Mi era già capitato in passato di scrivere di Michele Salvati, commentatore tra i più acritici, sfacciati e illiberali al servizio dell’oligarchia sovranazionale reazionaria che punta a destrutturare la civiltà occidentale (clicca per leggere). Nel giugno del 2012 infatti, mentre ancora i menestrelli di regime cantavano in coro per la gloria del professore di Varese, Salvati si distinse per la spiccata volgarità del suo meschino argomentare. “In Italia non bisogna andare a votare”, questo asseriva all’epoca il professore, “perché le urne potrebbero decretare la vittoria di un nuovo Presidente italiano non gradito a Merkel, Hollande o Obama. Una tesi evidentemente golpista e anticostituzionale che, in un Paese serio, avrebbe dovuto immediatamente comportare l’apertura di un fascicolo d’indagine con l’ipotesi di “attentato alla Costituzione”. Grazie al lavorio interessato e continuo dei soliti “intellettuali organici” (ieri al Pci sovietico, oggi al neonazismo tecnocratico di Bruxelles), si è surrettiziamente imposta in Italia e altrove una prassi che, a Costituzione formalmente invariata, ribalta completamente i cardini della nostra morente democrazia. La sovranità, oramai i più insolenti lo sostengono a viso aperto, non appartiene più al “popolo sovrano” (principio nei fatti già svuotato), quanto alle oligarchie massoniche di ispirazione ultrareazionaria che, grazie al silenzio pavido, complice e opportunista di troppi pensatori a pancia piena, si arrogano già oggi il diritto di validare il responso delle urne solo nella misura in cui la volontà popolare fortunatamente combaci con le aspettative degli stessi euro-burocrati al potere. Non credevo che, partendo da posizioni tanto belluine, Salvati potesse in prospettiva persino peggiorare. E invece, con mio sommo stupore, devo ammettere di essermi sbagliato. Questi i fatti. Domenica 29 settembre, sempre sulle pagine del Corriere col cappuccio, l’attempato “intellettuale” nativo di Cremona si prodigava in un ragionamento tanto insulso da fare invidia al più arguto Dudù, cagnolino della signorina Francesca Pascale noto per l’avversione maturata nei confronti del pidiellino Daniele Capezzone. Un pezzo ignorabilissimo, ricalcante il solito schemino elaborato dal mainstream per ammansire il popolo bue attraverso l’evocazione sadica di paure irrazionali. Metodo che ho già peraltro approfondito in un mio recente articolo (clicca per leggere). Siccome il popolo sta oggettivamente male, e nessuno ha più il coraggio di negarlo, agli schiavisti non resta che invitare i sudditi ad ubbidire comunque in silenzio per non “peggiorare ulteriormente una situazione di per sé molto complicata”. L’ex ministro Giorgio La Malfa, però, sulla scia delle corbellerie scritte da Salvati, ha inteso rispondere per smontare con solidi argomenti il castello di carta costruito dal summenzionato scribacchino in forza al giornale di via Solferino: Salvati sostiene che “L’Italia può scegliere di rimanere nell’euro”, scrive l’ottimo Giorgio La Malfa, “ e di morire di lenta asfissia (…) in attesa che le riforme strutturali inizino a produrre dei risultati, oppure può andare verso la catastrofe rifiutando le regole europee (…) ed abbandonando l’euro (…). Sono contrario a questa specie di autoflagellazione che indica nella nostra incapacità di fare le riforme la causa dei nostri guai: il governo Monti si è precipitato a fare quello che l’Europa chiedeva (…), eppure stiamo peggio di prima. Il problema è che è stato gravemente sbagliato il modo di concepire l’unione monetaria europea prima e in assenza di una unione politica (…). Come può funzionare una unione monetaria nella quale la sola responsabilità della Banca centrale europea è la lotta contro l’inflazione, mentre nessuno è responsabile della crescita economica? Per ovviare