imagesD3I18YJGPedro Passos Coelho, premier portoghese, è un pessimo figuro, un concentrato di malafede, miopia e odio per i più deboli. Si tratta di uno dei tanti esponenti di quel “nazismo tecnocratico” che da anni tortura i diversi popoli europei da nord a sud, da est ad ovest. Pochi giorni fa in Portogallo si sono svolte le elezioni politiche e, considerati i gravissimi danni provocati dalle politiche imposte dal valletto di Angela Merkel- al secolo Pedro Passos Coelho- in molti si aspettavano un risultato oltremodo penalizzante per il partito del premier uscente. Invece, con sommo gaudio dei tanti collaborazionisti che ovunque in Europa occupano le redazioni dei principali giornali, il partito socialdemocratico di Coelho ha “tenuto botta”, risultando il primo partito in termini relativi. Come è potuto accadere un simile obbrobrio? Davvero i portoghesi sono tutti affetti dalla sindrome di Stoccolma? Davvero il nazismo tecnocratico è riuscito nel mirabile intento di cambiare in profondità il modo di pensare dei cittadini, inducendoli ad amare il carnefice che li percuote sulla falsariga del Grande Fratello orwelliano? Piano con le analisi troppo pessimistiche. Certamente una parte di pubblica opinione è manipolata e intontita dai mezzi di comunicazione di massa, ma la stragrande maggioranza dei cittadini soffre la mancanza di una offerta politica accettabile. Se in Paesi come il Portogallo, abituati fin dal 1974 a vivere all’interno di uno schema bipolare che si regge sull’alternanza fra socialdemocratici e socialisti, tutti predicano la necessità di farsi dettare l’agenda dalla Troika, per chi volete che voti il cittadino medio? Per un marziano? D’altronde anche in Portogallo, così come in Francia e in Italia, i partiti di cosiddetta sinistra sono oramai diffusamente percepiti come i veri baluardi della torsione reazionaria in atto, nazifascisti a gettone pronti a decantare le virtù di un liberismo sfrenato nella speranza di essere poi ricompensati dal sistema con qualche strapuntino sottobanco. A leggere bene i risultati del voto portoghese, però, scopriamo che le cose non stanno per davvero nei termini proposti da giornalacci assassini tipo Il Foglio. Quasi il 50% dei lusitani ha preferito disertare le urne, mentre la restante metà recatasi nei seggi ha accordato un consenso crescente ai partiti cosiddetti “antisistema”. Che poi, qualificandosi il sistema alla stregua di una moderna dittatura nazifascista, sarebbe forse più corretto definirli “partiti resistenti”. Il Bloco de Esquerda, fortemente contrario alle politiche dell’austerità, è divenuto la terza forza del Paese, superando di poco in percentuali di voto il sempre vivo Partito Comunista Portoghese. Quindi, in termini assoluti, a parte i due milioni di cittadini che hanno accordato consenso a Coelho, il restante 80% di elettorato portoghese ha in un modo o nell’altro manifestato contrarietà rispetto alle politche infami attuate negli ultimi tempi. Se il partito socialista portoghese non fosse un covo di servi e di corrotti, al pari di quasi tutti i partiti socialisti presenti in Continente, all’interno dell’attuale Parlamento lusitano ci sarebbero persino i numeri per formare un governo di coalizione in grado di garantire fin da subito discontinuità con il passato. Socialisti, Comunisti e Bloco avrebbero infatti i numeri sufficienti per mandare definitivamente in pensione il nazista tecnocratico Coelho. Non succederà. La sinistra “riformista”, quella ipocrita, blairiana e renziana per capirci, continuerà purtroppo a recitare ancora per un po’ di tempo la parte dell’utile idiota al servizio della conservazione. Prima di estinguersi definitivamente per la gioia di tutti i democratici che coltivano ancora il ricordo di una democrazia degna di questo nome.

