Sono davvero inorridito. Non riesco a capire come fa il Pd a difendere una tassa come l’Imu sulla prima casa adducendo motivazioni di equità sociale. Vi sembra giusto che il vecchietto povero e con una pensione minima finito all’ospizio paghi una tassa cospicua per mantenere la semplice proprietà di un immobile che neppure abita? E’ giusto che in un momento di crisi così grave come quella che stiamo vivendo le imprese agricole sborsino migliaia di euro di tasse per i capannoni industriali? E’ questo il modo di rilanciare l’economia? A me sembra invece un tentativo di disarticolare definitivamente quel poco di tessuto produttivo che è rimasto in questo Paese dominato da ipocriti e disgraziati. La battaglia sull’Imu non può restare appannaggio della destra quasi si trattasse di un provvedimento di favore per le classi medio alte a scapito dei ceti deboli e tartassati. Ma smettetela di fare ridere i polli!, dico a voi,  razza di decerebrati in via di estinzione raccolti in quella riserva indiana chiamata Partito Democratico. Ma a chi volete darla a bere? Tra i peggiori si distingue come al solito quel mediocre e inconcludente parolaio di Dario Franceschini. Questo residuato bellico della prima Repubblica, cresciuto insieme a statisti del calibro di Casini e Follini, è riuscito a dichiarare senza arrossire: “Le priorità sono altre. Pensiamo a poveri ed esodati”. Ma come fa questa impunita faccia di bronzo a pensare di poter ancora abusare della pazienza del popolo sovrano raggirato e vilipeso? Chi è stato a creare il dramma degli esodati? Non è stato forse il Pd di Franceschini in combutta con il Pdl e con quel becchino di Monti? E chi ha aumentato a dismisura il numero delle famiglie povere presenti Italia? Vuoi vedere che è stato lo stesso governo artefice del “capolavoro” esodati che, apprendiamo, toglie ora il sonno al povero Franceschini? Cari cittadini italiani, il momento è serio e quindi tutti devono sentire la necessità di studiare per capire quello che sta succedendo. E’ in atto da anni uno scientifico progetto che cavalca una crisi costruita in vitro per ridisegnare il volto della nostra società. Basta ceto medio, basta diritti, basta dignità nel lavoro, basta sanità per tutti e basta pensioni: si torna al Medioevo, agli schiavi, agli indigenti e ai poveri disperati che bussano davanti alle porte dei “Signori” nella speranza di ottenere un pezzo di pane per sopravvivere. Questo meschino progetto, elaborato dalla massoneria reazionaria che guida una Ue infernale, si alimenta di alcuni semplici quanto terrificanti pilastri primari. Uno di questi è rappresentato dall’obbligo di pareggio di bilancio. Senza aggredire alla radice il problema, che si annida all’interno della tecnocrazia continentale, la ripresa rimarrà per sempre un miraggio. Non ci vuole un grande economista per comprendere che se l’Italia insiste nel rispettare bovinamente alcune regole europee pensate proprio per aggravare recessione e disperazione, ogni intervento del governo in materia di economia risulterà sterile e mistificante. Ma lo capite che, a saldi invariati, la politica economica di qualsiasi governo non può che ridursi a misera partita di giro? I media vi invitano subdolamente  a credere che per curare un poveraccio in più bisogna licenziare uno statale; per mantenere l’istruzione per tutti, allora è il caso di attaccare le pensioni e i salari. E’ tutto falso. Uno stato a moneta sovrana può finanziare in deficit tutti gli interventi pubblici che ritiene indispensabili fino al raggiungimento della piena e dignitosa occupazione. Come spiegava l’insuperato (e purtroppo inascoltato) Keynes con la “teoria del moltiplicatore”, sono i tagli e non i fantomatici sprechi a peggiorare il quadro generale. Per cui, con buona pace dell’inutile Franceschini, un governo degno di questo nome dovrebbe subito levare l’Imu, risolvere il problema degli esodati, approntare un grande piano di lavori pubblici per assorbire la disoccupazione migliorando al contempo la qualità dei servizi scolastici e sanitari. Gli idioti, di fronte a proposte di questo tipo, sono soliti rispondere: “Sarebbe bello, ma i soldi dove li troviamo?”. “Li troviamo proprio dove abbiamo trovato quelli che hai già in tasca”, risponderemo quindi all’ebete di turno. La Banca Centrale Europea, tornata finalmente silente sotto la direzione di una classe politica espressione del popolo sovrano ( e non come adesso corrotta dalle banche d’affari internazionali), immetta nel circuito dell’economia reale tutta la liquidità che serve per invertire la rotta. Altrimenti, questo dovrebbe dire Enrico Letta alla signora Merkel, l’Italia tornerà a battere moneta e uscirà dall’euro. Ma una posizione forte, chiare e responsabile di questo tipo non la prenderà  né il pallido premier attuale, nè quel guitto di Grillo che finge di opporsi al primo cerchio del potere guardandosi però bene dall’affrontare le questioni veramente importanti e decisive. Quanto potrà durare ancora questo strazio? Più di quanto possiate immaginare. In Grecia un intero popolo è stato ridotto in schiavitù senza che nessuno abbia opposto la minima Resistenza. Ora è il nostro turno. Gli assassini in giacca e cravatta continuano sadici ad affondare la lama nel burro.

