untitledIl 21 dicembre del 2013 un gruppo di intellettuali, tra i quali Luciano Canfora, Stefano Rodotà e Guido Rossi, ha firmato un apprezzabile appello rivolto ad alcuni rappresentanti delle massime istituzioni italiane e comunitarie (clicca per leggere). Molto semplicemente, di fronte all’evidente aggravarsi di una crisi che oggettivamente […] “esa­spera povertà e disu­gua­glianza. Mol­ti­plica l’esercito dei senza-lavoro. Distrugge lo Stato sociale e sman­tella i diritti dei lavo­ra­tori. Com­pro­mette il futuro delle gio­vani gene­ra­zioni. Pro­duce una gene­rale regres­sione intel­let­tuale e morale. Mina alle fon­da­menta le Costi­tu­zioni demo­cra­ti­che nate nel dopo­guerra  e alimenta  rigur­giti nazio­na­li­stici e neofascisti” [...], un ristretto quanto illuminato nucleo formato da solidi pensatori ha ritenuto opportuno denunciare pubblicamente i guasti prodotti da quelle politiche del rigore che ricalcano fedelmente i peggiori e falsi miti veicolati dai tanti profeti a pagamento del neoliberismo dogmatico tuttora dominante.  Non si tratta di nulla di eroico, per carità; quanto, piuttosto, di una salutare e benvenuta ondata di lapalissiano buon senso. Ma il buon senso non a tutti piace. Specie a chi è profumatamente pagato da alcuni organi di informazione controllati da noti e famelici potentati economici e finanziari che traggono immensi vantaggi dal protrarsi all’infinito di una crisi che drena continue ricchezze dal basso verso l’alto. Mi riferisco al sempre pessimo Michele Salvati, già parlamentare ai tempi dell’Ulivo, protagonista di una critica al summenzionato appello (clicca per leggere) che sembra direttamente uscita dalla penna del conte Mascetti, inventore insuperato della micidiale supercazzola. Noto con ammirazione che, nonostante il raggiungimento pregresso di elevati e rari standard di dabbenaggine e insipienza logico-argomentativa (clicca per leggere), Salvati riesce sempre nella non scontata impresa di peggiorare ulteriormente. Ma cosa sostiene, al dunque, con notevole faccia di bronzo, questa specie di Cerbero invecchiato male? Banalità, trite e ritrite, ripetute a pappagallo dai soliti Soloni d’apparato. Fesserie deel tipo: […]“è efficace un appello in cui si menziona soltanto una parte delle condizioni che stanno alla base dello stato di asfissia economica in cui versa l’Italia — le politiche di austerità imposte dai trattati dell’eurozona — e non si fa alcun accenno a un’altra parte, almeno altrettanto importante? Nulla infatti viene detto sulla debolezza competitiva delle imprese, sul disordine politico, sull’inefficienza amministrativa del settore pubblico che caratterizzano il nostro Paese. E dunque sulle riforme interne che dovremmo affrontare anche se le politiche di austerità europee venissero attenuate” […]. Ce n’è abbastanza per restare inorriditi. Trasferire le cause del rapido immiserimento della società italiana, (è notevolmente squallido brandire il fantasma degli endemici italici vizi, proprio nel mentre l’Europa intera, Vichinghi compresi, è ostaggio di criticità identiche alle nostre) da un piano macroeconomico verso lidi di tipo moralisteggiante, localistico o socio-antropologico (sprechi, disordine politico, efficienza amministrativa, ecc.), è operazione tra le più ignobili e meschine alle quali uno pseudo-intellettuale di corte possa decidere di prestarsi. Caro Salvati, come sanno tutti, tranne quelli pagati a peso d’oro per tentare pateticamente di nascondere pure le ovvietà, non sono stati né i festini di Franco Fiorito né le mutande di Roberto Cota a determinare le condizioni atte a fare esplodere  sul piano globale una crisi economica grave come quella del ‘29. E’ stata la deregolamentazione selvaggia dei mercati finanziari, culminata nella sciagurata idea di abolire il Glass-Steagall Act di rooseveltiana memoria, perfezionatasi nel 1999 per opera di un dannosissimo Bill Clinton, all’epoca fomentato per conto terzi da masnadieri alla Alan Greenspan e Robert Rubin, a far precipitare il mondo nel caos che tutti ricordano. E proprio negli Stati Uniti, infatti, consci del problema, le avanguardie democratiche e progressiste stanno adesso conducendo una dura battaglia per ripristinare il geometrico e luminoso equilibrio realizzato oltreoceano ai tempi dell’amministrazione guidata dal Presidente Franklin Delano Roosevelt. Il “Volcker Rule”, ad esempio, per quanto ancora insufficiente e perfezionabile, costituisce un ulteriore passo nella giusta direzione (clicca per leggere). I tanti ipocriti che in Europa continuano impunemente a decantare le virtù dell’austerità farebbero bene a cominciare a preoccuparsi molto seriamente. Dopo la nomina dell’ottima Janet Yellen a capo della Fed, e la successiva bastonata rifilata dal dipartimento del Tesoro americano all’indirizzo delle politiche mercantilistiche promosse dalla Germania della signora Merkel (clicca per leggere), l’amministrazione Obama ha ora correttamente messo in agenda il tema della disciplina delle attività speculative. Il principio da fare nuovamente trionfare è semplice e sacrosanto: chi vuole rischiare in operazioni finanziarie spericolate lo faccia con i soldi propri e non quelli dei depositanti. In tal modo, tenendo cioè i risparmi dei cittadini al riparo rispetto ai rischi intrinseci che alcune attività comportano, l’ eventuale futuro esplodere di nuove  bolle creditizie non produrrà a cascata effetti sul circuito dell’economia reale, l’unico che dovrebbe interessare con particolare scrupolo ad una classe politica veramente attenta ai bisogni del popolo che rappresenta all’interno delle istituzioni liberali e democratiche. E siccome, generalmente, ciò che accade negli U.S.A. produce nel breve termine effetti anche in Europa, gli opportunisti come Salvati, sempre pronti a servire la causa del più forte, farebbero bene a riposizionarsi mellifluamente fintantoché sono ancora in tempo.

