imagesPREMESSA

    Come anticipato nell’articolo pubblicato in data 1-12-2014, titolato “A dieci giorni dall’uscita del libro Massoni nessuno fiata. Chissà come mai… (clicca per leggere), comincia oggi una lunga serie di articoli destinati ed evidenziare, approfondire e dettagliatamente divulgare i tanti spunti contenuti nel libro scritto da Magaldi (con la collaborazione di Laura Maragnani) e pubblicato da Chiarelettere. Preliminarmente, invito tutti i miei lettori ad acquistare e leggere attentamente il volume in oggetto. Lettura non particolarmente semplice, visti i temi trattati, ma neppure inaccessibile e oscura. A Magaldi va infatti riconosciuto il pregio di avere scelto una forma narrativa avvincente, potenzialmente in grado di arrivare al “cuore” e alla “mente” di chiunque. In ogni caso, per il tramite di una capillare, metodica, continua e attenta “esegesi” delle tante chiavi di lettura offerte dal libro “Massoni” (primo di una corposa trilogia), spero di aiutare tutti a compenetrare l’essenza più profonda e autentica di una pubblicazione che illumina le coscienze di chi ha coraggio per guardare e umiltà per capire. Non distoglierò completamente lo sguardo dalle questioni di cronaca politica che la quotidianità presenterà alla comune attenzione. Mi limiterò però a soffermarmi sulle notizie per davvero importanti, lasciando volentieri ad altri il compito di commentare con costanza il solito stanco e trito teatrino fatto di “mercati che si innervosiscono”, “di conti pubblici da mettere in ordine”, di “rigore che presuppone la crescita” ed altre simili amenità. Ai lettori, a consuntivo, il compito di giudicare la qualità del lavoro.

    MASSONI/1 INTRODUZIONE GENERALE

    Cosà è “Massoni”? E’ un libro ascrivibile al filone “cospirazionista”? E’ un testo che contiene le testimonianze di un massone pentito stile Maurice Caillet? O è forse un libello “sensazionalistico” come sembra ritenere il fondatore di “Terza Posizione” Gabriele Adinolfi?(clicca per leggere). Nulla di tutto questo. I pochi che parleranno del libro dopo averlo effettivamente letto non potranno non cogliere il principale elemento costitutivo che caratterizza il lavoro in oggetto: “Massoni”, infatti, è principalmente un libro di Storia. Una Storia degli ultimi settant’anni raccontata da una visuale d’angolo unica e privilegiata. Quella di chi appartiene ad un network, quello latomistico per l’appunto, che da almeno tre secoli guida i processi globali. Ecco, questo è il primo punto che bisogna mettere a fuoco per affrontare con cognizione di causa la lettura del libro di Magaldi. Di massoneria in Italia si sa poco o nulla. E quel poco che si sa puzza di malaffare e piduismo. Ma per davvero la massoneria è liquidabile quasi fosse perlopiù una congrega semi-folkloristica composta a diversi livelli da intrallazzatori di ogni risma? Magaldi rigetta completamente una simile lettura, presentando finalmente anche ai “profani” la vera cifra che contraddistingue il mondo delle logge. “Non si può comprendere molto del presente”, ripete spesso Magaldi, “senza individuare il giusto soggetto storico che muove la contemporaneità. Questo soggetto storico si chiama Massoneria”. A supporto di tale importante premessa, Magaldi ricorda poi la genesi di alcune grandi rivoluzioni del passato, in particolare quella francese e quella americana, decisive nell’abbattere l’ancien regime e forgiare i tempi nuovi. “Il trinomio Libertà, Uguaglianza, Fratellanza”, continua Magaldi,campeggia in ogni loggia vicino alla cattedra del Maestro venerabile. Le società aperte, interclassiste, democratiche e fondate sulla divisione dei poteri non le ha portate la cicogna. Le ha imposte la massoneria facendo tracimare all’esterno suggestioni e concetti già ampiamente maturati all’interno dei templi”. L’idea circa l’esistenza di un potere spirituale che sovraintende l’esercizio del potere temporale non è affatto nuova né sconosciuta. Per secoli la Chiesa di Roma, unica interprete autorizzata del pensiero di un Dio dipinto ad uso e consumo di pochi, ha legittimato scritture alla mano il comando arbitrario esercitato da Re, duchi, principi e imperatori, tutti presuntivamente selezionati da un Dio puntiglioso e amante della imperitura gerarchia. La modernità, nata dalle ceneri di quel mondo antico, ha archiviato per sempre le pretese di egemonia rivendicate per ragione di lignaggio dagli aristocratici di allora, assegnando quindi la sovranità al “popolo”. Tale radicale cambio di paradigma spiega il perché  della nascita e del successivo sviluppo di quelle democrazie liberali e rappresentative che noi tutti oggi conosciamo. Una modernità che, nel trasformare i sudditi in cittadini,  rigetta categoricamente l’idea secondo la quale “ogni potere viene da Dio”. A questo punto è lecito domandarsi: quale istituzione spirituale è oggi custode di una simile costruzione filosofica che crea e trasfigura una nuova idea di politica e quindi di società? Magaldi offre una risposta esauriente sul punto, sbrogliando il campo da apparenti equivoci ed incongruenze. All’interno dell’ottica proposta dall’autore, infatti, è possibile cogliere appieno la razionalità che accompagna la ricostruzione di un ragionamento che pone alla base di esperienze storiche tra loro diversissime la stessa identica matrice. La massoneria come reductio ad unum di fenomeni che spaziano dal fascismo al comunismo, fino al fanatismo di matrice islamica, non potrebbe essere mai compresa senza l’indispensabile supporto ermeneutico elaborato dalla sapiente e precisa penna di Magaldi. Per queste ragioni ritengo l’opera unica nel suo genere nonché destinata a fare epoca.

