,...

    Scritto il 27 - mag - 2012

    5 Comment1

    OBAMA ELOGIA MONTI E...

    Scritto il 15 - feb - 2013

    5 Comment1

    HOLLANDE-OBAMA CONTRO MERKEL-MONTI

    Scritto il 18 - mag - 2012

    0 Commenti

    CHI DISCONOSCE IL PRIMATO...

    Scritto il 30 - gen - 2019

    0 Commenti

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.