    P.s. Aiutaci a costruire il Movimento Federale Keynesiano! Per maggiori informazioni invia una mail a questo indirizzo: f.toscano79@libero.it

    Francesco Maria Toscano

    9/10/2015

    Categorie: Esteri

    32 Commenti

    1. Lunfardo scrive:

      Se Francesco sta dicendo che il suo movimento è pronto ad allearsi con i comunisti italiani in un fronte sul genere del CLN della resistenza e se questo volesse dire che anche una parte di alcuni importanti movimenti filosofici italiani hanno maturato questa convinzione – superando quindi una pregiudiziale molto rigida – sarebbe una notizia veramente importante.
      Sarebbe il segnale che finalmente qualcuno ha cominciato a comprendere che due classi sociali diverse come la classe media e i lavoratori devono unirsi andando coraggiosamente al di là dei loro interessi di classe che li vedono ancora, purtroppo, in aspra competizione (che ovviamente va solamente vantaggio delle oligarchie che la fomentano).

    2. Nikifor Stoltov scrive:

      Avrei una dissenteria da fare..si un attacco di opposizione ma senza troppo catarsi addosso.
      Punto primo il successo passa per le parole…è importante fare un adeguata analisi delle parole sciolte.
      Le lotte intestine agli stati chi le provoca?
      Ma soprattutto il riso è il rimedio per ogni eccesso di peristalsi.

      • Ramarro scrive:

        Le lotte intestine le provoca il testosterone. Quello prodotto dai coglioni.

        • Nikifor Stoltov scrive:

          Il mondo è pieno di verdi d’invidia per il testosterone altrui… :D ahahahahah o per eccesso di travaso di bile.
          Si consiglia a chi è sotto colica biliosa riso in bianco e niente brachetto…

    3. Andrea scrive:

      Ciao Francesco, leggo nel tuo post scriptum che chiedi alla gente di aiutarti a costruire il movimento federale keynesiano.
      Che intendi anche umili consigli da parte di chi come me fa parte della gente,del popolo?
      Se è cosi allora mi sento di dirti che secondo me hai scelto un nome sbagliato per la forza politica che vuoi creare…sai perchè? In tutta sincerità come pensi di attirare la gente con quei tre termini li:

      1 movimento: parola gia’ ampiamente sputtanata e inflazionata da tutti i neo-movimenti antisistema che sono usciti nelle varie nazioni europee e che è chiaro che non sono coi diversi dai partiti e i loro leaders non cosi diversi come vogliono apparire dai politici vecchio stampo.Chiamarsi quindi “Partito” ridarebbe lustro al concetto di politica.Movimento è arma semantica di distruzione della Lingua Politica.Con questi nuovi termini si vuole rendere muta la politica con interruzione totale di dialogo con i cittadini.

      2 Federalista: qui c’è poco da ragionare…l’associazione mentale negli italiani tra questa parola e il post prima repubblica non cosi poi tanto “post” è abbastanza radicata e se poi aggiungiamo l’associazione tra federelismo e antimeridionalismo,vero o presunto non conta perche’ conta lo stereotipo,ecco che questa è un aggettivo da scartare per invogliare la gente ad avvicinarsi.

      3 Keynesiano: senza offese…ma chi cazzo lo conosce in Italia questo americanotto da ambientino universitario…a parte appunto gli smanettatori-pseudotuttologi del web e gli addetti ai lavori.Poi un cognome straniero per un movimento italiano sa troppo da radical chic..a torto o a ragione.

      Quello che ti ho scritto è puro marketing…poi a te tirare le somme.

      • Andrea scrive:

        Ah dimenticavo…anche i colori e il logo sono importanti.
        Il viola è colore austero..e tu con un simile colore vorresti combattere l’austerita’?
        E poi quella K di Keynes…una lettera con cui noi italiani nella vita di tutti i giorni abbiamo poco a che fare…Medita su queste cose che sono piu’ importanti di quello che puo’ sembrare e soprattutto abbandona complottismi vari…sai perche’? Perche’ prima o poi uscira’ un complotto piu’ interessante di quello che va in voga oggi.Osserva…chi vuole emergere velocemente nel web come opinion leader ha bisogno di un complotto che sia comprensibile,non verificabile e facilmente condivisibile.
        Piu’ proproste concrete e meno geopolitica(lasciamola agli esperti).

