untitledLa recente tornata amministrativa svoltasi in Francia è stata raccontata dai media italiani alla stregua di un grande trionfo di Nicolas Sarkozy accompagnato da una mezza sconfitta di Marine Le Pen. Non mi pare che la lettura dei freddi numeri confermi la giustezza di una simile interpretazione, evidentemente deliberata prima del voto dai soliti soloni alla Polito e Battista, notoriamente eccelsi nel ricoprire di incenso e bava pessimi figuri alla Mario Draghi e Wolfang Schaeuble. Ma il punto non è questo. Non ci vuole un fenomeno per capire come i partiti tradizionali stiano finalmente franando dappertutto. Per riappropriasi della capacità di influire sui processi decisionali, però, i cittadini dovrebbero quantomeno avere una idea circa la vera natura dei personaggi che si candidano a rappresentarli. Quanti francesi sanno per davvero chi è Nicolas Sarkozy?  Credo pochi. In caso contrario sarebbe legittimo sospettare di autolesionismo una buona parte dell’elettorato transalpino. Sul piano della comunicazione profana, gestita e manipolata da pochi noti centri di interesse, Sarkozy appare come  un “conservatore moderato”, saggio rappresentante di una cultura di governo che in fin dei conti rassicura tanto l’Europa quanto i mercati. Hollande, anch’esso naturalmente “responsabile”, risulterebbe in questa ottica ostaggio della solita “sinistra massimalista”, lasciando alla sola Le Pen il compito di incarnare il sempreverde ruolo del cattivo che attenta ai valori repubblicani di tolleranza e continenza. Questo, in estrema sintesi, è il quadretto che i media, in Francia come dappertutto, offrono ai neosudditi con il preciso obiettivo di renderli ciechi e acritici. I pochi che trovano il coraggio di grattare la patina posta in superficie riescono a cogliere una realtà assolutamente diversa. Come sanno i lettori de Il Moralista, infatti, le vere scelte di indirizzo al tempo della globalizzazione non vengono prese all’interno dei luoghi formalmente deputati. Hollande, tanto per citarne uno a caso, segue una agenda politica scritta e supervisionata all’interno di logge tenebrose e perverse come la Der Ring, officina potente che esprime Wolfang Schaeuble in qualità di Maestro Venerabile. In loggia i capi decidono, mentre all’Eliseo il potere mette in scena se stesso. Senza cogliere questo meccanismo, è impossibile capire perché Hollande abbia deciso di rimangiarsi tutte le promesse elettorali diventando conseguentemente un sicuro campione di impopolarità. Di Marine Le Pen, espressione pubblica di una forza di destra dura, ignoro il ben più pregnante ancoraggio esoterico. In compenso, avendo letto con attenzione (a differenza di Giannuli) il libro di Gioele Magaldi, conosco bene vita, opere e miracoli del marito di Carla Bruni, membro forte di una Ur-Lodge fondata da Bush padre, la Hator Pentalpha, che ha recentemente dato vita all’Isis del califfo Abu Bakr al-Baghdadi (clicca per ascoltare). Per paradosso, quindi, i cittadini europei vengono indotti a credere che un uomo organico ad un consesso tanto sanguinario possa in realtà rappresentare un argine democratico in grado di frenare la “deriva populista” (sic!, direbbe il solito Giannuli). Alla luce del prepotente ritorno in pista di Sarkozy, salutato con gioia dal circuito mediatico prevalente, sarebbe forse il caso di guardare con occhi rinnovati alla recente strage di Charlie Hebdo, costata la vita a molti giornalisti. Invito quindi i miei lettori a rileggere oggi una importante intervista rilasciata tempo fa da Gioele Magaldi al quotidiano on-line “Affari Italiani” (clicca per leggere). A precisa domanda riguardante i tragici fatti parigini, Magaldi testualmente  rispose: “Lo ribadisco con molta chiarezza: lo spregevole attentato di Parigi è avvenuto con la complicità di svariate istituzioni di controllo locali, in combutta con manovalanza terroristica e mandanti che si muovono nell’area delle Ur-Lodges Hathor-Pentalpha, Geburah, Amun, Der Ring, ecc.”. Non a caso, aggiunse inoltre Magaldi nel corso dell’intervista, il massone Barack Obama non prese parte all’ipocrita parata di cordoglio messa in scena dai principali leader internazionali in prossimità dei fatti per rispondere “all’emergenza terrorismo”. Se prima rimaneva in sospeso un tacito quesito, “cui prodest?”, oggi il dubbio finalmente sembra risolto. In vista delle presidenziali del 2017, i pericoli per la democrazia francese sono evidentemente più compositi e numerosi di quanto a prima vista non sembri.  

