Monti è un miserabile ipocrita come pochi. Tra tutti gli argomenti falsi e strumentali che questo guitto in loden sta utilizzando nella speranza di entrare nel cuore degli italiani, dopo essere già abbondantemente entrato in un altro organo che inizia con la stessa sillaba, quello che prefigura l’imminente rischio Grecia per l’Italia è in assoluto il più sporco, abietto, indegno e vile. Lo schema di gioco scelto da Monti non è nuovo, ricalcando fedelmente quanto già avvenuto nella povera Grecia durante l’ultima campagna elettorale che, nel giugno dello scorso anno, condusse il burattino Samaras alla vittoria. Una prospettiva intimamente intimidatoria e mafiosa che, facendo intravedere ai cittadini elettori il rischio di catastrofi ben peggiori, invita mellifluamente a scegliere il male minore. E’ la stessa logica che spinge molti commercianti vessati dalla mala a pagare il pizzo: “meglio questo”, si illudono in tanti, “che correre il rischio di farsi saltare il negozio per aria o, peggio, finire uccisi come il povero e compianto Libero Grassi”. Un ragionamento miope perché agli aguzzini, con la coppola o in doppio petto poco cambia, la fame aumenta sempre mangiando. Ieri Monti ha avuto l’impudenza di consigliare a Grillo di farsi un giro per le piazze di Atene per “capire quale gravissimo rischio l’Italia potrebbe correre affidandosi a spiritosi demagoghi”. Nel silenzio più assoluto di un sistema informativo marcio e corrotto fino al midollo, in Grecia si consuma una vera e propria emergenza umanitaria (clicca per leggere). Una tragedia studiata, pianificata e attuata con sadica ferocia da una manipolo di neonazisti che occupano abusivamente le leve di comando di questa Europa oligarchica e tecnocratica. Draghi, Van Rompuy, Barroso e Lagarde, punti di riferimento del massone reazionario Monti, hanno inflitto ai greci, utilizzando strumenti raffinati, lo stesso sgomento provocato nel 1941 dall’invasione dei carri armati del fuhrer. Lo scorso anno, per scongiurare il pericolo che nelle urne vincesse il candidato di Syriza, Alexis Tsipras, anziché l’etero-diretto Samaras, il gotha del potere europeo decise con successo di suggestionare l’elettorato greco brandendo con sapienza l’arma della paura irrazionale. “Syriza spaventa i mercati”, “solo Samaras è riconosciuto come interlocutore affidabile, “non vanno sprecati i sacrifici fatti”, questi gli argomenti più in voga utilizzati allora, rilanciati poi acriticamente dai principali giornali dell’Ellade che sono indegni e sciatti non meno di quelli italiani. Il traditore Samaras vinse e, come ampiamente preannunciato (clicca per leggere), inferse il definitivo colpo di grazia al suo povero Paese, consegnato mani e piedi alle brame avide e violente di una nuova oligarchia schiavista e senza scrupoli (clicca per leggere). Per sapere quale tipo di politiche promuoverà quindi in Italia un eventuale governo Monti-Bersani non c’è bisogno di un eccezionale sforzo di fantasia. Basta vedere cosa accade nella vicina Grecia, landa desolata che viaggia con un anno di anticipo rispetto a noi in questa macabra corrida della Storia.

    Francesco Maria Toscano

    13/02/2013

    Categorie: Editoriale

    2 Commenti

    1. [...] Monti è un miserabile ipocrita come pochi. Tra tutti gli argomenti falsi e strumentali che questo guitto in loden sta utilizzando nella speranza di entrare nel cuore degli italiani, dopo essere già abbondantemente entrato in un altro organo che inizia con la stessa sillaba, quello che prefigura l’imminente rischio Grecia Source: il Moralista [...]

    2. alessandro scrive:

      Credo che si debba parlare di più della Grecia. Nel leggere l’articolo del fatto quotidiano sembra iniziare a delinearsi quello che il Moralista e molti altri hanno definito il processo di “cinesizzazione” dei paesi del sud (riduzione dei salari) e il processo di centralizzazione dei capitali (Brancaccio), ovvero concentrazione di capitali nei paesi del centro-Europa, realizzati con le politiche mercantiliste aggressive nell’esportazione, come nel caso tedesco. I tedeschi hanno iniziato ad essere competitivi con la moderazione salariale, suggerendo questa strategia di riforme sul lavoro ai paesi in crisi. La moderazione salariale non ci aiuterà mai a competere contro la Germania, perchè questo paese ha avuto stipendi più alti e le risulta più semplice politicamente abbassarli rispetto a paesi che già hanno avuto stipendi sotto la media UE. E’ una battaglia già persa. Le riforme sul lavoro, come si inizia ad intravvedere in Grecia, servono per collocare i capitali del Centro Europa (Germania in testa) e delle grandi multinazionali, che oggi possono venire a fare la spesa a buon mercato con i saldi di fine stagione.
      Io allargherei il discorso alla recente notizia di un negoziato per l’apertura di una grande area di libero scambio fra USA e UE

      http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/economia/2013/02/13/Usa-Ue-via-negoziati-libero-scambio-_8239184.html

      Azzardo l’ipotesi che anche gli “alleati” americani vorrebbero partecipare al banchetto delle imprese del sud, soprattutto in vista del bottino più ricco, del mercato italiano, in odore di seguire lo stesso processo di cinesizzazione della Grecia o “liquida tutto”. Un’area di libero scambio o di libero acquisto? Ho l’impressione che stia per succedere qualcosa di grave e credo che le dimissioni del Papa in qualche maniera c’entrino qualcosa

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LA PANTOMIMA DEL COMPLOTTO...

    Scritto il 20 - set - 2017

    0 Commenti

    PER QUANTO SI SFORZINO...

    Scritto il 17 - set - 2017

    0 Commenti

    KIM HA IMPARATO LA...

    Scritto il 6 - set - 2017

    0 Commenti

    IL NUCLEARE DI PYONGYANG

    Scritto il 4 - set - 2017

    0 Commenti

    RENZI, L’INNOVATORE AMBIGUO

    Scritto il 12 - dic - 2013

    7 Comment1

    LA SUPERCAZZOLA DI MICHELE...

    Scritto il 3 - gen - 2014

    4 Comment1

    IL MORALISTA FA NOTIZIA

    Scritto il 18 - nov - 2011

    0 Commenti

    BRANCACCIO: “IL JOBS ACT?...

    Scritto il 23 - apr - 2014

    4 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.