        • Salvo scrive:

          Keynes era inglese

          • Andrea scrive:

            Lo vedi che mi dai ragione…quanti si aspettano che è inglese e non americano…come me tanti.Ma soprattutto a quante persone importa questo? Il neokeynesianesimo diciamocela tutta è la forma intelletual-chic è un po’ troppo elaborata diciamo gourmet del populismo grillico e del sovranismo salviniano quindi un segmento di mercato già ampiamente occupato…Poi sta storia dell’internazionalizzare i movimenti la trovo buffa…a stimoli globali si risponde con reazioni locali e viceversa.

            • opsoR-Rospo scrive:

              Keynes è considerato nel mondo accademico..uno dei più grandi economisti che ci sia mai stato…fondatore di quella branca economica chiamata macroeconomia..e studiato in tutte le università del mondo..

              e tu scrivi questo:
              “…chi cazzo lo conosce in Italia questo americanotto da ambientino universitario….”

              tralasciamo il fatto che era inglese…ma dico: stai scherzando ???..IL KEYNES NELLA “”STORIA DEL PENSIERO ECONOMICO “” SARA’ CITATO ANCHE FRA MILLE ANNI.

              Guarda che l’economia occidentale per trenta anni e passa dopo il secondo conflitto..ha sostanzialmente funzionato con le applicazioni delle teorie keynesiane. Mi dispiace ma non hai le idee chiare in materia…in politica ed in economia dallo studente al giornalista dal laureato al premio nobel..Keynes è straconosciuto da tutti. Ma in che nuvoletta vivi ???

              sono invece un po d’accordo con la sigla MFK…andrebbe ripensata.

              • opsoR-Rospo scrive:

                a mio parere dovrebbe formulare un altra sigla..e magari sotto indicare una qualche dicitura contenente anche il termine Keynes per indicarne il tipo di impostazione .

                certo che definire Keynes (a prescindere che lo si condivida o meno ) americanotto (inglesotto )…insomma lascia perplessi…

              • opsoR-Rospo scrive:

                si puo eliminare Movimento..ma per caritaaaaa non sostituendo il termine con PARTITO….(che orroreeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee )

                il termine P-A-R-T-I-T-O…che ridarebbe LUSTRO al concetto di politica ????…il termine partito ???…

            • opsoR-Rospo scrive:

              ramarro che ne pensi ???…esprimiti….

              • OPsorosPO scrive:

                Ma guarda hai detto tante di quelle cose interessanti che ti dovrebbero fare Super-Primissimo Ministro.

              • orramaR scrive:

                a meeeee??? a meeeeeee ?????..collega rospo..me stai a piglià per il cul…..ahahhah…ex operaio,cameriere, barista ,etc etc con la terza media sino a 3 settimane fa..che mi son sbattuto in testa un casino di libri alla rinfusa..in fretta e furia..che mi rimbalza tutto dentro la scatola cranica…come se avessi dei criceti dispettosi in testa che danzano….(al massimo il primo ministro lo posso fare in uno stagno…gli antikeniesiani e i neoliberisti in generale..possibilmente lo vorrebbero puzzolente…)…

                una cosa mi piacerebbe fare—->>> questo:

                https://www.youtube.com/watch?v=V5iTQf5PDyY

                (o il vago dubbio che chiedo un po troppo…ahahh…il look però ce l’ho..ho i capelli oscenamente lunghi sino alle spalle..e la chitarra la suono …i vicini di casa ne sanno qualcosa..purtroppo per loro )

                sto pensando all’affermazione di Andrea…sul termine “PARTITO “.per recuperare lustro in politica….se c’è un termine che non saprei definirla..la “psiche sociale” identifica consciamente o inconsciamente con imbroglio, ladrocinio,falsità,prevaricazione,doppiezza,inaffidabilità,carrierismo,affarismo etc etc..chi più ne ha più ne metta..è proprio il termine PARTITO.(non si offenda Andrea..la sua opinione è comunque rispettabilissima )

                mi ritiro nelle acque…notte.

