Il mondo è pieno di mitomani, pseudointellettuali e volgari diffamatori. Ci ho fatto il callo e non mi meraviglio più di nulla. Compatire però non significa necessariamente lasciar correre. L’ultimo iscritto ad honorem nella speciale lista che seleziona i maestri dell’allusione e della calunnia a buon mercato è tale Gianni Lannes, di professione visionario perditempo e illiberale. Ma andiamo con ordine.  Qualche giorno fa questo Carneade di Lannes, convintosi di essere così famoso e incisivo da essere  perciò finito nel mirino della massoneria, della P2, della Spectre, del Mossad e forse pure dei Cavalieri Templari, ha scritto in rapida sequenza due articoli di rara insipienza conditi da una sfilza considerevole di corbellerie evergreen (clicca per ridere).  Nel tentativo grossolano di criticare la Modern Money Theory senza capire una beata cippa di economia, forse invidioso del discreto seguito coagulatosi intorno ad un personaggio dedito alla mistificazione almeno quanto lui come Paolo Barnard, Lannes si è inconsapevolmente coperto di ridicolo blaterando senza costrutto di Nuovo Ordine Mondiale, sionisti mascherati, Rothschild, Rockefeller e compagnia cantante. Un repertorio, impreziosito da rare banalità raccattate qua e là attraverso un utilizzo adolescenziale della rete, assolutamente sprovvisto di acribia logico-argomentativa. Lannes è comunque in buona compagnia: la rete è invasa da ragazzetti brufolosi che endemicamente denunciano le malefatte dei rettiliani e “der Birderberghe”. Infastidito da tanta supponenza, ignoranza e superficialità nel trattare temi tanto attuali e delicati, ho pensato di scrivere un pezzo di ferma ma garbata critica all’indirizzo del summenzionato filosofo mancato (clicca per leggere). Non l’avessi mai fatto! Sacrilegio, scandalo ed eresia! Carneade-Lannes si è offeso e, credendosi Barnard, anziché rispondere nel merito ha scelto la via comoda dell’insulto, dell’illazione e della diffamazione (clicca per leggere). Avrei potuto limitarmi ad ignorare (come già fa senza sforzo il resto del mondo) Carneade-Lannes, lasciandolo libero di  continuare ad investigare sereno sui puffi, Birba e Gargamella ma, dopo rapida valutazione, ho ritenuto preferibile rispondere punto per punto alle tante (troppe) bestialità partorite dalla penna debole quanto velenosa di questo Sherlock Holmes da operetta. Carneade mente fin dal titolo: “Nuovo ordine mondiale: la massoneria tricolore elogia MMT e lo sponsor Mosler”. Falso. Io non sono massone (ma se lo fossi non me ne vergognerei affatto) e non ho alcun titolo per parlare in nome e per conto di nessuna fantomatica “massoneria tricolore” intenta a disegnare un Nuovo ordine mondiale. Probabilmente Carneade, che ha fatto male le scuole elementari, accenna al Grande Oriente Democratico di Gioele Magaldi. Infatti subito dopo, riferendosi a me, scrive: “Uno che l’anno scorso ha pubblicato il suo carteggio integrale con Barnard, sul sito di una loggia tricolore per far sbarcare la MMT in Calabria, alla corte del governatore locale in quota Pdl”. Falso. Carneade, oltre che scrivere, non sa neppure leggere. Io non ho mai pubblicato nessun carteggio sul sito di una “loggia tricolore” e, anche se avessi voluto, non avrei potuto farlo. Il carteggio è stato pubblicato per iniziativa autonoma dei massoni di Grande Oriente Democratico che si riconoscono intorno alla leadership di Gioele Magaldi, consulente strategico dell’evento MMT Calabria. Non ho mai fatto sbarcare la MMT alla corte del governatore locale in quota Pdl ma, più semplicemente, ho tentato di sensibilizzare tutte le principali istituzioni calabresi intorno all’importanza di veicolare un paradigma economico diverso in grado di demistificare con rigore scientifico le tante menzogne diffuse dal circuito mediatico per legittimare politiche feroci imbevute di eugenetica sociale (alias rigore e austerità). Ma Lannes, poverino, non conosce la differenza che passa tra un partito e una Istituzione. Se invece di leggere solo fumetti