alle prevedibili accuse di “populismo retorico” che in automatico colpiscono tutti quelli che non belano in gregge, La Malfa, finito il lucido preambolo, ha avanzato alcune proposte pratiche e di buon senso utili per allargare gli orizzonti. “L’Unione Europea (…) deve sostenere la domanda aggregata con una spesa adeguata finanziata con l’emissione di Eurobond. Se non vi è la possibilità di un accordo che preveda di affidare alle istituzioni europee la responsabilità della crescita, allora si può scegliere un’altra strada, che è quella di restituire ai Paesi membri che ne abbiano bisogno e lo desiderino la possibilità di condurre una propria politica fiscale espansiva. L’Europa potrebbe, cioè, riconoscere che i vincoli del patto di stabilità non valgono per i Paesi ad alta disoccupazione. Essi dovrebbero essere autorizzati ad eccedere tali limiti per spese di investimento che ricevano, per esempio, una specie di visto di qualità da parte delle istituzioni europee (…). Infine, vi è qualcosa che potrebbe fare, e che dovrebbe fare, la Germania. Essa oggi ha un enorme avanzo di bilancia di pagamenti. Potrebbe decidere di stimolare la propria domanda interna (…). Questa ultima proposta è nello spirito sia del vecchio meccanismo di Bretton Woods (…) sia degli accordi del vecchio sistema monetario europeo (…). A questo punto Salvati, anziché rispondere nel merito, sceglie di tirare la palla in calcio d’angolo avanzando teoremi degni di un mediocre sofista di serie zeta. Dopo avere riaffermato la necessità di fare le riforme strutturali, omettendo di rispondere a La Malfa che chiedeva conto del sostanziale fallimento delle riforme “strategiche” promosse dal “prestigioso” governo Monti su ordine della Ue, Salvati ha inoltre l’impudenza di scrivere che “anche se le proposte concrete, specifiche e fattibili (avanzate da La Malfa, ndm) fossero politicamente attuabili, si porrebbe comunque il problema se poi saremmo in grado di approfittarne per diventare un po’ più efficienti”. Tradotto: “Siete sicuri di dare il pane agli affamati che non hanno ancora dato prova di estrema diligenza?” E ancora: “Non sapete che il cavallo corre a perdifiato solo sotto la minaccia della frusta? Caro La Malfa, apprezzo e condivido il suo tentativo di portare personaggi come Salvati sulla via del dialogo onesto, limpido e  costruttivo. Mi duole però farle presente che si tratta di impresa vana. Ciò che per gli Uomini, quale lei ha dimostrato di essere, è sbagliato e inaccettabile (nello specifico le sofferenze causate dalle inutili misure di austerità), diviene per i Caporali come Salvati occasione per “disciplinare” a bastonate masse di sudditi da riportare in una condizione di sostanziale schiavitù determinata dall’indigenza indotta e dal più umiliante bisogno. Ancora più brutalmente. Le storture che lei analizza nella speranza di individuare soluzioni di buon senso rappresentano, agli occhi della genìa occulta che si esprime anche per il tramite (inconsapevole?) di Salvati, la conferma circa l’ avanzamento trionfale dei rispettivi progetti ed obiettivi. Obiettivi di natura oligarchica e perversa che, come si evince da una lettura critica e attenta dell’ultima risposta di Salvati ora richiamata, non vengono più neppure diluiti o pudicamente dissimulati; ma, al contrario, imposti con l’arroganza tipica di chi crede ciecamente in alcuni dogmi indimostrati ed indimostrabili che rispolverano il vecchio principio di autorità in voga nel Medioevo (“il sovrano comanda perché Dio lo vuole”), all’occorrenza riadattato ad uso e consumo della moderne élite esoteriche e spirituali di matrice oligarchica che ai nostri giorni devastano il Vecchio Continente. Al Papato nero della massoneria reazionaria, tanto per capirci, è inutile porre domande. Basta la fede (clicca per leggere).