    Francesco Maria Toscano

    26/03/2015

    Categorie: Esteri

    3 Commenti

    1. Ovidio G scrive:

      Il ritorno degli zombie alla Sarkozy sulla scena politica fa riflettere su come queste logge reazionarie, guerrafondaie e criminali stiano ritessendo la tela per ritornare forse con piu’ forza di prima.

      Ieri sera c’e’ stato il primo “incontro” televisivo fra i leader che si contendono invece le elezioni in UK – che interpretazione dobbiamo dare? Tony Blair, membro anch’egli della HathorPentalpha, rappresentava una finta sinistra britannica (smascherata da Magaldi nel libro), possiamo dire lo stesso di Ed Milliband? Milliband e Cameron hanno la stessa agenda oppure esiste una contrapposizione vera?

      Chi ha sostenuto Farage e tutta la martellante propaganda anti UE degli ultimi 3 anni? Le stesse forze che hanno spinto la Le Pen in Francia e Salvini in Italia?

      Se qualcuno mi puo’ aiutare a comprendere le dinamiche che stanno avendo luogo nel panorama politico britannico gliene sarei molto grato.

    2. Fabrizio scrive:

      Ma il libro di Magaldi non è ancora stato tradotto almeno in francese ed inglese?

      • Antonio scrive:

        No, e francamente mi sembra che questo fatto, unito al pesante ritardo nella pubblicazione degli altri volumi dell’opera (cfr http://www.grandeoriente-democratico.com/MASSONI_S_r_ill_Societa_a_responsabilita_illimitata_e_Il_Potere_Globale_e_i_suoi_Venerabili_Maestri.html) pregiudichi di molto la credibilità di questa supposta (per il momento) operazione-verità. Stento a credere che in un Paese come la Francia, che conosco abbastanza bene per viverci ormai da quattro anni, non si riesca a trovare un editore disponibile a stampare l’opera. E magari, da queste parti, di giornalisti disponibili a porre domande dirette e scomode agli interessati se ne troverebbero, così che Magaldi avrebbe finalmente l’occasione di convocare una conferenza stampa world-wide di risposta. Sarebbe un passo avanti importante nella comprensione della reale consistenza della “narrazione” Magaldiana.

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    CAPITOLATA LA FRANCIA, TOCCA...

    Scritto il 24 - mag - 2017

    17 Commenti

    E’ IL CONTROLLO DELLE...

    Scritto il 22 - mag - 2017

    2 Commenti

    DIEGO FUSARO E’ UN...

    Scritto il 6 - mag - 2017

    0 Commenti

    IL CORAGGIO DEL PROCURATORE...

    Scritto il 5 - mag - 2017

    6 Commenti

    DIEGO FUSARO CANDIDATO NELLA...

    Scritto il 4 - mag - 2017

    2 Commenti

    LA GLOBALIZZAZIONE E’ UN...

    Scritto il 6 - set - 2016

    5 Comment1

    L’EVOLUZIONE DELLA SPECIE

    Scritto il 22 - mar - 2011

    1 Commento

    IL MISTERO DI MICHELE...

    Scritto il 30 - giu - 2013

    4 Comment1

    CRISTINA FERNANDEZ KIRCHNER, LA...

    Scritto il 17 - apr - 2012

    5 Comment1

    PER COMBATTERE LA DISOCCUPAZIONE...

    Scritto il 28 - giu - 2013

    5 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.