              • i SidiSi scrive:

                Orramar ma tu che centri sempre in mezzo ti metti…ora verde come ramarro ora verde come prezzemolino d’ogni minestra ma insomma…io parlavo di rospo da fare Super-Primissimo Ministro…tu adesso ritirati che sei “partito” nel senso di “sdoppiato”…rifletti ;) e impara il dono della sintesi…

            • orramaRospo scrive:

              bohhh…mi sto confondendo (..ma io non ci penso alla sintesi…scrivo senza guardare la tastiera e uso le 10 dita al massimo della velocità (mi sono esercitato in un corso on line alla battitura veloce..anni fa ..son supersonico scrivendo..la sintesi bellamente la ho sempre ignorata (la grammatica idem..punteggiatura , coerenza dei tempi verbali etc etc…li byapasso )..leggo una cosa..e a “istinto” scrivo quel che mi passa in testa come se stessi parlando in una conversazione…sforzo di sintesi??..mah..boh..in un battibaleno posso far un post lunghissimo…insomma stavolta lo dico in sintesi: SCRIVO ALLA CAZZO…aahhah

              per me scrivere nei forum è un divertimento..di serietà ce ne è poca ..è tutto istintivo…come esce esce..quel che ho detto ho detto…(quasi mai rileggo..)

              ma poi qui non scrive più nessuno..da quando si son rotti i rapporti con il “divino Magaldi”..

              rospo
              (non ramarro..ramarro e l’altro collega multinick…)

              • orramaRospo scrive:

                ma quel orramaR..degli ac/dc sono io Rospo…mi sto sdoppiando per davvero…i ramarri al contrario di fatto son rospi…

                boh…mi sto confondendo….

              • Copiose Irrumando Stultum scrive:

                Ma allora sei bimbino…lo potevi dire prima, no?
                Mamma mia sembri me ai tempi ma ancora più pirla…
                Mi raccomando smetti quella cattiva abitudine che poi ti devi mettere le placche al naso.

              • Tse' Tse' scrive:

                Questo deve essere qualche amico di braquo che non capisce piu’ chi è chi…e poi vogliono fare i profilatori intelligggentoni via web :D

              • orramaR scrive:

                siiiiiiiiii…sto regredendo …;-)

                non riesco più a identificare la mia personalità…poco fa stavo giocando con i soldatini….e grave ??? spero di no…ho paura..

      • Caro Andrea, condivido taluni passaggi e condivido la tua superficialità a livello di Federalismo. Coloro che inneggiano al Federalismo in Italia, ci azzeccano poco. Il consiglio ( se reputi interessante il Federalismo)è leggerti La Svizzera- Storia di un popolo felice- Denis de Rougemont – Armando Dadò Editore. Condivido anche la tua esternazione a riguardo dell’ignoranza del POPOLO, verso talune persone. Detto ciò,proporrei che le alte cariche dell’area META; iniziassero a conferire in modo certosino a riguardo di come deve essere gestita la NUOVA EUROPA, qualora cascasse il Tempio Malefico di Mario Draghi. Hai ragione, dare certezze futuristiche al POPOLO! Lunga vita!

        • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

          potrebbe anche finire in tragedia…aimè.

        • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

          ( se reputi interessante il Federalismo)è leggerti La Svizzera-

          Citazione Miracca

          —-
          —-

          la Svizzera è un altro pianeta rispetto a noi…un altra maturità sociale ..il modello svizzero è ottimo (forse uno dei migliori al mondo )…ma noi non siamo in grado di farlo nostro..troppo diversi da loro e troppo diversi tra noi…non siamo “tagliati” per quel modello..con noi non funzionerebbe. Noi abbiamo tanti aspetti positivi e pregi (più di quanto non pensiamo…siamo affogati in una sorta di patologico esterofilismo misto ad un altrettanto patologico autorazzismo..che non ci permette di vedere cio che c’è di buono e anche ottimo in Italia..il cosiddetto “vincolo esterno” (il ragionamento era : legandoci a doppio filo con l”Europa” intesa come la fascia germanico-anglosassone..diventeremo anche noi meno cosidetti “italioti ” (termine idiota ) e più “mitteleuropei “..invece siamo rimasti e resteremo quel che siamo nel buono e nel cattivo…ma——->>>> in mutandee forse ci toglieranno pure quelle (sinistra idiota…e la Germania ringrazia..loro oggi si ritrovano con un 25% di economia in piu..e noi con un altrettanto 25 % di destrutturazione del sistema produttivo meno una cifra spaventosa come se ci fosse stata una guerra di medie dimensioni —->>> sarà un “caso” ?..no non è un caso…

          “Vincolo esterno “enfatizzato dalle sinistracce stolte..ha fatto presa facile proprio a causa di un patologico autorazzismo (sempre più in crescendo in Italia..ormai ci autoderidiamo costantemente )misto alla nota esterofilia italiana . Il sogno degli Stati Uniti d’Europa era ed è una tragica bufala (e i tedeschi ridono )

          lunga vita a te Protti Miracca.

          ps- il giorno che ci libereremo dell’esterofilia patologica e dell’autorazzismo cronico…diventeremo un grande popolo.

          • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

            perché siamo stati e potenzialmente possiamo ritornare ad essere un “grande popolo “..il nostro patrimonio culturale unico al mondo..ne è testimone. Che triste veder questa bella Italia (io che ho vissuto tanti anni all’estero..anche oltre oceano lo posso dire con assoluta certezza: il paese più bello del mondo..e non ce ne rendiamo conto )…ferita in modo grave…finire in questo modo. TRISTE.

            disprezzo con tutte le mie forze quegli stolti che usano per autodefinirci il termine sempre più usato “italioti”..dico io: POVERI IMBECILLI…nemici di se stessi e del proprio paese (non c’è speranza per l’Italia..con gente del genere..l’Italia in questo momento difficile..ha bisogno più che mai..di Italiani che amino se stessi e il proprio Paese (e non lo dico in senso fascista-nazionalista…lo dico in un altro senso: che tristezza )

            io lo amo tutto questo paese dal nord al sud nonostante sia quel che è o sta diventando.

            by by

            guardate che se non prendiamo “coscienza di noi stessi ” come popolo (a prescindere dalle diferenze da area a area..)..e non reagiamo…finirà male molto male…questa volta può essere la fine veramente dell’Italia che abbiamo conosciuto.

            • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

              e un Europa Unita si potrebbe anche fare…ma con altri presupposti e altre prerogative. Quella proposta dal sistema di potere UE/Euro è la negazione della Vera Europa anzi ne è la distruzione (sti criminali stanno distruggendo la culla della civiltà..)

              non capirò MAI..chi tra il popolo la base elettorale..(lasciamo stare i vertici in particolare PD-SEL..sono dei cialtroni mentono sapendo di mentire…se quella è sinistra come la si intende storicamente io sono un astronauta..) continua ad essere pro-euro (che non va intesa come moneta…detto è premesso che “tecnicamente” non è una moneta…NON LO E’..ma come dice un certo bravo economista: è un “sistema di potere”..)

              domando e mi domando: ma dove cazzo hanno la testa..quei milioni di italiani pro euro…dove è il “raziocinio”..la capacità di veder le cose come stanno (ormai evidenti )…boh..continuano ad eseere pro un qualcosa (Euro UE ) che gli e ci impiccherà.Mai visto gente che olia con “convinzione ” la corda della propria forca. Non riesco a darmi una spiegazione logica: strana la “psiche sociale” o parte di essa.