    Francesco Maria Toscano

    03/01/2014

    Categorie: Economia, Politica

    4 Commenti

    1. […] Il 21 dicembre del 2013 un gruppo di intellettuali, tra i quali Luciano Canfora, Stefano Rodotà e Guido Rossi, ha firmato un apprezzabile appello rivolto ad alcuni rappresentanti delle massime istituzioni italiane e comunitarie (clicca per leggere). Molto semplicemente, di fronte all’evidente aggravarsi di una crisi che oggettivamente […] “esa­spera povertà e disu­gua­glianza. Mol­ti­plica l’esercito dei senza-lavoro. Distrugge lo Stato sociale e sman­tella i diritti dei lavo­ra­tori. Com­pro­mette il futuro delle gio­vani gene­ra­zioni. Pro­duce una gene­rale regres­sione intel­let­tuale e morale. Mina alle fon­da­menta le Costi­tu­zioni demo­cra­ti­che nate nel dopo­guerra  e alimenta  rigur­giti nazio­na­li­stici e neofascisti” [...], un ristretto quanto illuminato nucleo formato da solidi pensatori ha Leggi la notizia […]

    2. davide scrive:

      è la solita tecnica: una menzogna ripetuta all’infinito diventa una verità…

    3. Quarantotto scrive:

      Ma poi almeno avesse idea delle cause e dei rimedi relativi ai falsi problemi indicati (falsi in quanto anch’essi effetti). Le legge di Murphy che si manifesta nel corollario di Peter…

    4. marco giannini scrive:

      Ottimo pezzo!

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    0 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    LA CRISI IRREVERSIBILE DEL...

    Scritto il 13 - lug - 2019

    0 Commenti

    DALLA VAL BREMBANA CON...

    Scritto il 12 - lug - 2019

    0 Commenti

    THOMAS PIKETTY, IL CAZZARO...

    Scritto il 16 - ott - 2014

    36 Comment1

    IL RITORNO DEL NAZIONALISMO:...

    Scritto il 27 - dic - 2013

    0 Commenti

    IL ROSATELLUM E’ L’ULTIMA...

    Scritto il 12 - ott - 2017

    0 Commenti

    CHI SIETE VOI PER...

    Scritto il 10 - nov - 2016

    54 Comment1

    LA TROIKA HA VINTO...

    Scritto il 26 - mag - 2014

    43 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.