In Grecia si sta consumando, nel silenzio complice di gran parte della stampa di regime Occidentale, un genocidio attuato con strumenti moderni. Hitler per sterminare gli ebrei pensò di ricorrere ai forni, Stalin per annientare i Kulaki decise di puntare sulle deportazioni di massa e Saddam Hussein utilizzò i gas per decimare i curdi. Prassi violente, capaci di indignare la pubblica opinione mondiale mettendo a rischio in prospettiva la stessa incolumità fisica dei carnefici (Saddam, a furia di tirare la corda, è finito impiccato). Oggi, la famigerata Troika, composta dal Fondo Monetario Internazionale guidato da Lagarde, dalla Banca Centrale Europea di Mario Draghi e dall’Unione Europea rappresentata da Von Rompuy e Barroso, ha deciso di sterminare per intero il popolo greco senza, formalmente, spargere sangue. Usano la moneta al posto delle fosse comuni, i tagli selvaggi al posto del gas nervino e la disoccupazione di massa anziché i forni. Metodi innovativi per raggiungere obiettivi dal sapore antico. Molti puri di cuore, a questo punto, si domanderanno: “Ma perché mai tali personaggi dovrebbero promuovere tanta sadica crudeltà?” Ve lo spiego subito. E’ in atto un processo doloso di impoverimento dei cittadini europei, guidato dalla massoneria reazionaria e finalizzato a cinesizzare l’Europa. Alta disoccupazione, precarietà, crollo dei consumi interni, abbassamento del costo del lavoro per aumentare la competitività delle imprese, sgretolamento del welfare State e svuotamento della democrazia costituiscono gli ingredienti indispensabili per preparare questo piatto indigesto. La Grecia, anello debole dell’Unione, è apripista e laboratorio di cotanta infamia. Da un lato, la sofferenza dei greci serve per testare la capacità di sopportazione e resistenza di un popolo ridotto scientemente alla fame; dall’altro, l’utilizzo strumentale dello spauracchio ellenico è utile per infondere dappertutto quel sano terrore che consente alle élite di controllare meglio le ansie crescenti che agitano i cittadini europei. Avete presente i pagliacci che ripetono: “Accettate i sacrifici altrimenti farete la fine dei greci”? Mentono sapendo di mentire ma, così facendo, diffondono maleficamente utili inquietudini paralizzanti. In realtà è vero l’esatto contrario: sono i cosiddetti “sacrifici” a provocare questa inarrestabile parabola recessiva che sparge fame, indigenza e miseria a piene mani. Ma ogni costruzione demoniaca che si rispetti, per essere tale, deve poggiare su un cumulo di menzogne. Da più di un anno il Moralista denuncia l’inutile accanimento delle autorità europee in danno del popolo greco (clicca per leggere), schiacciato da politiche criminali spacciate per opera di necessario risanamento. A distanza di anni, non solo la situazione non è migliorata (e come poteva?), ma la crisi economica ha raggiunto livelli di vera e propria emergenza umanitaria. Se n’è accorto perfino l’esimio prof. Ernesto Galli della Loggia che, sul Corriere di oggi, all’interno di un ragionamento completamente sbagliato, evidenzia qualche esempio corretto. Scrive Galli della Loggia “ Il 50% dei greci vive sulla soglia di povertà, 9 greci su 10 hanno cancellato le spese per il vestiario. Questo inverno moltissimi impianti di riscaldamento sono rimasti spenti. Anche l’acquisto di latte per i bambini è diventato un problema e, non a caso, oggi in Grecia è elevato il numero dei bambini sottopeso. Molti malati hanno perso la vita per i tagli al servizio sanitario…”. Questo è quello che accade a pochi kilometri dall’Italia, scenario infernale che presto si trasferirà con tracotanza in tutti i Paesi dell’Europa mediterranea, Italia compresa. Se la fotografia della situazione fatta dall’editorialista del Corriere è corretta, le cause individuate sono assolutamente sbagliate e mistificanti. Della Loggia sfodera il solito repertorio di banalità che attribuisce la colpe del genocidio alla solita corruzione, all’inefficienza e agli sprechi della classe politica, mancando totalmente il cuore del problema. La Grecia (e in misura minore l’Europa intera), al contrario di quello che pensa Galli della Loggia, è vittima di una pianificazione fredda e cinica che  pretende di ridisegnare i rapporti sociali in senso neofeudale. E, per dirla tutta,  una parte importante delle responsabilità per la strage in atto sono addebitabili proprio ad alcuni colossi informativi come il Corriere della Sera. In chiusura dell’articolo, Galli della Loggia punta sulla mozione dei pelosi sentimenti: “Possibile che l’Europa cristiana e compassionevole”, si chiede retoricamente l’intellettuale barbuto, “ assista indifferente”? Magari l’oligarchia europea fosse soltanto indifferente!,  mentre è nei fatti  ipocrita, violenta e assassina. Ai greci, così come a tutti i cittadini del vecchio Continente umiliati, impoveriti e vilipesi, non serve la carità invocata da Galli della Loggia. Serve una presa corale di consapevolezza circa ruoli e responsabilità dello sterminio in atto. Serve far processare i vari Draghi, Lagarde, Van Rompuy e Barroso di fronte ad un tribunale speciale, competente per i crimini contro l’umanità che, dopo Norimberga, ristabilisca il primato del diritto sull’arbitrio e della giustizia sulla forza. Questo serve. Non le lacrime di coccodrillo di pensatori strapagati e senza guizzi come Ernesto Galli della Loggia.