    P.s. Invito tutti i lettori de Il Moralista ad iscriversi al “Movimento Roosevelt” in vista del congresso di Gennaio/Febbraio 2015. Il modulo per aderire lo trovate in alto a destra

    Francesco Maria Toscano

    3/12/2014

     

    Categorie: Cultura, Editoriale, Politica

    3 Commenti

    1. Enza Sirianni scrive:

      Reductio ad unum…..Lo penso da tempo. massoni è il regalo che mi farò per Natale. Grazie !

    2. Nino P scrive:

      Ne ho già letto buona parte e concordo:lo si può considerare un vero e proprio libro di storia. Anzi è un’ottima chiave di lettura per interpretare anche fatti più attuali. Molto istruttiva poi la parte finale che riporta la conversazione tra quattro “fratelli” di spessore, protagonisti dell’attività delle Ur-Lodges negli ultimi 50 anni.

    3. Ovidio G scrive:

      Ho letto le prime 104 pagine…davvero molto interessante. Sembra di leggere un libro di storia (quella vera ed approfondita).

      Non e’ stato di difficile comprensione, anche se l’Autore, di chiari studi filosofici ed esoterici, utilizza alcuni termini di gergo filosofico non sempre afferrabbili/comprensibili. Non so, magari nelle prossime edizioni metterei una piccola appendice alla fine, un mini-vocabolario, giusto per dare la definizione o perlomeno l’interpretazione che ne da l’autore, di taluni termini di gergo filosofico utilizzati nel testo.
      Un cordiale Saluto.
      OG

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    PERCHE’ L’INCONTRO DEL 20...

    Scritto il 15 - feb - 2019

    0 Commenti

    IL GRAND GUIGNOL DI...

    Scritto il 12 - feb - 2019

    0 Commenti

    LO STRANO CASO DEL...

    Scritto il 8 - feb - 2019

    3 Commenti

    SECONDO MERKEL, MACRON E...

    Scritto il 6 - feb - 2019

    1 Commento

    LA TERZA GUERRA MONDIALE...

    Scritto il 7 - giu - 2012

    1 Commento

    L’ANNO CHE VERRA’

    Scritto il 22 - apr - 2013

    3 Comment1

    LA MISERIA NON E’...

    Scritto il 24 - apr - 2014

    37 Comment1

    IL FILO ESOTERICO CHE...

    Scritto il 8 - apr - 2015

    4 Comment1

    I TEDESCHI VIOLENTANO LA...

    Scritto il 19 - feb - 2015

    7 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.