Cambiare i trattati europei. Chi lo chiede? Angela Merkel in persona. Ma attenzione: non per allentare la morsa dei vincoli di bilancio oggi in vigore, piuttosto per renderli ancora più rigidi.

    Secondo alcune indiscrezioni, rilanciate da Der Spiegel, la Cancelliera si appresterebbe a mettere sul tavolo di un prossimo vertice europeo la richiesta di modifica degli attuali trattati al fine di accentuare il controllo ed il potere sanzionatorio di Bruxelles nei confronti dei paesi dell’Eurozona.

    In sostanza la Germania sarebbe orientata a chiedere ulteriori sacrifici agli Stati membri del club dell’Euro, a cominciare dalla loro sovranità in materia di finanza pubblica. Come se non fossero bastate le regole già previste dai recenti regolamenti approvati dal parlamento di Strasburgo, ed entrate già in vigore, che hanno sostanzialmente esautorato gli Stati membri ed i relativi parlamenti per quanto attiene alle loro prerogative sulla politica di bilancio.

    Con le nuove regole prospettate dalla Germania, ogni singolo paese potrebbe sottoscrivere con la Commissione «una sorta di contratto per l’aumento della competitività, il controllo degli investimenti e della disciplina di bilancio»

    Un accordo definito «contractual arrangements», da sottoporre a controlli periodici per verificarne il rispetto da parte degli Stati che lo sottoscriverebbero. Questi ultimi avrebbero in cambio l’accesso a “specifiche” risorse comunitarie, «un extra budget già discusso da tempo per l’eurozona con una dotazione miliardaria a due cifre».

    Un altro punto sarebbe l’irrobustimento dei poteri e delle competenze del presidente dell’eurogruppo, che assumerebbe la funzione di “super- ministro” delle Finanze europeo.

    Altro che alleggerimento della linea del rigore, insomma. Senza una presa di posizione adeguata da parte dei restanti membri del consesso europeo, il rischio è quello di condannare i nostri paesi alla soggezione perpetua ai vincoli rigoristi che da anni ormai strangolano le nostre economie.

    di Luigi Pandolfi

    Categorie: Esteri

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    DOPO LA TRAGEDIA ARRIVA...

    Scritto il 2 - mar - 2019

    7 Commenti

    L’ERRORE PRIMIGENIO DEI GRILLINI

    Scritto il 28 - feb - 2019

    2 Commenti

    IL RISORGIMENTO MERIDIONALE E’...

    Scritto il 23 - feb - 2019

    2 Commenti

    PERCHE’ L’INCONTRO DEL 20...

    Scritto il 15 - feb - 2019

    0 Commenti

    IL GRAND GUIGNOL DI...

    Scritto il 12 - feb - 2019

    1 Commento

    LA TENTAZIONE AUTORITARIA DEL...

    Scritto il 13 - mag - 2012

    3 Comment1

    IL PENSIERO UNICO CHE...

    Scritto il 11 - feb - 2012

    3 Comment1

    SI ALLARGA IL FRONTE...

    Scritto il 27 - set - 2013

    10 Comment1

    ANNUNCIO LA MIA CANDIDATURA...

    Scritto il 28 - mar - 2018

    2 Comment1

    SENZA VERGOGNA

    Scritto il 15 - mar - 2012

    1 Commento

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.