    Francesco Maria Toscano

    2/02/2013

    Categorie: Esteri

    5 Commenti

    1. [...] In Grecia si sta consumando, nel silenzio complice di gran parte della stampa di regime Occidentale, un genocidio attuato con strumenti moderni. Hitler per sterminare gli ebrei pensò di ricorrere ai forni, Stalin per annientare i Kulaki decise di puntare sulle deportazioni di massa e Saddam Hussein utilizzò i gas Source: il Moralista [...]

    2. Twin Astir scrive:

      Coraggio, italioti, ancora un piccolo sforzo per mandare al governo i servitorelli del Reich bruxellese e faremo presto il gemellaggio con la Grecia.
      http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=7v_kxcHRqRE
      http://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=ro7l6Kt-6oU
      «Spes contra spem», di Paola Musu.
      NON è stato facile per me accettare l’evidenza del disfacimento e del crollo di tutti quei pilastri, giuridici, filosofici ed umani, che hanno segnato la storia del nostro Paese, che sento tanto più mio, quanto più forte è la sensazione del suo dissolvimento. Non è stato facile per me, come non lo è sicuramente per tutti coloro che hanno avuto in sorte la fortuna di incrociare nel loro percorso di vita, per lunga o breve che sia, spiriti alti che hanno avuto la sapienza di trasmettere, a chi ritenevano meritevole, ciò che loro avevano costruito nel loro viaggio, perché non andasse disperso, ma, casomai, arricchito. Il Sapere, e lo scrivo di proposito con la maiuscola, è disciplina, il Sapere è sacrificio, è una continua e costante lotta contro i limiti posti dai lacci e lacciuoli della propria mente ed ogni laccio sciolto è un pizzico di libertà conquistata. Sì, perché il sapere RENDE LIBERI. Ma il Sapere di cui parlo non è quello contingentato e filtrato che oggi viene trasmesso attraverso le scuole alle nuove generazioni, opportunamente privato degli strumenti chiave di interpretazione e di giudizio. Il Sapere di cui parlo ha le sue radici nella cultura Umanistica, aperta alla Conoscenza senza pregiudizi o limitazioni di sorta, ma anche nella piena consapevolezza che la LIBERTÀ che da essa deriva porta in sé un tributo da ottemperare: il RISPETTO verso quel sapere e verso quella libertà, pena il disfacimento di tutto. Con scientifica freddezza e con una sistematicità sapientemente dosata, chi ha preso il sopravvento nella gestione del Paese dal dopoguerra ad oggi ha saputo compromettere, in modo tanto terrificante, quanto efficace agli scopi che evidentemente erano stati prefissati, quelli che rappresentano i pilastri di uno Stato posti a tutela dei cittadini e del popolo. Chi ha la chiara consapevolezza della politica intesa come «ars» (come «arte»), sa perfettamente che chi esercita quell’arte non può prescindere da solide basi di diritto, le quali, a loro volta, non possono andare disgiunte da una conoscenza appropriata di elementi di teoria economica e, imprescindibilmente, dalla conoscenza della storia, della politica e della sociologia. So di poter provocare delle forti reazioni in proposito, ma in questo voglio farmi forte anche delle affermazioni di Maurice Allais, che su questo argomento fu molto esaustivo, soprattutto sul punto dell’imprescindibile raffronto tra teoria economica e suo impatto sulla realtà della vita degli uomini. Una seria coscienza, giuridicamente formata, sa perfettamente che ciò che distingue lo Stato di natura, dominato dal principio «homo homini lupus», dallo Stato di diritto è, per l’appunto, il diritto. Nessun giurista che possa nobilmente definirsi tale, e dotato di una formazione integrata come quella appena descritta, potrebbe accettare una condizione di «liberismo», direi «spinto», come quella propugnata negli ultimi decenni, che ha allegramente devastato sia il capitalismo, che da imprenditoriale è diventato prepotentemente e preponderatamente finanziario, che gli Stati e i loro popoli. Ed allora vorrei osservare come quel tipo di formazione, la quale avrebbe consentito di sfornare dalle nostre università uomini e donne culturalmente forti, con un alto e spiccato senso critico e tali da impedire lo sfacelo cui stiamo assistendo, oggi, come da troppi anni a questa parte, è impossibile. Lo studio dell’economia è stato opportunamente distinto dal diritto, dalla storia, dalla sociologia e dalla politica (materie care alle facoltà di giurisprudenza e scienze politiche i cui ordinamenti sono stati letteralmente stravolti). La stessa economia è stata sostanzialmente ridotta alla pura elaborazione matematica e, soprattutto, avulsa dall’approfondimento dello studio del ruolo della moneta. Ho avuto modo di ripetere pubblicamente che: chi ha la moneta ha il potere. Questo concetto era chiaro ad Aldo Moro quando dispose la stampa della ben nota banconota da cinquecento lire. Ed era ben chiaro ai nostri governanti quando, con alto tradimento del loro popolo e della stessa Costituzione, ci hanno svenduto a degli oramai identificabili «banchieri», attraverso la firma e la ratifica di una serie di atti e trattati europei, totalmente ed assolutamente illegittimi e giuridicamente non solo nulli, quanto, piuttosto, INESISTENTI. Il depauperamento inesorabile, non solo materiale, ma anche culturale e spirituale, cui ci stanno condannando, rischia di portarci sull’orlo di un conflitto dagli esiti sicuramente incerti, onformemente ad un vecchio assioma: «ordo ab caos» (l’ordine dal caos), ma «ordine» promanante da chi, o da cosa? Mi piacerebbe chiudere questo mio piccolo, e certo non esaustivo intervento, ricordando l’art. 30 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo del 1948: «Nulla della presente Dichiarazione può essere interpretato nel senso di implicare un diritto di qualsiasi Stato, gruppo o persona di esercitare un’attività o di compiere un atto mirante alla distruzione di alcuni dei diritti e delle libertà in essa enunciati». Il richiamo di questo articolo rappresenta un invito alla lettura dell’intera Dichiarazione Universale, ricordando che alla stesura della stessa hanno collaborato personalità come Ghandi e Maritain, ed insieme un ulteriore invito a confrontarla con i primi dodici articoli della nostra Costituzione, la quale, pur nella consapevolezza della soluzione di compromesso che la stessa ha rappresentato, comunque, sebbene perfettibile, costituisce una delle migliori carte costituzionali al mondo. Purtroppo è stata e viene tuttora ripetutamente e sfacciatamente violata: è evidente che non è stata dotata di sufficienti, o quantomeno pregnatamente efficaci, strumenti di garanzia. Sempre il richiamo all’art. 30 della Dichiarazione Universale vuole essere un ulteriore invito a considerare la fondatezza della palese attuazione, da parte di tutti coloro che direttamente o indirettamente hanno partecipato e partecipano tuttora alla chiusura di questo nefasto disegno, di evidenti crimini contro l’umanità, perché chi distrugge l’economia di un popolo, distrugge in definitiva quel popolo, con danni incommensurabili per il presente e per il futuro della specie umana. Di questo si sono coraggiosamente fatti portatori i due giornalisti che il 21 novembre 2012 hanno depositato il loro documentato esposto alla Corte Penale Internazionale dell’Aja, in base all’art. 7 dello Statuto di Roma, firmato e ratificato anche dall’Italia. «Spes contra spem»: così, simpaticamente, un autorevole Professore di Diritto Romano mi ricordava nei giorni scorsi il motto di Giorgio La Pira. Io, oggi, andrei anche oltre, dicendo «Spes ultra spem», perché quei piccoli «lupi» che in modo autorevole possono ancora, oggi, consapevolmente dissertare di questi ed altri argomenti, trovino il modo, in un giorno spero non lontano, di riunirsi sotto il vessillo di quei princìpi che rendono alto e nobile lo status e la dignità dell’essere umano, nell’ accezione più profondamente umanistica del termine.