Carneade sfogliasse ogni tanto un manuale di storia dell’economia, saprebbe che il pensiero keynesiano è semmai unanimemente considerato appannaggio delle forze progressiste e socialiste. Dopo un rapido delirio riguardante imprecisate “logge” al servizio di una pericolosa dottrina partorita nel seno putrido del capitalismo (“addà tornà baffone!”), Carneade riparte con le menzogne: “Il provocatore della domenica coglie a pretesto il contrasto dialettico tra me e Barnard, per insinuarsi in maniera fraudolenta nella questione che personalmente non lo riguarda”. Falso. A me delle polemiche da comari tra Barnard e Carneade non me ne frega nulla. Mi interessa invece difendere l’importanza della riscoperta di un pensiero economico alternativo rispetto al neoliberismo dogmatico dominante. E la Modern Money Theory, rilettura in chiave radicale di alcune intuizioni del grande Keynes, rappresenta certamente un grimaldello concettuale utilissimo per scardinare le sicumere che il circuito informativo maistream con malizia diffonde. E siccome l’evento MMT Calabria citato da Carneade  l’ho ideato e organizzato io insieme a Magaldi, ho tutto il diritto di difendere la bontà di una iniziativa di cui vado fiero senza chiedere preventivamente il permesso di qualche illustre e permaloso sconosciuto. Ma le menzogne di Carneade non sono finite: “Il tipo dopo quasi un anno dal mio editoriale critico sulla MMT, su cui lo stesso Toscano nel 2012 non aveva profferito parole negative, anzi, adesso esibendo un’erudizione da bignami di serie zeta, e un linguaggio con ammonimenti e suggerimenti, tipico delle organizzazioni segrete,  attacca anche Angelo De Gaetano che si era limitato ad una lucida analisi della deriva capitalistica, proponendo un’interessante soluzione a certi problemi economici”. Falso. Già nel 2012 criticai con veemenza il primo lunare articolo scritto da Lannes-Carneade nel tentativo vano di screditare la MMT. A tal proposito esiste un commento a mia firma, datato 15/10/2012, tuttora visibile e stranamente non censurato (clicca per leggere). Carneade mi rimprovera anche “l’utilizzo di un linguaggio tipico delle organizzazioni segrete”. Caro Lannes (Carneade) si chiama “italiano”. Comunque comprendo e rispetto  la tua fatica nell’abbinare un significato alle parole. D’altronde,  come spiega il prof. De Rita, un italiano su due non è in grado di leggere con costrutto un testo di media difficoltà. Uno lo abbiamo certamente trovato. Stendo infine un velo pietoso sul vaniloquio concernente Gelli, la P2 e altre simili tematiche che Carneade affronta, come lui stesso ammette, senza conoscere nulla “della massoneria storica” (e quale conosce? Forse quella geografica?). Scrivere di ciò che si ignora è, specie in Italia, uno sport diffusissimo. Insomma, da perfetto razzista e nazista mascherato da benpensante perbenista, Carneade mi accusa in sintesi di essere un potenziale ‘ndranghetista in quanto calabrese (confesso, sono effettivamente nato in Calabria) e un sicuro cospiratore al soldo del NWO poiché amico di un galantuomo di raro ingegno come Magaldi (“di fronte a questo rispettabile tribunale della Santa Inquisizione, presieduto dall’illustre Carneade, di nuovo confesso: lo sono”). A sostegno di tali infallibili prove, Carneade segnala inoltre l’aggravante di “essere vicino a chi governa la Provincia di Reggio Calabria”, noto ente occulto che punta alla distruzione del mondo. In conclusione, al netto delle tante fesserie inutili scritte da Lannes (che ha pure censurato i miei commenti sul suo blog), grazie a questo  “scambio di vedute”  qualcosa in più si è capito. Carneade, questo è chiaro, punta al superamento del capitalismo tout court senza troppo sottilizzare. Di più non è dato sapere. Carneade non dice con precisione qual è la sua proposta politica e sociale buona per far sognare il popolo fremente. Il ritorno al comunismo? La decrescita? Il mito del buon selvaggio? Boh, aleggia il mistero. Carneade l’ermetico, per ora, non scioglie l’enigma.