    Francesco Maria Toscano

    10/08/2013

    Categorie: Economia, Editoriale

    12 Commenti

    1. [...] Sono davvero inorridito. Non riesco a capire come fa il Pd a difendere una tassa come l’Imu sulla prima casa adducendo motivazioni di equità sociale. Vi sembra giusto che il vecchietto povero e con una pensione minima finito all’ospizio paghi una tassa cospicua per mantenere la semplice proprietà di un immobile che neppure abita? E’ giusto che in un momento di crisi così grave come quella che stiamo vivendo le imprese agricole sborsino migliaia di euro di tasse per i capannoni industriali? E’ questo il modo di rilanciare l’economia? A me sembra invece un tentativo di disarticolare definitivamente quel poco Leggi la notizia [...]

    2. Twin Astir scrive:

      Come al solito, il Moralista centra il bersaglio. Ci si domanda come fa, il PD, a difendere una imposta rapina come l’IMU? Provo a fornire un’altra notizia. A Fiumicino aeroporto, il gestore ADR (famiglia Benetton) mette a disposizione 2 miliardi di euro per cominciare i lavori di ampliamento e di ristrutturazione del grande hub romano: 3 nuovi terminal previsti, altre 2 piste di atterraggio per accogliere un traffico aereo che presto porterà a Roma 50 milioni di passeggeri all’anno. Ah, dimenticavo una inezia: nascerebbero 15.000 posti di lavoro subito, tra i nuovi cantieri e l’indotto. Beh, un programma del genere, a costo zero per lo Stato e che porterebbe enormi vantaggi economici (nuove infrastrutture, per es.) per tutta la vasta area della Capitale e, di riflesso, per l’economia turistica nazionale, viene osteggiato, anzi, impedito dalla giunta comunale di Fiumicino, dal sindaco di Roma e dal governatore della Regione Lazio. Con il pretesto della lotta alla “cementificazione”, di vaga e molto ipocrita ispirazione ecologica, quei 2 miliardi iniziali non vengono spesi, perchè è vietato creare ricchezza marginale e, quindi, lavoro e benessere per la locale collettività. Indovinate quale partito governa in questi 3 enti territoriali.

    3. Anais scrive:

      Gli ex diessini e pdessini sono una vera calamità/calamita: continuano ad attirare i fidelizzati, gli iscritti e chi ha creduto che fossero dalla parte dei “deboli, poveri e nullatenenti”: sfracellano diritti conquistati da generazioni di giovani e meno giovani in epoche passate, fanno di tutto perché la “memoria” sia ravvivata solo per certe memorie opportune ai loro scopi e non certo per “memoria storica” del popolo italiano.
      E’ disgustoso il loro operato e ancor più subdolo il retropensiero, sono i veri grandi nemici della libertà, sovranità popolare,della dignità, del diritto a VIVERE con la sicurezza di un reddito che dovrebbe esserci donato sin dalla nascita.

    4. panglos scrive:

      Conoscevo 3 amici che a fine anno potevano disporre di 10 mila euro di risparmi.
      Il primo decise di portarli in Svizzera e dopo 10 anni si ritrovo’con circa 150 mila franchi svizzeri piu’ interessi (il cambio con il franco agli inizi era sopra 1.60, rispetto agli attuali 1.20)
      Il secondo si compero’ un piccolo appartamento di circa 100mila euro.
      Il terzo fece Turismo Sessuale per 10 anni, dalla Tailandia a Cuba piu’ altre mete.
      Domanda:
      Come sono considerati attualmente dal fisco questi 3 amici, dall’opinione pubblica e soprattutto, secondo il Moralista, chi e’ stato il piu’ Intelligente?
      IMU…rrtaccciiii
      Letta e’ il piu’ intelligente, in quanto figura nullatenente….previdentemente, per non pagare IMU ed accessori vari…
      Non e’ che e’ stato lui a fare turismo sessuale?