    3. alessandro scrive:

      Due giorni fa ho chiesto a mia madre:
      “mamma sai che succede in Grecia?”
      “no, figlio mio che succede?”
      “i bambini svengono in classe dalla fame e le famiglie non hanno soldi per riscaldare le proprie case”
      “davvero?”
      “si, tutto questo lo chiede l’Europa, con le politiche di austerità”
      “ma dove le leggi queste cose, figlio mio? in televisione non ne parlano mai..”

      • Ugo scrive:

        Non è un aneddoto, è realtà! A me capita ESATTAMENTE lo stesso col mio vecchio padre quasi ottantenne. E si inalbera pure per la mia “paranoia”, perché sono “scollegato dalla realtà”. Pazzesco!

      • Ugo scrive:

        Il bello è che in pià di un’occasione ho stampato TESTI DI LEGGE che comprovavano le mie affermazioni, ma ho incassato il rifiuto di leggerli “perché ne ho già sentito parlare in tv”. Sì, ma con la solita tecnica dell’omissione e dell’enfasi strumentali…

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    3 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    4 Commenti

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL PROFETA MARIO DRAGHI...

    Scritto il 29 - gen - 2019

    0 Commenti

    L’ATTENTATO A PAPA WOJTYLA...

    Scritto il 29 - dic - 2014

    3 Comment1

    ROBESPIERRE DA OPERETTA

    Scritto il 9 - gen - 2012

    0 Commenti

    UNISEX: LA VIA PER...

    Scritto il 18 - set - 2018

    2 Comment1

    MANIFESTAZIONE A TASSO ZERO

    Scritto il 30 - ott - 2014

    2 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.