    p.s. In un primo momento Carneade si era permesso di invitarmi a non “minacciarlo per conto terzi”. Poi, svanito probabilmente l’effetto dell’alcol, ha avuto il pudore di cancellare quelle righe tanto meschine e vigliacche. Le ha sostituite con una chiosa nella quale, da perfetto borghesuccio elitario, rivendica il fatto di “non avere nulla a che spartire con me”. Ha ragione. In comune abbiamo solo una cosa: l’editore Walter Pellegrini, illuminato uomo di cultura che stranamente annovera tra i suoi autori anche un tipo così.

    p.p.s. Quanto infine all’accusa rivoltami da Carneade di voler inseguire la notorietà alimentando una polemica strumentale nei confronti  di cotanto scienziato, prendo a prestito i versi usati dal leggendario Totò nel film “I due marescialli” per rispondere alle minacciose insolenze del tenente nazista Kesserl: prrrrrrrr!

    Francesco Maria Toscano

    26/08/2013

    Categorie: Editoriale

    31 Commenti

    1. francesco scrive:

      la sostengo, anche se LEI, non ne ha di certo bisogno. avevo intuito, leggendo alcune cose di LANNES, che questi era certamente per il superamento del “capitalismo”. Io non lo condivido, ma questo non vuol dir nulla, ognuno ha le sue idee. per quel che ho letto sul sito “Su la testa” egli conosce alcuni temi(terremoti, “scie chimiche”) di sicuro molto più di me, ma di economia non sa nulla, proprio nulla.

    2. Slobbysta scrive:

      Dai..mi ha censurato perché non sopporta le sottigliezze…Lei non capisce di economia una torta…lei LA fa a fette, senza pesarla..e crede che questa sia economia..più fette e più benessere…Toscano mi ricorda dalla forma, il sigaro, ma ha un altro odore…

      • il Moralista scrive:

        No guardi, io non censuro nessuno. Anche i tipi come lei sono utili a questo mondo. Permettono a chiunque di sentirsi migliore.

        La sottigliezza quale sarebbe? Il gioco di parole Sigaro-Toscano? Banale quanto cuore-amore? Ma mi faccia il piacere…

        • Slobbysta scrive:

          Lei sta fumando di rabbia in spazi dove si può ancora fumare, ma anche lo facesse presso un cartello di divieto non La tradirei..è opportuno capire cos’è l’economia..Lei ha una torta..non tre..è su questo che si basa..infatti l’etimologia della parola stessa?amministrazione di quello che si ha in casa..dal greco..
          L’MMT che non è un’insetticida ma ci va molto vicino..si basa sud’un ritardo di informazione e in questo lasso di tempo si può far apparire come voce contabile anche l’aria fritta..che in un secondo tempo va comunque affrontata!
          Le basta la spiegazione? Papi era un dirigente di banca e mi ha spiegato che se il raccolto è andato male, non per forza lo sarà per chi ha speculato su quel raccolto..Le basta? Nooo..lo scotto del raccolto andato a male chi se lo assumerà? Adesso ha capito un po’ di più? Noo non ancora? Se ci son morti..il potere per i rimanenti potenzialmente aumenta..ora ha capito?

          Forse parlavo di torta

    3. Daniele Diaco scrive:

      Non è con la MMT o altra formula cosidetta keynesiana che possiamo migliorare, il vero progresso è il ripensamento delle nostre vite. La libertà dell’uomo. Un’economia di mercato e di idee, probabilmente ben diversa e molto piu’ semplice.

    4. Slobbysta scrive:

      Poi se qualcuno si sente migliore con le presunte “deficienze” mie, è la conferma che è un’idiota…!

    5. Slobbysta scrive:

      Chi usa il plurale per descrivere un’opinione, latita dalla sicurezza propria e abbisogna del belar altrui..sarà anche referente delle imbecillità che lo supportano..sul linguaggio, ho cercato di adeguarmi al suo livello, direi pseudo-diffamatorio nei confronto di Lannes..poi una risata ci sta..ma per sdrammatizzare!

      • il Moralista scrive:

        Slobbysta la prego di continuare a commentare di tanto in tanto. In questo blog si parla spesso di temi che incutono tristezza: povertà, mercati, spread, deficit democratico e via discorrendo. Una macchietta come lei, che scrive sigaro, torta, toscano, cuore, amore, lettera e testamento senza preoccuparsi di legare logicamente le parole tra di loro, serve per ridere e allontanare per un attimo l’attenzione dalle cose serie. Torni a scrivere qualche cazzata ( tipo “parlavo di bignè”, o non ha capito?). Va bene anche in forma anonima (basta che se ride).