    Francesco Maria Toscano

    7/10/2013

    Categorie: Editoriale

    5 Commenti

    1. [...] Mi era già capitato in passato di scrivere di Michele Salvati, commentatore tra i più acritici, sfacciati e illiberali al servizio dell’oligarchia sovranazionale reazionaria che punta a destrutturare la civiltà occidentale (clicca per leggere). Nel giugno del 2012 infatti, mentre ancora i menestrelli di regime cantavano in coro per la gloria del professore di Varese, Salvati si distinse per la spiccata volgarità del suo meschino argomentare. “In Italia non bisogna andare a votare”, questo asseriva all’epoca il professore, “perché le urne potrebbero decretare la vittoria di un nuovo Presidente italiano non gradito a Merkel, Hollande o Obama”. Una tesi evidentemente Leggi la notizia [...]

    2. fabio ehsani scrive:

      la cosa strana è che La Malfa è figlio di quel La Malfa che era inserito benissimo nella massoneria al soldo dei poteri forti americani. per parlare così deve aver il dente avvelenato per qualche favore non ricevuto

    3. DANILO FABBRONI scrive:

      Last but not least, ha ultimato il testo 68’, Magie, Veleni & Incantesimi Spa. Del Potere Oscuro e la Rivoluzione del ‘68 , sui lati opachi del movimento sessantottino.
      Sfilano qui, in questo testo, serrati, uno accanto all’altro, come in un cinemascope d’altri tempi, veri e propri assi di briscola come Adorno, Abbie Hoffman, Alain Danielou, Althusser, Anna Freud, Agnelli, Antoine Bernheim, Benjamin, Aurelio Peccei, Carl Schmitt, Crowley, la premiata ditta C.I.A., Calasso, Combriccole dell’Alta Finanza, Culianu, D.A.F. De Sade, David Cooper, Freud, Foucault, Guy Debord, Gregory Bateson, Giordano Bruno, gangsterismo, Horkheimer, Henry Luce, Ian Fleming, Isherwood, il Tavistock, i robber barons americani fomentatori delle Guerre dell’Oppio per portare la civiltà occidentale – tanti Oriana Fallaci ante litteram – ai “selvaggi” distanti da “Il Secolo Americano”, James Bond, Jacob Taubes, James Hillman, Jerry Rubin, Jung, Kennedy, Leo Strauss, la Sandoz, lo spettacolo della “rivoluzione” (telecomandata), l’LSD, Marylin Monroe, Marcuse, Mircea Eliade, malavita, Margaret Mead, Michel David-Weill, Nietzsche, Rockefeller, Ronald Stark, stupefacenti a fiumi, servizi segreti a gò-gò, Thomas Mann, Timothy Leary, Vaneigem, Wystan H. Auden, Zolla, ed altri, in una sequela da Circo Barnum, insomma tutti gli “eroi” cangianti di una delle più grandi magie che la storia contemporanea possa ricordare: il Sessantotto.
      Squadernati in un affresco d’assieme, ecco comparire tutti gli incantesimi e i veleni mortali che non sono per nulla d’antan, ma viceversa, rappresentano la tragica realtà vivente al giorno d’oggi.
      Basandosi su testi inediti in Italia e poco o niente discussi, connessi in una fitta quanto inusuale trama, si mostra il cui prodest del ’68 venendo a cadere la foglia di fico che ha sempre visto tale accadimento come spontaneo ed indice di libertà, essendo vero il perfetto contrario.
      Il testo getta luce sul movimento della Controcultura con intenti nuovi, che si prefiggono di cogliere non tanto il plot dell’azione, e le scene culmini, quanto i registi ed i produttori dello show.

    4. […] pregresso di elevati e rari standard di dabbenaggine e insipienza logico-argomentativa (clicca per leggere), Salvati riesce sempre nella non scontata impresa di peggiorare ulteriormente. Ma cosa sostiene, al […]

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    LE TURBOIDIOZIE DI ALDO...

    Scritto il 7 - apr - 2019

    1 Commento

    FUSARO SINDACO NEL NOME...

    Scritto il 3 - apr - 2019

    1 Commento

    QUESTA EUROPA E’ IL...

    Scritto il 21 - mar - 2019

    3 Commenti

    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    3 Commenti

    LA BALLATA DEI SUICIDI

    Scritto il 6 - mag - 2012

    1 Commento

    LO STERMINIO DOLCE, DIALOGANTE...

    Scritto il 3 - set - 2013

    5 Comment1

    MODELLO THENERDIER

    Scritto il 18 - giu - 2012

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.