    5. Alessandra scrive:

      …io non sono completamente d’accordo..se si facesse pagare l’IMU sulla prima casa oltre un certo valore..secondo me ci potrebbe stare..il fatto e’ che dovrebbero essere abbassate le tasse sul reddito e dovrebbe essere abbassata l’Iva..ah Letta probabilmente ha fatto intestare tutto alla moglie che gli ha impedito di pubblica la sua dichiarazione dei redditi..

      • panglos scrive:

        L’IMU inanzitutto e’ una tassa Incostituzionale in quanto non e’ proporzionale al reddito (questo e’ il motivo principale perche’ la si vuole togliere, prima che qualcuno che ha fatto ricorso lo faccia imporre dalla Corte Costituzionale, con tutte le relative conseguenze)
        La casa e l’immobile in generale e’ sempre stato il migliore investimento (fino all’arrivo di Monti) per gli Italiani che ha generato benessere per tutti e soprattutto per l’ERARIO (pensiamo solo all’IVA sui materiali da costruzione…)
        La casa di proprieta’ e’ uno dei PILASTRI fondamentali del benessere Italico!
        Domanda perche’ si vuole INTACCARE una sicurezza per la popolazione?
        Se noi spogliamo i cittadini della proprieta’ della casa SUDATA con anni di sacrifici, otterremo una societa’ Migliore?
        Dubito.
        Lasciamo intatte alcune certezze se desideriamo un po’ di ordine

    6. Twin Astir scrive:

      Entro la fine di agosto, un gruppo di volenterosi “patrioti” (avvocati e tributaristi) diffonderà in tutta Italia un testo per chiedere la restituzione dell’IMU pagata sulla prima casa, in virtù della incostituzionalità di questa imposta-rapina. Attendere, prego.

    7. francesco giuntoli scrive:

      Attendo fiducioso (?) Un commento di Beppe Grillo.

    8. Michele scrive:

      OT
      Volevo chiedere a Francesco notizie sull’attività dell’Associazione E. Roosvelt, non sono riuscito a trovare niente da dopo l’annuncio della riunione a Gioia Tauro..è prevista la creazione di un sito per conoscere le iniziative e la prosecuzione del progetto? Al contrario che su questo blog, su GOD e DRP silenzio totale da dopo la condanna a Silvio, tutti in ferie?

    9. Gold Price scrive:

      Certo al Quirinale come dice il Sig. franceschini con sarcasmo, non abbiamo ciambellani, valletti e palafrenieri, ma senza saper contare, possiamo confermare la presenza di stallieri, e di maggiordomi in quantità sufficiente.Portaborse e frotte di lacchè ereditari poi, fanno rimpiangere l’invadenza delle zanzare !Chiudiamo divertiti questa denuncia sui “costi della Monarchia” usando le stesse parole del Sig. Franceschini : “perché il contribuente ha altro a cui pensare” …soprattutto quello italiano e repubblicano aggiungiamo noi !

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    PERCHE’ L’INCONTRO DEL 20...

    Scritto il 15 - feb - 2019

    0 Commenti

    IL GRAND GUIGNOL DI...

    Scritto il 12 - feb - 2019

    0 Commenti

    LO STRANO CASO DEL...

    Scritto il 8 - feb - 2019

    3 Commenti

    SECONDO MERKEL, MACRON E...

    Scritto il 6 - feb - 2019

    1 Commento

    L’ITALIA DI MONTI, COLONIA...

    Scritto il 8 - giu - 2012

    4 Comment1

    IL FINTO ROMANZO DI...

    Scritto il 13 - set - 2014

    23 Comment1

    NESSUNO HA DIRITTO AL...

    Scritto il 20 - mar - 2012

    5 Comment1

    VINCE LA MERKEL. RIAFFIORA...

    Scritto il 22 - set - 2013

    12 Comment1

    COSA PAUL RYAN NON...

    Scritto il 11 - apr - 2013

    2 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.