    6. massimiliano scrive:

      Buongiorno Sig. Moralista, spero che dopo queste 2 righe non saro’ costretto a chiudere il mio spazio mail perché attaccato da centinaia di spam… Le faccio solo una domanda : se lei non è un troll o un debunker o uno di quelli che si spaccia per un ” professore ” di economia, PERCHE’ spende tutto questo tempo per attaccare cosi tanto Gianni Lannes? E’ cosi fortunato da aver trovato qualcuno che le paga 2 spiccioli per farle scrivere le eresie che ho avuto il dispiacere di leggere sul suo pseudo-sito? Faccia i conti con la sua coscienza e se vuole farsi un favore si SVEGLI!

      • il Moralista scrive:

        Senta, ma perché invece di perdere tempo con me non pensa a cose più importanti? Non rivolga il suo arguto sguardo verso l’abisso di una tastiera. Alzi gli occhi al cielo. Si accorgerà che proprio in questo momento un carro alato guidato dal Dio Apollo sta attraversando l’Orsa Maggiore. Ora faccia una foto e la mandi in giro al fine di svegliare tante coscienze obnubilate dal vizio e dall’insipienza. Saluti

    7. massimiliano scrive:

      Ooooops quasi dimenticavo : http://www.youtube.com/watch?v=sWPXRcnBW-c&feature=player_embedded

      La tv spagnola parla seriamente di scie chimiche, in Italia suggeriscono il TSO a chi ne parla

      29 dicembre 2013 – E mentre alla TV spagnola si comincia seriamente a parlare di scie chimiche con tanto di semplici prove, negli stessi giorni alla TV italiana lo “scienziato informatissimo” M. RENZI propone il TSO (trattamento sanitario obbligatorio) per coloro che invece ne parlano

    8. claude panzeri scrive:

      Gianni Lannes è un Giornalista! Ne sono rimasti meno di 1%, denuncia fatti dopo serie inchieste. Il volgare diffamatore è chi ha scritto le cazzate cui sopra. Si capisce ché sei pubblicista,per chi fai pubblicità e chi sono i sponsor! Perdi tempo e ti ridicolizzi, G. Lannes, non lo nemmeno sfiori, è al di fuori della tua misera portata. Continua pure a dispendere veleno, sei i r r i s o r i o !

    9. pincopallino scrive:

      @il moralista

      http://imageshack.com/a/img189/7494/xsaa.jpg
      http://imageshack.com/a/img812/1672/0r3p.jpg

      Sono queste le sgommate del carro di Apollo che dici?

      • Non sono un massone.

        Domanda 1: Perchè pensate sempre che chi non è d’accordo o è demente o è a libro paga?

        Domanda 2: perchè non metti la faccia?

        Domanda 3: perchè non facciamo un facccia a faccia (Skype: falco82it)???

        So già che non lo farai perchè se un leone da tastiera.

        • pincopallino scrive:

          Non ci metto la faccia perchè in rete non è nè necessario nè consigliabile, quello che si scrive è quello e ognuno è libero di valutarlo e commentarlo.

          Non ti dò nè del demente nè del mercenario, solo nelle tue accuse verso Lannes, del quale non vado pazzo ma nemmeno disprezzo, non ci trovo alcun riscontro, poi qualcuno più attento di me magari ci vede qualcosa in più…bho

          Per il resto hai fatto una battuta e ti ho risposto con una battuta, ma ti ho messo anche un paio di foto, che sei libero di commentare.

          Se poi scriverai che in quelle foto ci vedi i normali voli di linea non prendertela con me se qualcuno dopo ti risponde male…

    Commenta



    − tre = 4

    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    L’EUROPA, I TECNICI E...

    Scritto il 29 - ago - 2014

    22 Commenti

    TUTTO CIO’ CHE E’...

    Scritto il 25 - ago - 2014

    20 Commenti

    GRANDE SUCCESSO DI PUBBLICO...

    Scritto il 24 - ago - 2014

    1 Commento

    RENZI BACIA LA PANTOFOLA...

    Scritto il 14 - ago - 2014

    13 Commenti

    MARINE LE PEN: L’EQUIVOCO...

    Scritto il 26 - ott - 2013

    6 Comment1

    SPECIALE FRANCIA. SE FALLISCE...

    Scritto il 22 - apr - 2012

    3 Comment1

    L’AMBIGUITA’ DI RENZI E...

    Scritto il 21 - lug - 2014

    3 Comment1

    CHE COSA E’ CAMBIATO?

    Scritto il 29 - giu - 2011

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.