          • Tse' Tse' scrive:

            Analisi totalmente sbagliata e cazzara caro rospicello

            • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

              caro tse tse…nei forum si dice per sentire : basta che tu mi scriva perché cioè basta che tu esprima la tua opinione…se mi convinci..prontissimo a far marcia indietro..nessuno ha la verità in tasca ..quella è l’opinione che ho maturato..che può essere anche errata..si discute per questo…le opinioni servono a questo (a questo servono o dovrebbero servire i forum…al netto delle cazzate..che anche io per scazzo talvolta scrivo )

              ciao..

              io prima in economia avevo un altra visione totalmente diversa dall’attuale…mica la ho modificata leggendo i giornali (che quasi non leggo più..leggo il sole 24 ore e mi vengono i vomiti di quanto è bugiardo quel giornalaccio..)..ma scrivendo e leggendo “anche” nei forum (non solo )..tante volte..leggendo post qua e là..sentendo certe opinioni..ho ricevuto l’imput per una più profonda verifica…e mi son detto : ohhh cazzo ma questi hanno ragione…ed ho cambiato opinione…(addirittura qualche anno fa…avevo una visione quasi “neoliberista”…oibò me ne vergogno…ma è la verità ..NON CAPIVO UN CAZZO )

              Ri ciao

              • R°°°o------>>>S***p_O scrive:

                poi qualcuno magari dirà: non capisci un cazzo manco adessooo….;-))) ahahahha

              • Tse' Tse' scrive:

                No il fatto è che ti atteggi a troll di serie b…ecco diciamo che sei un troll essoterico.

    4. orramaR scrive:

      ho semplicemente smesso di pensare….non voglio essere più disturbato.

      e il MKF è già morto ancor prima di nascere. A che serve parlar di una cosa che non c’è ?

    5. R°°°o------>>>S***p_O scrive:

      per concludere :

      …………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………….(fine )

      by by to everybody

    Commenta


    "nella mia vita ho conosciuto farabutti che non erano moralisti ma raramente dei moralisti che non erano farabutti." (Indro Montanelli)


    A FURIA DI USARE...

    Scritto il 10 - ott - 2019

    4 Commenti

    VOX ITALIAE. PARTE IL...

    Scritto il 3 - ott - 2019

    6 Commenti

    E’ IN ATTO UNA...

    Scritto il 19 - lug - 2019

    2 Commenti

    IL GOVERNO TECNICO C’E’...

    Scritto il 15 - lug - 2019

    0 Commenti

    BARBARA SPINELLI: “CON TSIPRAS...

    Scritto il 26 - dic - 2013

    3 Comment1

    ALDO STAI SERENO!

    Scritto il 19 - gen - 2015

    28 Comment1

    OBAMA NON CONTRAGGA LA...

    Scritto il 9 - giu - 2012

    1 Commento

    REPETITA IUVANT: IL MOVIMENTO...

    Scritto il 26 - dic - 2014

    7 Comment1

    ORAMAI E’ CHIARO: BARACK...

    Scritto il 11 - apr - 2013

    5 Comment1

    • Chi è il moralista

      Francesco Maria Toscano, nato a Gioia Tauro il 28/05/1979 è giornalista pubblicista e avvocato. Ha scritto per Luigi Pellegrini Editore il saggio storico politico "Capolinea". Ha collaborato con la "Gazzetta del Sud" ed è opinionista politico per la trasmissione televisiva "Perfidia" in onda su Telespazio Calabria.

    • Cos’è il moralista

      Sito di approfondimento politico, storico e culturale. Si occupa di temi di attualità con uno sguardo libero e disincantato sulle cose. Il Moralista è un personaggio complesso, indeciso tra l'accettazione di una indigeribile realtà e il desiderio di contribuire alla creazione di una società capace di riscoprire sentimenti nobili. Ogni giorno il Moralista commenterà le notizie che la cronaca propone col piglio di chi non deve servire nessuno se non la ricerca della verità. Una ricerca naturalmente relativa e quindi soggettiva, ma onesta e leale.

    • Disclaimer

      ilmoralista.it è un sito web con aggiornamenti aperiodici non a scopo di lucro, non rientrante nella categoria di Prodotto Editoriale secondo la Legge n.62 del 7 marzo 2001. Tutti i contenuti appartengono ai relativi proprietari, qualora voleste richiedere la rimozione di un contenuto a voi appartenente siete pregati di contattarci tramite la apposita pagina.